L’incontro Bucci-Biasotti-Esselunga

La proverbiale capacità del senatore Sandro Biasotti di ottimizzare i tempi è nota a tutti.

Mercoledì scorso però il forzista è riuscito a superarsi: in una sola mattina si è “fuso” (con la benedizione del presidente nazionale di Confindustria, Vincenzo Boccia) con il Gruppo Utili, creando un gruppo da oltre 400 milioni di euro di fatturato, ha fatto incontrare Comune di Genova e Esselunga e ha discusso con l’amico Giovanni Toti di politica, con la quale vuole divertirsi ancora un po’ in Senato. 
Tutte cose che gli stanno particolarmente a cuore. Una in particolare però lo fa stare in ansia, visto che l’ultima parola spetta al Comune di Genova, o meglio al Consiglio comunale. Si tratta della nota vendita del terreno a San Benigno al Gruppo Esselunga, per la quale il Gruppo Biasotti ha già incassato 10,5 milioni di euro. Ebbene, se il Comune di Genova darà il via libera a Esselunga a costruire un supermercato, il Gruppo Biasotti intascherà un ulteriore bonus da 1,5 milioni di euro dal compratore.

Anche l'assessora comunale all'Urbanistica Simonetta Cenci alla fusione dei gruppi Biasotti-Utili

ultimi articoli