Skin ADV

Il racconto di Teodoro Chiarelli

Teodoro Chiarelli

Teodoro Chiarelli è un ex caporedattore del "Il Secolo XIX" che ora fa l'inviato per "La Stampa".

 

Ha iniziato il suo reportage da Genova con questa (amara) considerazione: "Sarà che fango chiama fango. Ma la tragedia dell'alluvione genovese non finisce di produrre polemiche".

Dopo aver raccontato la polemica tra Claudio Burlando e Adriano Sansa, il cronista genovese, ha spiegato: "Insomma, ruggine vecchia. Con un'aggiunta non secondaria: "Nessuno ha chiesto conto a qualcuno delle conseguenze drammatiche di quella scelta sciagurata - insiste Burlando - sentire in televisione certe dichiarazioni da chi porta lo stesso cognome del sindaco di allora è una cosa che mi pesa tanto".

E Chiarelli, preciso come sempre:

"Il figlio di Sansa, Ferruccio, fa il giornalista al Fatto Quotidiano. Si occupa spesso delle magagne del Pd in Liguria e non solo: Burlando è uno dei suoi bersagli preferiti, pure in occasione di dibattiti pubblici e di comparsate televisive. Anche in questi giorni in seguito all'alluvione che ha ferito Genova. Da qui evidentemente il pesante e stizzito riferimento del governatore ieri in consiglio regionale".

E non è finita. Siccome Sansa padre ha dichiarato: "Non capisco perché Burlando, che è al potere da 25 anni, venga a cercare me. Perché si mistifichino i fatti. A meno che non vi siano motivi inconfessabili".

Teodoro Chiarelli ha chiesto direttamente ad Adriano Sansa a cosa alludeva. E l'ex magistrato:

"Beh, è noto che circoli la voce, nonostante che lui non abbia mai confermato, che mio figlio Ferruccio si candidi in Regione. Questo sistema di potere, alla luce della pochezza dei risultati, ora ha paura di perdere. Allora getta fango in maniera preventiva sul nome Sansa e sulla sua famiglia. E' grottesco".

Così Teodoro Chiarelli, inviato de "La Stampa". Ma se fosse vero quello che dice Sansa padre non sarebbe solo grottesco. Sarebbe allucinante.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip