Skin ADV

Notizie

Via Prè, la Polizia locale sequestra droga e merce contraffatta o rubati

Super User 16 Maggio 2024 369 Visite

 

Questa mattina gli agenti del Nucleo Antidegrado del Reparto Sicurezza Urbana della Polizia Locale di Genova, a seguito di una segnalazione, dopo avere svolto dall’esterno un’attività di osservazione di un’abitazione in via Prè, nel centro storico, hanno effettuato un’ispezione nell’abitazione e nel magazzino collegato.

Durante la perquisizione sono stati rinvenuti 6,54 grammi di sostanze stupefacenti, tra eroina e oppiacei, e 135 euro in contanti. 

Sono stati altresì scoperti 18 pezzi di merce contraffatta, fra borse e capi di abbigliamento. 

Rinvenuti anche 28 dispositivi elettronici, di cui 4 tablet e 24 smartphone, risultati rubati di recente e quindi ricettati, destinati probabilmente al mercato estero.

Durante l’attività di controllo, l’abitazione è stata raggiunta da un individuo di nazionalità senegalese che ha dichiarato di esserne l’unico utilizzatore. L’uomo è stato denunciato per i reati di traffico illecito di sostanze stupefacenti, commercio di prodotti falsi e ricettazione.

Cure palliative pediatriche, presentata la nuova iniziativa dell’associazione Maruzza

Super User 16 Maggio 2024 418 Visite

Presentata nella Sala della Trasparenza di Regione Liguria la nuova iniziativa dell’associazione Maruzza Regione Liguria ODV (AMaRLO), l'organizzazione che anni si dedica al sostegno di bambini affetti da patologie inguaribili e delle loro famiglie. Grazie alla collaborazione con lo scrittore Claudio Chiavari, che ha realizzato il libro "Un mondo più migliore” di SBS Edizioni, l’ammontare dei diritti d’autore sarà devoluta all’associazione per sostenere le sue attività di assistenza sanitaria, supporto psicologico e momenti di sollievo e di aggregazione a beneficio dei piccoli pazienti degli ospedali liguri. L’incontro è stato anche un’occasione per parlare delle ultime novità in fatto di cure palliative pediatriche in Liguria.

"Occuparsi di cure palliative è complesso e difficile perché ci si trova a gestire momenti estremamente delicati della vita dei pazienti, e questo è ancora più vero quando queste cure si erogano a bambini – commenta l’assessore regionale alla Sanità Angelo Gratarola -. La medicina ha sicuramente il compito di fare la diagnosi, di stabilire la terapia, di guarire le persone, ma laddove la guarigione non è possibile, laddove la malattia ha un esito ineluttabile, le cure palliative rappresentano sicuramente lo strumento migliore perché dove non si cura più la malattia si cura la persona malata. Come Regione Liguria diamo dunque tutto il nostro sostegno alle iniziative dell'associazione Maruzza e della sua preziosa attività".

“Questo romanzo vuole essere un ponte tra mondi diversi, dimostrando come la vicinanza e la cura possano realmente fare la differenza nella vita dei più fragili – spiega lo scrittore Claudio Chiavari - La narrazione, arricchita dalla figura del fedele cane Schizzo, si snoda attraverso le sfide e le gioie quotidiane di chi vive ai margini dell'inclusione sociale, offrendo un messaggio di speranza e di amore incondizionato. Devolvendo i diritti d’autore all’associazione Maruzza Regione Liguria ho voluto dare un sostegno a questa realtà, che tanto fa per i più piccoli”.

“Quando Claudio ha espresso il desiderio di diventare "volontario a distanza" dell’Associazione Maruzza Regione Liguria, il primo pensiero è stato farci donare la sua “penna”, per parlare “bambini” e le “malattie inguaribili senza pietismo e paura ma con il sorriso – spiega la presidente dell’Associazione Maruzza Regione Liguria Odv Maria Teresa Castelli - Quel sorriso che contraddistingue molte delle nostre famiglie che, nonostante la malattia dei propri figli, cercano di vivere una vita normale. Così è nato Schizzo, che girando per la nostra Liguria, racconta le storie di tutti coloro che vivono intorno a un bambino fragile”.

"Sono stata da subito felice di dare questo spazio a Claudio e al suo progetto, un autore che rende sicuramente prestigio alla nostra casa editrice – aggiunge Sheyla Bobba, editore di SBS Edizioni - Quando ci siamo incontrati e mi ha parlato dell'Associazione Maruzza e dei bambini di cui si occupa, aveva gli occhi pieni di lacrime e un sorriso profondo dettato dal cuore, con l'emozione che traboccava. Mi sento io una privilegiata!".

Alla presentazione hanno preso parte anche Raffaele Spiazzi, direttore sanitario IRCCS Giannina Gaslini, Luca Manfredini, direttore "Guscio dei Bimbi - Chiara Luce Badano" IRCCS Giannina Gaslini e Maria Elena Tramelli, dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo di Teglia.

Ambasciatori di Genova nel mondo, il comitato etico non revoca Spinelli: De Martini lascia

Super User 16 Maggio 2024 723 Visite

“Caro Giuseppe, scrivo a te nella tua qualità di coordinatore di noi ambasciatori di Genova nel mondo. Come sai risiedo e lavoro all’estero ormai da molti anni ed in questi giorni mi vengono spesso chieste notizie e chiarimenti su quanto accaduto in Regione Liguria e a Genova. È una sofferenza che si rinnova ogni volta. Attenderemo ovviamente l’esito finale delle indagini che speriamo assolvano tutti sul piano legale. Sul piano morale però il danno fatto all’immagine della nostra città e regione è gravissimo e non possiamo non prenderne atto e manifestare una nostra dissociazione da comportamenti francamente inaccettabili”. Così scrive l’ex europarlamentare Susy De Martini al coordinatore Giuseppe Franceschelli per rassegnare le sue dimissioni da ambasciatrice di Genova nel mondo.

“Una nostra convalida consensuale è per me inaccettabile - prosegue De Martini - sia per la funzione che ho avuto quale parlamentare europeo e che ancora ho a Bruxelles quale senior advisor per le relazioni internazionali dei Former Members, sia come donna e medico neuropsichiatra. Convalida consensuale significa validare un comportamento che per il fatto che sia accettato dai più non vuole dire che sia corretto. Il fatto che molte persone fumino non vuole dire che il fumo faccia bene. Il fatto che spesso vengano utilizzate giovani donne, magari bisognose di denaro, quale strumento di potere non ne giustifica l’uso sfrontato. Ho chiesto un tuo intervento di revoca sulla nomina di Aldo Spinelli quale ambasciatore e mi hai risposto che il Comitato Etico non ritiene vi siano gli estremi per farlo. Ne sono addolorata e ti comunico che pur rispettando la vostra decisione non mi sento di convalidarla consensualmente. Con rammarico mi dimetto quindi da ambasciatrice di Genova nel mondo”.

“Continuerò ad amare e a fare onore alla mia città come ho sempre fatto ma con altre modalità. Al sindaco ho inviato un messaggio di solidarietà e incoraggiamento, certa che risulterà estraneo a tutti questi inaccettabili comportamenti”, conclude.

 

“Città dell’educazione”, a Genova il seminario di formazione per i dirigenti scolastici

Super User 15 Maggio 2024 346 Visite

 

Considerare l’educazione al centro delle politiche di trasformazione di lungo periodo delle città, in un momento storico caratterizzato dal calo demografico e quindi dalla diminuzione delle generazioni più giovani, per offrire opportunità educative di  qualità, innovazione pedagogica per l’inclusione e  apprendimento continuo, coinvolgere tutta la comunità educante, raccogliere, comprendere, gestire ed utilizzare i dati, rafforzare le competenze di dirigenti, insegnanti, educatori e famiglie, adottare  e sostenere metodi e sperimentazioni replicabili e scalabili: sono queste le parole chiave dell’iniziativa “Città dell’Educazione” lanciata dalla Fondazione Compagnia di San Paolo, con  Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo, in stretta collaborazione con alcune delle principali città del territorio di riferimento della Fondazione - Torino, Genova, Savona e Vercelli - e con il Ministero dell’Istruzione e del Merito, con il quale è stato firmato un Protocollo d’Intesa a ottobre 2023.

L’iniziativa prevede di rafforzare l’offerta di servizi personalizzati di cura, crescita e apprendimento per bambini/e da 0 a 6 anni e per le loro famiglie, bambini e adolescenti da 6 a 19 anni e giovani dai 16 fino ai 29 anni in quattro città piemontesi e liguri.

Genova è una delle quattro città in cui verrà realizzato un grande intervento cittadino a beneficio di bambini e adolescenti della fascia 6-19, circa 60 mila studenti-studentesse.

Si punta a migliorare la capacità dei giovani di autodeterminare il proprio futuro e di conseguire il successo formativo, indipendentemente dalla loro condizione sociale e familiare di origine.

Il punto di partenza dell’intervento 6-19 è costituito da un’analisi dei dati sviluppata attraverso una multipiattaforma che ha il compito di determinare i livelli di rischio-dispersione nelle diverse classi. Sulla base delle evidenze scaturite da tale analisi, verranno proposti interventi didattici co-progettati con i docenti e specifici interventi orientativi, integrando le proposte con le progettualità già esistenti e con le figure già attive nella scuola.

Per contribuire a ridurre la dispersione scolastica esplicita e implicita  a Genova e a Savona e favorire il successo formativo, il programma prevede inoltre di potenziare l’eco-sistema di istituzioni, enti e soggetti attivi nel campo dell’educazione e  di aumentare l’accesso a opportunità educative di qualità, anche non formali e informali, già esistenti o nuove, personalizzate, connesse con le attività scolastiche e tese a motivare ad esperienze di apprendimento e di cittadinanza attiva, a incrementare le competenze di base e socio-emotive, a sostenere il benessere emotivo e relazionale.

L'accesso viene facilitato e reso possibile da una offerta integrata, adeguatamente comunicata e accompagnata nella fruizione da azioni fortemente personalizzate sulla base dell'età, dei talenti e delle aspirazioni di ciascuno. “Città dell’Educazione” e il suo intervento rivolto a bambine/i e ragazze/i della fascia 6-19 anni a Genova utilizzano inoltre dati e strumenti digitali che favoriscono percorsi educativi personalizzati, facilitano l’accesso e l’utilizzo delle offerte educative e formative e contribuiscono al loro orientamento.

La visione di lungo termine promuove un cambiamento culturale, a favore del rilancio delle professioni educative e del coinvolgimento della comunità, perché questa si riconosca consapevolmente come comunità educante e ponga al centro del proprio pensiero bambine/i e ragazzi, riconoscendoli protagonisti dei cambiamenti che genera.

La formazione del 10 e 15 maggio è rivolta ai dirigenti scolastici delle due città liguri coinvolte in Città dell’Educazione. L’iniziativa punta a sensibilizzare le scuole sull’importanza di un’analisi dei dati che supporti le decisioni basandole su evidenze. Il secondo grande tema del seminario riguarda la governance dell’innovazione didattica, posta al servizio del successo formativo attraverso forme di insegnamento partecipate e inclusive, in grado di sviluppare le competenze socio-emotive delle studentesse e degli studenti e rendere formativo il processo di valutazione. Le due giornate prevedono, accanto alle relazioni di esperti e alla presentazione generale di Città dell’educazione, momenti di interazione e confronto con i dirigenti scolastici.

Punture di zanzare, i consigli del Comune di Genova per adottare comportamenti efficaci

Super User 15 Maggio 2024 420 Visite

Dopo i due recenti casi di febbre Dengue (un tipo di arbovirosi) diagnosticati a Genova su viaggiatori di ritorno dall’estero e con l’approssimarsi della stagione favorevole alla proliferazione di zanzare, l’Ufficio Animali del Comune di Genova - in attesa della specifica campagna di comunicazione attuata da Regione Liguria nell’ambito del Piano regionale di prevenzione - raccomanda buone pratiche universali e comportamenti quotidiani che ogni cittadino può e dovrebbe attuare.

Si consiglia innanzitutto di eliminare qualsiasi ristagno d’acqua e adottare misure di prevenzione individuale a protezione dalle punture delle zanzare. Nel caso della cura degli orti le raccolte d’acqua devono essere chiuse ermeticamente o protette da zanzariere. Utilizzare con moderazione repellenti cutanei da spruzzare o spalmare sulle parti scoperte del corpo; indossare quando si è all’aperto, soprattutto al tramonto e sino all’alba, indumenti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo (camicie a maniche lunghe, pantaloni o gonne lunghi e calze); applicare e tenere attive, ove possibile, le zanzariere alle finestre e alle porte di ingresso. In caso di presenza di questi insetti in ambienti interni, utilizzare i normali dispositivi anti-zanzare.

«Nessun allarmismo, ma l’attuazione di semplici e corretti comportamenti attuabili da ciascun cittadino rappresentano gli elementi essenziali per un’efficace opera preventiva di proliferazione delle zanzare - spiega l’assessore comunale agli Animali Francesca Corso -. Per quanto riguarda l’eventuale, seppur rarissima, presenza di zanzare che possano diffondere virus patogeni, il Comune di Genova sta continuando a svolgere approfonditi sopralluoghi per verificare l'esistenza di focolai larvali ed attuare i necessari interventi di rimozione e disinfestazione».

Il Comune di Genova, in collaborazione con Regione Liguria, ALISA, ASL 3 e Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, partecipa attivamente al Piano Nazionale di Prevenzione, Sorveglianza e Risposta alle Arbovirosi (PNA), elaborato dal Ministero della Salute per monitorare la presenza di virus trasmessi da vettori artropodi, come ad esempio le zanzare.

A Genova il convegno per valorizzare il contributo femminile nel digitale

Super User 15 Maggio 2024 350 Visite

Si è svolto ieri, presso la Sala Polivalente San Salvatore dell’Università di Genova, il convengo “Il futuro è digitale”, con l’obiettivo di individuare possibili strategie per accrescere la presenza femminile nel settore ICT e della sicurezza informatica, nonché valorizzare il ruolo della donna nel digitale.

L’evento ha rappresentato un’occasione per confrontarsi su questioni di importanza centrale nell’attuale contesto economico-sociale, il quale necessita di sempre maggiori competenze che caratterizzano proprio le figure femminili.

Grazie alla collaborazione tra Bureau Veritas Italia e il Comitato per le Pari Opportunità dell’Università di Genova, è stato possibile riunire docenti universitari, rappresentati di aziende, associazioni e istituzioni per parlare di temi chiave, quali: il Gender Gap che attualmente influenza il settore, le strategie da adottare per creare più opportunità per le donne e per attrarre sempre più talenti femminili. 

Nonostante l’ICT sia in forte e continua espansione, la media europea di donne impiegate in tale settore non supera il 17-18%. A livello nazionale i dati risultano essere ancora più allarmanti, dove la percentuale di donne professioniste nel campo dell’ICT si attesta attorno al 16%.

L’obiettivo è quello di dar vita ad un dibattito sulla prospettiva proposta dal Convegno, “Il futuro è digitale”, nel quale si cerca di porre le basi per favorire un contatto tra le aziende del settore ICT e le studentesse interessate a proseguire la propria carriera in ambito. Per il raggiungimento di tale obiettivo, hanno partecipato all’evento i rappresentati dei dipartimenti delle Risorse Umane (HR) di aziende leader nel settore ICT e società di recruitment.

Al convegno ha preso parte anche Claudia Rangogni, Chief Human Resources Officer (CHRO) di HWG Sababa, la quale è intervenuta nella tavola rotonda sul tema “La presenza femminile nel settore ICT: Come aumentarla e quale valore ne deriva?”. In qualità di rappresentate di un’azienda leader del settore, ha sottolineato la necessità di coinvolgere più figure femminili in ambito ICT e la necessità di rendere la donna sempre più consapevole delle proprie possibilità e del proprio valore.

“Le donne possono vedere il mondo ICT in modo più creativo e dare un punto di vista differente rispetto alle figure maschili - ha detto Rangogni -. Il mondo dell’informatica non è un ambiente sterile, privo di relazioni e interazioni, ma al contrario richiede spesso di entrare in empatia con il cliente. Per questo sarà necessario riuscire a sradicare l’autoesclusione delle donne dal mondo ICT e per farlo è necessario un lavoro corale”.

‘Il coraggio vince’, il generale Vannacci presenta il suo nuovo libro ai genovesi

Super User 15 Maggio 2024 779 Visite

Roberto Vannacci, generale, scrittore e aspirante europarlamentare della Lega, sarà a Genova per presentare il suo ultimo libro, ‘Il coraggio di vincere’.

A differenza de ‘Il mondo al contrario’, personalissimo saggio che fa fatto nascere molte polemiche per come è stata citata la cosiddetta “dittatura delle minoranze” (clandestini, gay, femministe, marxisti, ecc.) e gli è costata la sospensione dall'Esercito, in questo libro il generale più famoso d’Italia racconta la sua vita, dal bambino al militare.

L’incontro con i genovesi si terrà sabato 18 maggio, ore 14:00, presso la sala Multimedia Auditorium in via XX Settembre 41, secondo piano.

Il Premio Mimmo Angeli a Malaguti, D’Amico e Raineri

Super User 15 Maggio 2024 409 Visite

Venerdì 17 maggio, alle ore 18:00, presso la Società Economica di Chiavari, è in programma la terza edizione del premio di giornalismo ideato da Piazza Levante e dedicato allo storico direttore de "Il Corriere Mercantile" Mimmo Angeli.

Saranno premiati il direttore de ‘La Stampa’ Andrea Malaguti per la sezione cronaca, Ilaria D’Amico per la sezione sport e Daniele Raineri, inviato di ‘Repubblica’ per la categoria giovani.

La consegna sarà preceduta da un dibattito sul tema: “Fare informazione oggi tra fake news e social network”. Si cercherà di rispondere ad una intrigante domanda: “Come è possibile individuare l’autenticità delle notizie che incontriamo in rete e in particolare sui social network, considerati oggi il principale canale di diffusione delle fake news?”.

Tre giornalisti di chiara fama, ma soprattutto tre cronisti affidabili e appassionati, documentati e precisi, con il buon senso di saper dire e scrivere spesso le cose giuste e necessarie.

La prenotazione è consigliata e può essere effettuata online sulla piattaforma Eventbrite o telefonando al numero 347 2502800.

‘Come parlare della morte ai bambini’, un nuovo incontro al Centro studi Vitale

Super User 15 Maggio 2024 361 Visite

È un tema delicato quello che viene affrontato nell’ambito di una rassegna che si articolerà su sette appuntamenti, fissati sempre il terzo mercoledì del mese al Centro studi Edoardo Vitale di via Lanfranconi 1/7, dove ha sede So.Crem.

Il titolo dell’evento è “Come parlare della morte ai bambini”: cerchi di lettura per genitori e insegnanti; relatori dei vari incontri saranno professionisti del settore. Gli incontri si terranno sempre dalle ore 17:00 e saranno a libera partecipazione con obbligo di iscrizione alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Curatori della rassegna sono Linda Alfano, Francesca Angelini, Paolo Fontana e Anna Porta. Mercoledì 15 maggio si parlerà di “Crescerò”, il nuovo libro di Linda Alfano, Ivano Malcotti e Giancarlo Nivoli.

Mercoledì 19 giugno, sarà la volta di “Il Sentiero” di Marianne Dubuc. Dopo la sospensione estiva, si riprenderà mercoledì 18 settembre con “Un ponte per Terabithia” di Khaterine Paterson. Mercoledì 16 ottobre, appuntamento incentrato su “E se la morte fosse un bosco?”, libro di Gabriele Ventura e Chiara Scardicchio. Mercoledì 20 novembre, si terrà un dibattito su “I fantastici libri volanti di Mr Morris Lessmore” di Wiliam Joyce.

Si chiuderà mercoledì 18 dicembre con “Il Buco”, libro di Anna Llenas. Il punto di partenza da cui si muove l’iniziativa è appunto la consapevolezza che, di fronte alla morte, molto spesso i bambini sono tenuti all’oscuro di ciò che sta accadendo. In realtà anche i più piccoli devono essere coinvolti in questo processo di cambiamento che un lutto inevitabilmente prevede ed è necessario essere pronti a rispondere a tutte le domande che possono porre sulla morte. Quali sono le modalità migliori per spiegare un lutto ai bambini è il leitmotiv degli incontri in programma.

Regione Liguria, Piana: “La maggioranza è compatta e decisa a portare avanti gli impegni presi”

Super User 14 Maggio 2024 423 Visite

“La maggioranza è compatta, decisa a portare avanti il lavoro e gli impegni presi. Bloccare opere che rappresentano un’occasione storica di sviluppo per la regione e l’Italia sarebbe un autogol clamoroso per qualsiasi parte politica. Consentiranno alla Liguria di superare i limiti strutturali del suo territorio”. Lo dice in una nota Alessandro Piana, presidente ad interim della Regione Liguria.

“È impensabile - prosegue - in un Paese libero e democratico lasciare tutto in sospeso, senza dimenticare che per la nostra Costituzione vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Mi pare che la minoranza con una discussione molto pacata non ci chieda una dimissione, ma di scappare. Noi non scapperemo per rispetto dei liguri tutti, del presidente e degli inquirenti”.

“I risultati della Giunta poi sono innegabili, parlano i dati - aggiunge il presidente ad interim -. Dal 2021 il pil pro capite ligure è costantemente cresciuto superando la media nazionale e ponendo la Liguria al secondo posto per incremento. Siamo tra le prime cinque regioni d'Italia per crescita dell'occupazione oltre ai ben noti risultati record per il turismo. La crescita non lascia indietro nessuno, basti citare ad esempio le risorse stanziate per gli asili nido e gli sconti sui trasporti pubblici.

“Costante l'attenzione all'ambiente, proprio oggi registriamo la riconferma della Liguria ai vertici della classifica sulle bandiere blu”, conclude Piana.

Ape Confedilizia, Spaziani Testa e Nasini premiano gli amministratori di condominio

Super User 14 Maggio 2024 404 Visite

Una forte partecipazione ha caratterizzato il convegno che si è svolto questo pomeriggio al Salone di Rappresentanza di Bper Banca. Organizzato da Ape Confedilizia, l’incontro aperto ai soci e agli amministratori di condominio, ha visto la partecipazione di Giorgio Spaziani Testa, presidente Confedilizia Nazionale, che ha aperto l’incontro, intervenendo sul tema della direttiva green: “Quello approvato dalla Ue rimane un testo dagli obiettivi finali ben difficilmente realizzabili (emissioni zero nel 2050), che la nuova legislatura europea farebbe bene a ripensare. Dopodiché, un ruolo fondamentale lo avranno i governi, chiamati a legiferare nei vari Paesi. Quello italiano deve fare i conti con una realtà ben diversa da quella del resto della Ue. Le specificità del nostro patrimonio immobiliare sono note, così come quelle di chi lo detiene (piccoli proprietari, spesso in condominio). Occorre pensare a una distribuzione equilibrata nel tempo degli interventi e ad adeguate misure economiche e fiscali di sostegno. Il tutto, senza dimenticare che il nostro territorio ha una priorità che a Bruxelles non scalda i cuori quanto il green: quella del miglioramento sismico degli edifici”.

Vincenzo Nasini, presidente di Ape Genova e vicepresidente nazionale Confedilizia, è intervenuto sulle problematiche inerenti al post superbonus. Mentre di normativa fiscale in tema di bonus edilizi ha parlato Maurizio Pucci, consulente fiscale di Ape Confedilizia Genova.

Al termine delle relazioni sono stati consegnati agli amministratori, in possesso dei requisiti, gli attestati di frequenza pluriennali dei corsi di formazione periodica organizzati da Ape Confedilizia Genova e attestato di fedeltà a coloro che amministrano condominii iscritti all’associazione.

Una medaglia è stata consegnata ai seguenti amministratori di condominio: Antonio Canevaro, Giovanni Sanò, Diego Russello, Luigi Trenta, Roberto Cielico, Alberto Suozzo, Fabrizio Lanata, Luigi Fornaro, Domizio De Ferrari, Sandro Cristofani, Rita Alberga, Serafino Iacona.  

Regione Liguria, l’assessore Scajola incontra gli studenti di Orientamenti-Sailor

Super User 14 Maggio 2024 339 Visite

Grande successo per l’undicesima edizione di Orientamenti-Sailor, la nave dell’orientamento ai mestieri e alle professioni del mare, partita sabato 11 maggio, a bordo della motonave Suprema di Gnv, per quattro giorni di navigazione e formazione sulla tratta Genova-Palermo-Genova. 230 gli studenti partecipanti da 19 istituti scolastici, 13 liguri e 6 da fuori regione, che hanno potuto cimentarsi nella vita di bordo con oltre 20 laboratori specifici e il contatto diretto con decine di professionisti del settore e 9 testimonial d’eccellenza.

Oltre agli studenti, di tre diversi indirizzi di studio, alberghiero, nautico e turistico, sono stati formati sui temi del cluster marittimo portuale e dell’orientamento scolastico 26 docenti.

Avviato nel 2013 nell’ambito di ‘Orientamenti’, il progetto Sailor è promosso da Regione Liguria insieme a Ufficio Scolastico Regionale, Accademia Marina Mercantile, Capitaneria di Porto, Grandi Navi Veloci e Istituto Nautico San Giorgio e mira ad avvicinare gli studenti delle classi quarte superiori al mondo marittimo inserendoli direttamente in un reale contesto lavorativo.

In particolare, per la Liguria gli istituti coinvolti sono: IIS Capellini-Sauro, ⁠IISS Ferraris-Pancaldo, IIS Polo Tecnologico Imperiese, ⁠Mazzini Da Vinci, ⁠IPSSA Nino Bergese, ⁠IPSEOA Marco Polo, ⁠IIS Ruffini, IPSSAR Migliorini, ⁠Perentucelli Arzelà, San Giorgio Genova – Camogli, ⁠IPSEOA Casini, ⁠IIS Firpo- Buonarroti e ⁠ISS Boselli Alberti. A questi si aggiungono: IPS Ciro Pollini (Lombardia), ⁠IISS Amerigo Vespucci (Puglia), ⁠IIS Caboto (Lazio), ⁠Centro Formont Valsusa (Piemonte), ⁠Lycee Des Metiers Paul Valery (Francia), École Jeanne Et Paul Augier (Francia). Presenti all’attracco odierno a Genova l’assessore regionale alla Formazione e all’Orientamento, il capitano di Vascello (CP) Leonardo Deri Capo Reparto Tecnico-Amministrativo della Capitaneria di porto di Genova e i rappresentanti del comitato promotore e dei partner di Sailor, che hanno incontrato gli studenti raccogliendo le loro testimonianze al termine di questa esperienza.

“Sailor si conferma anche quest’anno, nella sua undicesima edizione, un progetto molto apprezzato e vincente – dichiara l’assessore regionale alla Formazione e all’Orientamento Marco Scajola -. Avere la possibilità di imparare sul campo con la supervisione dei professionisti dei mestieri del mare è garanzia di successo. Lo confermano i numeri, ma soprattutto la generale soddisfazione dei giovani partecipanti. Ritengo inoltre questo specifico evento un giusto tributo e una valorizzazione delle professionalità marittime che rappresentano certamente un’eccellenza della nostra regione e una opportunità di occupazione di cui è importante che i nostri ragazzi siano consapevoli. Il grande contenitore di Orientamenti prosegue senza sosta con l’obiettivo di essere, sempre di più, un faro per i giovani liguri, una guida nelle scelte, ma anche un modo per comprendere quali siano le proprie attitudini e ambizioni”.

“La formazione dei giovani è un tema centrale per la blue economy, ed un tema particolarmente sentito in Liguria, Regione affacciata sul mare, e a Genova, dove il maggiore porto nazionale e tra i principali del Mediterraneo può offrire svariate possibilità d’impiego, e valide prospettive occupazionali future – evidenzia l’ammiraglio Piero Pellizzari direttore marittimo della Liguria-. È fondamentale, per cogliere le opportunità che offre il settore marittimo, che i giovani ricevano una preparazione di prim’ordine, e che possano conoscere, anche attraverso esperienze pratiche, le diverse professioni del mare, per orientare i propri interessi ed il campo di studio più appropriato. In quest’ottica, sono molto proficue le iniziative come il Progetto Sailor, nell’ambito di “Orientamenti”, con l’obiettivo di creare un collegamento diretto tra il mondo del lavoro marittimo ed i giovani, che tornano sempre entusiasti da questa bella esperienza. Fin dalla prima edizione del 2013, la Guardia Costiera della Liguria collabora fattivamente al progetto, insieme alla Regione, all’Ufficio Scolastico Regionale, all’Accademia della Marina Mercantile, agli Istituti Scolastici ed alle altre Istituzioni coinvolte, nella convinzione che possa rivelarsi concretamente utile per i giovani che aspirano a realizzare il proprio futuro sul mare”.

"Come è la vita a bordo, quali importanti sfide ed innovazioni presenterà questo lavoro? Con SailOr ogni anno cerchiamo di rispondere a queste e altre domande poste da tanti ragazzi volenterosi provenienti dagli istituti scolastici che partecipano a questa importante iniziativa – dichiara Antonio Cecere Palazzo, comandante di armamento di Gnv – Si tratta di un progetto che testimonia come la partnership tra pubblico e privato possa permettere agli studenti di toccare con mano le sfide e le avventure offerte dalla vita in mare. Siamo fortemente convinti che le attività svolte a bordo arricchiscano non solo i ragazzi ma anche e soprattutto i dipendenti della nostra Compagnia, che hanno l’occasione di mettersi alla prova condividendo il loro know-how con un pubblico giovane e intraprendente. Insomma, siamo felici che anche quest’anno l’edizione sia stata un successo e siamo già proiettati alla prossima”.

Partner dell’iniziativa: Msc, Costa Crociere, Università degli Studi di Genova, Guardia Costiera Ausiliaria, Stella Maris, Rimorchiatori Mediterranei, Istituto Marco Polo e Istituto Nino Bergese.

La Liguria si conferma regina delle Bandiere Blu con 34 comuni premiati

Super User 14 Maggio 2024 602 Visite

Nel 2024 la Liguria si conferma regina delle Bandiere Blu, il riconoscimento dato alle spiagge e agli approdi non solo per la qualità delle acque, ma anche per la qualità dell’accoglienza e la sostenibilità ambientale. Quest’anno sono stati 34 comuni liguri che hanno ottenuto al Bandiera Blu, con due nuovi ingressi (Recco e Borgio Verezzi) e due uscite (Ameglia e Taggia). Per quanto riguarda gli approdi turistici, hanno ottenuto il riconoscimento 16 realtà con sede in Liguria, mentre le singole spiagge liguri premiate sono state 67. 

“Anche quest’anno la Liguria ottiene la prima posizione nella classifica delle Bandiere Blu in Italia, un risultato di cui non possiamo che essere orgogliosi – commenta il presidente ad interim della Regione Liguria Alessandro Piana - Le nostre località balneari sono sempre più attrezzate, efficienti e sostenibili, il tutto a vantaggio dell’attrattività del nostro territorio e del benessere di tutti i liguri. Un grazie a tutte le realtà, dai Comuni al comparto turistico e balneare, che hanno lavorato e continuano a lavorare per costruire questa grande qualità, un fiore all’occhiello per la nostra Regione”. 

“Ci confermiamo per il quindicesimo anno consecutivo come la regione che ha il mare più bello d'Italia con maggior numero di Bandiere Blu – commenta l’assessore regionale al Turismo Augusto Sartori - Voglio ringraziare i nostri imprenditori balneari perché ricevere questo riconoscimento non significa avere semplicemente il mare pulito ma anche che le nostre località, le nostre spiagge e i nostri porti turistici sono i migliori a livello di attrezzature e accoglienza. A tal proposito annuncio che anche quest'anno realizzeremo, in collaborazione con Consulta regionale per la tutela dei diritti della persona handicappata, Inail direzione regionale Liguria e Associazione italiana sclerosi multipla, la Guida Mare Accessibile: un vademecum utile per individuare gli stabilimenti balneari e le spiagge libere dove è garantita l’accessibilità alla battigia e al mare alle persone disabili”. 

“Anche quest’anno la Liguria si è distinta per la qualità delle sue spiagge e del suo mare – commenta l’assessore regionale all’Ambiente Giacomo Giampedrone – Si tratta di un risultato molto positivo non solo per il turismo, ma anche per l’ambiente, perché significa che le nostre acque hanno un’elevata qualità e che gli investimenti fatti in questi anni nel campo della depurazione hanno dato i loro frutti. Un lavoro svolto grazie alla collaborazione delle amministrazioni comunali e delle attività di controllo, monitoraggio e analisi della qualità delle acque di Arpal”.

 

Di seguito l’elenco dei comuni liguri Bandiera Blu 2024:

IMPERIA

Bordighera

Sanremo

Riva Ligure

Santo Stefano al Mare

San Lorenzo al Mare

Imperia

Diano Marina

 

SAVONA

Laigueglia

Ceriale

Borghetto Santo Spirito

Loano

Pietra Ligure

Borgio Verezzi

Finale Ligure

Noli

Spotorno

Bergeggi

Savona

Albissola Marina

Albisola Superiore

Celle Ligure

Varazze

 

GENOVA

Sori

Recco

Camogli

Santa Margherita Ligure

Chiavari

Lavagna

Sestri Levante

Moneglia

 

LA SPEZIA

Framura

Bonassola

Levanto

Lerici

Il sindaco di Recco Carlo Gandolfo

‘Assalto alla fabbrica’, il libro di Giovanni Mari ricorda la deportazione di 1500 operai genovesi

Super User 14 Maggio 2024 444 Visite

Il 16 giugno del 1944 i fascisti della Repubblica Sociale italiana spalancarono le porte delle fabbriche genovesi ai nazisti cacciatori di schiavi: vennero requisiti e deportati 1.500 operai. Il rastrellamento fu particolarmente violento, il viaggio su treni piombati. La loro casa fu il lager di Mauthausen, per lavorare nell’industria militare del Reich, soffrendo la fame e il gelo. I nazifascisti non scelsero quelle fabbriche per caso: volevano procurarsi manodopera di alto livello, ma soprattutto stroncare la caparbietà operaia, che nei mesi precedenti aveva inferto duri colpi alla produzione e alla propaganda repubblichina con una raffica di agitazioni, scioperi e boicottaggi.

Nel suo libro, ‘Assalto alla fabbrica’ edito da People, Giovanni Mari, giornalista del Secolo XIX, ripercorre questi fatti a ottant’anni di distanza, raccontando attraverso questo episodio la deportazione per ragioni politiche di oltre 23mila italiani e di oltre 100mila lavoratori e dimostrando la complicità dei fascisti nella costruzione della macchina dell’oppressione nazista.

Liguria, Alessandro Piana alla guida della giunta: “L’attività della Regione proseguirà”

Super User 14 Maggio 2024 511 Visite

“Secondo quando stabilito dal comma secondo dell’art. 41 dello Statuto della Regione, ho assunto ad interim le funzioni di presidente della Giunta regionale. Con senso di grande responsabilità per le funzioni attribuitemi dalla Carta statutaria, promulgata nel mese di maggio dell’anno 2005, e nella consapevolezza di essere chiamato a svolgere un compito importante e cruciale, nell’interesse dell’intera comunità regionale, mi preme esprimere innanzitutto un pensiero di vicinanza al presidente, auspicando che, rispetto alle note vicende che lo riguardano, venga fatta chiarezza nel più breve tempo possibile”. Così Alessandro Piana, intervenuto in apertura della seduta odierna del Consiglio regionale, che ha aggiunto: “L’attività della Regione proseguirà, senza soluzione di continuità, nel solco di un percorso che, in quasi due lustri di amministrazione, ha segnato un vero e proprio cambio di passo nella nostra economia e ha determinato una crescita record del nostro PIL, nell’ultimo triennio, in diversi settori chiave dello sviluppo del Paese. Ora, ben consapevole della difficoltà di questo momento, occorre sostenere questo cambio di passo continuando con gli investimenti, con il raggiungimento degli obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che per la Liguria rappresenta un’opportunità imperdibile e storica proseguendo con le attività amministrative della Regione”.

“La politica, che sia di governo o di opposizione, nel quadro di un dibattito democratico, deve continuare a impegnarsi a fondo, nel rispetto dei principi di programmazione, di partecipazione e di autonomia degli enti locali”, conclude Piana.

France-Line Costi nuova presidente dell’Aeroclub di Genova

Super User 14 Maggio 2024 570 Visite

Vola su ali dipinte di rosa l’Aero Club di Genova, che ha eletto presidente France-Line Costi, docente di materie aeronautiche, ingegnere e pilota che, forse per la prima volta nella storia del Club, è riuscita ad ottenere la totalità dei voti dei soci presidenti all’assemblea elettiva; un record nel quasi centenario club del volo sotto la Lanterna, dove la Costi sembra proseguire idealmente la grande tradizione femminile che ebbe dal 1955 al 1963, presidente del sodalizio aeronautico la marchesa Carina Massone Negrone, mitica e storica pilota donna che stabilì una serie di record nei voli.

E con France-Line Costi in Consiglio direttivo entra anche un’altra icona del volo femminile: Daniela De Gol, tra le primissime donne pilota nell’allora Alitalia e unica donna pilota italiana di Canadair. Ora in pensione ma che spesso affianca giovani piloti (e meno giovani) che usufruiscono così della sua grande esperienza e notevole capacità nell’arte del volo. E anche docente di teoria nel Club.

Tutto maschile invece il resto del Consiglio, dov’è stato eletto un altro personaggio di grande caratura quale Claudio Senzioni, diplomatico, politico, ex manager, nipote di uno dei fondatori dell’Aero Club e che negli anni ‘90 salvò, in 9 mesi di presidenza, il Club, destinato alla chiusura per aver subito una precedente pessima gestione finanziaria che lo avrebbe portato alla fine di ogni attività. Vicenda narrata nel libro “Volare e vincere”, edizioni Termanini, scritto da Senzioni con il giornalista e scrittore Dino Frambati, addetto stampa del Club, oggi alla seconda ristampa.

Christian Barillari, dirigente di azienda, Filippo Pastorino, imprenditore, Stefano Rossi, responsabile tecnico di azienda, tutti legati dalla comune, irrefrenabile passione del volo, gli altri consiglieri. Mentre sono stati eletti come collegio dei revisori dei conti Corrado Chiolerio (presidente), Matteo Di Patrizi e Giulio Mazzucato.

La neo presidente appare molto determinata a fare bene e ad agire con la grande passione che la contraddistingue. Con il grande amore per il volo che la portò, nel 2011, ad effettuare in solitaria il giro d’Italia in aereo per onorare il 150esimo dell’Unità del nostro Paese. Impresa rimasta negli annali del volo privato in Italia.

“Sarà una grande sfida - ha dichiarato dopo la plebiscitaria elezione - ma la squadra di lavoro è ottima e siamo tutti fiduciosi. Ci sono tutte le carte per un nuovo inizio”. 

‘Quo vadis, Terra?’, a Palazzo Ducale il convegno sul futuro del pianeta con il ministro Pichetto Fratin

Super User 13 Maggio 2024 526 Visite

Futuro della Terra e responsabilità sociali dei grandi gruppi economici del Paese. Sono questi i temi principali del convegno che si terrà a Genova mercoledì 15 maggio, dalle 9:00 alle 13:00, a Palazzo Ducale. All’incontro pubblico parteciperanno anche il ministro all’Ambiente e Sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin, il sindaco di Genova Marco Bucci e il presidente di Federlogistica-Conftrasporto Luigi Merlo. Modereranno gli incontri i giornalisti Alessandro Sallusti, Nicola Porro e Hoara Borselli.

Il convegno rientra nelle celebrazioni organizzate dal quotidiano Il Giornale per il suo 50° anno.

Riorganizzato il Cda della Spinelli: Giovanni Benedetti nuovo presidente

Super User 13 Maggio 2024 395 Visite

Oggi, lunedì 13 maggio, si è riunito in assemblea il Cda di Spinelli s.r.l. che ha nominato Giovanni Benedetti nuovo presidente e Simona Brassesco e Mirco Panariello amministratori delegati.

“La Spinelli S.r.l. rappresenta una realtà estremamente importante per il porto di Genova e per tutta l’economia regionale, sia in termini di posti di lavoro che di valore generato per il territorio. Il nostro compito ora è assicurarci di continuare a lavorare come sempre, mantenendo i nostri standard di qualità e il nostro impegno nei confronti di dipendenti, clienti e fornitori”, dichiara Giovanni Benedetti.

Insieme a Giovanni Benedetti, sono stati nominati gli amministratori delegati Simona Brassesco, CFO del Gruppo da gennaio di quest’anno e Mirco Panariello, già CCO del Gruppo.

Il nuovo CDA risulta così composto: Giovanni Benedetti, presidente; Simona Brassesco e Mirco Panariello, amministratori delegati; Juan Pablo Richards Bravo e Matthias Frank Mueller, consiglieri.

Turismo, marzo da record per le presenze in Liguria: +14,62% rispetto allo scorso anno

Super User 12 Maggio 2024 346 Visite

Primavera all’insegna della crescita per il turismo in Liguria: a marzo 2024 sul territorio regionale si sono registrate oltre 793.021 presenze. Si tratta di un aumento del 14,6% rispetto allo stesso periodo del 2023 quando si erano registrate 691.849 presenze; l’aumento è stato dunque di 101.172 unità. A crescere, in percentuale, sono soprattutto i turisti stranieri (297.117 presenze, +23%), ma l’aumento ha coinvolto anche gli italiani (495.904 presenze, +9,7%).

"Con un aumento del 14.6% rispetto allo stesso periodo del 2023 - commenta il presidente ad interim della Regione Liguria Alessandro Piana - il turismo in Liguria continua a consolidare il suo trend di crescita da Ponente a Levante, sulla costa, così come nell' entroterra. Proprio le aree interne con outdoor e sentieristica sono sempre più attrattive, con potenzialità importanti. Altro fattore positivo è la crescita sia per il turismo da oltre confine con +23%, che quello interno con un aumento di quasi il 10 per cento".

“Questo considerevole aumento di turisti - aggiunge l'assessore regionale al Turismo Augusto Sartori -, specie stranieri, in un mese insolito per la Liguria come marzo, indica che le attività che stiamo facendo anche all'estero per promuovere la nostra regione, anche al di fuori della classica stagione estiva, stanno portando i loro frutti. La Liguria è una regione da vivere 365 giorni all'anno grazie al suo clima mite che permette di fare tante attività outdoor. Aspettiamo con curiosità i dati relativi ai ponti di aprile appena trascorsi: sono certo che, nonostante un meteo non eccessivamente favorevole, i risultati saranno stati comunque positivi”.

L’aumento di presenze turistiche ha riguardato tutte le provincie liguri. Nel dettaglio, nella provincia di Imperia sono state registrate 182.769 presenze, con un aumento del 20% rispetto a marzo 2023 (30.490 unità in più). Gli stranieri sono stati 69.198 (+35,5%), gli italiani 113.571 (+12.2 %).

In provincia di Savona, nel marzo 2024 sono state registrate 223.973 presenze (+30.035 persone rispetto al marzo 2023), pari ad un aumento del 15,49%; i visitatori da oltre confine sono stati 56.211 (+30,6%), gli italiani 167.762 (+11.17 %).

Nel territorio della Città Metropolitana di Genova le presenze di marzo sono state 264.706, con un aumento di 22.068 unità pari ad un +9,10% rispetto allo stesso periodo del 2023; 101.678 gli stranieri (+12,2%), 163.028 gli italiani (7.22 %).

In provincia della Spezia le presenze di marzo 2024 sono state pari a 121.573, con un aumento di 18.579 unità; Gli stranieri sono stati 70.030 (+26.91 %), 51.543 italiani (+7.8 %).

Lista Toti, Cavo e Bozzano: “Conte, capofila degli sciacalli, non strumentalizzi l’inchiesta”

Super User 11 Maggio 2024 427 Visite

“Giuseppe Conte, a Genova per urlare la sua sentenza già scritta, per chiedere una condanna anche politica e morale per chi, non fosse altro per rispetto dei principi democratici sanciti dalla nostra Costituzione, è tutt'ora innocente, rappresenta la perfetta sintesi del giustizialismo che contraddistingue il Movimento 5 Stelle e neppure rispetta il lavoro stesso della magistratura”. Questa la posizione di Ilaria Cavo, coordinatrice della Lista Toti e di Alessandro Bozzano, capogruppo in Regione, in merito alle accuse rivolte oggi da Giuseppe Conte durante la sua presenza a Genova.

“Cavalcare gli accertamenti e i provvedimenti, chiedere le dimissioni, ergersi giudice e capofila degli sciacalli, peraltro pure contestato in corteo, è cosa gravissima che qualifica chi la fa. Non che ci aspettassimo molto di diverso, sapendo che noi rimaniamo molto diversi, ovvero garantisti. Noi non intendiamo commentare né tantomeno criticare il lavoro dei magistrati, ma non possiamo che chiedere un atteggiamento responsabile e non una triste strumentalizzazione dell'inchiesta in corso da parte di tutti i protagonisti della vita politica”, concludono Cavo e Bozzano ribadendo “vicinanza e fiducia nel presidente Giovanni Toti".

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Levante

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip

Genova Sport 2024