Skin ADV

Notizie

Coronavirus, Toti: “Dati particolarmente positivi. Oggi la Liguria sarebbe in zona gialla”

Super User 17 Aprile 2021 61 Visite

“I dati di oggi sono particolarmente positivi. In tutta la Regione cala l’incidenza del virus: la media della Liguria è 151 casi su 100mila abitanti a settimana, e anche la provincia di Imperia scende sotto quota 200, toccando quota 195. Un dato particolarmente rilevante visto che anche la provincia più vicina alla Francia, dove il Covid ha colpito e continua a colpire in maniera intensa, comincia scendere. Con questi numeri, Regione Liguria oggi sarebbe in zona gialla. Nella terza ondata la nostra non è mai stata una regione rossa, questo significa che siamo stati bravi a rispettare le regole e capaci di arginare il virus anche mediante le zone rosse decise a livello regionale”.

Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti fa il punto sulla situazione Coronavirus in Liguria.

“Scende anche il numero delle persone ricoverate in ospedale –prosegue Toti -, di 21 unità, come anche il numero di chi si trova in terapia intensiva, che scende sotto quota 80. Sono purtroppo 14 le vittime registrate, una delle quali risalente alle settimane passate, e 13 agli ultimi giorni. È evidente che l’elevato numero di ricoveri dei giorni scorsi produce questo effetto drammatico: proprio per questo dobbiamo continuare con la campagna di vaccinazione”.

“A questo proposito – aggiunge Toti – anche oggi la Liguria ha effettuato un numero superiore di vaccini rispetto all’obbiettivo assegnato di 7800, cioè più di 10.500. Siamo all’88% del somministrato sul consegnato: abbiamo bisogno che arrivino le dosi per non rallentare questo ritmo”.

In totale ad oggi risultano 320.094 persone prenotate attraverso la piattaforma di Liguria Digitale*

Gravi disabili
Le persone prenotate con disabilità grave sono 1.553

Asl1 133

Asl2 310

Asl3 800

Asl4 151

Asl5 159

 

65/69 anni
Le persone prenotate per la fascia 65/69 anni sono 20.627

Asl1 2.259

Asl2 3.962

Asl3 9.526

Asl4 1.988

Asl5 2.892

 

70/74 anni
Le persone prenotate per la fascia 70/74 anni sono 50.893

Asl1 5.764

Asl2 9.719

Asl3 22.889

Asl4 4.620

Asl5 7.901

 

75/79 anni
Le persone prenotate per la fascia 75/79 anni sono 47.654

Asl1 5.150

Asl2 9.503

Asl3 21.278

Asl4 4.131

Asl5 7.592

 

Over 80
Le persone prenotate over80 sono 96.175

Asl1 12.663

Asl2 19.781

Asl3 51.347

Asl4 7.836

Asl5 4.548

 

Ultravulnerabili
Per quanto riguarda gli ultravulnerabili le persone prenotate dal Cup ad oggi sono 40.524, su un totale di 55.386 indicato fino ad oggi dai medici di medicina generale

Asl1 4.803

Asl2 6.117

Asl3 22.339

Asl4 2.485

Asl5 4.780

 

Medici di medicina generale
Le persone prenotate dai medici di medicina generale sono 59.635, di cui 11.230 in corso di rimodulazione per adeguamento a nuove disposizioni ministeriali

Farmacie
Le prenotazioni per vaccinarsi in farmacia ad oggi sono, per tutta la Liguria, 13.979

Asl1 1.329

Asl2 1.640

Asl3 7.170

Asl4 1.072

Asl5 2.768

 

*Il totale è dato dalla somma delle categorie di cui trovate il dettaglio per Asl a cui sono stati aggiunti alcuni casi che non rientrano in queste fasce (ad esempio alcuni lavoratori transfrontalieri e gli appuntamenti recuperati dopo la cancellazione avvenuta a marzo a seguito della sospensione di Astrazeneca)

Covid in Liguria: 321 nuovi casi e 14 decessi, calano ospedalizzati (-21) e TI (-5)

Super User 17 Aprile 2021 53 Visite

Il bollettino del coronavirus in Liguria di oggi, sabato 17 aprile.

Casi totali da inizio emergenza = 95.930 (+321)

Attualmente positivi = 7.043 (-66) *

657 (-21) in ospedale (di cui 78 in terapia intensiva / TI, -5)

6.312 in isolamento domiciliare (-9)

Dettaglio 321 nuovi casi per residenza:

IM: 49

SV: 69

GE: 165 (di cui 148 di Asl3, 17 di Asl4)

SP: 38

Non riconducibili alla residenza in Liguria: 0

Guariti = 84.820 (+373) **

Deceduti = 4.067 (+14)

Tamponi = 1.129.971 (+4.576)

Tamponi antigenici rapidi = 225.299 (+2.645) ***

Ospedalizzati = 657 (78 TI)

Asl1 = 117 (11 TI)

Asl2 = 133 (14 TI)

San Martino = 115 (25 TI)

Galliera = 72 (6 TI)

Gaslini = 5 (1 TI)

Asl3 = 97 (6 TI)

Asl4 = 38 (4 TI)

Asl5 = 80 (11 TI)

Attualmente positivi per residenza = 7.043

IM = 1.134

SV = 1.503

GE = 3.299

SP = 819

Fuori regione = 95

Altro o in fase di verifica = 193

Sorveglianze attive (contatti di positivi) = 6.326

Asl1 = 1.375

Asl2 = 1.364

Asl3 = 2.498

Asl4 = 395

Asl5 = 694

 

Vaccini Covid ****

Consegnati = 527.160

Somministrati = 462.472 (88% dei consegnati)

Vaccinati che hanno completato il ciclo vaccinale a ieri = 127.650

 

(*) I flussi sono stati allineati come indicato dall'Istituto Superiore di Sanità, considerando nei casi "guariti", oltre ai pazienti che risultano negativi al test molecolare, anche quelli che risolvono i sintomi dell'infezione da Covid-19 e per i quali sono trascorsi 21 giorni dall'inizio dei sintomi – previa valutazione di esperti clinici e microbiologi/virologi (riferimento Circolare del Ministero della Salute n.32850 del 12/10/2020)

(**) Pazienti che risultano negativi al test molecolare; pazienti che risolvono i sintomi dell'infezione da Covid-19 e per i quali sono trascorsi 21 giorni dall'inizio dei sintomi - previa valutazione di esperti clinici e microbiologi/virologi - riferimento Circolare del Ministero della Salute n.32850 del 12/10.

(***) In data 15/01 il Ministero ha chiesto modifica di questo campo ovvero inserire il dato delle ultime 24 ore resettando il flusso. Il cumulato riprende pertanto dal 14/01.

(****) Dal 2 marzo i dati delle vaccinazioni Covid sono estratti direttamente dall’Anagrafe Vaccinazione Covid-19 (AVC) nazionale. Prima il dato riferito era trasmesso giornalmente entro le ore 13 ad ALISA dalle singole Aziende attraverso una piattaforma dedicata. Adesso invece, il flusso corrisponde ai dati AVC. Pertanto si riscontra una differenza numerica, dovuta ai tempi tecnici necessari per il recepimento dei dati trasmessi dalle singole Aziende Sanitarie al flusso regionale e successivamente inviato al nazionale AVC. I dati AVC disponibili sono aggiornati alle ore 16 odierne

Turismo, assessore Berrino: “Nuova funzione avvistamenti Guardia Costiera promuove e tutela il nostro mare”

Super User 17 Aprile 2021 52 Visite

“La ‘funzione avvistamenti’ sarà fondamentale per gli operatori della Guardia Costiera, che potranno lavorare su un'unica banca dati di valenza scientifica, e per l'Istituto Tethys, che potrà classificare e identificare le specie di appartenenza degli animali avvistati”, commenta l’assessore al Turismo Gianni Berrino.

“Un'iniziativa importante - conclude l'assessore Berrino - che permetterà agli utenti di segnalare attraverso il proprio telefono la presenza di particolari specie marine, geo localizzarle e trasmetterne le immagini. La promozione del mare e la sua tutela sono alla base di un turismo sostenibile e della sua diffusione”.

 

Da settimana prossima 37 squadre di vaccinazione domiciliare attive sul territorio regionale

Super User 17 Aprile 2021 77 Visite

“Saranno 37 le squadre per la vaccinazione domiciliare attivate sul territorio della Liguria a partire dalla prossima settimana”. Lo annuncia il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti.

Le 37 squadre saranno così suddivise: 7 nella Asl1, 6 nella Asl2, 13 nella Asl3, 6 nella Asl4 e 5 nella Asl5. Fino alla scorsa settimana le squadre attive sul territorio regionale erano in totale 27.

“Nei giorni scorsi – prosegue Toti - avevamo chiesto alle cinque Asl della Liguria di mettere in campo 32 squadre per procedere il più rapidamente possibile alla vaccinazione delle circa 10mila persone non deambulanti identificate dal sistema sanitario regionale: con questo ulteriore sforzo andiamo a potenziare ancora di più la nostra campagna vaccinale”.

Cristina Enrico subisce il furto di una foto e coinvolge la rete: “E’ successo anche a voi?”

Super User 17 Aprile 2021 191 Visite

Cristina Enrico, nota farmacista di Pegli e responsabile ligure delle politiche sociali di Fratelli d’Italia, si è proprio arrabbiata. E non si è certo nascosta. In queste ore, sul suo profilo Facebook, ha denunciato con forza un fatto tanto grave, quanto tristemente consueto nel mondo social: il furto di una foto.

Non si tratta di un'immagine qualunque, ma quella che la vede ritratta intenta ad amorevoli cure del figlioletto Carlo, che di recente ha allietato lei e il suo consorte Christian Surico. Ma c'è di più: la foto campeggia in un profilo fake che è on line su Facebook sotto il nome di “Santa Colomba”.
Dopo aver denunciato il fatto, però, Cristina Enrico ha voluto trasformare la disavventura personale, che già stanno seguendo le autorità preposte, in un momento di riflessione politica e sociale.

Subito dopo la comprensibilissima rabbia, l'esponente del partito di Giorgia Meloni, ha invitato quanti la seguono a raccontarle di possibili disavventure loro capitate. Furti di immagini o, ancora peggio, minacce in rete.
“Dietro il furto di una foto sui social si nascondono gravi e pericoli. La mia storia diventi la nostra!”, ha scritto in un post uscito da poco sulla sua bacheca. L'invito è rivolto a tutti ma, in particolare alle donne, alle ragazze, che spesso diventano vittime di stalker in modo graduale. “Spesso si parte in un'immagine e si finisce nel sangue”, dice Cristina.
La sfida ai maniaci del web è partita.

Recco, il sindaco Gandolfo: “Far ripartire la ristorazione, settore trainante per l'economia cittadina”

Super User 17 Aprile 2021 75 Visite

Il rischio ragionato, basato sui dati in miglioramento, che si traduce in opportunità per l'economia e la vita sociale, come ha detto il presidente del consiglio Draghi in conferenza stampa ieri sera, è stato ripreso anche dal sindaco Carlo Gandolfo nel corso della periodica diretta Facebook dedicata agli aggiornamenti su vaccini e riaperture di bar e ristoranti. "Dobbiamo provare a uscire da questo 'cul de sac' in cui siamo finiti, con poche possibilità di sviluppo per le nostre attività commerciali, in sofferenza a causa della zona arancione che non permette la circolazione tra i comuni se non con qualche eccezione. Dobbiamo essere in condizione di far ripartire la ristorazione che per la città rappresenta un settore economico trainante ma in questo momento fermo al palo. Speriamo che le interlocuzioni che ci sono all'interno del Governo portino a delle soluzioni per la ripresa delle attività. Naturalmente in tutta sicurezza, prevedendo il distanziamento dei tavoli, il contingentamento dei numeri all'interno delle strutture e con la possibilità di disciplinare la ricezione delle persone all'aperto. Proprio su questo aspetto l'Amministrazione comunale dallo scorso anno ha dato massima disponibilità per l'ampliamento degli spazi all'aperto per bar, ristoranti, e per le attività di asporto con consumo sul posto. Si può beneficiare della gratuità dell'occupazione del suolo, norma imposta dal Governo successivamente, che si sovrappone a quella che il Comune aveva emanato all'inizio pandemia. Stiamo lavorando per una gestione delle spiagge in linea con quanto avevamo programmato lo scorso anno, con il contingentamento dei bagnati, in massima sicurezza, per permettere a tutti di godere il mare in tranquillità. Stiamo, inoltre, lavorando per una stagione di eventi come quella che avevamo organizzato nel 2020, con la possibilità di seguire all'aperto spettacoli di alto livello in completa sicurezza". Il primo cittadino di Recco ha aperto la diretta con l'aggiornamento sulla situazione epidemiologica che risulta rassicurante rispetto a una contrazione del numero dei contagi. "Una notizia positiva - ha detto il sindaco Carlo Gandolfo - ma non dobbiamo abbassare la guardia. Intanto è in via di conclusione la campagna vaccinale per gli over 80.  Per quanto riguarda l'avvio delle somministrazioni per la fascia di persone nate dopo il 1941, l'Asl ha apprezzato la nostra disponibilità a prendere in carico le prenotazioni ma, per il momento, vista la scarsità di dotazione dei vaccini dobbiamo attendere ulteriori sviluppi in campo nazionale. Il Comune, comunque, è già pronto a ricevere le adesioni anche per questa fascia di età".

Toti: “Percorso per riaperture annunciato da Draghi ragionevole e coerente con dati”

Super User 16 Aprile 2021 114 Visite

"Buone le notizie anticipate dal Presidente del Consiglio Draghi, che con molta ragionevolezza ha avviato un percorso che andrà ovviamente affinato, studiato e approfondito sulle riaperture. L'idea che dal 26 il paese possa cominciare a riaprire, sia pure con le prudenze e limitazioni del caso, in un percorso che sarà certamente graduale e forse non brevissimo dà un segnale di speranza a molti ed è coerente con i dati del nostro Paese, certamente con quelli della nostra regione, stasera decisamente positivi". Lo ha detto il Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti nel corso della conferenza stampa di aggiornamento sul Coronavirus in Liguria. "Cala ancora sensibilmente la pressione sui nostri ospedali - ha detto commentando i dati odierni - torniamo sotto la soglia dei 700 ricoverati dopo qualche settimana. Calano anche le terapie intensive. La tendenza è sostanzialmente omogenea in tutte le aziende sanitarie della regione. Oggi sette i deceduti, stiamo tornando sotto la soglia dei 10 al giorno: la terza ondata è stata ben gestita dai nostri ospedali e fortunatamente il tasso di mortalità sta scendendo, anche grazie all'imponente campagna vaccinale in corso. Anche oggi oltre 8000 vaccini di tipo 'freeze' (Pfizer e Moderna) e oltre 2500 vaccini di tipo 'cold' (Astrazeneca), quindi circa 11mila vaccini, cifra molto superiore ai 7800 indicati dalla struttura commissariale. Continuiamo a crescere nella percentuale dei vaccini somministrati sui consegnati. Siamo sopra il 50% degli ottantenni, sta crescendo la percentuale dei 70-79 ed è aperta la prenotazione tra 65 e 69. La percentuale sulla popolazione residente dei vaccinati continua a salire e si distacca dalla media italiana: oggi il 20,73% le prime dosi in confronto al 16,2 della media italiana; 8,17% le seconde dosi contro il 6,90 in Italia".

"La campagna vaccinale ad ogni modo sta dando i suoi frutti in tutta Italia - ha detto ancora il Presidente - Ogni azienda sanitaria ha attivato un numero dedicato e caselle di posta elettronica per richiedere informazioni su vaccinazioni e prenotazioni, anche in riferimento agli aventi diritto inseriti nella categoria disabili gravi. I numeri si trovano sui siti delle Asl, di Regione Liguria e sulla pagina facebook dell'Ente. Da ieri è aperta la prenotazione per la fascia 65-69, 18.437 i prenotati finora con appuntamenti molto ravvicinati".

Filippo Ansaldi, responsabile prevenzione Alisa: "Il quadro epidemiologico della nostra regione mostra come la curva di incidenza, quindi l'andamento dei nuovi casi della nostra regione nella terza ondata, abbia avuto un picco due settimane fa mentre si osserva una diminuzione nelle ultime due settimane di nuovi casi. L’impatto della terza ondata in Liguria, rispetto al resto d’Italia, è stato assolutamente controllato: oggi abbiamo una diminuzione dell'incidenza in tutte le province, superiore a ponente, in discesa e su valori più bassi al centro, a Genova e alla Spezia. L’indice RT, secondo l’ultimo report del ministero che è riferito a 17 giorni fa, è pari a 1, quello in tempo reale è invece più basso.

Globalmente il report dice che abbiamo tutti gli indicatori all'interno della soglia per quanto riguarda la qualità e che abbiamo una buona capacità di tracciamento, inoltre si rilevano in diminuzione gli indicatori di trasmissione del virus.

Riguardo alla campagna di vaccinazione, stimiamo che rendere immuni tutti gli over 70 comporterebbe una diminuzione del 60% dei ricoveri e del 90% dei decessi. Ad oggi, per quanto riguarda gli over 70, abbiamo il 51% degli over 70 liguri che hanno ricevuto una dose e un incremento del 2% ogni giorno in questa fascia di età che significa stimare che circa l'85% degli over 70 vuole vaccinarsi. Così facendo, nel giro delle prossime due settimane riusciremo a concludere la vaccinazione con almeno una dose per questa coorte di nascita, si tratta di un dato importante perché chiaramente l'impatto del covid sul nostro sistema sanitario, a fronte della crescita dei soggetti immunizzati, tenderà a diminuire. 

Barbara Rebesco, responsabile per la logistica della vaccinazione Alisa: "Riceveremo circa 57.000 dosi in consegna la prossima settimana, distribuite tra 39.780 dosi di Pfizer, 10.300 di Moderna e 7.500 di AstraZeneca. Per quanto riguarda monitoraggio dei trattamenti anti covid con anticorpi monoclonali, la nostra regione si distingue per un impiego assolutamente performante di questo prodotto". 

Angelo Gratarola, responsabile dipartimento interaziendale regionale emergenza urgenza: "Si chiude una settimana all’insegna di un calo generalizzato dell’incidenza in tutta la regione e anche della pressione ospedaliera. Come avevamo detto venerdì scorso, non era così preoccupante l’aumento, anche se di poche unità, dei letti di terapia intensiva, perché è un numero cresciuto in virtù della crescita delle settimane passate della media intensità e dell’incidenza. È un numero, data la complessità di cura di questi malati più gravi, che necessita di più tempo, e quindi è l’indicatore che scenderà più tardivamente, ma scenderà inevitabilmente con il calo dell’incidenza e dei ricoveri in media intensità. L’indicatore che calerà per ultimo è la mortalità. La pressione sui Pronto Soccorso non è molto elevata ed è basata ormai su malati non Covid. Tutti gli ospedali stanno cominciando una progressiva riconversione dei posti letto per dare ricovero a pazienti non Covid. Questo è l’andamento, mi auguro che tra le prossime due settimane possiamo piegare questi numeri e tornare a valori più contenuti rispetto sia all’incidenza sia ai ricoveri in media intensità". 

Matteo Bassetti, direttore dipartimento interaziendale malattie infettive: "Si chiude una settimana molto simile alla scorsa, in cui le dimissioni sono state maggiori rispetto ai nuovi ingressi e anche stasera, nel reparto di Malattie Infettive, vi erano moltissimi posti liberi. Negli ultimi 10 giorni abbiamo assistito ad un abbassamento significativo dell’età media dei ricoveri, prova che le vaccinazioni, per la categoria degli ultraottantenni e non solo, stanno iniziando a dare i loro frutti. È certamente cambiata molto la tipologia di pazienti ricoverati; età media minore e, soprattutto, si mantengono delle degenze medie più basse rispetto a quelle delle ondate precedenti, con una degenza media che oggi è intorno ai 5/6 giorni. Si mantiene anche il trend importante della riduzione della mortalità dei malati ricoverati nei reparti di Malattie Infettive rispetto a quello che avevamo visto nei mesi precedenti. In merito agli anticorpi monoclonali, punto di orgoglio di questa regione, chiudiamo la settimana con 116 trattamenti fatti in tutta la Liguria. Con 75 dosi per milioni di abitanti, la Liguria è la prima regione italiana nell'utilizzo di questi farmaci salvavita. È un farmaco che cerca di non far arrivare il paziente in ospedale e non farlo progredire verso una forma più grave ed evita, di conseguenza, molti decessi. Tutte le Asl della Liguria lo hanno utilizzato, da un paio di giorni anche il Galliera, e da oggi Asl3 e Villa Scassi. Chiudiamo oggi a 85 accessi fast-track del sistema di collaborazione che abbiamo in essere con la telemedicina".

Si riparte: dal 26 aprile la Liguria torna in zona gialla

Super User 16 Aprile 2021 102 Visite

“Bene questo primo segnale di ripartenza annunciato dal Premier Draghi. Accogliendo le richieste delle Regioni, il Governo sta studiando una road map per le prossime riaperture”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in merito alle riaperture annunciate dal Presidente del Consiglio Mario Draghi.

“Dal 26 aprile tornerà la zona gialla – aggiunge il governatore ligure - e, oltre alle tradizionali misure, i ristoranti all’aperto potranno lavorare anche a cena. Via libera agli spostamenti tra regioni in fascia gialla, con pass invece tra territori di colore diverso. Per quanto riguarda la scuola, le lezioni torneranno in presenza per le regioni gialle e arancioni”.

“La Liguria al momento ha un indice Rt pari a 1 – prosegue Toti - e si collocherebbe in zona gialla. Speriamo quindi di rientrare in questa fascia già dal 26 aprile e dare una prima boccata d’ossigeno a tante attività e lavoratori. Torniamo a programmare il futuro – conclude - con coraggio e buonsenso”.

Maculopatia e retinopatia, Genova punto di riferimento per sperimentazione pilota di teleconsulto

Super User 16 Aprile 2021 130 Visite

In questo mese di aprile Genova è punto di riferimento nazionale per una sperimentazione pilota di teleconsulto presentata in occasione della Giornata Nazionale dell’Oftalmologia ed avviata nell’ambito della campagna di prevenzione e diagnosi di maculopatia e retinopatia senile patrocinata dal Comune di Genova e promossa dal Comitato Macula, prima associazione senza fini di lucro che dà voce ai pazienti con maculopatia.

La degenerazione maculare senile e la retinopatia sono patologie oculari che emergono dopo i cinquant’anni. Si caratterizzano per un progressivo deterioramento dei fotorecettori sulla retina e sulla sua porzione centrale, la macula. Questo limita la loro funzione di recepire l’informazione luminosa e di convogliarla correttamente al nervo ottico causando una capacità visiva sempre più difficoltosa e compromessa.

Lo screening gratuito, effettuabile due giorni alla settimana nella farmacia Burlando (una delle otto farmacie comunali) diretta dalla dottoressa Paola De Biasio, si svolge attraverso una sofisticata macchina di tomografia ottica computerizzata (OCT) che, connessa ad internet, viene gestita completamente da remoto da un medico oculista.

L’oftalmologo esegue l’esame interagendo con il paziente come se fossero in presenza e, partendo da un primo colloquio conoscitivo per apprendere la storia clinica del paziente, procede eseguendo un esame obiettivo ed il test strumentale per poi emettere la sua diagnosi utile per intervenire in maniera puntuale o precoce in caso di patologie. 

L’esame dura circa un quarto d’ora ed è tendenzialmente consigliato per gli over 50, i diabetici e per i giovani con casi di ereditarietà familiare. Dall’avvio della sperimentazione le richieste di sottoporsi al test hanno superato le aspettative e sono pervenute da ogni zona della città fissando una dozzina di appuntamenti al giorno. L’esame da remoto viene effettuato da due medici oculisti del policlinico San Martino. Il teleconsulto non rappresenta una visita oculistica completa, ma è estremamente utile per esaminare la retina ed evidenziare eventuali problematiche che verranno successivamente approfondite con ulteriori accertamenti e affrontate con le terapie più idonee. 

«Si tratta di una sperimentazione pilota che rappresenta una nuova modalità di impegno dell’Amministrazione nel contrasto alle malattie degli occhi e in particolare alle maculopatie – dichiara il vicesindaco e assessore alla salute Massimo Nicolò –. L’innovazione tecnologica e la telemedicina rappresentano una grande opportunità per accorciare le distanze con i cittadini, in particolare quelli più anziani, e questo nuovo dispositivo di teleconsulto consentirà loro di farsi visitare bene, in sicurezza e in un ambiente a loro familiare. Un aspetto importante che diventa fondamentale in questo periodo di emergenza sanitaria. Ringrazio il direttore della clinica oculistica universitaria dell’Ospedale Policlinico San Martino, Carlo Enrico Traverso, per il fondamentale contributo dato alla buona riuscita del progetto».

«Fin dall’inizio del suo mandato l’Amministrazione sta investendo energie e risorse nella lotta e prevenzione alle patologie visive, e questa iniziativa va proprio in questa direzione. Sono felice che nella sperimentazione del servizio di teleconsulto siano state coinvolte farmacie comunali che rappresentano un fondamentale presidio sanitario e di supporto sempre più importante in epoca Covid», aggiunge l’assessore alle farmacie comunali Matteo Campora. 

In futuro la possibilità di potersi sottoporre a teleconsulti specialistici semplicemente recandosi nella farmacia più vicina dotata di specifici dispositivi diagnostici potrà offrire molteplici vantaggi, soprattutto in un periodo difficile come questo contraddistinto da un’emergenza pandemica che induce le persone a limitare i controlli sulla propria salute rischiando di trascurare l’insorgenza o la presenza di malattie. Il teleconsulto offre anche il non trascurabile beneficio di poter effettuare controlli a distanza decongestionando gli ospedali.

In Italia oltre un milione di persone, per lo più over 65, soffre di degenerazione maculare legata all’età (DMLE) e spesso la diagnosi arriva decisamente troppo tardi. La DMLE è una malattia oculare legata all’invecchiamento delle strutture profonde dell’occhio, in particolare della macula, la porzione centrale della retina in cui sono presenti la maggior parte delle cellule che processano gli impulsi luminosi e li inviano al cervello perché vengano tradotti in immagini. Se questa parte dell’occhio è danneggiata, la visione centrale viene compromessa, specie se la malattia non è diagnosticata e trattata con tempestività.

La campagna di prevenzione consiste nell’affissione e distribuzione nelle stazioni della metropolitana e all’interno degli autobus AMT della cosiddetta “Griglia di Amsler”, un test che ogni persona si può autosomministrare per individuare il sintomo più precoce delle maculopatie. Questo test, in modo facile, veloce e preciso, consente infatti di scoprire anomalie nella visione centrale di cui spesso è difficile accorgersi nella vita di tutti i giorni. 

Per prenotare il proprio esame a distanza occorre contattare la farmacia comunale Burlando, di via Burlando 76r, telefonando allo 010.876264. 

Comune di Genova approva riqualificazione e realizzazione nuove aree gioco

Super User 16 Aprile 2021 92 Visite

La Giunta, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici, manutenzioni e politiche per lo sviluppo delle vallate Piero Piciocchi, ha approvato il progetto definitivo relativamente agli interventi di riqualificazione e realizzazione di nuove aree gioco sul territorio comunale.

I lavori, inseriti nel Programma triennale dei lavori pubblici, prevedono una spesa complessiva di 400mila euro di cui 200mila nel 2021, 100mila nel 2022 e 100mila nel 2023.

Il progetto definitivo, redatto dagli uffici tecnici della Direzione Facility Management e costituito da relazione tecnico-illustrativa e quadro economico, prevede interventi diffusi sul territorio. Trattandosi di un cosiddetto “accordo quadro”, i lavori da effettuare non sono stati stabiliti a monte, ma saranno individuati via via sulla base delle necessità e delle esigenze manifestate dai Municipi e dai cittadini. In questo modo, la città di Genova ha a disposizione uno strumento flessibile, che permetterà di intervenire rapidamente in maniera mirata dove serve, ad esempio in seguito alla rottura di un gioco o un’attrezzatura.

«Migliorare le aree gioco esistenti e costruirne di nuove – spiega l’assessore Pietro Piciocchi – è un impegno che ci siamo presi come Amministrazione e che intendiamo portare avanti con forza nel quadro delle misure a favore e sostegno delle famiglie genovesi. Dare ai nostri figli il diritto di correre e giocare in libertà e sicurezza vicino a casa serve a loro per fare movimento e svagarsi, soprattutto in questo periodo di restrizioni dovute alla pandemia, e ai loro genitori e nonni per trascorrere più tempo all’aria aperta. Continuiamo a lavorare con l’obiettivo che Genova diventi sempre di più una città a misura di bambino».

Come si diceva non è possibile, al momento, indicare quali interventi verranno concretamente realizzati. Con l’accordo quadro precedente e ancora in corso sono stati effettuati numerosi lavori e altri stanno per partire.

A maggio è previsto l’avvio dei lavori per la realizzazione di aree giochi inclusive nei Giardini Pavanello (Municipio II) e nei Giardini Guerra (Municipio V) (con donazione UILDM attraverso il bando "A scuola d'inclusione"). Sono previsti una nuova pavimentazione antitrauma, giochi a molla, a cesto e a scodella, altalene inclusive e pannelli interattivi (“sonoro” e “sistema solare”). Il contrasto cromatico della pavimentazione è pensato per supplire difficoltà visive.

Altri lavori per i quali è attualmente in corso la progettazione esecutiva riguardano la riqualificazione dei Giardini Marchisio e di Parco da Pelo Prà. 

I più recenti già realizzati
Di recente, altri interventi su aree gioco-fitness sono stati effettuati ai Giardini Nobile (Municipio IV), con la riqualificazione dell’ex pista di pattinaggio, con installazione di un gruppo di giochi inclusivi e l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Nel Quartiere San Pietro - Lavatrici (Municipio VII) è stata riqualificata l’area giochi per fascia di età prescolare/scolare, con sostituzione dei giochi esistenti con giochi inclusivi; è stata realizzata un’area parcour/fitness pensata per gli adolescenti con installazione di attrezzature specifiche.

Nella Darsena Comunale (Municipio I), è stata realizzata un’area giochi per i bimbi di età prescolare/scolare a tema marino.

Nei Giardini Varesano (Municipio III) è stato ripensato lo spazio urbano con la realizzazione di area giochi e area sosta/relax.

Il Comune ha anche attivato collaborazioni con sponsor che hanno portato, ad esempio, alla realizzazione di aree inclusive a Villa Rossi (donazione Associazione Samuele Cavallaro onlus), a Villa Scassi (donazione Rotary club), ai Giardini Guerra (donazione UILDM bando "a scuola d'inclusione"), ai Giardini Marchisio (donazione Lions club).

Sport, sottosegretario Costa: “Incontro con Gravina e Dal Pino per parlare della riapertura degli stadi”

Super User 16 Aprile 2021 83 Visite

"Questa mattina ho incontrato il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), Gabriele Gravina, e il presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino. Ci siamo confrontati sulla necessità di riaprire al più presto gli stadi, partendo già dalla finale di Coppa Italia, per lanciare un concreto segnale di speranza a tutto il settore e al Paese, dopo l'ok del governo alla presenza di tifosi negli impianti sportivi in occasione degli Europei di Calcio. Abbiamo avuto modo poi di approfondire il progetto della "tessera sanitaria dell'atleta" e affrontato anche le problematiche legate alla situazione di alcuni stadi italiani". È quanto dichiara in una nota il sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa.

AMIU Genova rafforza la collaborazione con gli enti e le associazioni dei consumatori

Super User 16 Aprile 2021 145 Visite

Presentato questa mattina l’accordo di collaborazione tra AMIU Genova con ILC (Istituto Ligure per il Consumo) per consolidare le attività di informazione alla cittadinanza e di monitoraggio dell’associazione che nei propri fini ha anche quello di incentivare i cittadini a porre maggiore attenzione alla raccolta differenziata e a migliorarne gli standard di qualità.

All’evento di presentazione dell’accordo, che si è svolto nella Sala Trasparenza di Regione Liguria e che avrà durata sino al 31 dicembre 2021, erano presenti Simona Ferro, assessore regionale a Cittadinanza responsabile e Tutela dei consumatori, Matteo Campora, assessore comunale all’Ambiente, il presidente AMIU Genova Pietro Pongiglione e in rappresentanza dell’Istituto Ligure per il Consumo, il presidente Furio Truzzi.

L’Istituto Ligure per il Consumo - che riunisce tutte le otto associazioni dei consumatori, Adiconsum, Assoutenti, ADOC, La Casa del Consumatore, Codacons, Federconsumatori, Lega Consumatori e Sportello del Consumatore - ha anche lo scopo di promuovere iniziative ambientali come la prevenzione dei rifiuti, l’economia circolare e la riduzione degli sprechi. 

Il servizio di monitoraggio viene svolto da uno staff di 30 informatori ambientali, volontari appositamente formati da un corso realizzato in collaborazione con CONAI e AMIU su più moduli: la normativa rifiuti, prevenzione e riduzione, gli imballaggi, le filiere, i sistemi di raccolta, i sistemi impiantistici, i prodotti del riciclo, la comunicazione e la sicurezza; a questo si aggiungono attività legate alla valutazione dei servizi resi da AMIU, legate alla raccolta differenziata e al riciclo, all’utenza nel Comune di Genova e da incrementare ulteriormente su tutto il territorio del bacino del Genovesato. 

Tutti i risultati delle attività di monitoraggio dei servizi, dovranno essere condivisi con Città Metropolitana all’atto di presentazione del Piano delle Attività per l’anno successivo alla rilevazione. 

«Il nostro impegno – dichiara Pietro Pongiglione, Presidente AMIU Genova – è di orientarci e porre sempre più attenzione a ciò che i cittadini, nel doppio ruolo di utenti e consumatori, percepiscono della nostra gestione del ciclo dei rifiuti. Accordi di questo tipo sono utili e funzionali ad una diffusione sempre più capillare ed efficace della cultura ambientale che si realizza anche attraverso processi rispettosi dell’ambiente e all’insegna della sostenibilità».

AMIU Genova e ILC sono stati uno dei promotori del progetto Plastipremia, con l’installazione di ecocompattatori in piazze cittadine – che nel 2021 sono diventati 13 - per la raccolta di bottiglie e flaconi in plastica e, in un caso, delle lattine di alluminio, coinvolgendo i cittadini tramite sconti e premialità legate alla sostenibilità. Gli informatori nel corso del 2021 hanno svolto attività di presidio degli ecocompattatori spiegando ai cittadini il loro funzionamento evitando così comportamenti impropri e criticità nel recupero del materiale 

Evidenzia Furio Truzzi, Presidente Istituto Ligure del Consumo: «‘PlasTiPremia’ è un importante esempio di economia circolare che trae origine dalla volontà comune di cooperare insieme alle Istituzioni nell’ambito del Progetto “Dal Solco al Sole”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e promosso da Regione Liguria. Per questo motivo esprimiamo profonda gratitudine nei confronti di AMIU e del Comune di Genova per essere stati, insieme a noi e alla Regione, i promotori di questo progetto ed averci consentito di svilupparlo. Il gradimento enorme manifestato dai cittadini dimostra che siamo sulla strada giusta».

Continua Matteo Campora, Assessore comunale del capoluogo ligure all’Ambiente: «Gli aspetti legati al miglioramento della raccolta differenziata sono di primaria importanza e sono strettamente legati alla comunicazione e al coinvolgimento nell’azione civica dei cittadini. Quindi non possiamo che vedere positivamente tutte le idee e i progetti che aiutino AMIU a diffondere con percorsi concreti la diffusione tra le famiglie una “cultura del consumo sostenibile” nelle scelte quotidiane».

«Sono entusiasta di “PlasTiPremia” - conclude l’assessore alla tutela dei consumatori ed agli stili di vita consapevoli di Regione Liguria Simona Ferro - un progetto utile che porta vantaggio all’ambiente ed anche ai genovesi. Con il semplice gesto di portare la plastica nei 13 eco-compattatori aumentiamo il livello di raccolta differenziata e contemporaneamente aiutiamo cittadini ed imprese in un momento così delicato come quello che stiamo vivendo attraverso i coupon che sono variegati e toccano diverse categorie commerciali. Ho personalmente testato l’utilizzo della macchina ed è davvero semplice ed intuitivo e mi auguro che si possa, a breve, ampliare l’offerta di coupon, magari estendendo a settori in crisi come lo sport e la cultura ed ai luoghi di posizionamento di queste strutture».

 IL VIDEO DI AMIU GENOVA CHE SPIEGA COME UTILIZZARE

L'ECOCOMPATTATORE PLASTIPREMIA

Massolo presidente del dipartimento Blue Economy di Liguria Si muove

Super User 16 Aprile 2021 341 Visite

Eugenio Massolo, presidente della Accademia della Marina Mercantile sarà il nuovo presidente del dipartimento Blue Economy di Liguria Si muove. Ne danno l’annuncio il presidente Francesco Maresca e la vice presidente Fulvia Musso.

“Eugenio è una persona di grande competenza, qualità umana ed esperienza e sono onorato che abbia deciso di accettare la nostra proposta. Liguria Si muove sta crescendo e il settore della blue economy è sicuramente tra i più importanti e con maggiori capacità di sviluppo in tutto il territorio. Liguria Si muove è la casa di tutte le persone che amano il mare e con Eugenio faremo un grandissimo lavoro”, chiarisce il presidente Francesco Maresca.

Anche Fulvia Musso si ritiene molto soddisfatta: “Stiamo facendo un grande lavoro e speravo che Massolo accettasse perché sono sicura che ci farà fare un grande salto di qualità, sono onorata di far parte di questa grande squadra che sta crescendo giorno dopo giorno”.

Per il presidente Massolo Liguria si muove è una grande occasione per la Liguria: “Quando Francesco Maresca mi ha parlato della sua idea di aprire un dipartimento Blue Economy nell'ambito delle attività della associazione, mi ha trovato totalmente d'accordo perché un lavoro in questa direzione non è solo necessario ma indispensabile. Ho deciso di accettare e di mettermi alla prova, sia per l'amicizia e la stima che mi legano a Francesco, con il quale collaboro da tempo, sia per la passione che ho per questo mondo, ma soprattutto per il tipo di confronto che l'associazione propone nei suoi gruppi di lavoro, attraverso una metodologia aperta, critica, rispettosa delle idee altrui, volta ad avanzare proposte concrete e fattibili per la crescita di Genova e di tutti noi che la amiamo”.

Liguria Si muove continua a crescere inserendo un altro tassello di qualità nel panorama intellettuale genovese e ligure.

Sabato 17 aprile, il senatore Ignazio La Russa sarà in visita a Rapallo

Super User 16 Aprile 2021 111 Visite

Il Circolo Territoriale Fratelli d’Italia di Rapallo invita gli iscritti e i simpatizzanti domani, sabato 17 aprile, in piazza Cavour (lato via Mameli pedonale), dalle ore 15 alle 18. Sarà presente il senatore Ignazio La Russa, vice presidente del Senato ed esponente di punta di Fratelli d’Italia, accompagnato dal responsabile Area Tigullio, l’avvocato Alberto Campanella.

“Ricordiamo che sarà possibile aderire a Fratelli d’Italia e firmare a favore delle quattro proposte di legge di iniziativa popolare lanciate da Giorgia Meloni: Elezione diretta del Presidente della Repubblica, abolizione dei senatori a vita, tetto massimo alla pressione fiscale nella Costituzione e supremazia dell’ordinamento italiano su quello europeo”, si legge in una nota del circolo.

Bucci al mercato del pesce con il deputato-pescatore della Lega

Super User 16 Aprile 2021 162 Visite

“Un luogo dove l’oro del nostro mare incontra operatori e professionisti del settore che tutti i giorni lavorano per offrire, un prodotto unico nel suo genere, a tutti i genovesi e non solo”. Così il sindaco Marco Bucci ha descritto su Facebook il mercato del pesce di Ca’ de Pitta, dove si è recato con un esperto del settore: il deputato della Lega e pescatore Lorenzo Viviani, che spesso utilizza la plancia del suo peschereccio, il Savonarola, come ufficio. Con loro anche l’assessore comunale al commercio Paola Bordilli e il florovivaista della Fontanabuona e membro della Camera di commercio Paolo Corsiglia, entrambi leghisti.

Al post del primo cittadino più amato d’Italia sono arrivati molti commenti, tra questi anche quello di soddisfazione dell’ex assessore (giunta Doria) allo Sviluppo economico Emanuele Piazza.
“Quattro anni fa inaugurai il mercato tra molte polemiche e proteste a tratti violente. Sono contento che oggi gli operatori possano lavorare in modo professionale in un contesto positivo e che il sindaco abbia potuto apprezzare”.

Il mercato ittico ha consensi bipartisan. Anche se si trova distante dal mare.

“Prenotovaccino”, attivo il portale per la fascia di età tra 65 e 69 anni

Super User 15 Aprile 2021 431 Visite

“Oggi abbiamo raggiunto la quota del 20% della popolazione vaccinata in Liguria con la prima dose: la media italiana è del 16,4% noi siamo al 20,7%, segno che la campagna vaccinale ha accelerato. Ci auguriamo che aumenti la capacità di distribuzione vaccinale, grazie anche al nuovo vaccino Johnson&Johnson e alle nuove dosi di Pfizer in arrivo. La copertura vaccinale, ovvero la percentuale di persone che hanno completato il ciclo di due somministrazioni, sale all'8,17% , mentre la media italiana è 6,9%.” Lo ha comunicato questa sera il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti nel consueto punto sul Covid.

“Da domani aprono le prenotazioni per la fascia di età tra i 65 e i 69 anni – ha detto Toti – che potranno prenotare già da stasera a partire dalle 23 sulla piattaforma online https://prenotovaccino.regione.liguria.it. E poi domani attraverso il numero verde 800 938 818 (dalle 8 alle 18), le farmacie che effettuano il servizio e gli sportelli CUP di Asl e Ospedali”.

SONDAGGIO EMG/ADNKRONOS: LIGURIA AL TERZO POSTO IN ITALIA PER LA GESTIONE DEL PIANO VACCINI
“Rispondendo a un recente sondaggio Emg/Adnkronos – ha aggiunto Toti – sono stati proprio i cittadini liguri a dimostrare fiducia nella nostra gestione, collocandoci al terzo posto tra le regioni italiane per la campagna vaccinale”.
“Per quanto riguarda l’indice Rt – ha detto Toti - Se non ci fosse il decreto che blocca le zone del paese, oggi saremo in fascia gialla con un indice Rt di 0,96. L’unico dato di rischio è la pressione sui nostri ospedali, comunque in calo. Stabili anche le terapie intensive. Oggi sono stati 14 i deceduti in un’età tra i 62 e i 90 anni. Cioè la popolazione che vogliamo mettere in sicurezza. Un solo decesso è relativo a una scheda dei tempi passati”.

HUB VACCINALE SAN BENIGNO
“Su questo hub sta cambiando la somministrazione dei vaccini – ha detto Toti – sulla base dell’ordinanza del generale Figliuolo e potrebbe cambiare ancora in base all’arrivo di nuovi vaccini. Molte persone prenotate in quella struttura si sono trovate assegnate AstraZeneca e hanno deciso di non farsi somministrare il vaccino. Bisogna però ricordare che noi non abbiamo prenotazioni legate alla tipologia di vaccino, ma per fasce di popolazione secondo l’età e sulla base di quanto stabilito da Aifa e dalle ordinanze del Ministero della salute. Per cui occorre che ciascuno si vaccini col vaccino che i medici e gli scienziati hanno assegnato alla sua categoria, senza andare in giro a cercare vaccini”.

MEDICI MEDICINA GENERALE
“Stiamo limando l’accordo che li vede in prima linea a vaccinare – ha concluso Toti – attraverso un addendum che prevede l’utilizzo da parte loro del sistema di prenotazione ‘prenotovaccino’ e vaccinare così sulla base delle agende dettate dalle ASL”.

In Liguria il vaccino AstraZeneca verrà somministrato alle persone tra i 60 e i 79 anni

Super User 15 Aprile 2021 180 Visite

In Liguria, alle persone nella fascia di età tra i 60 e i 79 anni verrà somministrato il vaccino Astrazeneca (Vaxzevria), in accordo con le disposizioni contenute nella circolare del ministero della Salute (n.14358 del 7 aprile 2021) inerente l’aggiornamento delle raccomandazioni sul suo utilizzo e con l’ultima ordinanza del Commissario per l’Emergenza Covid-19, generale Figliuolo (n.6/2021 del 9 aprile scorso) che prevedono l’utilizzo di Astrazeneca preferibilmente per le persone over60 anni.

Alla luce di queste indicazioni, Alisa ha diffuso una nota agli hub in cui attualmente vengono vaccinate persone con età tra 70 e 79 anni (che non abbiano patologie tali da rientrare tra gli ‘estremamente vulnerabili’) per procedere con la campagna vaccinale utilizzando il vaccino Astrazeneca.

Si ricorda che i vaccini ‘freeze’ a mRNA Pfizer e Moderna sono invece specificamente indicati per la fascia di età over80 e per le persone ‘estremamente vulnerabili’ a prescindere dall’età.

Inoltre, a fronte della raccomandazione del ministero per l'utilizzo preferenziale di Astrazeneca agli over60, Regione ha deciso di sospenderne la somministrazione alle persone con meno di 60 anni, a cui verranno somministrati i vaccini Pfizer o Moderna o altri vaccini che si rendessero disponibili in futuro per queste fasce di popolazione.

Riqualificazione area ex Mira Lanza, Lodi (PD): “Chi sa parli in Consiglio comunale”

Super User 15 Aprile 2021 87 Visite

La consigliera comunale del PD Cristina Lodi ha presentato una interrogazione urgente al sindaco Bucci e alla giunta sulla riqualificazione dell’area tra Teglia e Rivarolo dell’ex Mira Lanza.

“Anche su questo progetto – commenta la consigliera – l’amministrazione si muove senza la dovuta trasparenza verso il territorio, il Municipio, i cittadini e il Consiglio comunale. Ad oggi non è ancora stata convocata una Commissione consiliare sul tema come invece richiesto, una cattiva abitudine di questa amministrazione che purtroppo si verifica spesso anche in merito ad altre pratiche. Ecco perché ho presentato questa interrogazione, per ricevere informazioni sul progetto che vede la società COPSE di San Paolo d'Argon aver acquisito l’area ex Mira Lanza con un investimento di 30 milioni di euro. Una notizia che abbiamo appreso solo dai quotidiani, come sempre sulla stampa abbiamo letto di presunti incontri tra l'amministrazione comunale e l'acquirente dell’area”.
“Attraverso la mia interrogazione - prosegue Lodi - chiedo che la giunta in aula fornisca adeguati dettagli sul progetto, sul cronoprogramma di realizzazione, sui permessi che sono necessari per realizzarlo, sulle modalità di coinvolgimento e di partecipazione dell'amministrazione municipale che si è sempre resa disponibile per il proprio territorio, delle realtà socio economiche della Valpolcevera, delle associazioni di categoria e delle organizzazioni sindacali? È chiedere troppo? Non credo, anche perché non lo chiedo per me, ma per i cittadini e le cittadine della Valpolcevera. Sono convinta che più i progetti sono partecipati, più risultano efficaci, più si condivide l’obiettivo più lo si realizza. Invece, anche questa volta, in Comune a Genova l’incertezza avanza”.

Covid, sottosegretario Costa: “Alla Liguria oltre 1 milione da destinare al personale sanitario”

Super User 15 Aprile 2021 125 Visite

“Nella riunione di oggi della Conferenza Stato-Regioni, con l’intesa di tutte le parti, sono stati ripartiti ulteriori 40 milioni di euro da destinare al personale sanitario che è stato impegnato durante la Pandemia. Di questi, 1.076.303 euro saranno destinati alla Regione Liguria. I fondi, provenienti dai risparmi di bilancio della Camera dei Deputati, rappresentano un ulteriore concreto riconoscimento a chi in questo anno è stato in prima linea nella battaglia contro il Covid 19”. E' quanto dichiara in una nota il sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa.

Autostrade, assessore Giampedrone: “Sostituzione barriere fonoassorbenti da giugno”

Super User 15 Aprile 2021 121 Visite

“A giugno verranno avviate le operazioni di sostituzione delle barriere fonoassorbenti lungo alcune tratte ‘pilota’, tra le più sensibili sul fronte del disagio dal punto di vista sonoro, in particolare sulla tratta cittadina della A7, tra l’innesto della A10 e quello della A12. Si tratta di circa 2 chilometri di autostrada, in entrambe le direzioni. Le operazioni verranno eseguite esclusivamente in orario notturno per limitare i disagi allo spostamento dei cittadini”. Così l’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone dopo un incontro con i tecnici di Autostrade per l’Italia sulla programmazione relativa alla sostituzione delle barriere fonoassorbenti.

Le operazioni che riguardano le altre tratte partiranno dalla metà di settembre, assieme al resto della programmazione sui cantieri. Nel complesso, sull’intera rete ligure, sono 35 i chilometri di tratta su cui sono previsti interventi sulle barriere fonoassorbenti. Le lavorazioni previste per le barriere fonoassorbenti vanno a integrarsi con quelle precedentemente pianificate e che prevedono un piano di alleggerimento e sospensioni delle lavorazioni diurne per i mesi estivi.

“La nostra esigenza primaria – conclude Giampedrone – era ed è quella, più volte ribadita, di alleggerire il più possibile la viabilità autostradale nei mesi estivi in concomitanza con la ripartenza del Paese, ma era giusto e doveroso avviare nel contempo questi cantieri notturni, dando corpo all’avvio del percorso di sostituzione delle barriere fonoassorbenti, che avrà una durata complessiva programmata di 4 anni. Si tratta di interventi particolarmente attesi dai cittadini, e avviarli per il momento in orario notturno riuscirà a tenere assieme le due esigenze prioritarie di avere autostrade alleggeriti dai cantieri impattanti durante il giorno e intervenire sul fronte del rumore”.

Inoltre, da lunedì 19 aprile compreso, verrà attivato l’esenzione dal pedaggio nel tratto Ronco Scrivia- Busalla in entrambe le direzioni fino al completamento dei lavori e quindi alla riapertura a doppio senso della statale 35 dei Giovi.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip