Skin ADV

Notizie

Spettacoli dal vivo, Cavo: “Forte segnale da Conferenza Regioni per aumento capienza sale”

Super User 22 Settembre 2021 47 Visite

“Dalle Regioni oggi è arrivato un segnale importante, che accoglie in pieno la richiesta avanzata dalla Commissione Cultura, per un allentamento delle misure per le sale di cinema e teatri”. Così Ilaria Cavo, assessore alla Cultura di Regione Liguria e coordinatrice della Commissione Cultura della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, intervenuta oggi in Conferenza delle Regioni.

“La regola del distanziamento del metro nelle sale - sottolinea l’assessore Cavo - abbinata all’uso della mascherina, era in vigore già prima dell’introduzione del green pass. Ora l’obbligo del certificato verde per gli spettatori può consentire la graduale attenuazione di almeno una delle due misure e, in particolare, del distanziamento di un metro tra gli spettatori, con il conseguente aumento della capienza delle sale. Si tratta di una decisione coerente con l’intero sistema (pensiamo alle regole vigenti per le scuole) ed è quella economicamente più vantaggiosa per le produzioni e per un settore duramente colpito dalla pandemia. In attesa del parere del Cts, quella delle Regioni è una richiesta di apertura e di responsabilità, per portare all’80% il tetto di capienza delle sale dal mese di ottobre e con l’obiettivo condiviso di puntare al 100%, ovvero alla capienza piena, dal mese di dicembre, ovviamente solo se la situazione epidemiologica lo permetterà. Il settore dello spettacolo dal vivo - conclude - ha necessità di una prospettiva per programmare l’intera stagione”.

Nuova ciclabile in corso Italia, Bertorello: “Finalmente sarà cancellata la vecchia pista”

Super User 22 Settembre 2021 68 Visite

“Molto presto avremo una nuova pista ciclabile separata dal traffico veicolare per corso Italia. Con l’ok della Giunta partirà un’opera che darà un volto nuovo alla promenade con aree verdi, nuova illuminazione, e una ciclabile bidirezionale che darà più sicurezza e sostenibilità ambientale. Con la realizzazione della nuova pista per le biciclette l’intera carreggiata in direzione centro, tornerà percorribile solo dalle auto e verrà cancellata la vecchia ciclabile, oggetto di polemiche per aver creato qualche disagio alla viabilità, ma che come amministrazione avevamo ritenuto necessaria per incentivare la cittadinanza all’uso delle biciclette in città”. Lo dichiara in una nota il presidente del Consiglio comunale Federico Bertorello.

Palazzo Tursi, Mascia (FI) lancia il regolamento Isee col fattore famiglia

Super User 22 Settembre 2021 72 Visite

Oggi, in Comune a Genova, prima tappa in commissione per la proposta del capogruppo di Forza Italia, Mario Mascia, condivisa dai suoi colleghi di gruppo e dai capigruppo di maggioranza, per la "Istituzione del Regolamento per l'applicazione dell'ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai servizi e alle prestazioni sociali agevolate comunali".

"È un regolamento - commenta Mascia - che sfrutta la finestra normativa offerta dall'art. 2 del D.P.C.M. 159 del 2013: grazie a questa disposizione il Comune, quale ente erogatore, in relazione a determinate tipologie di prestazioni sociali agevolate, può prevedere, accanto all'ISEE, criteri ulteriori di selezione volti ad identificare specifiche platee di beneficiari, salve ovviamente le disposizioni e le attribuzioni regionali in materia e la valutazione della condizione economica complessiva del nucleo familiare attraverso l'ISEE”. 

"Oggi è quanto mai opportuno approfittarne per adottare accanto all'ISEE  parametri che consentano di individuare le famiglie meritevoli di un'attenzione e di una tutela prioritaria - aggiunge Mascia - proprio in considerazione dei limiti di equità ed efficacia dell’ISEE, che usa scale di equivalenza inadatte a distinguere i genitori dai figli, non tiene conto dell’età di questi ultimi, non considera adeguatamente la presenza di componenti con disabilità gravi e non autosufficienti o la grave esclusione abitativa, né il caso di single, padri o madri separati o viceversa coniugati e coabitanti con figli o con ascendenti anziani, né la mancanza o la perdita del lavoro, né l’incidenza dell'indebitamento sulla situazione patrimoniale di ciascun componente del nucleo familiare".

"Nello specifico gli ulteriori criteri di selezione adottati - prosegue il forzista - sono il numero, il tipo e l'età, la condizione lavorativa, il grado di disabilità e la grave esclusione abitativa dei componenti del nucleo familiare, intendendosi per tali non solo i componenti della famiglia anagrafica e quelli fiscalmente a carico ma anche i soggetti conviventi, ovverosia effettivamente coabitanti col richiedente nel luogo della sua residenza anagrafica alla data di presentazione della DSU - dichiarazione sostitutiva unica".

"I servizi interessati da questo regolamento - prosegue il forzista - sono i più vari e vanno da quelli di servizio sociale, a quelli di supporto alla casa, alla mobilità e allo sport, ai servizi educativi e scolastici".

"Dobbiamo far tesoro della pandemia ancora in corso e mettere le basi anche a livello comunale per politiche familiari di sistema a favore dei nuclei dove le relazioni di solidarietà familiare siano effettive e non meramente anagrafiche - conclude il consigliere azzurro - così si potranno agevolare soprattutto le famiglie più bisognose, che nell'esercizio quotidiano del mutuo aiuto, del sacrificio e della cura reciproca, soprattutto nei confronti di disabili, anziani e bambini, risparmiano alla comunità genovese tanti costi sociali che diversamente andrebbero a gravare sulle finanze pubbliche".

Piano Caruggi, iniziative nel centro storico per il ‘Weekend Verde’ tra ambiente, sport e riciclo

Super User 22 Settembre 2021 76 Visite

Sarà un fine settimana all’insegna del riciclo creativo, dello sport e dell’ambiente quello che sabato 25 e domenica 26 settembre animerà gli spazi “Surpluse” del centro storico e lo stand Amiu nell’ambito della “Festa dello sport” che si terrà invece al Porto Antico.

Dalle 10 alle 18 sarà possibile scegliere tra svariati eventi e iniziative, tutte legate dal filo conduttore del riciclo creativo e della sostenibilità, soprattutto nel mondo dello sport, e mirate al decoro e al presidio del centro storico. Tutte le iniziative si svolgeranno sotto l’egida del Comune di Genova e di Amiu.

«Il progetto – commenta l’assessore al Centro storico e Grandi eventi Paola Bordilli – si inserisce nelle azioni previste dal piano integrato Caruggi sulla pulizia, il riciclo e la sostenibilità ambientale che abbiamo avviato in questi mesi nella città vecchia. Grazie al lavoro di squadra tra Comune, Amiu, Municipio e associazioni, il Centro Storico si candida a diventare un laboratorio per buone pratiche esportabili anche nel resto della città: le iniziative in programma nel prossimo fine settimana serviranno a fare conoscere ai genovesi i progetti già in corso sul riuso e quali prospettive avranno per il futuro. Siamo consapevoli che ancora molto lavoro ci sia da fare, ma ogni tassello che stiamo inserendo nel quadro della pulizia ha come obiettivo un Centro Storico dove la sostenibilità ambientale, dal riuso dei materiali alla mobilità green, diventi uno stile di vita consapevole per chi ci vive, lavora o passa il proprio tempo libero».

Un approccio, quello previsto dal piano integrato Caruggi, sempre più green, sostenibile e attento al delicato tessuto del cuore della nostra città antica che si concretizza anche con l’impiego e l’introduzione nel parco mezzi dell’unità territoriale AMIU Centro Storico di nuovi mezzi elettrici per lo svuotamento dei cestini porta rifiuti e del ritiro degli imballaggi porta a porta delle attività commerciali. Mezzi elettrici sono in via di verifica nell’uso operativo e di valutazione nei progetti di potenziamento della flotta elettrica aziendale.

«La riduzione dei rifiuti, il riutilizzo dei materiali e il coretto conferimento sono obiettivi dell’Agenda 2030 su cui stiamo lavorando con esperienze diffuse sul territorio – spiega l’assessore all’Ambiente, Matteo Campora – la collaborazione con cittadini e associazioni è essenziale per raggiungere i risultati che ci siamo prefissati: giornate dedicate alle tematiche ambientali, come quelle in programma nel prossimo settimana, sono fondamentali per dare informazioni sempre più puntuali anche sulle nuove iniziative sul territorio. Con l’implementazione degli ecopunti, gli appuntamenti fissi con l’Ecovan+ per il recupero degli ingombranti, gli ecocompattatori per plastica e lattine, stiamo rafforzando nel centro storico la rete dei soggetti, pubblici e privati, che collaborano per il decoro e la sostenibilità ambientale dei nostri caruggi».

In particolare si potrà esplorare il mondo dei materiali destinati a nuova vita all’interno del circuito “Surpluse”, i centri di riuso creativo nati nell’ambito del progetto europeo “Force”. Gli spazi saranno quelli di Vico Angeli 21r e quello di palazzo Ducale “Surpluse Ducale”. Questi due spazi saranno a disposizione della cittadinanza e saranno spazi dove adulti e piccoli potranno ascoltare il racconto delle attività dei centri di riuso creativo.

Nel laboratorio di Vico Angeli, in particolar modo, sarà possibile scoprire come vengono create borse, accessori moda e complementi di arredo con materiali recuperati da striscioni pubblicitari in disuso e dalla tela degli ombrelli rotti dal vento. Questa attività è stata resa possibile grazie all’intervento del Piano integrato Caruggi e ad Amiu che hanno rinforzato le dotazioni del laboratorio con una nuova macchina taglia e cuci.

«L’insediamento del laboratorio – dice il presidente del Municipio Centro Est Andrea Carratù – è un bel segnale per il centro storico, per chi ci abita e ci lavora ogni giorno. La presenza di un locale dove vengono riutilizzati materiali trasformandoli da potenziali rifiuti a oggetti di uso quotidiano contribuirà a diffondere una maggiore consapevolezza delle buone pratiche del riciclo. Inoltre, ogni attività virtuosa e sana che s’insedia nei nostri Caruggi è un importante passo avanti nel percorso di rigenerazione del centro storico e della sua valorizzazione».

Nell’atrio di Palazzo Ducale, invece, si potrà conoscere, tramite voci e immagini, il mito greco di Re Mida: “Surpluse Ducale”, da novembre, sarà la nuova casa dei materiali del “Remida Genova – Centro del riuso creativo”, punto che era ospitato nello spazio della Fabbrica del riciclo e che era andato perduto con il crollo del Ponte Morandi. Dal primo novembre, inoltre, inizierà la distribuzione gratuita di materiali a scuole, insegnanti e appassionati di riciclo.

Le attività proseguiranno poi anche in un’altra location, quella del Porto Antico che ospiterà “La festa dello sport”. E proprio in Porto Antico sarà presente uno stand dedicato al progetto europeo “Life Tackle”, di cui Amiu è partner, e che mira a promuovere iniziative attive e buone pratiche per il miglioramento della gestione ambientale nelle partite di calcio e ad aumentare il livello di consapevolezza e attenzione verso le questioni ambientali nel mondo sportivo e in particolar modo in quello calcistico. Nello spazio Amiu gli animatori accoglieranno gli ospiti e i partecipanti e li faranno partecipare a un quiz green. Gli animatori distribuiranno anche informazioni, dépliant e gadget gentilmente offerti da alcuni consorzi di filiera come RiCrea (acciaio), CoRePla (plastica)  e CiAl (alluminio).

«Se da una parte AMIU Genova deve seguire tutti gli aspetti di impatto ambientale delle diverse attività che coinvolgono la città - sottolinea Pietro Pongiglione, presidente AMIU Genova –, è grazie i principi di collaborazione, del fair play e del lavoro di squadra che si possono ottenere risultati concreti nell’ambito del benessere collettivo come ad esempio in un maggiore impegno tra azienda e cittadini nella raccolta differenziata e della pulizia della città».

Questa fine settimana inizieranno anche le attività degli informatori ambientali dell’ “Associazione Terre Nuove”, già presente in centro storico, e che si concretizzeranno attraverso piccoli interventi di pulizia e mirati al ripristino del decoro e nel presidio degli eco-punti e delle postazioni critiche (come quella di vico dell’Arancio, incrocio con via Luccoli). Gli operatori faranno informazione con le attività commerciali e saranno presenti anche gli eco-compattatori “Plastipremia” a Sarzano e a Caricamento.

«Grazie ad Amiu, che già ha sostenuto la nostra associazione, il nostro progetto assumerà sempre più concretezza aiutando chi si trova in difficoltà a riconquistare dignità grazie ad un lavoro, seppur piccolo – aggiunge Francesco Zucchi, esponente di “Terre Nuove” –.  Non solo un supporto finanziario ma soprattutto coordinamento e addestramento per poterlo svolgere al meglio. Gli abitanti e i commercianti del centro storico hanno da subito apprezzato questo intervento rendendo tutto più facile. E il successo si misura soprattutto nel vedere chi poi nel tempo ha trovato sullo slancio un lavoro più completo e di miglior assestamento finanziario».

 

IL PROGETTO EUROPEO FORCE  
La rete dei centri del riuso Surpluse (come quello di Coronata) nasce grazie al progetto FORCE finanziato nell’ambito del programma europeo Horizon 2020 e dedicato a promuovere l’economia circolare a partire dai rifiuti. FORCE (www.ce-force.eu) è partito a settembre 2016 ed è attualmente in fase after life fino al 2025.  Ha coinvolto 4 città europee ciascuna delle quali ha in capo una filiera principale: Copenhagen (capofila del progetto) per la plastica, Amburgo per i rifiuti elettrici ed elettronici, Genova per il legno e Lisbona per i rifiuti organici. Per Genova oltre al Comune sono coinvolti AMIU, il polo tecnologico Ticass e le imprese Ecolegno e Active Cells. 

IL PROGETTO EUROPEO TACKLE   
Questo progetto LIFE – partito a settembre 2018 e a termine a marzo 2022 – è specificamente dedicato al mondo del calcio e coinvolge, oltre l’Italia (con AMIU, la federazione Italiana Giuoco Calcio- FIGC, Scuola superiore Sant’Anna) anche Belgio, Portogallo, Regno Unito, Romania e Svezia. Le buone pratiche sulla gestione ambientale vengono raccolte e testate in vari stadi in tutto Europa con uno scambio di informazioni tra le varie federazioni che ne guideranno l’attuazione. Tackle ha ricevuto il sostegno della UEFA.

Green pass in Consiglio regionale, Medusei: “Toti conosce il perimetro di gioco per evitare invasioni di campo”

Super User 22 Settembre 2021 100 Visite

“ll presidente Toti è persona saggia e preparata, conosce bene quali sono le prerogative della giunta regionale e quale sia il grado di autonomia previsto per il Consiglio regionale. Un perimetro di gioco chiaro in cui siamo certi non ci saranno invasioni di campo”, dichiara il presidente dell’Assemblea legislativa regionale Gianmarco Medusei (Lega) in merito alle dichiarazioni del presidente della giunta Giovanni Toti sull’adozione del “green pass” in Consiglio regionale.

Consiglio comunale, Mascia: “Asse Genova-Londra per i 150 anni dalla morte di Mazzini”

Super User 22 Settembre 2021 74 Visite

È stata approvata ieri all'unanimità dal Consiglio comunale di Genova una mozione proposta dal capogruppo di Forza Italia Mario Mascia e condivisa dai suoi colleghi di gruppo e dai capigruppo di Vince Genova, Cambiamo e Fratelli d'Italia, che impegna il sindaco Marco Bucci e la sua giunta "a celebrare, in collaborazione con l'Istituto Mazziniano, con il Museo del Risorgimento genovese e con le istituzioni ed associazioni meglio viste, il 150mo anniversario della morte di Giuseppe Mazzini e della sua sepoltura, che ricadono i prossimi 10 e 17 marzo, coinvolgendo anche la comunità inglese e anglicana di Genova, il sindaco di Londra e le autorità britanniche nel ricordo della sua figura e dei valori imperituri di cui si fece maestro e testimone anche nei lunghi anni dell'esilio londinese". 

"Su 67 anni di vita - ha dichiarato Mascia in Sala Rossa - Mazzini, salve alcune brevi interruzioni, come nel 1849, ne trascorse a Londra almeno 31, dal 1837 al 1868, e in tutto questo tempo gli Inglesi hanno avuto modo di apprezzarne in presa diretta l'amor patrio per l'Italia e l'impegno sociale e politico per la scolarizzazione dei bambini, per la tutela dei diritti delle donne, per la costituzione degli Stati Uniti d'Europa, tutte partite oggi più che mai aperte ed attuali". 

"Per questi motivi Genova ben può celebrare insieme a Londra la cifra umana e politica di Giuseppe Mazzini, che è ben espressa dalla scritta sulla lapide "Giuseppe Mazzini. Un Italiano" e dall'epitaffio "Il corpo a Genova, il nome ai secoli, l'anima all'umanità", ha concluso il consigliere comunale azzurro.

Manifestazione no vax, Toti: “Solidarietà ai medici e all’ordine”

Super User 21 Settembre 2021 121 Visite

“Siamo qui nella sede dell’Ordine dei medici di Genova per esprimere un necessario gesto di solidarietà e di vicinanza di fronte alla manifestazione dei no-vax, che protestano perché è stato emesso un provvedimento disciplinare nei confronti di un medico no vax”. Così il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti a sostegno dell’Ordine dei medici della Liguria in occasione della manifestazione no vax di Piazza della Vittoria.

“I medici devono essere i primi nel dare il buon esempio alla cittadinanza, dimostrando come della scienza ci si possa e ci si debba fidare – precisa Toti – Abbiamo voluto sottolineare ribadire il ruolo dei medici e la necessità di fiducia nella scienza anche nell’ultima campagna di sensibilizzazione sui vaccini, proprio per convincere gli indecisi”.

“Lo abbiamo detto fin dall’inizio: la scienza è l’unico punto di riferimento possibili, la stella polare che abbiamo sempre seguito e che dobbiamo seguire per uscire dalla pandemia, ridurre al massimo le sofferenze ed evitare nuove chiusure. Voglio ricordare che dei 4 decessi Covid che purtroppo abbiamo registrato oggi, 3 erano persone non vaccinate, comprese tra i 60 e i 70 anni di età”.

“Il vaccino è quindi la nostra unica arma, e i numeri che oggi registriamo sula situazione negli ospedali e sulla diffusione del Covid non fanno altro che confermare che quella che abbiamo intrapreso è la strada corretta- conclude -: siamo ripartiti, stiamo ripartendo solo grazie alla campagna vaccinale che continuiamo a portare avanti”.

“Ringraziamo Regione Liguria per la testimonianza di solidarietà dimostrata -  commenta il presidente dell’Ordine dei medici della Liguria Alessandro Bonsignore -  che ci consente, a maggior ragione, di continuare serenamente a svolgere il nostro mandato a tutela della salute dei cittadini e della dignità della professione medica”.

Coronavirus, Toti: “Incidenza in Liguria a 38 casi su 100mila abitanti a settimana”

Super User 21 Settembre 2021 68 Visite

“La situazione del contagio nella nostra regione è in miglioramento: negli ultimi sette giorni l’incidenza è di 38 casi ogni 100mila abitanti, domenica era invece a quota 42. Non solo la Liguria, ma tutto il Paese sta ripartendo per davvero, su tanti fronti, lo stiamo vedendo plasticamente sotto i nostri occhi: merito della campagna vaccinale, che in Liguria prosegue senza interruzioni. A oggi è coperto con almeno una dose di vaccino l’80,31% della popolazione sopra i 12 anni, e sono 1691 le prenotazioni effettuate dalle 14 di ieri alle 14 di oggi e oltre 5600 le dosi di vaccino somministrate nelle ultime 24 ore”.

Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti fa il punto sulla situazione coronavirus e vaccini nella nostra regione.

“Per quanto riguarda invece le fasce di popolazione – aggiunge Toti – per quanto riguarda le persone tra i 12 e 19 anni ha ricevuto almeno una dose di vaccino il 66,35%. Tutte le fasce sopra i 50 anni hanno superato l’80% di copertura con almeno una dose: dai 50 ai 59 anni siamo all’80,62%, dai 60 ai 69 anni all’84,32%, dai 70 ai 79 all’83,55% e gli over 80 al 96,05%”.

Primo anno di mandato, Toti: “Tra gli obiettivi raggiunti il Restart della sanità, del turismo e il rilancio dell’economia”

Super User 21 Settembre 2021 104 Visite

 

“Chiudiamo il primo anno di mandato con la consapevolezza di essere riusciti ad affrontare a testa alta la pandemia, garantendo un alto livello del nostro servizio regionale e salvaguardando in ogni modo la salute dei liguri. Il Servizio Sanitario Regionale nonostante il periodo di grande emergenza ha raggiunto, a chiusura dell’esercizio 2020, l’obiettivo del pareggio previsto dalla legge regionale 34/2016 a seguito dell’attivazione del piano di efficientamento con due anni di anticipo, segnando il concludersi del percorso quinquennale avviato nel 2016. Ma quest’anno oltre al Restart della Sanità ha visto anche il rilancio della nostra economia e del turismo, che ha sconfitto la paura della pandemia superando i numeri del 2019. Per la Liguria è stato l’anno della rinascita e il prossimo sarà quello della consacrazione”. Così il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti ad un anno dall’elezione del 21 settembre 2020.
Martedì 28 settembre, alle ore 13:15, in Sala Trasparenza si terrà una conferenza stampa, alla presenza del presidente Toti, il vicepresidente Alessandro Piana e gli assessori Andrea Benveduti, Giovanni Berrino, Ilaria Cavo, Simona Ferro, Giacomo Giampedrone e Marco Scajola per presentare il lavoro svolto dalla Giunta nell’anno di mandato.

Consiglio comunale, avviato percorso per l'obbligo del Green pass

Super User 21 Settembre 2021 120 Visite

Il Consiglio comunale di Genova ha approvato un ordine del giorno per avviare l'iter di regolamentazione all'accesso agli uffici comunali ai soli possessori di Green pass. Si aprirà quindi un confronto con il presidente del Consiglio comunale, sentita la conferenza capigruppo, per la regolamentazione delle procedure di ingresso e di permanenza nell’aula del Consiglio comunale per il sindaco, i consiglieri, gli assessori e tutto il personale e anche per il pubblico dove previsto.

“Una decisione presa nell'attesa della pubblicazione del Decreto-legge nazionale - ha dichiarato il presidente del Consiglio comunale Federico Bertorello - e che consentirà una maggior tutela dei consiglieri comunali e dei componenti della giunta, oltre che del personale del Comune di Genova. Questa decisione non precluderà comunque la partecipazione ai lavori, dal momento che resta prevista la modalità da remoto, nel caso ci siano consiglieri sprovvisti di Green pass - prosegue Bertorello - e ci permetterà inoltre di riaprire, pur in numero limitato, l’aula del Consiglio alla partecipazione del pubblico”.

Il Decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105, in corso di conversione in legge, ha stabilito che l’accesso a numerose attività, tra cui ristoranti al chiuso, musei, teatri, piscine, palestre, centri  congressi, etc. sia riservato ai possessori di certificazione verde Covid-19 e il Consiglio dei ministri, in data 9 settembre 2021 ha annunciato l’estensione dell’utilizzo della certificazione verde ai lavoratori esterni del settore scolastico e del settore delle RSA, e l’intenzione di estenderne progressivamente l’utilizzo a tutti i lavoratori pubblici e privati.

Consiglio regionale, Muzio (FI) propone una seduta tematica sull’eutanasia

Super User 21 Settembre 2021 110 Visite

“Ritengo il referendum uno strumento inadeguato a dare una risposta sul piano giuridico a un tema così delicato e complesso come quello dell’eutanasia. Viene infatti proposta l’abrogazione di una parte dell’art. 579 del Codice Penale che è di fatto irrilevante al proposito: se anche infatti venisse cancellato questo articolo nella sua interezza, l’eutanasia sarebbe comunque punita in virtù del combinato disposto dell’art. 575, che condanna l’omicidio, e dell’art. 50 del Codice Penale, che fa riferimento al consenso volontario. Quest’ultimo può essere espresso dalla persona per i beni che sono disponibili, ma non per la vita, che nel nostro ordinamento giuridico è un bene indisponibile; riguarda cioè certamente l’individuo, ma costituisce un bene in sé per tutta la società, per le relazioni sociali che la persona intrattiene nel suo percorso esistenziale. Quindi ci troveremmo nella situazione per cui il consenso dovrebbe essere espresso non soltanto dal soggetto interessato, ma da tutti coloro che hanno stretto relazioni di affetto e di amicizia con lui. Per tutti questi motivi non ho potuto esprimere un voto favorevole alla richiesta di referendum, e il mio voto è stato di astensione”. E’ quanto ha dichiarato il consigliere Claudio Muzio, capogruppo di Forza Italia, in merito alla proposta di sostegno al referendum sull’eutanasia discussa oggi in Consiglio Regionale.

“Riconosco tuttavia - ha aggiunto il capogruppo di Forza Italia - che la richiesta di referendum ha focalizzato la lente di ingrandimento sul tema centrale, la questione etica che in questi anni è stata messa sotto il tappeto dal legislatore come si fa con la polvere. Visto che non si è voluto affrontare un nodo così spinoso a livello parlamentare, propongo che come Consiglio Regionale dedichiamo all’approfondimento un’apposita seduta monotematica, al fine di produrre un documento il più possibile condiviso e che stimoli chi ha il dovere e la responsabilità di legiferare a farlo in maniera adeguata. Personalmente sono sempre per la vita e per la difesa della dignità della persona, e proprio in ragione di ciò ritengo necessario riflettere seriamente su quei casi che ci interrogano in profondità su quali siano i limiti oltre i quali tale dignità individuale non è più garantita”, ha concluso.

Educazione sessuale nelle scuole, lista Sansa: “Maggioranza spaccata e in affanno”

Super User 21 Settembre 2021 107 Visite

"Siamo soddisfatti che la mozione di Fratelli d'Italia sull'educazione sessuale nelle scuole sia stata respinta questa mattina in Consiglio regionale. Decisive sono state le assenze all'interno della maggioranza: una spaccatura che ha messo in risalto la fragilità della destra, soprattutto davanti a temi come quello affrontato oggi”, così i consiglieri regionali Sansa, Candia e Centi (Lista Sansa).

"Siamo stati fin da subito contrari alla proposta di Fratelli d'Italia di chiedere il consenso informato ai genitori per l'insegnamento dell'educazione sessuale nelle scuole. La mozione di FdI avrebbe creato un precedente pericoloso: in primo luogo, avrebbe messo in discussione l'autonomia dei docenti e delle scuole; in secondo, così come viene applicato all'educazione sessuale, il consenso informato potrebbe essere applicato anche per la visione di un film sulla Shoah, nel momento in cui un genitore non riconoscesse come evento storico accaduto realmente".

“L'educazione sessuale nelle scuole è importante. Occorre che gli insegnanti che affronteranno la sessualità in aula siano specificamente preparati. Che siano valutati sulla loro competenza. Ma è necessario anche che si attengano a testi e programmi ben definiti (medicina, anatomia, psicologia, letteratura anche)”, spiega Ferruccio Sansa. 

Gli fanno eco Selena Candia e Roberto Centi: “L'importanza di parlare di sesso nelle scuole trova fondamento nei numeri: in Liguria, le interruzioni di gravidanze involontarie sono scese del 65 per cento dagli anni '60 a oggi grazie al lavoro delle scuole e dei docenti; delle lezioni d'educazione sessuale e del lavoro di prevenzione che viene fatto. I numeri, inoltre, continuano a scendere: dal 2016 a oggi sono calate del 5 per cento le interruzioni di gravidanza”. 

"La scuola deve aiutare a comprendere e a valorizzare le differenze e non a temerle. Un ruolo fondamentale allo scopo anche di prevenire violenze di genere", conclude Candia.

Nautico, Toti: “Salone catartico di ripartenza, coraggio ha premiato per visitatori e business”

Super User 21 Settembre 2021 62 Visite

 

“Questo Salone è stato un po' un rito catartico di ripartenza e averlo fatto attorno ad un prodotto così importante per l’economia italiana è stato un successo in sé, al di là dei numeri straordinari di oggi. Questo nonostante le limitazioni ancora legate al Covid, che hanno fatto faticare non poco e per questo ringraziamo tutti coloro che hanno lavorato in questo Salone, compreso il personale della sanità ligure che ha supportato l’organizzazione fin dall’inizio e per tutta la durata della kermesse. È stato il Salone del coraggio, perché ha sfidato ancora la pandemia e i numeri hanno premiato sia in termini di visitatori sia di effettivo business per le imprese. È la migliore dimostrazione che il Paese sta ripartendo con il piede giusto e che il modo per farlo correre più velocemente è una sana collaborazione tra le imprese, che fanno la ricchezza e l’occupazione del Paese, e le Istituzioni che devono affiancarle e supportarle in ogni modo”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti commentando i dati conclusivi della 61esima edizione del Salone Nautico Internazionale di Genova.

“Personalmente mi sono divertito e mi sono emozionato - aggiunge Toti - e credo che possano dirlo molti che lo hanno visitato. Mi sono divertito perché ho visto un salone fatto dalla sinergia di tanti fattori, sotto l’aspetto commerciale con gli affari legati al comparto e anche sotto l’aspetto sociale, dallo stare insieme in tante iniziative comprese le regate che lo hanno accompagnato. È stato un salone “rotondo”, vissuto da tutta la città, da chi veniva a cercare una barca e da chi voleva passare un pomeriggio con la propria famiglia dopo tanti mesi difficili. È stato un evento certamente utile al settore della nautica che sulla Liguria ha un peso importante e dovrà averne sempre di più, ma è stato utile anche a tutti noi, per averlo fatto, per averlo frequentato, per esserci incontrati ed essere tornati a parlare di futuro. Ci siamo emozionati perché per la prima volta, uscendo dalla cupa cappa del Covid, in cui ci guardavamo giorno dopo giorno un po' smarriti, finalmente abbiamo avuto un luogo, il coraggio e le condizioni per pensare a programmare il nostro futuro, quello di impresa per Confindustria Nautica, ma anche il futuro individuale di chi ha comprato una barca e il futuro di una città e di una regione che hanno visto crescere progetti urbanistici e di trasformazione che le renderanno più belle. Ci prepariamo al 2023: il compito di tutti noi ora - conclude Toti - è di far germogliare tutti i semi piantati durante le nostre visite, le riunioni, il confronto e il lavoro comune, c’è uno spazio gigantesco che dobbiamo tornare ad occupare con coraggio”.

Giustizia, Mai e Piana: “Regione Liguria ha consegnato in Cassazione i 6 quesiti referendari”

Super User 21 Settembre 2021 103 Visite

“I consiglieri regionali Stefano Mai e Alessio Piana, che sono stati designati delegati referendari da Regione Liguria, oggi hanno consegnato presso gli uffici della Corte di Cassazione a Roma i 6 quesiti referendari sulla Giustizia. L’Assemblea legislativa della Liguria lo scorso agosto aveva infatti dato il via libera alla presentazione della richiesta dei sei referendum abrogativi sulla Giustizia, per i quali la Lega sta raccogliendo le firme sul territorio. Una prima battaglia vinta. Esprimiamo soddisfazione: alla decisione della Liguria e delle altre Regioni che hanno approvato i quesiti referendari si affianca l’opera di raccolta firme che prosegue senza sosta nel Paese. Il nostro impegno è quello di far votare i cittadini su un tema molto sentito. Anche i magistrati, quando sbagliano, devono pagare con un giusto indennizzo. Spiace avere constatato che la minoranza abbia fatto ostruzionismo contro i referendum e abbia tentato di impedire ai liguri e agli italiani di votare. Un atto democratico e di libertà, rispetto al quale le sinistre hanno ormai sviluppato una vera e propria allergia. Ricordiamo che, oltre alla responsabilità diretta dei magistrati, i quesiti riguardano i limiti agli abusi della custodia cautelare, la separazione delle carriere, l’equa valutazione dei magistrati, la riforma del Csm, l’abolizione della Legge Severino”.

Lo hanno dichiarato i consiglieri regionali della Lega Stefano Mai (capogruppo) e Alessio Piana (presidente della III commissione Attività produttive).

Green pass, Mascia (FI): “Se varrà per i genovesi, dovrà valere anche per chi li rappresenta in Sala Rossa”

Super User 21 Settembre 2021 152 Visite

Nel dibattito sull'introduzione dell'obbligo del Green pass anche nelle aule consiliari di Comune e Regione interviene senza mezzi termini il capogruppo di Forza Italia a Palazzo Tursi, Mario Mascia: "Le regole valgono per tutti: se il Green pass diverrà obbligatorio per tutti i genovesi lo dovrà essere a maggior ragione anche per chi li rappresenta in Sala Rossa e non può non dare il buon esempio".

"Non vedo in questo obbligo del Green pass alcuna ferita alla democrazia - aggiunge Mascia - i consiglieri comunali contrari al vaccino e/o al Green pass potranno tranquillamente continuare a seguire le sedute consiliari in videocalll, esprimendo le loro opinioni e dando i loro voti da remoto coi collegamenti ormai entrati nell'uso comune".

“Nella rete del falso”, la campagna anticontraffazione della Polizia Locale

Super User 21 Settembre 2021 107 Visite

Il comune di Genova e il corpo della Polizia Locale hanno aderito alla campagna anticontraffazione “Nella rete del falso”, progetto finanziato da Anci e che vede il comune di Milano come capofila. Proprio il comune meneghino ha chiesto agli aderenti alla campagna di individuare una giornata durante la quale distribuire non solo materiale informativo, ma anche per dimostrare e far toccare con mano ai cittadini di cosa si parla quando ci si riferisce ai materiali contraffatti, dalla moda alle prese elettriche non a norma, una giornata che Comune e Polizia Locale hanno individuato in quella odierna, lunedì 20 settembre.

«Quando parliamo di contraffazione – spiega l’assessore alla Sicurezza e alla Polizia Locale Giorgio Viale – non dobbiamo mai dimenticarci del gravo danno che questa reca al Made in Italy e alla salute e alla sicurezza. Tutelare il commercio e i nostri marchi è un dovere della politica e delle forze dell’ordine, come anche della società civile che può combattere la contraffazione acquistando solamente da canali ufficiali e certificati. Bisogna poi ricordare che in molti ambiti la contraffazione porta a veri e propri rischi per la salute: basti pensare agli occhiali da sole che, se falsamente certificati, possono portare a gravi problemi alla vista. Ma questo vale anche per i tessuti e per altri materiali che, se contraffatti, possono danneggiare chi li indossa». 

La Polizia Locale di Genova, rispondendo all’appello di Milano che ha deciso di partecipare all’iniziativa in occasione della Giornata della Moda, ha installato all’esterno del Salone Nautico, nell’area pedonale, uno stand in cui verranno distribuiti i volantini creati ad hoc da Indicam, la Società per la tutela della proprietà individuale.

Allo stand gli agenti della Polizia Locale mostreranno esempi di merci contraffatte, dai tessuti alle prese elettriche e ai giocatoli, tutti materiali potenzialmente pericolosi per la salute degli individui.

Secondo l’Ocse in Italia le merci contraffatte portano alla perdita di 88mila posti di lavoro e vengono contraffatti beni per 12,4 miliardi di euro.

I consumatori colti in flagrante ad acquistare merci false possono incorrere una multa. Nel 2018, la Polizia Locale di Genova ha formato il Goac, Gruppo Operativo anticontraffazione, con l’obiettivo di presidiare il territorio con controlli mirati. Esempio di questi controlli la confisca di oltre 20mila occhiali non conformi alle normative vigenti e pericolosi per la salute dell’individuo.

Covid, Toti: “In quattro giorni più di 5mila liguri hanno prenotato il vaccino”

Super User 20 Settembre 2021 105 Visite

“In quattro giorni sono 5.205 i liguri che si prenotati per effettuare la vaccinazione anti Coronavirus. Un effetto dell’obbligo del Green Pass nei luoghi di lavoro che ci permette di dare un ulteriore sprint alla campagna organizzata da Regione Liguria. Ma soprattutto, per chi ancora non si è sottoposto alla vaccinazione, è anche un modo per mettersi in sicurezza in vista dell’autunno, quando potrebbe esserci il rischio di una maggiore circolazione del virus”. Così il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti in merito all’andamento delle vaccinazioni: “Oggi i dati sono positivi, abbiamo toccato di nuovo i 40 casi ogni 100 mila abitanti su base settimanale, sotto quel 50 di cut-off che il Governo aveva scelto come soglia per eventuali misure di contenimento. Fino ad oggi proprio il vaccino ci sta permettendo di tenere sotto controllo i contagi e il numero degli ospedalizzati – ha aggiunto il presidente Toti – nonostante il periodo abbia incentivato i viaggi e gli spostamenti, con la Liguria invasa da turisti; nonostante questo siamo riusciti a tenere sotto controllo i numeri della pandemia. Ovviamente un bel banco di prova, con i dati che confermano quanto solo il vaccino sia l’unico strumento per sconfiggere il virus”. Oggi al Salone Nautico sono stati effettuati 6 vaccinazioni e 185 tamponi.

In Liguria intanto continua anche la campagna vaccinale per il personale scolastico che in Liguria ha raggiunto il 92,50% con prima dose e dose unica, raggiungendo 32.661 persone su una platea di 35.310 operatori scolastici.

Assunzione 159 operatori sociosanitari, fumata bianca da incontro Regione-Asl5-sindacati

Super User 20 Settembre 2021 83 Visite

Fumata bianca al termine dell’incontro che si è svolto questa mattina tra Regione Liguria, Asl5 e i rappresentanti regionali e spezzini dei sindacati confederali e degli autonomi del comparto sanitario per l'illustrazione del bando a tempo determinato per 159 posti per gli Operatori Sociosanitari.

Regione Liguria ha comunicato che si procederà con un nuovo bando di concorso per soli titoli per l’assunzione a tempo determinato per un anno, rinnovabile di ulteriori due anni, nei prossimi giorni la direzione generale di Asl5 delibererà la nuova procedura che sarà pubblicata la prossima settimana.

La nuova procedura concorsuale procederà parallelamente al concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di 159 operatori, dopo che il Tar ha respinto la richiesta di sospensiva presentata con ricorso da coloro che non avevano superato la prova pratica.

A seguito di questa nuova procedura concorsuale, ASL 5 ha comunicato che da gennaio del prossimo anno non verrà rinnovato l’appalto di servizi con Coopservice.

“Stiamo mantenendo l’impegno che ci siamo assunti – afferma il presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti - affinché nessuno rimanga indietro e soprattutto i servizi all’interno delle nostre strutture siano sempre garantiti e al massimo dell'efficienza. L’incontro di oggi è stato positivo e i sindacati hanno riconosciuto l'impegno di tutte le strutture di Regione Liguria per cercare di risolvere l'annosa questione di carenza di personale nel settore degli OSS."

Tecnologia, sottoscritto accordo Liguria-Calabria per collaborazione e scambio buone pratiche

Super User 20 Settembre 2021 79 Visite

È stato sottoscritto questa mattina l’accordo per iniziative comuni di collaborazione nello sviluppo della digitalizzazione tra Regione Liguria e Regione Calabria.

“Si tratta di un accordo per cooperazione e scambio di buone pratiche in un ambito, quello della digitalizzazione, assolutamente strategico per la nostra regione e il suo sviluppo, sui cui puntiamo in modo deciso - spiega il presidente Toti –. Tecnologia e digitale sono elementi fondamentali non solo per l’ottimizzazione del lavoro della pubblica amministrazione, ma per il futuro di tutti noi, e ogni occasione per crescere è da cogliere senza indugio. Un esempio, ed è solo l’ultimo in ordine di tempo, di quanto l'impiego delle tecnologie digitali sia stato fondamentale sono la campagna vaccinale e le prenotazioni: anche grazie a questi strumenti la vaccinazione in Liguria ha potuto correre a questi ritmi”.

Sono diversi gli ambiti di potenziale cooperazione previsti dal protocollo di intesa: il sistema informativo del lavoro, i servizi digitali per il supporto alle imprese e lo sviluppo economico regionale, le infrastrutture digitali tra cui data center ed erogazione dei servizi digitali attraverso piattaforme innovative come il cloud. Ma non solo: anche digitalizzazione dei beni culturali, tematiche di sanità digitale come il fascicolo sanitario digitale, applicazioni di telemedicina e telediagnostica e un ecosistema digitale del turismo e del patrimonio naturalistico.

Obiettivo dell'accordo è concretizzare uno scambio di soluzioni sull’utilizzo di tecnologie digitali all’interno delle proprie funzioni istituzionali, il tutto finalizzato ad aumentare l’accesso e la fruizione dei servizi, individuando e attuando modelli innovativi di sostenibilità finanziaria e organizzativa degli strumenti digitali nella pubblica amministrazione.

Regione Liguria attuerà l'accordo attraverso Liguria Digitale, mettendo a disposizione di Regione Calabria tutto il know how, i prodotti e i servizi in suo possesso per condividere soluzioni già disponibili o progettare, insieme a Regione Calabria, nuovi sistemi, nuove soluzioni per le agende digitali delle due regioni e identificare possibili forme di cofinanziamento dei progetti comuni.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip