L’idea geniale di Toti per Berlusconi

L’avevamo detto: da quando Giovanni Toti è stato a cena da Silvio Berlusconi i rapporti fra i due

sono tornati idilliaci, tanto che il governatore non ha più parlato di progetti arancioni; lo ha fatto solo a Imperia, ma lì la questione è arrivata da tempo a un punto di non ritorno. Negli ultimi giorni le quotazioni di Toti sono ulteriormente salite, dopo che ha regalato a Berlusconi l’idea geniale per uscire da una situazione di stallo. L’ex Cavaliere, messo con le spalle al muro dal presidente Mattarella che aveva annunciato la possibilità di elezioni a luglio, soluzione non certo favorevole per Forza Italia, ha accettato il consiglio di Giovanni Toti di farsi da parte per permettere la formazione del governo Di Maio-Salvini. Da parte sì, ma non assente: controllerà il governo con “benevolenza critica”. La Lega, alle prese con i sequestri giudiziari per i fatti Bossi-Belsito, accetterà le critiche benevole di Berlusconi?

ultimi articoli