Skin ADV

The Ocean Race

Superato l’Equatore: la flotta di The Ocean Race punta Cape Town

Super User 03 Febbraio 2023 78 Visite

Un altro punto iconico di The Ocean Race è stato raggiunto e superato. La flotta della regata che è partita il 15 gennaio da Alicante e arriverà a giugno a Genova, ha attraversato l'equatore, sfuggendo alle calme dei “doldrum”.

Primo ad entrare nell'emisfero australe è stato GUYOT environnement Team Europe, seguito dal Team Malizia. I cinque IMOCA si stanno quindi spingendo verso i nuovi alisei di sud-est. Per l'equipaggio di GUYOT environnement il vantaggio è stato costruito con una scommessa vincente: navigare su una distanza più breve rimanendo più a est. Tradizionalmente, il passaggio più veloce attraverso la bonaccia si ottiene navigando più a ovest. 

"Abbiamo sempre puntato a seguire il più possibile una linea retta verso sud e sembra che questo abbia dato i suoi frutti", racconta lo skipper Robert Stanjek. Ci sono distanze ampie tra le barche, da est a ovest, il che significa che navigheranno con angoli diversi e in condizioni diverse nell'immediato futuro e ci si possono aspettare quindi continui cambiamenti in graduatoria. All’ultimo rilevamento del tracker GUYOT environnement Team Europe mantiene la prima posizione, seguito da Team Holcim-PRB e Biotherm. In quarta posizione c’è 11th Hour Racing Team mentre Team Malizia è scalato, per ora, all’ultimo posto.

L’arrivo a Cape Town è previsto per l’11 febbraio, in base alle proiezioni di oggi. Nessun'altra città di scalo è così strettamente associata a The Ocean Race come Città del Capo che ha accolto la flotta intorno al mondo in 12 delle 14 edizioni della regata. Quella di quest’anno è, per altro, l'ottava volta consecutiva in cui Città del Capo è scalo. L’Ocean Live Park verrà inaugurato nella "Città Madre" il prossimo 8 febbraio. Per la prima volta potranno intervenire sulle barche gli “shore team” per ogni importante lavoro di adeguamento e ripristino dopo le prime impegnative due tappe. Il 24 febbraio è prevista la In Port Race mentre il 26 febbraio la flotta ripartirà per la tappa più lunga della storia: 12.500 miglia fino a Itajaì, in Brasile.

Nel villaggio allestito vicino al Victoria and Alfred Waterfront di Città del Capo ci sarà, come già avvenuto ad Alicante, il Pavilion di Genova che promuoverà le bellezze di Genova, della Liguria e dell’Italia: la Lanterna, le Botteghe Storiche e i tipici “carruggi”, le Cinque Terre. Decine di migliaia di turisti potranno conoscere Genova tramite la Camera immersiva allestita da ETT e i visori di “Virtual Reality” grazie ai quali si potrà esplorare il centro storico genovese comprese le piazze e alcuni palazzi. Al Pavilion si terrà anche la seconda tappa speciale del Campionato Mondiale del Pesto.

The Ocean Race, ripreso il viaggio verso Genova ‘The Grand Finale’

Super User 26 Gennaio 2023 236 Visite

Pochi giorni di respiro e i protagonisti della 14° edizione di The Ocean Race hanno già ripreso la rotta verso il “Grand Finale” di Genova. Da Capo Verde è salpata ieri la flotta delle imbarcazioni Imoca che dovranno regatare per 4.600 miglia nautiche fino a Città del Capo. 

Anche a Mindelo, così come già avvenuto a Alicante, un'enorme folla si è radunata per salutare gli intrepidi protagonisti del giro del mondo a vela in equipaggio. Ottima partenza per Guyot, con immediato recupero nella prima notte di Team Holcim-PRB e 11th Hour Racing Team e balzo in testa, nella mattinata di giovedì, per Biotherm. L'Equatore è il prossimo punto di rilevanza geografica che, a poco più di mille miglia di distanza, dovrebbe essere raggiunto entro i prossimi due giorni. 

La tappa di Capo Verde ha rappresentato un grande successo per quella che è la sfida nella sfida, ovvero l’impegno di The Ocean Race per la salvaguardia degli oceani. Un percorso che Genova ha fortemente sostenuto e che per questo ha preso il nome di Genova Process. Sull’Isola di Sao Vicente si è tenuto un importante Ocean Summit a cui hanno partecipato oltre 300 sostenitori degli oceani. Ospite d’onore il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres. Al suo fianco il Primo Ministro di Capo Verde, Ulisses Correia e Silva e il Primo Ministro del Portogallo, António Costa.

Da tutti i partecipanti è stata ribadita la necessità di una urgente azione a sostegno degli oceani: “Siamo nel bel mezzo di una grave crisi causata dal cambiamento climatico, dalla perdita accelerata di biodiversità e dall'inquinamento degli oceani che colpisce gravemente tutti i paesi e le nazioni insulari in modo particolarmente grave", ha dichiarato il primo ministro di Capo Verde, Ulisses Correia e Silva.

Unanime il sostegno all’azione portata avanti da tutti i partner di The Ocean Race per l'adozione di una Dichiarazione universale dei diritti degli oceani entro il 2030. Nell’ambito del Genova Process le attività prevedono Summit, Innovation Workshop, la campagna One Blue Voice, il bastone messaggero di Relay4Nature e varie conferenze e iniziative collaterali. “Il primo anno - racconta Antonio Di Natale, biologo marino che fa parte del board del Genova Process - è stato intenso e importante. Dalla Monaco Ocean Week al primo Innovation Workshop di Genova, passando per il Summit alle Seychelles. E poi Cascais, New York, Sharm el Sheik, per arrivare a questo importantissimo event oche si è svolto a Capo Verde”.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Guterres, nel ricevere il Nature's Baton, ha rilanciato in modo netto il messaggio. “La fine dell'emergenza oceanica è una gara che dobbiamo vincere e, lavorando insieme, è una gara che possiamo vincere. Nel celebrare qualcosa di speciale, il coraggio ispiratore di donne e uomini che navigano in questa estenuante regata intorno al mondo, vogliamo far parte tutti della sfida più grande: porre fine all'emergenza oceanica e preservare questo prezioso dono blu per i nostri figli e nipoti".

Guterres ha accolto con favore gli impegni presi in occasione di conferenze ed incontri negli ultimi 12 mesi del Genova Process. “Ma la gara è tutt'altro che finita”, rilancia António Guterres. “Dobbiamo fare del 2023 un anno di super azione in modo da poter porre fine all'emergenza oceanica una volta per tutte".

L’agenda è fitta. I prossimi incontri saranno a Vancouver (2 Febbraio), Genova (3 Maggio), Aarhus (1-2 Giugno), Genova (27-28 Giugno) e New York (22-24 Agosto e 19-20 Settembre). Importanti saranno anche gli eventi collaterali organizzati nell’ambito del Genova Process, come le conferenze a New York (Febbraio 2023), Cape Town (Febbraio 2023), Panama (Marzo 2023), oltre alle iniziative in ogni tappa della regatta, fino al “Grand Finale” di Genova.

The Ocean Race, Team Genova è terza all’arrivo a Capo Verde

Super User 22 Gennaio 2023 312 Visite

AOR Team Genova chiude al terzo posto la prima tappa di The Ocean Race. La barca con bandiera austriaca e italiana, timonata dallo skipper olandese Gerewin Jansen, ha chiuso la Leg 1 da Alicante a Capo Verde in 6 giorni 19 ore 13 minuti 14 secondi. 

La vittoria tra i VO65 è andata ai polacchi di WindWhisper che già avevano conquistato la In-Port Race di Alicante. Alle loro spalle si sono piazzarti gli olandesi di Team Jajo. Mirpuri Foundation Racing Team ha annunciato il ritiro dopo aver mancato una boa del percorso di regata nello stretto di Gibilterra. Team Genova è così arrivata terza nel porto di Mindelo tenendo il vantaggio su Ambersail 2. Viva Mexico, molto distaccato dopo lo stop ad Almeria per la sostituzione della randa, è a circa 600 miglia dall’arrivo.

Tra gli IMOCA il team svizzero Holcim-PRB dello skipper francese Kevin Escoffier ha preceduto a Mindelo la barca statunitense 11th Hour Racing Team, con a bordo Francesca Clapcich, e Team Malizia. Quarto posto per Biotherm e quinto Guyot.

A bordo di Austria Ocean Racing Team Genova sono saliti Iren, Sangiorgio Marine, Marina Militare Italiana e Federazione Italiana Vela. Quello tra la barca austriaca e Genova è stato un rapporto che è andato stringendosi sempre più negli ultimi due anni. Il giovane equipaggio guidato dallo skipper olandese Gerwin Jansen aveva emozionato già nella The Ocean Race Europe con una rimonta degna di nota e un sorpasso last-minute ai danni dei lituani di Ambersail-2 all’arrivo della tappa Lorient-Cascais, ben figurando poi anche nelle regate Cascais-Alicante e Alicante-Genova.

L’imbarcazione con doppia bandiera (austriaca e italiana) ha potuto contare nella prima tappa Alicante-Capo Verde su due velisti italiani, Cecilia Zorzi e Alberto Riva. Hanno affiancato lo skipper Gerwin Jansen, i fratelli Konstantin e Oliver Kobale, fondatori del progetto austriaco, Michiel Goegebeur, Anna Luschan, Jolbert Van Dijk, Deborah Blair, Ruaridh Wright, Daniel Gaw e Stefan Leitner.

È stata un'intensa e impegnativa prima tappa: dai forti venti contrari nel Mediterraneo alle veloci condizioni di poppa nell'Atlantico, fino alle opzioni tattiche in prossimità delle Isole Canarie. “Tutto quello che ho portato è bagnato, o più bagnato. Ormai non c'è niente di asciutto, ma ci siamo divertiti", racconta Cecilia Zorzi, velista tricolore a bordo di AOR Team Genova. “Abbiamo superato diverse difficoltà – aggiunge Alberto Riva – e fatto fronte alla rottura di due vele. Siamo stati in gara fino alla fine e il terzo posto finale è davvero un grande risultato”. 

“Abbiamo vissuto questa prima regata con ottimo umore”, sottolinea lo skipper olandese Gerwin Jansen. “Gli ultimi due giorni sono stati di navigazione champagne. C'è stato abbastanza vento e mare per andare veloci con il Code Zero frazionato. Velocità massima di 32 nodi e molta acqua in coperta. In pochi hanno dormito. Nessuno voleva perdersi la navigazione”. Il terzo posto è un premio per la tenacia con cui il team ha superato ogni avversità. È stata una strada lastricata di ostacoli”, ammette Gerwin Jansen. “Arrendersi non era un'opzione e attraverso gli sforzi ambiziosi di ciascun membro dell'equipaggio, gli ostacoli sono diventati prove di coraggio.

Siamo arrivati ad Alicante all'ultimo momento, e quando abbiamo ormeggiato la nostra barca all'Ocean Live Park era chiaro che non era ancora pronta. Abbiamo lavorato sodo. Le performance alle Pro-Am e alla In-Port Race non ci davano molte speranze. Questo però – prosegue Jansen - non ha smorzato il nostro atteggiamento positivo e la nostra determinazione a partecipare alla gara. Avevamo sempre in mente la gara, abbiamo dato tutto e ci siamo sempre appassionati di quello che facevamo. A Genova tutta la squadra si è riunita per preparare la barca per la gara. Abbiamo perseverato perché abbiamo creduto fermamente nel successo del progetto. La città di Genova è abituata a credere nell'impossibile e sa cosa è fattibile quando si lavora con entusiasmo. Genova e i suoi partners ci hanno dato una nuova spinta. Durante le prime 1000 miglia, abbiamo dimostrato che potevamo navigare velocemente anche con vecchie vele. Più la vela era impegnativa, più era probabile che fossimo in alto. Siamo usciti dallo stretto di Gibilterra al terzo posto. L'abilità di vela, il miglio in più della squadra e un navigatore che non dorme mai compensa questo svantaggio. La spinta che ha portato il nostro team al successo non può essere misurata in numeri. Siamo ufficialmente nella famiglia di The Ocean Race grazie alla nostra dedizione e al nostro duro lavoro. Probabilmente – chiude Jansen - abbiamo lavorato più duramente delle altre squadre per ottenere questo onore, ma siamo venuti per restare e portare in alto il nome di Austrian Ocean Racing Team Genova”.

I VO65 torneranno ora in Europa, in attesa di prendere parte alle regate da Aahrus e L’Aja con il “Grand Finale” a Genova. Per gli IMOCA, invece, pausa breve e impegnativa. I velisti dovranno effettuare le riparazioni senza l'assistenza degli shore team durante questo stopover di Capo Verde. La regata riprenderà tra pochi giorni, con la partenza della seconda tappa verso Città del Capo, in Sudafrica, prevista per mercoledì 25 gennaio pomeriggio.

 

Classifica IMOCA

1 - Team Holcim-PRB punti 5

2 - 11th Hour Racing Team punti 4

3 - Team Malizia punti 3

4 - Biotherm punti 2

5 - GUYOT environnement - Team Europe punti 1

 

Classifica VO65

1 - WindWhisper Racing punti 6

2 - Team JAJO punti 5

3 - Austrian Ocean Race - Team Genova punti 4

4 - Ambersail 2 punti 3

5 - Viva Mexico punti 2

6 - Mirpuri Foundation Race Team punti 0 (ritirato)

The Ocean Race, Genova si collega con Alicante per salutare la partenza delle barche

Super User 15 Gennaio 2023 308 Visite

«Con la partenza da Alicante siamo entrati nel clou della competizione che non è solo un evento sportivo, ma coinvolge la promozione turistica, la valorizzazione del territorio e lo sviluppo economico». Così l’assessore comunale allo Sport e al Turismo, Alessandra Bianchi, che oggi ha seguito in piazza la partenza in diretta di The Ocean Race da Alicante dal ledwall posizionato al Porto Antico.

Moltissimi genovesi hanno assistito alla doppia partenza degli equipaggi, preceduta dalla tappa eliminatoria del Campionato mondiale del pesto al mortaio. Per tutto il pomeriggio si sono esibiti giovani artisti del rap e dell’hip hop, mentre sullo sfondo venivano create opere di street art sul tema della sostenibilità ambientale degli oceani.

«L’evento del Porto Antico di oggi - ha aggiunto l’assessore - dimostra come The Ocean Race e tutti i grandi eventi sportivi siano momenti di condivisione e aggregazione fatta di intrattenimento, ma anche di promozione del territorio e attenzione su temi importanti come la sostenibilità ambientale».

The Ocean Race al via da Alicante, Bucci: “Una vetrina straordinaria per Genova”

Super User 15 Gennaio 2023 354 Visite

Il conto alla rovescia è davvero terminato. Alicante è pronta a dare il via alla 14a edizione di The Ocean Race, il giro del mondo a vela in equipaggio a tappe riservato per la prima volta a 2 due classi di imbarcazioni, le VO65 e gli IMOCA60. Sono 11 in tutto i team in gara pronti a lanciare la sfida agli oceani. Tra i VO65 anche Team Genova imbarcazione italo-austriaca con la croce di San Giorgio sullo scafo e un equipaggio internazionale in cui spiccano due italiani, Cecilia Zorzi e Alberto Riva, interpreti di un nuovo movimento di giovani velisti. Presenza tricolore grazie a Francesca Clapcich anche sull'Imoca 60 “11 Hours Team Racing”, imbarcazione statunitense che percorrerà tutte le 32.000 miglia in torno al globo con l’arrivo, per la prima volta nella storia, a Genova, in Italia.

“La città di Genova ha lavorato tanto per questo straordinario evento”, sottolinea il sindaco Marco Bucci, presente ad Alicante insieme all’Ambasciatore italiano a Madrid, Riccardo Guariglia, e al Contrammiraglio della Marina Militare, Massimiliano Nannini.
“Avere una barca con la nostra bandiera - prosegue il sindaco - ha un valore enorme in quello che viene considerato l'Everest della vela. Ma sono anche e soprattutto felice per il grande ritorno di immagine che la nostra città avrà grazie al percorso in tutte le tappe nel mondo con il nostro Padiglione e al "Grand Finale" che confermerà la vocazione di Genova quale capitale mondiale della vela e della nautica. Senza dimenticare il nostro impegno al fianco di The Ocean Race nel segno della sostenibilità e della tutela dei nostri mari con il Genova Process”. 

La partenza sarà subito all’insegna delle condizioni più intense. È previsto nei primi giorni un vento fino ai 40 nodi che accompagnerà le imbarcazioni fino a Gibilterra, poi l’uscita nell’Atlantico e la discesa fino a Capoverde dopo 1900 miglia di navigazione. A bordo di AOR Team Genova stanno finalizzando gli ultimi preparativi Cecilia Zorzi e Alberto Riva. “Sto vivendo il mio sogno”, ammette la velista trentina. Il suo entusiasmo è contagioso. Per loro sono in programma le tre tappe della VO65 Sprint: dopo questa prima regata ci saranno le ultime due, la Aarhus-L’Aia e dall’Aia al Grand Finale di Genova nell’ultima settimana di giugno.

Brillano gli occhi a Cecilia Zorzi: “All’inizio avevo un po’ di paura, mi dicevo il vento forte oddio… poi pian piano ho iniziato a percepire la barca come un mezzo che mi consentiva di andare dove volevo, in libertà e con cui riuscivo a stare in simbiosi. A bordo mi piace fare tutto e presto ho iniziato a capire come questa era la mia dimensione. Quello che volevo. Sono orgogliosa di essere a bordo di Team Genova e di poter vivere questa avventura in cui Genova ha creduto tanto. Sarà un onore e una emozione arrivare per la prima volta in Italia, in quel mare di Genova in cui ho vissuto già in passato bellissime esperienze. So già che quando vedrò il Waterfront mi salirà la commozione. Ma sia chiaro. Vogliamo arrivarci bene, siamo l’ultima barca “iscritta” ma vogliamo fare del nostro meglio!”.

Sorriso sornione e grande voglia di partire anche per Alberto Riva. “Siamo pronti. Con l’equipaggio abbiamo avuto poco tempo ma siamo riusciti a creare subito grande intesa e feeling. Vogliamo fare questa bellissima esperienza e regalare all’Italia e a Genova il miglior risultato possibile. La barca è bellissima, dicono la più elegante di questa edizione, ma è anche veloce e speriamo di poterlo dimostrare già in questa prima tappa. Sono davvero felice di essere salito a bordo e di vivere questa esperienza in uno dei più grandi eventi velici al mondo, proprio nell’anno in cui ci sarà il primo storico arrivo nel nostro paese”.

A Genova arriverà anche un’altra velista italiana, Francesca Clapcich che a bordo di 11th Hours Racing Team è tra le favorite. “Non mi nascondo. Si, potremmo essere favoriti. Abbiamo passato molto tempo a bordo, abbiamo avuto alcuni anni per prepararci a questo evento, ma allo stesso tempo, come spesso succede, i giornali hanno parlato molto di noi. Dovremo dimostrare in mare aperto di essere i più forti”. La Clapcich è alla sua seconda esperienza nella The Ocean Race. “Credo che l’Italia debba essere rappresentata in questo tipo di regate. Abbiamo velisti molto forti con grandi capacità. Sono ovviamente contentissima di vedere qui ad Alicante il VO65 di AOR Team Genova che parteciperà alla The Ocean Race VO65 Sprint Cup con il supporto della città di Genova con due velisti italiani a bordo. Avere il VO65 a Genova per il The Grand Finale, evento a cui la città ha lavorato tantissimo, è senza dubbio una bellissima cosa”.

Entusiasmo ad Alicante ma anche a Genova, in attesa del grande finale, ci si prepara a vivere in diretta lo star. Al Porto Antico già dalle ore 12 di oggi, domenica 15 gennaio, l'intrattenimento inizierà con la tappa del Campionato mondiale del pesto al mortaio e degustazioni, mentre dalle 14.30 musica ed esibizioni di hip hop. Il pubblico sarà coinvolto anche nell'estrazione di un posto speciale a bordo del Team Genova in occasione delle regate Pro-Am che si terranno dal 24 giugno al 2 luglio. Sullo schermo allestito davanti a Palazzo San Giorgio scorreranno le immagini in diretta del doppio start (alle 14 partono i VO65 tra cui il Team Genova e alle 16 la classe Imoca), ma anche contributi video in arrivo da Alicante, dove è allestito il Pavilion di Genova che ospita numerosi eventi e attività.

Sono 11 le barche al via. La flotta dei VO65 è composta da sei imbarcazioni: oltre a AOR Team Genova ecco Mirpuri Foundation Racing Team (POR), WindWhisper Racing Team (POL), Team JAJO (NED), Ambersail 2 (LIT), Viva México (MEX). Sulla linea di partenza cinque forti team IMOCA: 11th Hour Racing Team (USA), Team Malizia (GER), Team Holcim-PRB (SUI), GUYOT environnement-Team Europe (FRA/GER) e Biotherm Racing (FRA).

The Ocean Race sarà trasmessa sui canali ufficiali (web theoceanrace.com e social) in tutto il mondo e sulle piattaforme Discovery + ed Eurosport. RaiSport seguirà tutta la manifestazione durante i 6 mesi di regata con dirette, servizi e speciali. Una trasmissione speciale, curata e condotta da Giulio Guazzini, storico telecronista della vela, sarà trasmessa oggi dalle 13.50 alle 17.15 interamente su RaiPlay con delle finestre su Raisport (canale 58) e dalle 16.00 alle 16.30 su Raidue nella trasmissione sportiva Dribbling.

Cassissa, Nannini, Bucci, Gueriglia, Manzitti e Liardo

Blue economy, Campomenosi: “Bene l’adesione di Genova a Mission Restore our Ocean Ue”

Super User 11 Novembre 2022 566 Visite

“Esprimo grande soddisfazione per l’adesione della Città di Genova alla ‘Mission Restore our Ocean and Waters’ della Commissione Europea per il ripristino della salute del Mediterraneo e degli Oceani”. Così in una nota Marco Campomenosi, europarlamentare ligure della Lega, capo delegazione della Lega al Parlamento Europeo.

“Da ligure e rappresentante dell’Italia a Bruxelles - prosegue Campomenosi -, sono orgoglioso di aver portato il mio contributo all'avvio e alla buona riuscita di questo percorso, interloquendo con i responsabili dei dipartimenti interessati e favorendo in prima persona i contatti tra le istituzioni europee e gli esponenti del territorio”.

“Si tratta di un’opportunità unica e fondamentale non solo per Genova, ma per la Liguria e per il Paese, di svolgere un ruolo di protagonisti nel Mediterraneo e per giocare un ruolo chiave e concreto su temi ambientali, con grandi benefici all’economia, di conseguenza a imprese, lavoratori e famiglie liguri e di tutto il Nord ovest”, conclude l’europarlamentare della Lega.

A Genova la Regata delle Legends per i 50 anni di The Ocean Race

Super User 06 Novembre 2022 355 Visite

The Ocean Race, il giro del mondo a vela in equipaggio che partirà il 15 gennaio prossimo da Alicante e arriverà a Genova a fine giugno, compie 50 anni. Nel 1973 la prima, storica edizione. Un compleanno speciale che sarà festeggiato con un grande evento: la Regata delle Legends.

Ad annunciarlo è stato Richard Brisius, presidente di The Ocean Race, ospite a Genova in occasione dell’incontro promosso da “Genova The Grand Finale” a bordo dell’Amerigo Vespucci, il veliero della Marina Militare che già lo scorso anno fu protagonista a Genova per l’arrivo di The Ocean Race Europe. 

Per Genova e la Liguria un ulteriore importante riconoscimento. Dopo il giro del mondo che durerà sei mesi con grande visibilità e opportunità di contatti negli Ocean Live Park allestiti nelle tappe, il “Grand Finale” si arricchisce di questo ulteriore evento che renderà Genova ancor più capitale mondiale della vela. 

«The Ocean Race è un appuntamento storico per la città di Genova ed un evento di rilievo per il panorama nazionale nel 2023 - sottolinea il sindaco Marco Bucci - Stiamo parlando di una manifestazione sportiva di grande valore seguita con estremo interesse a livello mondiale. Ci onora il fatto che il Governo abbia riconosciuto l’importanza di quanto stiamo organizzando con il patrocinio ufficiale della Presidenza del Consiglio dei ministri. L’annuncio della regata delle Legends è un ulteriore, importantissimo tassello che va ad arricchire il programma del Grand Finale. Saranno giorni di grande fermento per la nostra città che avrà puntati su di sé gli occhi del mondo velico e pronta a ospitare decine di migliaia di appassionati, sportivi e curiosi: un’occasione da non mancare sulla quale Genova misurerà la propria ambizione di città capace di attrarre e ospitare eventi di carattere internazionale». 

«Il meglio della vela mondiale è in Liguria, a Genova – commenta il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti  - Ocean Race sarà arricchita da una competizione dedicata alle leggende che, nel corso di mezzo secolo, hanno dato lustro e contribuito a costruire il mito di questa competizione, e Genova sarà la location di questa regata unica: una notizia che rende ancora più eccezionale questo appuntamento storico e attesissimo, che consacra ancora di più la nostra città come capitale assoluta della nautica e di questo sport a livello planetario. Anche il luogo scelto per questo annuncio è particolarmente significativo: la Amerigo Vespucci, la nave più bella del mondo, simbolo della marineria italiana. Dal ponte di questa storica imbarcazione possiamo dire che Genova, già regina dei mari in quanto scelta come tappa conclusiva del giro del mondo che per la prima volta si conclude nelle acque del Mediterraneo, si prepara a spiccare sempre di più nel panorama velistico mondiale e a mostrare le sue bellezze al vastissimo pubblico di appassionati che seguirà le competizioni». 

«Festeggeremo questa grande storia con una regata speciale – spiega Richar Brisius – e lo faremo proprio a Genova che accoglierà per la prima volta nella storia The Ocean Race in Italia. In occasione del Grand Finale potremo vivere un altro grande evento parallelo, una sfida tra chi ha scritto la storia di questa competizione. Tutte le barche e i velisti che hanno partecipato alle prime 13 edizioni di The Ocean Race sono invitati a partecipare».

Nata come Whitbread Round the World Race nel 1973 e continuata come Volvo Ocean Race dal 2001 al 2018, The Ocean Race è diventata la più importante regata d'altura in equipaggio intorno al mondo. Negli ultimi cinquant'anni è stata un banco di prova per i migliori velisti, yacht designer e costruttori del mondo della vela, creando cinque decenni di icòne e leggende.

«Siamo davvero entusiasti di condividere la storia di The Ocean Race qui a Genova, nell'ambito delle celebrazioni del Grand Finale - sottolinea Richard Brisius - Una delle nostre leggende, il compianto Sir Peter Blake, una volta ha detto che questa competizione “ti entra nel sangue e non puoi liberartene”, e penso che sia una descrizione perfetta. Questa è la storia che vogliamo onorare e celebrare durante il nostro 50° anniversario nel 2023. E lo faremo con grande orgoglio e piacere proprio qui a Genova. Sono circa 2000 i velisti che hanno preso parte a The Ocean Race in questo lungo percorso. A Genova ci aspettiamo oltre 100 Legends e potremo rivedere barche storiche che hanno scritto pagine epiche di questa magnifica avventura».

All’evento “Verso The Ocean Race - Genova The Grand Finale” organizzato a bordo dell’Amerigo Vespucci hanno partecipato il capitano di vascello Luigi Romagnoli, il contrammiraglio Massimiliano Nannini, direttore dell’Istituto Idrografico della Marina militare, Rufino Selva Guerrero, vicedirettore in progetti tematici per la Società Comunidad Valenciana, Laurent Rousseau, responsabile business del Villaggio Gara di Alicante, Gianmarco Nicoletti, brand manager Italia di Ulysse Nardin, Antonio Di Natale, biologo marino e consulente del Genova Process.

All’evento hanno partecipato anche Matteo Plazzi, Corrado Di Maio e Franco Cattai, tre italiani protagonisti nel corso dei 50 anni di The Ocean Race. La prima adesione, però, è arrivata addirittura dal Messico, ovvero dal primo storico vincitore. «È fantastico sapere che festeggeremo i 50 anni di The Ocean race a Genova - fa sapere Enrique Carlin, capitano di guardia del Sayula II con cui vinse al fianco del padre Ramon la Whitbread Round the World Race inaugurale del 1973-74 - Non vedo l'ora di essere in Italia per riconnettermi con i vecchi amici e per partecipare a tutte le celebrazioni».

Importante anche l’analisi dell’impatto che The Ocean Race ha avuto sul territorio spagnolo, illustrate da Rufino Selva Guerrero. «Nell’ultima edizione il Villaggio allestito ad Alicante ha totalizzato 345.602 visitatori e uno su tre è arrivato da fuori. Tutto questo ha generato un impatto economico di circa 62 milioni di euro spesi sul territorio con la creazione di circa 1.700 posti di lavoro di durata annuale. I settori più avvantaggiati – prosegue il vicedirettore in progetti tematici per la Società Comunidad Valenciana - sono stati quelli alberghieri, della ristorazione e del commercio al dettaglio. L'aumento dell'attività economica e dell'occupazione ha prodotto un significativo effetto positivo per un totale di 96,2 milioni crescita di Pil».

Alicante è da anni la sede di The Ocean Race e porto di partenza della regata oceanica.

Dal Salone Nautico all’Ocean Live Park: Genova capitale mondiale della vela con The Ocean Race

Super User 28 Settembre 2022 307 Visite

Dal Salone Nautico all’Ocean Live Park. Genova si prepara ad accogliere un’altra grande festa per la vela e la nautica con il “Grand Finale” di The Ocean Race. Dal 24 giugno al 2 luglio 2023 il Waterfront di Levante si trasformerà in un grande villaggio che accoglierà, per la prima volta nella storia in Italia, l’arrivo del famoso giro del mondo a vela in equipaggio.

Nell'ultima giornata del Salone a bordo di Sailing Poland, barca protagonista della ultima The Ocean Race, sono saliti a bordo il portiere sampdoriano Emil Audero e il campione di motociclismo Niccolò Canepa. Entrambi "testimonial" del messaggio di sostenibilità lanciato con il Genova Process. "E' davvero una emozione salire a bordo di barche così - racconta Audero - ed è bello che un evento così straordinario arrivi a Genova e sia un veicolo di promozione per tutta l'Italia. Tanta stima per chi affronta questa sfida. E' davvero ai limiti. Affascinante e allo stesso tempo molto impegnativa". Carica di adrenalina anche per Niccolò Canepa, abituato alla velocità e alla resistenza nel Campionato del Mondo di motociclismo Endurance: "E' stata una esperienza pazzesca. The Ocean Race è una avventura fantastica, con grandi valori e impegno anche sul fronte della sostenibilità. Ci sarò l'anno prossimo per festeggiare l'arrivo di questa regata, la più dura e affascinante al mondo. Sono orgoglioso che arrivi proprio a Genova".

The Ocean Race festeggerà 50 anni di gloria proprio nel capoluogo ligure. L’Ocean Live Park sarà il cuore pulsante di eventi e intrattenimento con numerose attività a disposizione dei visitatori di tutte le età. Sarà possibile visitare le barche protagoniste della regata e incontrare i velisti. Ammirare i trofei delle due classi e avere informazioni sui diversi team. Non mancheranno momenti di pura festa e celebrazione come la “Parata degli Atleti” e la cerimonia di premiazione finale. Ci sarà un padiglione legato alla sostenibilità in cui toccare con mano lo stato di salute degli Oceani e capire quali azioni sono state intraprese per la loro salvaguardia e un padiglione sull’innovazione curato dal Blue District.

La Federazione Italiana Vela, che si occuperà di gestire l’organizzazione in acqua delle regate con il supporto della Primazona Fiv, sarà presente nel villaggio con due aree allestite: la Next Generation Foil Academy powered by Luna Rossa e la Para Sailing Academy. Per la prima volta saranno insieme.

Al via da Alicante, il 15 gennaio prossimo, ci saranno anche due velisti italiani, Francesca Clapcich e Giulio Bertelli. E prima che il mondo “arrivi” a Genova sarà il capoluogo ligure a fare il giro del mondo grazie a una “Business Lounge” in cui verranno promosse le eccellenze del territorio e in generale il “made in Italy”. Genova sarà protagonista nelle tappe di Alicante, Cape Town, Itajaí, Newport, Aarhus, The Hague con una platea di visitatori che, nell’ultima edizione, ha superato i 2,5 milioni. Nel “percorso” i visitatori troveranno anche la camera immersiva, sviluppata da ETT, e potranno così “immergersi” nelle aree iconiche di Genova e Liguria. 

The Ocean Race “Genova The Grand Finale”, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, sarà una straordinaria sfida sportiva, una grande occasione di promozione per Genova, la Liguria e l’Italia nel mondo e, non ultimo, un forte progetto di sostenibilità. Dal capoluogo ligure è partito il Genova Process, un percorso che un team intercontinentale di massimi esperti e stakeholder del settore ha avviato e che attraverso una serie di incontri (Innovation workshop) porterà a redigere la bozza di Carta dei Diritti degli Oceani. I principi saranno presentati a Genova durante il “Grand Finale” e consegnati poi all’Assemblea delle Nazioni Unite a New York nel novembre del 2023. 

Nell’ultima edizione, The Ocean Race ha attirato 2,5 milioni di visitatori nei villaggi. Sono stati 4.356 i media accreditati per 2,19 miliardi di audience tv news, 2,62 miliardi di lettori sulla carta stampata, 117.129 articoli online, 1,889 miliardi di social media post impressions, 200,7 milioni di social media video views.

Genova nel mondo con The Ocean Race, in attesa del Grand Finale

Super User 23 Settembre 2022 784 Visite

The Ocean Race, il giro del mondo a vela in equipaggio, partirà il 15 gennaio da Alicante e arriverà per la prima volta nella storia nel Mediterraneo, in Italia, a Genova. Grazie al “The Grand Finale”, il capoluogo ligure sarà capitale mondiale della vela e l’arrivo della più straordinaria regata intorno al mondo sarà una grande occasione di promozione ma anche un momento di festa con tanti eventi nel villaggio “Ocean Live Park” che sarà allestito nel nuovo Waterfront di Levante. 

Ma prima che il mondo “arrivi” a Genova sarà il capoluogo ligure a fare il giro del mondo. Con l’inizio del 2023 Genova sarà protagonista nelle tappe di Alicante, Cape Town, Itajaí, Newport, Aarhus, The Hague con una “Business Lounge” in cui promuovere le proprie eccellenze a una platea internazionale che, nell’ultima edizione, ha superato i 2,5 milioni di visitatori.

“Il valore di The Ocean Race per la città di Genova, oltre al grande prestigio sportivo dell’iniziativa, è quello di promuovere la nostra città nel mondo: le sue bellezze, le grandi attrattività, l’enogastronomia, il clima, le tradizioni”, sottolinea il Sindaco di Genova. “Ma anche i processi innovativi, una realtà in piena evoluzione capace di poter ospitare la fase finale di un evento di livello mondiale come quello che stiamo per vivere. Con questo approccio ci apprestiamo a partire per portare Genova nel mondo grazie a The Ocean Race. Nelle sei tappe in cui sarà presente il villaggio porteremo il nostro orgoglio, le nostre bellezze, il nostro stile aspettando il 24 giugno 2023 quando toccherà a noi farei gli onori di casa. Siamo pronti a raccogliere la grande sfida che stiamo attendendo da anni. Convinti nella piena collaborazione dell’intera città, dimostreremo di cosa sono capaci i genovesi!”.

La business lounge avrà una doppia funzione: attrazione per i visitatori e area destinata al business in cui sponsor e aziende dell’eccellenza italiana avranno la possibilità di incontrare aziende estere per sviluppare nuove opportunità. Oltre alle associazioni di categoria locali saranno coinvolte Ambasciate e comunità di Italiani nei Paesi che ospiteranno le tappe. Si sta lavorando a un programma di eventi che promuoveranno la cultura, la gastronomia, l’attrattività economica e turistica del nostro territorio. 

“Ci avviciniamo ad un appuntamento storico e atteso: per la prima volta il giro del mondo a vela, uno degli eventi sportivi più importanti a livello globale, si concluderà nel Mediterraneo, e non in luogo a caso, ma proprio a Genova, sempre di più capitale non solo della nautica, ma anche della vela”, sottolinea il Presidente di Regione Liguria. “Genova sarà incoronata regina dei mari, ed è pronta a mostrare a tutti la sua bellezza. Attraverso The Ocean Race verranno anche promosse le eccellenze di Genova e della Liguria a una platea di oltre 2 milioni di persone. Una promozione del territorio che porterà grande visibilità alla nostra bellissima regione, pronta per accogliere i tantissimi turisti che giungeranno qui per la manifestazione”. 

Nella “Business Lounge” sarà allestita una camera immersiva sviluppata da ETT, azienda genovese del Gruppo SCAI che progetta e realizza a livello internazionale allestimenti multimediali per cultura, turismo ed eventi. Trasporterà i visitatori direttamente nelle aree iconiche di Genova e Liguria. All’ingresso del padiglione lo schermo con contenuti su Genova, Liguria e Italia, con un focus specifico sulle 77 bandiere blu della Regione Liguria. Poi una prima area dedicata alle bellezze delle Cinque Terre con una photo-opportunity per i visitatori che potranno sedersi su una panchina e condividere la foto sui social. Proseguendo nel percorso si arriverà a Genova, con una riproduzione della Lanterna e informazioni relative all’attività portuale e all’economia del territorio. Si giungerà quindi all’area delle Botteghe Storiche, promossa in collaborazione con la Camera di Commercio, in cui si troveranno gli oggetti tipici come, ad esempio, il mortaio del pesto e le ceramiche di Alassio. Poi un corridoio ricorderà i tipici carruggi e porterà all’area dedicata alla cultura. Infine l’area esterna che ricorderà le tipiche piazzette italiane in cui verranno organizzati sampling di prodotti tipici italiani come caffè, gelato e pesto genovese.

Nell’ultima edizione, The Ocean Race ha attirato 2,5 milioni di visitatori nei villaggi, coinvolto 94.000 ragazzi nel learning program, 20.000 bambini nei workshop sulla sostenibilità e 28.071 ragazzi e adulti nel "Try Sailing". Sono stati 4.356 I media accreditati per 2,19 miliardi di audience tv news, 2,62 miliardi di lettori sulla carta stampata, 117.129 articoli online, 1,889 miliardi di social media post impressions, 200,7 milioni di social media video views e 168 milioni di interazioni social.

Lo sviluppo temporale di 6 mesi e la distribuzione planetaria di The Ocean Race consentirà un’attività di promozione vasta e persistente, attirando l’attenzione sul territorio come destinazione turistica, ma anche come meta ideale per sviluppare impresa grazie alla continua crescita della città con investimenti pubblici e privati. The Ocean Race “Genova The Grand Finale”, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, sarà una straordinaria sfida sportiva, una grande occasione di promozione per Genova, la Liguria e l’Italia nel mondo e, non ultimo, un forte progetto di sostenibilità. Dal capoluogo ligure è partito il Genova Process, un percorso che un team intercontinentale di massimi esperti e stakeholder del settore ha avviato e che attraverso una serie di incontri (Innovation workshop) porterà a redigere la bozza di Carta dei Diritti degli Oceani. I principi saranno presentati a Genova durante il “Grand Finale” e consegnati poi all’Assemblea delle Nazioni Unite a New York nel novembre del 2023.

 

GENOVA PROCESS

“Dall’Innovation Workshop di Genova lo scorso marzo – racconta Antonio Di Natale, biologo marino e consulente scientifico del “Genova Process” - ci sono state riunioni bisettimanali del “Core Group”, un Summit a Stoccolma l’1 giugno, dedicato soprattutto alla parte più meridionale dell’Oceano e all’Antartide, un Innovation Workshop a Cascais e quattro eventi alla United Nation Ocean Conference a Lisbona, sempre a Giugno. In questi giorni si è tenuta una riunione all’ONU, promossa dai Ministri degli Esteri di Capo Verde e Monaco, con la partecipazione di rappresentanti permanenti di 22 Paesi e della IUCN e WWF. Il prossimo Summit – conclude Di Natale - sarà ad Alicante alla partenza di The Ocean Race, a gennaio, e a seguire un altro a Capo Verde, a fine gennaio”.

 

LA SINERGIA CON LA FEDERAZIONE ITALIANA VELA

“L’appuntamento con ‘The Ocean Race, Genova The Grand Finale’ rappresenta per la Federazione Italiana Vela e per l’Italia una delle tappe più significative del movimento velico internazionale”, spiega Francesco Ettorre, Presidente della Federvela. “Come ho già sottolineato più volte, c’è stato un grande impegno per riuscire a far arrivare una delle regate più iconiche a livello mondiale a Genova. Grazie all’impegno di Comune di Genova, Regione Liguria e Istituzioni nazionali questo è stato possibile. In accordo con il Comitato I Zona la Federazione si occuperà di gestire l’organizzazione in acqua delle regate e sarà presente nel villaggio con due aree allestite, che per noi sono fiore all’occhiello tra i nostri progetti: la Next Generation Foil Academy powered by Luna Rossa e la Para Sailing Academy che per la prima volta saranno insieme. Ricordo con piacere i velisti italiani, Francesca Clapcich e Giulio Bertelli, che vivranno questa esperienza in prima persona ai quali va il supporto da parte di tutta la Vela italiana perché questa esperienza possa essere per loro professionalmente ed emotivamente appagante e stimolante. L’arrivo per la prima volta del Grand Finale a Genova spero possa essere stimolo per riuscire ad avere un equipaggio italiano in un prossimo futuro”.

 

LE ULTIME SULLA REGATA

“Con l'inizio della The Ocean Race che si avvicina rapidamente – spiega Phil Lawrence, Race Director The Ocean Race - siamo lieti di vedere la flotta IMOCA crescere. Sono cinque le iscrizioni confermate e ci sono un paio di altri team interessati che stanno ancora lavorando sui loro progetti mentre la flotta VO65 sta ancora prendendo forma. Il “Grand Finale” di Genova sarà davvero importante. I team correranno verso un traguardo mediterraneo per la prima volta in 50 anni di storia, sfidandosi per i punti finali della classifica. E in caso di pareggio – aggiunge Lawrence - il posizionamento finale della In-Port Race che si svolgerà a Genova fornirà il punteggio per determinare le posizioni nella classifica generale. Genova, insomma, giocherà un ruolo emozionante e decisivo in questa quattordicesima edizione di The Ocean Race".

 

OCEAN LIVE PARK A GENOVA DAL 24 GIUGNO AL 2 LUGLIO 2023

The Ocean Race festeggerà 50 anni di gloria a Genova, nel Villaggio che sarà allestito sul nuovo Waterfront di Levante. Per la prima volta la famosa regata intorno al mondo si concluderà nel Mediterraneo. L’Ocean Live Park sarà il cuore pulsante di eventi e intrattenimento con numerose attività a disposizione dei visitatori di tutte le età. Sarà possibile visitare le barche protagoniste della regata e incontrare i velisti. Ammirare i trofei delle due classi e avere informazioni sui diversi team. Non mancheranno momenti di pura festa e celebrazione come la “Parata degli Atleti” e la cerimonia di premiazione finale. Ci sarà un padiglione legato alla sostenibilità in cui toccare con mano lo stato di salute degli Oceani e capire quali azioni sono state intraprese per la loro salvaguardia e un padiglione sull’Innovazione curato dal Blue District.

 

LA MASCOTTE

Si chiama “Lupo di Mare” ed è la mascotte di “Genova The Grand Finale”. Ha fatto la sua comparsa al Salone Nautico dove accompagnerà i visitatori a scoprire la camera immersiva di The Ocean Race. Sarà la padrona di casa dell’Ocean Live Village di Genova all’arrivo di The Ocean Race e, in attesa del Grand Finale, promuoverà l’evento sul territorio con particolare attenzione alle scuole e alla diffusione delle tematiche sulla sostenibilità legate al Genova Process. Ideata dalla Scuola Internazionale di Comics di Genova e Torino e disegnata da Valentina Stagnaro, è stata scelta nel corso dell’ultima Festa dello Sport al Porto Antico dove migliaia di giovani hanno potuto scegliere tra sette diversi progetti.

 

PARTNERSHIP

The Ocean Race “Genova The Grand Finale” gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Coni. Regione Liguria, Camera di Commercio di Genova, Blue District e Federvela sono i partner Istituzionali. Iren, Rina, Ett e sono i partner commerciali.

 

LE ATTIVITA’ AL 62° SALONE NAUTICO

Al Salone Nautico, dove nel 2019 venne annunciata per la prima volta l’assegnazione a Genova del “Grand Finale”, The Ocean Race sarà protagonista con numerosi eventi e attività. Nella Lounge allestita sul Waterfront Marina (Area Maxi Yachts) sarà possibile conoscere tutti i dettagli della storica regata intorno al pianeta che porterà Genova in giro per il mondo dal prossimo 15 gennaio fino all’arrivo previsto per fine giugno 2023.

I visitatori potranno firmare la petizione “One Blue Voice” e contribuire a dare voce agli Oceani in questa importante sfida per la sostenibilità. Al fianco di “Genova The Grand Finale” ci sarà anche One Ocean Foundation che, al Salone Nautico, porterà la propria esperienza sulla tutela e salvaguardia degli Oceani.

Il pubblico potrà vivere l’adrenalina della regata più dura al mondo nella speciale 𝐜𝐚𝐦𝐞𝐫𝐚 𝐢𝐦𝐦𝐞𝐫𝐬𝐢𝐯𝐚 che verrà allestita all’ingresso del Salone grazie alla collaborazione di ETT e vedere il VO65 del Team Sailing Poland, barca che è stata protagonista dell’ultima edizione (2017-2018) di The Ocean Race.

Tanti gli ospiti d’onore: dal vicepresidente vicario del Coni, Silvia Salis, al pluricampione olimpico di canottaggio Davide Tizzano (già protagonista a bordo di Moro di Venezia e Mascalzone Latino), passando per il campione del mondo di nuoto Alberto Razzetti e il velista Diego Negri che pochi giorni fa ha conquistato il secondo titolo mondiale consecutivo nella classe Star. E ancora Alberto Bona (navigatore solitario), Francesca Clapcich (prossima alla sua seconda The Ocean Race), Marco Trombetti (prossimo protagonista della Ocean Global Race), Andrea Fantini (velista impegnato nella Globe40 Round the World e Hugo Vau, surfista professionista portoghese di grandi onde.

 

UNA “ONDATA” DI EVENTI

Venerdì 23 ore 14.00 stand Comune di Genova

“Blue job, talk sullo sviluppo economico sostenibile”, iniziativa promossa dal Genova Blue District

 

Venerdì 23 ore 16.00 Eberhard & Co. Theatre

“Surfando i giganti dell'oceano” con Hugo Vau, surfista professionista portoghese di grandi onde e attivista/ecologista. Racconterà la sua impresa, legata all’onda di 35 metri cavalcata il 17 gennaio 2018 a Nazaré, un centinaio di chilometri a Nord di Lisbona. Nel segno del Genova Process, Hugo Vau è un testimonial speciale per promuovere la salvaguardia degli Oceani. Ha costituito una sua fondazione alle Azzorre, Atlantic Giants, per sensibilizzare pescatori e studenti ed è ambasciatore delle riserve marine del Portogallo.

 

Sabato 24, ore 10.00 Eberhard & Co. Theatre

“Genova Process. Diamo voce all’oceano” con Antonio Di Natale che “aggiornerà” il pubblico sulla rotta verso la dichiarazione dei diritti dell’oceano.

 

Sabato 24 ore 11.00 Lounge The Ocean Race Genova The Grand Finale

“Ogyre: come proteggere il nostro mare”, presentazione in anteprima della prima piattaforma globale per il recupero dei rifiuti dal mare

 

Sabato 24 ore 12.00 stand Comune di Genova

“Sustainable event: il countdown di Genova per il 2023”, iniziativa promossa dal Genova Blue District con la partecipazione di One Ocean Foundation

 

Domenica 25 ore 15.00 Eberhard & Co. Theatre

“A Genova la sostenibilità passa dal mare”, incontro promosso da Bio Design Foundation sull’importanza di vivere le esperienze secondo l’One Health Approach, coniugando sostenibilità, impresa e sport perché la salute degli oceani è la salute delle persone.

 

Lunedì 26 ore 11.00 Lounge The Ocean Race Genova The Grand Finale

“Regate in Liguria a inizio Secolo” presentazione del libro dell’Archivio della Regione Liguria, focus Giugno Genovese (1932)

 

Lunedì 26 ore 15.00 Eberhard & Co. Theatre

"Le voci del mare ascoltano l'oceano”, progetto promosso dalla Direzione Servizi Sociali del Comune di Genova con percorsi educativi e ludico-sportivi rivolti a minori, con attività legate al mare.

 

Lunedì 26 ore 17.00 Lounge The Ocean Race Genova The Grand Finale

“Blue Circle networking”, iniziativa promossa dal Genova Blue

 

Lo sport nella blue economy, al via il bando per individuare progetti innovativi per l’Ocean Race

Super User 15 Luglio 2022 405 Visite

Apre oggi il bando ‘Call For Innovation - Lo sport nella blue economy’ nell’ambito del progetto ‘Verso The Ocean Race’. Innovazione, sostenibilità, impresa rivolto a piccole e medie imprese, pmi innovative, start up innovative e start up innovative a vocazione sociale finanziato dalla Fondazione Compagnia di San Paolo attraverso Job Centre, soggetto gestore del Genova Blue District. Il bando, scaricabile dal sito www.genovabluedistrict.com , nasce in collaborazione con il team The Ocean Race Genova The Grand Finale 2022-23, che ha il compito di organizzare la tappa finale della più famosa e dura regata intorno al mondo in equipaggio che arriverà per la prima volta in Italia, a Genova, a fine giugno del prossimo anno, dopo 6 mesi di navigazione e circa 32.000 miglia percorse. Il bando si inserisce nel più ampio contesto del progetto “Verso The Ocean Race” sostenuto da Fondazione Compagnia di San Paolo e Fondazione Carige. 

Il bando, che scade il 4 settembre 2022, prevede, per i vincitori, il supporto tecnico di I3P - Incubatore del Politecnico di Torino. I progetti selezionati riceveranno un contributo economico da 40.000 a 200.000 euro, un servizio di accompagnamento imprenditoriale a cura dell’Incubatore del Politecnico di Torino (I3P), un servizio di accompagnamento e supporto alla comunicazione per la partecipazione all’Innovation Village, il Padiglione dell’innovazione che sarà allestito dal Genova Blue District per l’arrivo della regata a Genova dal 24 giugno al 2 luglio 2023.

Ogni proponente dovrà utilizzare la partecipazione all’Innovation Village per raggiungere partner e investitori, per aprirsi a nuovi mercati e per far provare esperienze di innovazione sostenibile ai visitatori, creando un piano di attività dimostrative, che sarà poi messo a punto durante la fase di assistenza e armonizzato con l’agenda e il layout dell’Innovation Village. 

Il progetto “Verso The Ocean Race” si fonda sui principi dell’innovazione, sostenibilità, sport del mare e impresa e rientra nel Protocollo quadro tra il Comune di Genova e la Fondazione Compagnia di San Paolo, per la realizzazione di programmi strategici per il rafforzamento e la sostenibilità di processi e progetti nei settori della cultura, delle persone e del pianeta e per realizzare gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

«La finale di Ocean Race è una straordinaria di promozione della città e dell’economia del mare – ha detto l’assessore al Porto e Politiche del Mare Francesco Maresca – siamo orgogliosi che il Genova Blue District sia, oramai da qualche mese, una sorta di quartiere generale operativo per un’iniziativa unica al mondo che approderà qui tra meno di un anno e che consentirà di fare conosce non solo la nostra città al grande pubblico ma anche tutto quell’ecosistema della blue economy di cui Genova si candida a essere capitale a livello internazionale con le sue professioni del mare, il suo know how, le proprie start up innovative e gli sport legati al mare anche come occasione di sviluppo sostenibili in un sempre maggiore equilibrio tra economia e ambiente».

Attraverso questo avviso si cercano soluzioni che sotto forma di processi, prodotti o servizi siano abilitanti per l’accesso e l’uso ottimale alle risorse, la partecipazione degli sportivi alla salvaguardia e ripristino dell’ambiente, l’uso di energie rinnovabili e la riduzione dell’impatto dei materiali utilizzati.

«La call che lanciamo oggi – ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico Mario Mascia – ha l’obiettivo di identificare e sostenere soluzioni tecnologiche o modelli di business da mostrare all’ Innovation Village della finale di Ocean Race. Queste soluzioni saranno rispondenti alle sfide strategiche e di impatto sulla sostenibilità, ad alta capacità innovativa e dimostrativa, in grado di rendere efficaci le ricadute dell’innovazione di prodotto e di processo sia lato business sia lato visitatore e cittadini. Verrà riconosciuta soprattutto l’innovazione come elemento virtuoso di progetti che abbiano un impatto a medio-lungo termine a beneficio del territorio locale, anche a livello occupazionale».

«La Compagnia di San Paolo sostiene lo sviluppo del sistema territoriale dell’innovazione dotandolo di risorse economiche, di opportunità formative per generare nuova conoscenza e competenze, di luoghi fisici che offrono una serie di servizi, di piattaforme digitali e di processi di progettazione - ha dichiarato Nicoletta Viziano, componente del Comitato di gestione della Fondazione– In tale ambito rientra la call che presentiamo oggi e che ha la finalità di identificare e sostenere quattro soluzioni tecnologiche e modelli di business rispondenti alle sfide strategiche e di impatto sulla sostenibilità, valorizzando così una nuova generazione di innovatori, imprese ed investitori finanziari, la cui capacità peculiare è produrre intenzionalmente impatti sociali positivi con la sostenibilità e la redditività economica e finanziaria delle loro iniziative».

«Fondazione Carige – ha detto il presidente di Fondazione Carige Paolo Momigliano - ha sin dall’ inizio condiviso con il Comune di Genova il progetto “Genova Blue District”, contribuendo, con specifiche erogazioni, per esempio alla ristrutturazione del cinquecentesco edificio dei magazzini dell’Abbondanza, che ospita gran parte delle attività del Genova Blue District uno spazio quindi nel quale sviluppare nuove idee, aziende e sistemi legati all’economia del mare. La partecipazione e il sostegno al più ampio progetto “Verso the Ocean Race” testimonia la volontà di Fondazione a proporsi quale partner istituzionale su progetti significativi e di forte impatto sul territorio».

Il percorso verso The Ocean Race Genova The Grand Finale 2022-23 sarà accompagnato da iniziative per dare visibilità alle proposte ed alla cultura di innovazione sostenibile legata agli sport del mare (incontri con innovatori, scienziati, laboratori sul mare, sfide, mostre, eventi musicali).

«L’ingresso all’Ocean Live Park all’interno del Waterfront di Levante sarà gratuito – spiega Marialinda Brizzolara, direttore commerciale di Genova The Grand Finale - e sono attesi oltre 350.000 visitatori, un’occasione importantissima anche per i progetti per farsi conoscere al grande pubblico. L’intenzione è anche di realizzare un villaggio diffuso in città. Il confronto con l’esperienza dell’Aia nel 2018 è d’obbligo. Il villaggio olandese, sede del Grand Finale, ha raggiunto picchi di 127.500 persone per la In-Port Race e circa 90.000 per l’arrivo delle barche per un totale di oltre 300.000 persone. Oltre ad appassionati in arrivo da tutta Italia - prosegue - in particolare sono attesi visitatori da Francia, Svizzera e Germania, da cui provengono anche molti appassionati di vela e alcuni degli equipaggi iscritti alla regata. L’arrivo delle barche è previsto per il 25 giugno 2023».

Genova e i grandi eventi sportivi: dal Giro d’Italia a The Ocean Race, e nel 2024 Capitale europea dello sport

Super User 18 Maggio 2022 365 Visite

Genova crocevia di grandi eventi sportivi. Il ritorno del Giro d’Italia di ciclismo “lancia la volata” a due straordinari eventi che porteranno il capoluogo ligure in copertina nel 2023 e 2024.

Il prossimo è l’anno di “The Ocean Race”, il giro del mondo a vela, una delle sfide sportive più dure e impegnative del pianeta che arriverà proprio a Genova con il suo “Grand Finale”. Nel 2024 Genova sarà Capitale europea dello sport.

Giovedì 19 maggio, Genova ospiterà l’arrivo della 12esima tappa del Giro d’Italia con partenza da Parma per un percorso di 202 km e 2600 m di dislivello. Un grande appuntamento per appassionati e non che tornerà a colorare Genova di rosa. Una tappa che incoronerà il vincitore di giornata nell'elegante via XX Settembre, dopo aver percorso il nuovo Ponte San Giorgio e la sopraelevata. Prima del rettilineo di arrivo, in viale Brigata Bisagno, all’altezza della Questura di Genova, i corridori in gara passeranno su una grande scritta "The Ocean Race. Genova The Grand Finale. See you in June 2023", impressa sull’asfalto grazie al lavoro degli addetti di Aster. Un’immagine suggestiva che sarà ripresa dalle tv e i social media di tutto il mondo, che suonerà come un invito speciale a raggiungere Genova il prossimo anno, quando dal 24 giugno al 2 luglio ospiterà la tappa finale di The Ocean Race.

Dal 1973 The Ocean Race ha rappresentato la sfida più dura per un team e un’avventura senza pari. Per oltre 40 anni ha avuto un richiamo quasi mitico per alcuni dei più grandi velisti del mondo ed è stata il campo dove le leggende della vela si sono messe a confronto. La prossima sarà l’edizione dei 50 anni. Partirà dal porto spagnolo di Alicante, il 15 gennaio 2023 e visiterà nove diverse città internazionali arrivando poi per la prima, storica volta in Italia, a Genova, nell’estate del 2023.

La prima tappa è uno “sprint” di 1.900 miglia da Alicante a Capo Verde, e sarà la prima volta che la regata visiterà l'arcipelago africano. La seconda tappa inizierà il 25 gennaio e vedrà le flotte attraversare l'equatore prua a sud fino a Città del Capo. La successiva è una vera tappa da record - la più lunga nei 50 anni di storia dell'evento - una maratona di 12.750 miglia e della durata di circa un mese per raggiungere Itajaí, in Brasile. Questa tappa porterà i velisti IMOCA e VO65 fino ai famigerati quaranta ruggenti e cinquanta urlanti, alle basse latitudini dell'Oceano meridionale. La flotta dovrà passare tutti e tre i grandi capi meridionali (Buona Speranza, Capo Leeuwin e Capo Horn) non-stop, per la prima volta nella storia. Dopo lo stopover di Itajaí, in Brasile, la flotta si rimetterà in mare in direzione nord, attraversando le depressioni e l'equatore per giungere a Newport nel Rhode Island, sulla costa orientale degli Stati Uniti. Da lì, la regata tornerà verso l’Europa, con una tappa transatlantica fino ad Aarhus in Danimarca, seguita da un Fly-By a Kiel in Germania, prima di fare rotta verso L'Aia, nei Paesi Bassi. Infine ecco l'ultima tappa in mare aperto verso il “Grand Finale” di Genova, che segnerà anch’esso un momento storico, con il primo arrivo in Mediterraneo e in Italia.

Parallelamente alla competizione, il capoluogo ligure sarà sede anche degli innovation workshop che riuniranno esperti mondiali sui temi della sostenibilità con l’ambizioso obiettivo di redigere i principi di una Dichiarazione dei Diritti degli Oceani, che verranno presentati all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York nel settembre 2023. Questo percorso, iniziato ufficialmente lo scorso 28 marzo, ha preso il nome di Genova Process.

Da capitale mondiale della vela a “Capitale europea dello Sport”. Nel 2024 Genova sarà teatro di grandi eventi sportivi e non solo. A seguito del “titolo” conquistato negli scorsi anni, la città ha iniziato un importante percorso di ristrutturazione di numerosi impianti sportivi e, parallelamente, ha avviato importanti progetti di promozione sportiva nelle scuole così come al fianco di enti e federazioni sportive, per incentivare sempre di più lo “sport per tutti”.

Genova Blue District celebra la Giornata mondiale degli oceani

Super User 06 Giugno 2021 375 Visite

Il Genova Blue District celebra la Giornata mondiale degli oceani-World Ocean Day con un evento in diretta streaming inaugurando con CNR, Università di Genova e il centro di competenza Start.4 una serie di seminari dedicati alla promozione dell’avvio del “Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile”, istituito dalle Nazioni Unite, Unesco e Commissione Internazionale di Oceanografica.
«Mancano pochi giorni all’arrivo di Ocean Race Europe a Genova per un’edizione dedicata al tema della sostenibilità ambientale e al mare visto come una risorsa che va rispettata e difesa – spiega l’assessore allo Sviluppo economico portuale e logistico del Comune di Genova Francesco Maresca – in questo contesto e in occasione della giornata mondiale degli oceani, l’iniziativa organizzata da Genova Blue district rappresenta un’occasione importante per riflettere sugli equilibri tra blue economy e ambiente con rappresentanti della comunità scientifica e della ricerca. La sfida del futuro è rappresentata dallo sviluppo economico ambientalmente sostenibile, un traguardo alla portata che si può raggiungere mettendo a sistema innovazione, ricerca, mondo economico e comunità locali».

L’evento, in programma martedì 8 dalle 15, si articola in due sessioni. Nella prima, dal titolo “Il mare: risorsa economica e naturale. L’innovazione verde e digitale per la sostenibilità”, verrà esaminato come si possa utilizzare nella blue economy l’innovazione verde e digitale, l’aumentata consapevolezza e protagonismo dei cittadini, delle imprese e dei governi locali e nazionali, per trovare nuovi equilibri indispensabili e urgenti, in linea con l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n 14 dell’agenda 2030. Ad aprire i lavori sarà l’assessore allo Sviluppo Economico Portuale e Logistico del Comune di Genova Francesco Maresca, con interventi di: Paolo Verri, direttore generale The Ocean Race- Genova; Domenico Sturabotti, direttore di Symbola Fondazione per le qualità italiane; Michele Viviani, presidente del Centro del Mare dell’Università di Genova Michele Viviani, di Georgia Cesarone, Responsabile della Formazione di Start 4.0; Marco Faimali, presidente dell'area della Ricerca del CNR di Genova. Nel panel, moderato dal direttore del Job Centre Claudio Oliva, sarà presentato il calendario di un primo ciclo di incontri di scambio e approfondimento scientifico, contenenti ciascuno una parte di divulgazione, proposti dal Genova Blue District alla comunità scientifica e ai cittadini, a cura dei suoi partner Università di Genova- Centro del Mare, CNR, Start 4.0 e realizzati con il contributo della Compagnia di San Paolo, denominati Seminari Blue.

Nella seconda parte, dal titolo “Il mare: la scienza blu per la resilienza e la rigenerazione del nostro territorio sommerso”, verrà proposto un primo Seminario Blue che vede come ospiti di eccezione due scienziati impegnati in tematiche ed azioni dedicate alla resilienza e la rigenerazione del nostro territorio sommerso. Moderati da Marco Faimali (direttore CNR-IAS), Ferdinando Boero (Università di Napoli Federico II, CNR- IAS, Stazione Zoologica Anton Dhorn) e la Maria Cristina Pedicchio (Università di Trieste, presidente del Cluster Marittimo FVG) animeranno una sessione che promuoverà una nuova visione del mare come fondamentale risorsa per il nostro futuro.

Oggi il mare e i suoi fondali costituiscono un campo d'indagine e di studio di grande rilevanza scientifica non solo per il presente, ma soprattutto per il futuro, in cui il ruolo degli oceani diventerà sempre più determinante per le condizioni di crescita e di sviluppo dell'intera umanità. 

Il Genova Blue District - World Ocean Days avrà inizio alle ore 15 e sarà trasmesso in streaming al link https://www.youtube.com/watch?v=Y5gxytxIo9I
Inoltre lo streaming sarà sulla pagina Facebook di Genova Blue District e sui veicoli che i partner metteranno a disposizione.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Levante

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip

The Ocean Race