Skin ADV

Politica, il borsino della settimana

In senso orario: Toti, Bucci, Biasotti, Borchi, Dello Strologo, Costa, Giordano, Anzalone, Remuzzi e Bagnasco

Politica il borsino della settimana secondo Genova3000.

CARLO BAGNASCO
La cura del coordinatore regionale fa bene a Forza Italia: l’ultimo sondaggio commissionato dal Secolo XIX attribuisce ai forzisti ben l’8% a Genova. Un risultato che darebbe, se confermato alle elezioni di giugno, agli azzurri un ruolo di primo piano all’interno dell’eventuale giunta Bucci bis. Dopo la visita di Tajani, Barelli e Brambilla, il coordinatore spera nell’arrivo in città di Berlusconi, per raggiungere un risultato a doppia cifra. 

MARCO BUCCI
Al sindaco uscente non è bastata la costruzione in tempi record del ponte San Giorgio e la difficile gestione della pandemia per rendersi immune dagli attacchi dei suoi detrattori. Dopo lo spostamento dei depositi chimici a Ponte Somalia, che aveva scatenato la protesta dei sampierdarenesi, ora è la volta della cabinovia che dovrebbe collegare la Stazione Marittima al Forte Begato. A scendere in piazza questa volta sono stati gli abitanti del Lagaccio che non ne voglio sapere di far passare sulle proprie teste le cabine. Anche se loro stessi potrebbero usare l’impianto: è prevista una stazione anche nel popolare quartiere.

GIOVANNI TOTI
Il governatore si sta impegnando molto in questa campagna elettorale, sia per sostenere il ‘gemello’ Bucci sia per far ben figurare la propria lista: un buon risultato darebbe a ‘Italia al centro’ nuova linfa vitale in vista delle politiche del prossimo anno. La scorsa settimana ha organizzato un aperitivo dedicato ai giovani a Boccadasse. All’appuntamento, peraltro molto partecipato, erano presenti anche i senatori totiani Gaetano Quagliariello e Paolo Romani, giunti a Genova per sostenere i candidati arancioni e per verificare di persona la forza sul territorio del loro “leader”. Così Quagliariello ha definito Toti al microfono di Genova3000.

ARIEL DELLO STROLOGO
Sotto l’effetto euforico procurato dalla visita in città del presidente della Camera Roberto Fico, il candidato sindaco giallorosso ha detto che “il ballottaggio è possibile”. Per portare Bucci al secondo turno, le forze progressiste devono però convincere gli astensionisti, che calcolano intorno al 50%, ad andare a votare per loro. La missione è difficile ma non impossibile: l’ultimo sondaggio del Secolo XIX attribuisce a Bucci il 53%, soli 3 punti dal ballottaggio. E le variabili possibili giocano solo a favore del candidato giallorosso (39%), come l’unica giornata utile per il voto, la chiusura delle scuole e la convinzione che si è diffusa in città secondo cui il sindaco uscente vincerà al primo turno. Quindi, potrebbe essere proprio l’elettorato di centrodestra, meno disposto a rinunciare al fine settimana fuori città, a non andare alle urne.

STEFANO GIORDANO
Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle è candidato alla presidenza del Centro Est che, con i suoi 90mila abitanti, è il più importante municipio della città. Il grillino dovrà però battere il presidente uscente, il leghista Andrea Carratù, con il quale ha intrapreso una polemica a distanza sulla cabinovia sopra il Lagaccio. Il vigile del fuoco pentastellato è contrario all’impianto.

SANDRO BIASOTTI
Il senatore totiano ha aperto la terrazza della sua lussuosa concessionaria (Bmw, Mercedes e Mini) per un aperitivo elettorale a sostegno di Marco Bucci. Si è trattato di un gesto non solo simbolico ma anche concreto: a tutti i partecipanti è stata consegnata una busta contenete le istruzioni per fare la propria donazione a favore del Comitato Giovanni Toti Liguria, che a sua volta sostiene il sindaco uscente.

DONATELLA ALFONSO
La brava giornalista di Repubblica è candidata alle comunali genovesi a sostegno di Ariel Dello Strologo. Su Facebook ha motivato così la sua candidatura: “Scrivo di Genova da 40 anni, almeno. Una città favoleggiata ma oggi mal raccontata: rimanendo alla superficie. Potevo continuare, tra giornali, video e libri, solo a raccontarla com’è davvero e non come fa comodo a chi la amministra oggi. Ma non mi piace la narrazione che se ne sta facendo, parziale, glitterata ma non reale. E allora, vi dico: riscriviamo la città”. Un romanzo da leggere.

UBALDO BORCHI
Il responsabile regionale Sanità di Noi con l’Italia, punto di riferimento in città del leader Maurizio Lupi e del sottosegretario Andrea Costa, è candidato alle comunali nella lista del sindaco Bucci, Vince Genova. Da gestore di una casa di riposo, Borchi ha lanciato un preoccupante allarme che riguarda le Rsa liguri: “Oggi mancano 3578 posti letto e nel 2027 ne mancheranno 3840”. Si tornerà a tenere gli anziani in famiglia?

STEFANO ANZALONE
Il consigliere regionale e comunale (ancora per poco: non corre alle amministrative di giugno) vuole contare di più all’interno del movimento di Toti. Non essendo stato interpellato in occasione della decisione sul candidato sindaco da presentare ad Arenzano, ha deciso di sostenere William Lanzoni, persona molto conosciuta nel mondo sportivo che si contrappone agli altri tre candidati, compreso quello del centrodestra, Giacomo Robello. C’è già chi parla di una nuova corrente all’interno degli arancioni. La corrente Anzalone.

LUCA REMUZZI
Dopo una lunga militanza e tanti ruoli di responsabilità ricoperti, il consigliere comunale ha deciso di lasciare la Lega per aderire al progetto politico del governatore Toti. Già la rinuncia a ricandidarsi aveva creato sospetti sul suo futuro da leghista, ma poi è arrivata la conferma dallo stesso interessato: “Sono uscito in punta di piedi e ho mantenuto un ottimo rapporto con tutti”. Infatti, a Tursi resterà nel gruppo della Lega sino a fine legislatura.

ALESSANDRA COSTA
E’ la nipote (figlia del fratello) del compianto Beppe Costa, personaggio storico della politica cittadina che negli ultimi anni, fino all’estate scorsa, ha guidato i Seniores liguri di Forza Italia. Candidata alle comunali nella lista di Toti, Liguria al centro-Bucci Sindaco, nel Municipio Medio Levante, Alessandra probabilmente punta all’eredità politica dello zio, che però era un berlusconiano doc e non aveva visto di buon occhio l’uscita da Forza Italia dell’ex delfino di Berlusconi. Riuscirà a essere eletta?

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip