Il mea culpa di Orlando

Andrea Orlando, che sta spingendo assieme al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano

per candidare a premier l’attuale primo ministro Paolo Gentiloni, ritorna su alcuni errori marchiani del Pd nelle comunali di Genova e La Spezia, proprio nel giorno in cui Renzi attacca Mdp – Articolo 1 di essere come l’allora Rifondazione Comunista ai tempi di Romano Prodi. “Prima la legge elettorale. Il Ddl sulle intercettazioni non è un bavaglio. Ed in Liguria abbiamo sbagliato linea sulle alleanze, per questo abbiamo perso le elezioni a Genova e La Spezia, osserva Orlando alla festa dell’Unità di Savona. Credo che oggi ci siano molti elementi di riflessione per chi teorizzava la solitudine del Pd e per chi riteneva che da soli ‘si faccia meglio e di più’. Da soli in questo momento si perde”.

ultimi articoli