A Solenghi il premio Dietro la lavagna

Uno scatenatissimo Tullio Solenghi è finito affettuosamente “in castigo” ieri sera nel sagrato

della Basilica dei Fieschi, a San Salvatore di Cogorno.
L’attore genovese è il vincitore della terza edizione del Premio Dietro la lavagna. Una serata affollata e di grande successo, in cui  Tullio Solenghi ha raccontato e si è raccontato dagli inizi della sua carriera al Teatro Stabile di Genova, fino al sodalizio con il Trio insieme a Massimo Lopez e a Anna Marchesini, scomparsa un anno fa ai progetti in corso. Dopo un suo personale e divertentissimo ricordo di Paolo Villaggio, gli è scappata anche una applaudita imitazione di Papa Razinger e Papa Francesco, che ha le radici familiari proprio nel borgo di San Salvatore, ha commentato le voci di una possibile nomina di Luca Bizzarri alla presidenza di Palazzo Ducale.
Un ruolo che ricoprì in modo straordinario Arnaldo Bagnasco, artefice del lancio, da Genova, del  Trio Lopez-Marchesini-Solenghi in radio, non sarà un compito facile, magari Luca, che un po’ bizzarro lo è, tanto per fare una battuta sciocca, potrebbe alleggerire laddove  sarà possibile, i contenuti e gli eventi culturali del Ducale.
Il PremioDietro la lavagna è una manifestazione  di promozione culturale e turistica ideata nel 2015 dalla promoter di Codiceventi Maura Ferrari e dal giornalista  Mauro Boccaccio,  nata inizialmente con la condivisione dei comuni di Cogorno e Lavagna  siti storici di una eccellenza come l’ardesia, la pietra nera di Liguria.
Il Premio Dietro la lavagna 2017 – una lavagna originale realizzata da Sandro Demartini e disegnata da Mara Bonetti di Belle arti Rapallo, ha avuto il patrocinio della Regione Liguria e del comune di Cogorno. Nell’era del 2.0, dell’hi-tech anche fra i banchi di scuola, la manifestazione  vuole  valorizzare  la vecchia lavagna con i cancellini e i gessetti, dietro la quale la maestra  mandava i castigo gli alunni indisciplinati.
Nel 2015, a finire dietro la Lavagna fu l’attrice Nina Soldano, la “cattiva” Marina Giordano della soap opera di RaiTre  “Un Posto al Sole”. Lo scorso anno toccò  al “guastafeste” Vittorio Sgarbi , nel giardino della  Torre  del Borgo di Lavagna . La motivazione del Premio Dietro la lavagna a Tullio Solenghi richiama la sua coraggiosa sfida controcorrente  allo showbiz italiano dell’attore genovese che ha   riproposto  con grande successo, con il sostegno della Regione Liguria, un’indimenticabile e per certi aspetti inedito, Gilberto Govi.
Leit motiv della serata nel sagrato della Basilica dei Fieschi le musiche e le canzoni di Angelo Minoli e Andrea Cordì.
Prima della serata a San Salvatore dei Fieschi, alle 19.30,Tullio Solenghi ha fatto visita a Casa Carbone-Fai, in piazza Cordeviola, a Lavagna.

Il sindaco di Cogorno Enrica Sommariva consegna il premio a Tullio Solenghi.

ultimi articoli