La Lega: gli alleati potevano dare di piu'

Nuova stoccata della Lega in Liguria rispetto al risultato degli alleati: se a livello nazionale, il leader Matteo Salvini

non si discosta dall'alleanza tradizionale con le altre forze di centrodestra, scongiurando un abbraccio mortale con il Movimento 5 Stelle, nella nostra regione si ragiona sullo scarso appeal degli altri partiti della coalizione: a partire dal poco più 1% di "Noi con l'Italia-Udc", che raggruppava ben quattro partiti (Udc, Scelta Civica, Direzione Italia e Fare), ai cugini di Forza Italia, che a Genova città non sfondano, alla destra moderna e moderata di Fratelli d'Italia, che non manca nessun rappresentante al parlamento romano. E poi ci sono i piccoli sconquassi interni alla Lega stessa, con il peso dell'assessore regionale Sonia Viale, che da tempo non nasconde il suo moderatismo e la sua alleanza strategica con l'ex Governatore della Lombardia, Bobo Maroni, che pare pronto ad un nuovo incarico: fonderà un nuovo partito o prenderà armi e bagagli per confluire in Forza Italia come sussurrano i maligni?

ultimi articoli