Skin ADV

Casa Samp, al Mugnaini riflettori su Radu Dragusin

Radu Dragusin e Simone Mora

Bogliasco, Centro Sportivo Mugnaini, il campo di allenamento della Sampdoria. Pomeriggio. Eccomi qua ad incitare i ragazzi prima dell’allenamento, a fargli sentire il nostro affetto di tifosi. Passano tutti, io mi fermo con Radu Matei Dragusin, che è già diventato un mio pupillo. 

Lo conoscevo, lo seguivo da quando tre anni fa era arrivato in Italia, accolto nei giovani della Juventus, dove giocava nell’Under 23.  Profilo interessante, un difensore molto roccioso, della sua squadra e della Nazionale Giovanile Rumena. Gli incontri, con i calciatori blucerchiati, sono sempre emozionanti, perché in realtà lui è già un mio idolo, e io sono un tifoso scatenato. Due domande da cronista sportivo.

Come ti trovi a Genova?
“Sto bene qui, soprattutto perché c’è il mare - mi ha risposto Dragusin - la gente è carica e poi questa è una grande piazza per me. Una occasione per crescere e rilanciarmi nel calcio dei grandi”.

Sei contento di essere alla Samp?
“La Sampdoria è un punto d’arrivo e di crescita personale. Darò il massimo, per fare bene con la maglia blucerchiata”, dice in un italiano quasi perfetto.

L’ho ringraziato per la simpatia e la disponibilità ed abbiamo scattato la foto di rito, insieme. Mi ha congedato con un sorriso, dicendo “Forza Samp!”.
Dragusin mi ha sorpreso per il suo carattere gioviale e per la disponibilità, lui che sembra cosi riservato e silenzioso.

Radu Matei, è nato a Bucarest il 3 febbraio 2002, ha scelto come maglia della Samp la numero 19. Difensore centrale, e terzino destro, è cresciuto nelle giovanili dello Sportul Studentesc, ha militato poi nel Regal Bucuresti fino ad arrivare in Italia alla Juventus nel 2018. Radu, ha giocato nelle giovanili dei bianconeri fino ad arrivare alla Sampdoria nel mercato estivo 2021, ma lo scorso anno c’è stato il grande battesimo: Pirlo lo ha fatto esordire addirittura in Champions, nella Juve, a soli 18 anni! 

Difensore poderoso, alto 1,91, forte fisicamente e nella marcatura. Il suo idolo è Virgil Van Dijk, giocatore del Liverpool. Si ispira molto a lui. In Nazionale ha militato in tutte le giovanili della Romania, dall’under 16 fino ad arrivare all’under 21. Dragusin, tenace, caparbio, superbo, un vero mastino difensivo, attento in fase di copertura, legge molto bene la linea difensiva, un leader della retroguardia. Lo diventerà anche nella Sampdoria.

Continua così Radu, con la tua personalità, avrai sicuramente un futuro roseo.

Simone Mora

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip