Quanto e’ bello pestare in compagnia

Per un giorno, il pesto ha messo tutti d’accordo. I genovesi hanno risposto in massa all’invito

di Regione Liguria a partecipare al Campionato di pesto al mortaio, che si è svolto ieri a Palazzo Ducale, e a firmare a favore del riconoscimento del pesto come bene immateriale Unesco.
La gara ufficiale, alla quale hanno partecipato 100 concorrenti, è stata vinta da Emiliano Pescarolo, sommozzatore lombardo di 40 anni residente però a Genova. Molti hanno voluto pestare nel cortile di Palazzo Ducale insieme ai politici che per l’occasione si sono cimentati al mortaio. Abbiamo incontrato Giovanni Toti, Marco Bucci, Stefano Balleari, Sandro Biasotti, Roberto Cassinelli, Alberto Pandolfo, Ilaria Cavo, Stefano Mai, Paola Bordilli, Lilli Lauro, Federica Cavalleri, Nicola Solimena, Alfonso Gioia, tutti presenti per la stessa causa, il pesto.

Il governatore Toti assaggia il pesto

Il discorso del sindaco Marco Bucci

Roberto Panizza ideatore del Campionato di pesto al mortaio

Stefano Mai, assessore regionale all'Agricoltura, Franco Senarega, consigliere regionale e Chiara Barbieri, addetta stampa della Lega

Donne in costume

La sala del Maggior Consiglio gremita

Alberto Pandolfo, consigliere comunale e segretario metropolitano del PD

L'assessore comunale Paola Bordilli e il neo senatore Sandro Biasotti

Il comico Carlo Denei ai piedi dell'assessore Bordilli

Gli orecchini a forma di foglia di basilico dell'assessore regionale Ilaria cavo

Il sindaco Marco Bucci

Paola Bordilli, Lilli Lauro e Federica Cavalleri al mortaio

Alcuni concorrenti

ultimi articoli