Skin ADV

L’omelia di don Farinella

Don Paolo Farinella

Gli arresti eccellenti degli ex parlamentari di Berlusconi, Claudio Scajola e Luigi Grillo (ora con Angelino Alfano)

sono stati argomenti dell'omelia domenicale di Don Paolo Farinella dal pulpito de "Il Lavoro-Repubblica". Secondo lui dovrebbero dimettersi anche i preti e i vescovi che li hanno sostenuti.

Il parroco, fortunatamente senza parrocchiani, di San Giorgio in Torpete dopo aver raccontato che Scajola "che frequenta chiese, cardinali e baciapile, spinto da cogente carità cristiana", ha raccontato:

"La Liguria, terra di olivi e di viti, di mare e di monti, tiene il primato e segnala codesti benefattori, che rendono illustre la regione che fu di Sandro Pertini e fu magico durante la Resistenza. Credo che nessuno possa e debba sfuggire alla seguente domanda: costoro hanno sgovernato l'Italia, depredandola, violentandola, stuprandola con la corruzione, la delinquenza, la complicità; come hanno potuto resistere tanto a lungo senza il voto e il sostegno da parte del popolo ligure? Chi li ha votati, moralmente è complice e meriterebbe l'ergastolo. I preti e i vescovi che li hanno appoggiati e sostenuti, hanno l'obbligo morale di chiedere perdono pubblico e di dimettersi dai loro incarichi. Tutti gli arrestati, per i quali i quali Berlusconi "è amareggiato o si duole", non si vergognavano di dirsi credenti e praticanti, cattolici osservanti; nessuno che gli abbia dato un calcio nel sedere, accompagnandolo con le parole del profeta Isaia al capitolo 1: "Lavatevi e purificatevi perché le vostre mani grondano sangue".

Come al solito più che al perdono don Paolo Farinelli invita alla vendetta.

 

Elio Domeniconi

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip