Skin ADV

PD_GE vs Corriere

Lorenzo Basso, segretario regionale Pdl Liguria e Giovanni Lunardon, segretario provinciale Pd-Genova hanno inviato

questa lettera al Corriere della sera:

"L'articolo di Marco Imarisio "I silenzi imbarazzati del Pdl sul dramma dell'alluvione a Genova, ci offre l'opportunità di esprimere meglio il nostro punto di vista sulla terribile vicenda dell'alluvione genovese e sui suoi successivi esiti giudiziari che stanno portando alla luce un inaccettabile caso di contraffazione di documenti ufficiali, vergognoso in sé e lesivo della credibilità del Comune e di un delicato meccanismo come la macchina della protezione civile.

Non vorremmo che il rispetto per noi assoluto e incondizionato del lavoro della magistratura fosse interpretato come silenzio o peggio, che l'angoscia per i fatti che sono accaduti si scambi per indifferenza. Il Pd non si è mai sottratto dall'intervenire sull'alluvione che ha colpito la nostra città il 4 novembre 2911, né sui suoi sviluppi. Abbiamo chiesto e continuiamo a chiedere chiarezza nei modi giusti nei tempi più brevi e senza guardare in faccia a nessuno. Si indaghi e si arrivi fino in fondo a tutti i livelli.Da parte nostra non ci sarà imbarazzo né strumentalizzazione, né copertura. Condividiamo il desiderio di giustizia che chiedono tutti i cittadini genovesi. Lo vogliamo per primi. Già in quei giorni Marta Vincenzi si mise a disposizione della magistratura.

Non nascondiamo certo che esistano responsabilità politiche. Alcune affondano le radici in quelli anni 60 in cui si compì il sacco della città quando Genova fu sottoposta ad una urbanizzazione selvaggia e senza regole. Altre chiamano in causa la drammatica sottovalutazione nazionale del tema della difesa del suolo e dell'assetto idrogeologico di un'Italia fragile. Altre responsabilità riguardano infine un modello di protezione civile efficiente e moderno. A lungo ci siamo intrattenuti, giustamente, sui guasti e le ruberie della Protezione civile spa. Pochi però hanno messo in evidenza le difficoltà in cui si dibattono amministratori e volontari nel dare vita a sistemi locali di protezione civile in assenza di un modello comune, spesso ostacolati da una sovrapposizione di ruolo tra più livelli istituzionali dalla confusione di ruoli politici e ruoli tecnici, mescolati in organismi di coordinamenti pletorico, come si è visto anche a Genova.

Da queste riflessioni dobbiamo ripartire per avviare una discussione seria che si ponga l'obiettivo di cambiare per non ripetere errori. Genova è stata colpita per due anni consecutivi da devastanti alluvioni. Ad oggi il contributo finanziario dello Stato alla città è assolutamente insufficiente. Si sono realizzate solo le opere urgentissime, mentre non un euro è stato programmato (né tanto meno erogato) per le opere di prevenzione. Ce ne vorrebbero centinaia di milioni. Anche questo dovrebbe essere materia di riflessione. 

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip