I partiti per le europee

Scadeva ieri sera il tempo ultimo per la presentazione dei simboli dei partiti, con le relative

firme se necessario, per presentarsi nella scheda grigia (Circoscrizione Nord Ovest, con Liguria, Piemonte, Valle d'Aosta e Lombardia) delle Europee del prossimo 26 maggio, una domenica (election day con le Regionali del Piemonte, i sondaggi danno un testa a testa centrodestra - centrosinistra). Si vota dal mattino alla sera. Lo spoglio, quorum al 4%, sistema proporzionale puro, parte già alla sera del 26, le comunali dal 27 alle ore 15 (si vota nella provincia di Genova, per esempio, a Bargagli nell'entroterra, quindi a Recco, Rapallo e Santa Margherita Ligure).

Ecco i partiti, da sinistra a destra:

La Sinistra, raggruppa quel che resta di Rifondazione Comunista, La Sinistra (Leu) e altre sigle minori.

Verdi, che sono appena usciti da Leu e tantano un'avventura solitaria.

Il Pd si presenta unito agli ex sciossionisti di Articolo 1 - Mdp in funzione anti sovranisti e abbraccia l'idea di Calenda pro Europa.

Singolare l'unione di "Più Europa - Italia in Comune", una unione tra i Radicali della Emma Bonino, quelli di centrodestra di Benedetto Della Vedova, i centristi cattolici di Bruno Tabacci e gli ex grillini del sindaco di Parma Pizzarotti.

Il Movimento 5 Stelle è in forte calo nei sondaggi, paga lo scotto dell'alleanza con la Lega.

Ci sono i centristi dell'ex Ministro Mauro, Popolari Italiani, molti sono ex azzurri di Forza Italia.

Quel che resta di Forza Italia è unito ai centristi di Cesa (Casini è invece finito nel centrosinistra).

La Lega punta ad essere il primo partito italiano per la prima volta nella storia e per la prima volta alle Europee lascia a casa la desinenza "Nord".

Fratelli d'Italia ha tolto il nome Msi, ma resta la fiamma di Almirante. La Meloni ha aggiunto le parole "sovranisti" e "conservatori".

Il Popolo della Famiglia ci riprova dopo le delusioni delle ultime elezioni e ha aggiunto lo slogan "No al Gender!"

Casapound si è unita al movimento "Destre Unite" e pertanto, con questo stratagemma, non ha raccolto le firme per presentare la lista.

Come i cugini neri di Casapound, anche Forza Nuova, schiacciato nella galassia della destra radicale dai fascisti del terzo millennio, non ha raccolto le firme con il medesimo stratagemma.

Stefania Calcagno capolista per la circoscrizione Isole per il Partito Pirata.

di Andrea Bazzurro

ultimi articoli