Skin ADV

12 milioni di euro per i premi ai sanitari liguri

“I numeri confermano una permanenza dell’infezione, ma in fase calante. Il vero dato positivo è la diminuzione degli ospedalizzati: la pressione sugli ospedali cala in tutta la Liguria”. il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti fa il punto sulla situazione coronavirus.

“Sulle premialità ai lavoratori sanitari – prosegue Toti – abbiamo effettuato oggi un incontro con i sindacati, la trattiva è in corso. Il nostro obiettivo è attestarci sui 12 milioni di euro, raddoppiando cioè gli stanziamenti previsti a livello governativo mediante fondi regionali. Adotteremo di certo un criterio meritocratico per queste premialità, andando a riconoscere chi si è speso e si è impegnato senza sosta in prima linea nella lotta contro il virus, dando la propria generosa disponibilità nei momenti più critici”.

“Venerdì prossimo – aggiunge l’assessore alla Sanità Sonia Viale – abbiamo convocato il tavolo coi sindacati medici, dopodiché faremo la sintesi sulle proposte che abbiamo ricevuto. Il riconoscimento riguarderà tutti i profili impegnati veramente nell’emergenza. L’assessore ha inoltre ricordato che oggi è la giornata nazionale della salute delle donne: “È importante che le donne si riguardino sempre anche in questo momento difficile dove la cura dei propri cari è più impegnativa”, conclude.

“Le operazioni di sbarco dalla Costa Deliziosa proseguono regolari – spiega l’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone - La nave è entrata in porto oggi alle 13, dopo essere rimasta ferma a causa del vento ieri sera. La salma presente a bordo è stata trasportata all’istituto di medicina legale del San Martino per l’esecuzione del tampone, anche se, a quanto afferma il personale medico di bordo, le cause del decesso sono ascrivibili ad altro. Si tratta di una scelta effettuata per eccesso di prudenza. Oggi sono sbarcati 540 passeggeri, entro domani si arriverà a quota 1400 con operazioni protette anche se la nave è Covid free. Domani sera saranno rimasti a bordo circa 100 passeggeri, coloro che non possono tornare nel loro Paese di provenienza via gomma, come invece sta accadendo per quelli che sbarcheranno entro domani sera.  Nei prossimi giorni – conclude – cominceranno a scendere i 900 membri dell’equipaggio, fino a che non resteranno sulla nave solo quelli necessari alle operazioni di manutenzione, un numero compreso tra 150 e 200. Per quanto riguarda invece la distribuzione delle mascherine, oggi Poste italiane ha raggiunto l’85% del piano”.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip