Si salva solo Monti

Il segretario dell'Associazione Ligure Giornalisti, Alessandra Costante, ha inviato un lungo comunicato per denunciare

l'allarmante situazione dei media nella provincia di Genova. Ma non l'ha pubblicato nemmeno "Il Secolo XIX", il giornale nel quale lavora. Evidentemente i media non vogliono far sapere cosa succede in casa propria.

Siamo veramente all'SOS, si salvi chi può:

RADIO BABBOLEO
Il direttore Davide Lentini aveva annunciato orgoglioso che tutti si sintonizzano sulla radio di Miscioscia. Poi ora si scopre che l'editore ha licenziato tutti i redattori. E fa funzionare Babboleo News con giovani senza contratto.

RADIO 19
E che dire del grande "Secolo XIX"? Ha una radio, Radio 19, perché l'editore Carlo Perrone crede nella multimedialità. Ebbene cosa ha fatto la radio diretta da Umberto La Rocca? Ha sciolto la redazione e ha affidato i notiziari a un service esterno. Tutto questo per risparmiare.

PRIMOCANALE
Nella televisione che ha mandato in Parlamento il suo editore Maurizio Rossi, ora siamo ai contratti di solidarietà. E in redazione c'è stato un fuggi fuggi generale. Da Maurizio Michieli a Vittorio Sirianni e Paolo Zerbini.

TELECITY
E' in crisi anche la televisione di Giorgio Tacchino, anche se Marco Benvenuto fa un bel telegiornale. Secondo le voci raccolte dal sindacato, siamo vicini ai contratti di solidarietà.

TELEGENOVA
Dopo il fallimento della vecchia cordata, il liquidatore Lucio Viotti, non avendo ricevuto offerte d'acquisto, l'ha affidata per qualche mese a una nuova società di gestione che fa capo a Sergio Barello che prima si occupava della pubblicità. Impossibile prevedere cosa succederà alla scadenza del contratto d'affitto.

ENTELLA TV
E' stato proposto ai redattori la riduzione dello stipendio. L'anno scorso l'on-Gabriella Mondello, volendo dare una mano alla famiglia Pinat aveva trovato un nuovo socio, Vittorio Maragliano, ma l'imprenditore genovese (Alaggi Chiavari) pretendeva la maggioranza. E così le trattative si erano arenate.

TELENORD
Conclusione: la leadership adesso spetta di diritto al gruppo che fa capo a Massimiliano Monti, figlio del mitico Alberto, che l'aveva creata. Accanto a Telenord c'è Liguria TV che è stata scelta da Sky per rappresentare la Liguria (e grazie a Sky è possibile vederla dappertutto) e poi sul digitale terrestre c'è Canale 88, isola felice in cui operano i due veterani dell'emittenza genovese: Franca Brignola, il mito di Telegenova, e Vittorio Sirianni che ha lavorato in tutte le televisioni, Telegenova, Primocanale, Telecittà a adesso Telenord. Massimiliano Monti ha al fianco vecchie glorie del calibro di Paolo Lingua e Franco Manzitti e l'ex ragazzo prodigio Davide Lentini che sin dai tempi di Primocanale sta dimostrando di essere il più bravo di tutti. Monti jr ha radunato a Telenord i giornalisti e gli opinionisti più famosi. E' indiscutibilmente il number one.

 

Elio Domeniconi

ultimi articoli