Skin ADV

Io amo la morte come voi amate la vita, alla Sala Mercato

Mercoledì 8 luglio debutta alla Sala Mercato “Io amo la morte, come voi amate la vita”, di Mohamed Kacimi, per la 25ma Rassegna di Drammaturgia Contemporanea: la rassegna con cui il Teatro Nazionale di Genova riprende a tutti gli effetti la sua attività dopo il Corona Virus

La pièce è ispirata a dei fatti realmente accaduti nella Francia del 2012: un attacco terroristico, sette morti, di cui tre militari e quattro civili di origine ebraica. L’attentatore è subito individuato, circondato, messo sotto assedio. Non ha scampo. Per trentadue lunghe ore, chiuso in una stanza, Mohamed Merah, l’autore della strage, parla con un agente di polizia. È un colloquio aspro, duro, serrato, a tratti sconvolgente e al tempo stesso surreale. Un dialogo che assume i toni della tragedia, della farsa, del noir, della confessione, dell’incubo.

Lo scrittore algerino Mohamed Kacimi si è voluto confrontare con quei dialoghi, pubblicati in originale dalla stampa francese, per scrivere una pièce di grande forza. Il testo arriva come un terribile atto di accusa, che si staglia come un momento di rara e feroce lucidità. Chi è quel giovane terrorista? Perché ha deciso di colpire? Perché ha scelto la morte?

Il testo è dunque una aguzza interrogazione sulle ragioni e i torti, sulle follie e le paure, sulla legge e la giustizia. In questione, qui, è la natura stessa dell’Uomo.

Barbara Alesse, regista dello spettacolo, così presenta il suo lavoro: «Quando nel 2017 “Io amo la morte” fu messo in scena durante il Festival d’Avignone, si levarono critiche da più parti: i parenti delle vittime, numerose associazioni e perfino la Ministra della Cultura israeliana chiesero che lo spettacolo fosse annullato. La paura era che Merah risultasse troppo “umanizzato”, che si provasse empatia nei suoi confronti: la paura era che si potesse avere pietà dell’assassino. Merah è stato un terrorista spietato, tra le sue vittime ci sono anche tre bambini, colpevoli solo di essere ebrei. Eppure la persona che ci troviamo davanti è un ragazzo di ventitré anni, come ce ne sono molti in Francia, ma anche qui da noi in Italia. Ed è proprio questo il problema che facciamo fatica ad affrontare: il male ha un volto comune, ha gli occhi vispi e sognanti di un ragazzo che non incute nessuna paura. Quegli stessi occhi li ritroviamo nel poliziotto che per ore tenta di convincere Merah ad arrendersi: anche lui giovane e musulmano. Solo un muro li divide, ma è l’emblema della contrapposizione di due vite diametralmente opposte. Cosa e chi decide la sorte di due giovani così simili eppure così infinitamente diversi?».

RASSEGNA DI DRAMMATURGIA CONTEMPORANEA

25esima edizione - da mercoledì 8 luglio a sabato 18 luglio 2020

Sala Mercato

IO AMO LA MORTE, COME VOI AMATE LA VITA di Mohamed Kacimi

traduzione Barbara Alesse

con Lorenzo Satta e Alessio Zirulia

luci Aldo Mantovani

suoni Edoardo Ambrosio

regia Barbara Alesse

produzione Teatro Nazionale di Genova

Paolo Fizzarotti

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip