Regione Liguria contro Il Secolo XIX

“Un cortese appello al Secolo XIX: basta informazioni terroristiche o false. Leggendo l’apertura sul quotidiano

on line della nostra regione si leggono situazioni al limite della tragedia: così non è”. Così Regione Liguria in una nota relativa alla situazione nei Pronto soccorso, in particolare dell'area metropolitana genovese.
“La prima notizia non riscontrata - prosegue la nota - riguarda la presenza dei vertici delle Asl e degli ospedali della Liguria: in tutti i presidi sono presenti, come richiesto dalla Giunta, il direttore generale o il direttore sanitario per monitorare minuto per minuto la situazione. Situazione che in nessun momento della giornata ha toccato i livelli di criticità descritti nei resoconti di stampa. Anzi, tenuto presente l’assenza della normale rete dei medici di medicina generale, non in servizio nei giorni pre-festivi, nei Pronto soccorso della Liguria i tempi d’attesa hanno toccato per i codici bianchi al massimo le quattro ore (con una media di due ore al Pronto soccorso del Policlinico San Martino, grazie all’apertura di un ambulatorio aggiuntivo per i codici a bassa complessità che sarà attivo anche domani , 1° maggio, e mercoledì), mentre i codici gialli e i codici rossi sono stati tutti trattati entro i tempi previsti, ovvero entro i 20 minuti i codici gialli e con immediatezza i codici rossi. La tempistica dunque, nonostante il grande afflusso legato alle festività e alla presenza di turisti, è stata in linea con la tempistica medica delle altre giornate lavorative. Segno, questo, al contrario di quanto si legge - conclude la nota - dell’evidente efficacia del piano di emergenza varato alla vigilia di questo lungo ponte”.

ultimi articoli