La Lega evidenzia il flop di Noi con l'Italia

Negli androni di Tursi in via Garibaldi e della Regione Liguria in piazza De Ferrari, il primo

partito assoluto del centrodestra in Italia come in Liguria e a Genova, la Lega (senza il suffisso Nord), che ha toccato il punto più alto della sua storia, persino meglio dello storico 10% alle politiche del 1996 con Umberto Bossi dopo la rottura con Berlusconi, ora punta l'ìndice contro gli alleati scomodi di "Noi con l'Italia", ossia il cartello elettorale, la quarta gamba, che raggruppa "Direzione Italia" di Fitto, "Scelta Civica" di Zanetti, l'Udc di Cesa e "Fare" di Flavio Tosi, sindaco di Verona. Quattro forze che in Liguria hanno racimolato poco più dell'1%, ossia un soffio sopra Casapound. Secondo ambienti vicini alla Lega, due assessori nella Giunta Bucci, Campora e Viscogliosi, sono un po' tantini. Andrebbero riequilibrate le forze in campo. Ma ad ora sono solo rumors e come tali vanno presi con le pinze. Non sono previsti, infatti, rimpasti nella salda giunta di Bucci, mentre in Regione al posto della Paita subentra l'Udc Boitano, che però, per ora, siede all'opposizione, anche se potrebbe votare alcuni provvedimenti della giunta Toti.

ultimi articoli