Skin ADV

Quanto incide l’epidemia di coronavirus sui beni di lusso?

Saverio Zavaglia

Nel corso delle ultime settimane, è impossibile evitare di pensare al coronavirus e ci si sente inevitabilmente in dovere, per onestà intellettuale, di cercare informazioni quanto più corrette e veritiere si possano trovare.
Quando la popolazione di una nazione, ma più genericamente la popolazione mondiale, si trova ad affrontare un problema virologico come questo, sicuramente il primo pensiero va all’emergenza sanitaria, all’impatto sanitario globale e a quanto di pericoloso effettivamente ci possa essere in questa recente e potenzialmente minacciosa allerta.
La percezione istantanea che pervade ognuno di noi è la sensazione di precarietà, unita all’improvvisa incertezza e alla necessità di trovare spunti rassicuranti da chi questo virus lo sta studiando e ne sta cercando una cura.
Quando però le rassicurazioni si fanno attendere, è inevitabile non calcolare i danni che un’emergenza sanitaria di questo tipo può provocare, non solo a livello clinico.
A tale riguardo, l’assicuratore Saverio Zavaglia ha risposto ad alcune nostre domande. 

Il coronavirus sotto la lente d’ingrandimento dell’economia: qual è il suo impatto nei confronti del commercio?
Senza entrare nel merito dell’ambito scientifico, in cui è doveroso lasciare esprimere gli studiosi del settore, possiamo affrontare il coronavirus da un punto di vista commerciale, delineandone l’impatto che la sua persistenza può generare sull’economia.
Estendendo infatti il nostro ragionamento alle ripercussioni generate da un’emergenza sanitaria di questo tipo sull’economia locale cinese e su quella globale – che più ci tocca da vicino -, possiamo senza dubbio affermare quanto la situazione sia degna di particolare attenzione, soprattutto se consideriamo il settore lusso. 

Perché il circuito lusso?
Perché la popolazione cinese, nel corso degli ultimi venti anni, ha aumentato esponenzialmente la spesa riguardante questo settore, incrementandone del 90% la crescita a livello mondiale. La spesa del settore lusso è aumentata a livello locale, in Cina, e a livello mondiale, grazie a turisti “d’élite” che, viaggiando, possono concedersi acquisti di alto livello.
I ricavi e i benefici che ne derivano per l’economia sono palesemente chiari e, altrettanto chiari, sono gli effetti negativi che l’emergenza sanitaria del coronavirus trascina con sé. 

L’incremento della spesa annua cinese per i beni di lusso, tra retail e e-commerce.
L’incremento della spesa annua cinese dedicata ai beni di lusso coinvolge sia il commercio tradizionale sia l’e-commerce. In un circuito che va, quindi, dal retail all’online, la popolazione cinese si è distinta per incremento della spesa nel luxury, contribuendo ad aumentare i ricavi del settore a livello globale. 
Se pensiamo all’e-commerce e lo ragioniamo esclusivamente come “acquisto da casa”, potremmo ritenere anche che il mercato cinese e globale siano salvi nonostante il coronavirus, almeno in parte e, comunque, non del tutto e non in maniera così rassicurante. Grazie all’e-commerce, probabilmente, l’impatto del coronavirus sulla capacità di spesa dei cinesi potrebbe non essere così devastante o, quantomeno, non creare un gap così profondo difficile da essere colmato, ma se pensiamo al rallentamento dei trasporti e della logistica in generale, la situazione potrebbe non essere così rosea.
C’è un ulteriore monito da sottolineare per evitare di convincerci che l’e-commerce salverà in toto il commercio di beni di lusso in Cina.
Nel settore lusso, infatti, è tornato “di moda” acquistare all’interno dei negozi, ritrovando un che di appagamento negli acquisti tradizionali e nel contatto con il personale qualificato del retail. Questo è dovuto alla diffusione dei negozi monomarca, dei mall e degli outlet che hanno contribuito notevolmente al ritorno dell’esperienza di acquisto tradizionale. 

Lo stop ai viaggi negativo anche per il canale retail.
Ma se la popolazione cinese è dedita agli acquisti di beni di lusso frequentemente o, comunque, saltuariamente anche attraverso il canale retail, come la mettiamo con il recente stop ai viaggi da e per la Cina?
Questo è sicuramente un altro punto a sfavore per l’economia del lusso.
Sono infatti moltissimi e molto frequenti i tour organizzati che dall’Asia partono alla volta dell’Europa, per esempio, o di altri continenti.
Interi pullman di turisti cinesi sono soliti partire alla volta di continenti lontani per esplorare non solo territori, cultura ed enogastronomia, ma anche per fare shopping.
Quanti turisti asiatici hanno calcato le strade europee per cercare beni di lusso da acquistare agevolandosi con la tax free?
Quanti cinesi approfittano dei tour per raggiungere mete quali mall, outlet con negozi monomarca principalmente di beni di lusso e fare incetta di capi di abbigliamento, accessori e valigeria dei più noti stilisti?
Se ragioniamo in questo senso, possiamo comprendere quanto sia particolarmente impattante la situazione sul settore e quanto ci sarà da recuperare una volta che l’emergenza sanitaria sarà cessata. Il blocco dei viaggi da e per la Cina diventa significativo anche per quanto riguarda i ricavi dei beni di lusso. 
Questa situazione fa anche comprendere quanto le potenzialità dell’online e dell’e-commerce siano comunque relative affinché la situazione non generi un deciso abbassamento dei ricavi. Grazie, appunto, alle possibilità di acquistare beni di lusso tax free e al piacere di vivere un’esperienza di shopping gratificante all’interno di strutture organizzate e piacevoli, torna di moda l’acquisto retail, compresa quella sensazione di appagamento che ne deriva e che tanto è importante per tenere alta l’economia di questo settore.
L’attenzione globale è, più che giustamente, concentrata sulla salute pubblica, ma basti pensare al blocco dei viaggi da e per la Cina e all’impossibilità della popolazione cinese coinvolta di girare liberamente per le strade della propria città e per il mondo, che immediatamente il collegamento tra emergenza sanitaria e ripercussioni sul mercato diventa chiaro ed evidente.
L’economia “smette di girare” e il settore lusso, in cui la Cina è fortissima per spesa annua, ne subisce le conseguenze non solo a livello locale ma sicuramente anche a livello globale. 

Rallentamento della crescita e ripresa: in quanto tempo?
È doveroso sottolineare quanto la situazione economica relativa al commercio dei beni di lusso possa subire repentinamente una decrescita a causa del coronavirus e, al contempo, possa subire un altrettanto repentina ripresa: anche per quanto riguarda il settore luxury, è fondamentale calibrare l’eventuale perdita sulla longevità dell’emergenza sanitaria. Una volta scampato il pericolo e visto il potere di acquisto della popolazione cinese, probabilmente la situazione economica dedicata ai beni di lusso tornerà ad essere in ripresa velocemente.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip