Il memorabile intervento di Putti sul Morandi

Era il 4 dicembre 2012, quando, il consigliere comunale Paolo Putti, allora del Movimento 

5 Stelle, fece questo intervento a palazzo Tursi (scarica il verbale).
"Leggo, questa mattina, su un quotidiano genovese che il Presidente della Confindustria di Genova (Giovanni Calvini, ndr) dice: 'Ci ricorderemo di chi dice no alla gronda'. Io allora colgo l'occasione per manifestare il mio sentimento di rabbia rispetto a questa affermazione e devo dire anche un po' di stupore e poi, per facilitare la cosa, indicando il mio nome e cognome: Paolo Putti, consigliere del Movimento 5 Stelle, uomo libero che non ha voglia di fare carriera politica, non è questa la mia ambizione, che non ha interessi personali o di bottega, ma il solo interesse di fare il bene della comunità in cui vive e tra le persone che vivono nella mia comunità ci sono anche quegl'imprenditori che io, credo, fra 10 anni, andranno a chiedere come mai si sono sperperati 5 miliardi di euro che si potevano utilizzare per fare delle cose importanti per l'industria. Aggiungo. Magari questa persona dovrebbe, prima di utilizzare questo tono, un po' minaccioso (diciamo così) perché testualmente dice 'Ci ricorderemo il nome di chi adesso ha detto no!', informarsi perché dice che il Ponte Morandi crollerà fra 10 anni. A noi Autostrade, in quest'aula, ha detto che per altri 100 anni può stare in piedi".

ultimi articoli