Skin ADV

La partenza della traversata Pegli-Tabarca

Marco Bucci

La Lega Navale Italiana Sezione di Genova Sestri Ponente e l’Associazione Sportiva Aurora di Tunisi, su impulso del marchese Enrico Ottonello Lomellini di Tabarca, ha promosso, a sostegno della proposta all’Unesco, la “Rievocazione Storica” della traversata del Mediterraneo compiuta dai pescatori pegliesi nel 1543.

Venerdì 5 luglio, partirà la flottiglia sull’antica rotta del corallo con una traversata in barca a vela. Il viaggio prenderà il via dal mare di Pegli per giungere a Tabarca e risalire poi, prima del rientro alla base, sino alle Isole di San Pietro e Sant’Antioco, ripercorrendo le rotte seguite prima pescatori pegliesi e poi dai loro discendenti diventati tabarchini.

La traversata, di circa 1000 miglia nautiche, avverrà su un arco di tempo variabile, in funzione delle condizioni meteomarine, che vedrà impegnati i partecipanti lungo tutto il tratto con scali intermedi effettuati in porti, come nel caso della Corsica, che hanno vissuto una storia di sovranità genovese, affinché si possa mantenere una certa congruenza storica con i fatti che si vuol far rivivere.

L’amministrazione dell’isola, infatti, fin dal 1378 fu affidata dal Governo della Repubblica alla Maona dei Lomellini e nel 1408 Leonello Lomellini ne ottenne anche per un breve periodo la Signoria con il titolo di Conte di Corsica.

Lo scalo a Calvi sarà caratterizzato dall’accoglienza in porto organizzata da Roch-Bernard Fontana (che si unirà poi in convoglio con la propria imbarcazione) discendente della famiglia Langella che nel 1845 da Torre del Greco si trasferì a Tabarca diventando la maggiorente famiglia del luogo, ottenendo anche incarichi importanti da parte del Bey di Tunisi.

LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELLA CERIMONIA DELLA CONSEGNA DELLE BANDIERE

Luca Paolo Remuzzi, consigliere comunale, e Enrico Ottonello Lomellini di Tabarca, promotore della traversata

 

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip