Tornano a Genova baseball e softball

I Genova Rookies sono una realtà di baseball e softball nata dal nulla nel 2010 e oggi composta da circa 120 tesserati,

di cui circa 80 sono di attività giovanile tra i 6 e i 18 anni. Tre anni fa  questa società ha fatto un investimento importante (60.000 euro) totalmente autofinanziato dai soci (i genitori dei piccoli atleti) per rifare il manto del Carlinetto ( una porzione del Carlini), campo comunque regolamentare per il Baseball fino ai 12 anni e per il Softball femminile. Per poterlo utilizzare, i Genova Rokies pagano un canone di 12.000 euro all'anno, come ricorda Livio Caponi, uno dei dirigenti. “I problemi cominciano per le categorie giovanili, per i ragazzi di oltre 13 anni - spiega ancora il rappresentante di Genova Rokies -. Il Carlinetto è troppo piccolo per poter giocare, secondo il regolamento, e quindi i ragazzi non hanno più un campo di casa. Quest'anno siamo costretti a farli giocare a Cairo Montenotte, con tutti i disagi immaginabili e nuove spese”.
“Storicamente il baseball a Genova, - riprende Caponi - si è sempre giocato al Carlini Grande, con i calendari studiati in armonia con il rugby (le stagioni dei due sport, coincidono solo per poche settimane. Ma da tre anni a questa parte, con il rifacimento del sintetico al campo da rugby i nostri interlocutori (amministrazione e Cus Genova), rifiutano di farci utilizzare il campo perché, secondo loro, "lo roviniamo". Eppure, in quello stesso impianto si giocano rugby e calcio”.
Recentemente, i Genova Rokies hanno ottenuto un incontro con il Cus Genova, per  affrontare  l’argomento.
“Sarebbe bello – conclude scuotendo il capo Caponi -  far sapere a Genova e ai genovesi che esistiamo, che stiamo facendo un buon lavoro e che i nostri ragazzi meritano di più. Grazie a noi  il baseball a Genova, nel giro di 5 anni, è passato da 20 a 120 atleti, senza gravare minimamente sulla pubblica amministrazione”.

ultimi articoli