Skin ADV

Serafini e il rapporto difficile con la Lega Liguria

Elisa Serafini

“Finché sarò assessore io non firmerò nulla di questa delibera”. Questa la risposta di Elisa Serafini durante una concitata riunione di Giunta, quella delle sue dimissioni, datate luglio 2018. Le frasi vennero riportate allora anche dalla stampa “io marchette alla Lega non le faccio”.
Così l’ex assessora scrive nel suo libro, “Fuori dal Comune”, nel lungo capitolo “Patto d’acciaio” riferendosi all’ormai nota delibera per finanziare la mostra fotografica sull’Ilva a palazzo Tursi, di cui Serafini contesta l’alto valore della consulenza (12.000 euro).
Nel suo libro-verità (la sua) Serafini parla spesso della Lega locale. La cita a proposito della mostra sulla storia dell’acciaio; la indica come promotrice della legge anti kebab, la normativa del commercio che impedisce di aprire ristoranti etnici in centro.
Viene poi inserito un riferimento al “fratello del consigliere comunale” leghista che, pur non avendo “mai avuto esperienza nel campo degli eventi”, ha ottenuto dal Comune di Genova (dopo le dimissioni Serafini) una consulenza nel settore "per 15.225,60 euro all’anno".
Non deve essere stato un rapporto semplice, quello tra Elisa Serafini e la Lega Liguria.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip