Skin ADV

Genoa, i veri obiettivi americani

Gli americani del fondo 777 dal sindaco Bucci

Piano, piano, i “777” che hanno acquistato il Genoa stanno rivelando, con estrema cautela, passo dopo passo, i loro veri intendimenti nell’operazione fatta con i grifoni, e soprattutto con Preziosi, diventato, pare, il loro vero consigliere.

E’ chiaro il loro piano di conquista del Genoa e di Genova: considerare la società calcistica un paravento (in senso positivo, certamente) per arrivare ad altri investimenti in città. Le visite al sindaco, a Toti e poi ai manager industriali significano che l’acquisto del Genoa è solo l’occasione per avere delle contropartite dalla città. Del resto chi mai oggi comprerebbe una società di calcio, se non avesse soprattutto ritorni diretti?

Ricordate, anni fa, quando l’ex presidente dell’Inter Pellegrini avrebbe acquistato il Genoa, ma solo se il Comune gli avesse affidato la gestione di tutte le mense comunali? Il Comune disse di no e Pellegrini scomparve.

E’ chiaro che il colloquio avuto con Bucci è stato rivolto a capire cosa la città poteva dare agli americani.

Bucci stesso ha detto: “Abbiamo parlato di investimenti, certo, ma non vi posso dire nulla per ora”.

Insomma, da una parte che i “777” vogliano far buone cose in città è un dato positivo, ma la speranza è che in prima battuta pensino al Genoa e non, magari, all’acquisto di spazi portuali, o a qualche fondo assicurativo.

Vittorio Sirianni

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip