Assedio degli anarchici alla cena Lega per Balilla

Pubblichiamo il comunicato dei Giovani Leghisti Genova sull'assedio degli anarchici alla

cena per la commemorazione del Balilla.
Dopo la mozione passata in consiglio comunale sulla "Giornata di Genova" riguardante le eroiche gesta di Giovanni Battista Perasso, meglio conosciuto come "Il Balilla", che nel 1746 diede inizio alla rivolta contro gli occupanti austriaci, il 5 dicembre è stato dedicato alle cerimonie in onore di quell'evento storico.
Nella mattinata rito ufficiale del Comune davanti al monumento in Piazza Portoria, in rappresentanza del sindaco Fabio Ariotti consigliere comunale, colui che ha presentato la mozione sulla Giornata di Genova, da parte del Municipio Centro Est, il consigliere Marco Ghisolfo anche lui ha presentato il documento a livello municipale.
Abbiamo voluto omaggiare il coraggio di Giovan Battista Perasso ufficializzando la Giornata di Genova come festa civica e che ricorra ogni 5 dicembre. Dopo le cerimonie ufficiali come Giovani della Lega abbiamo organizzato come da tre anni a questa parte, una commemorazione alla sera e poi una cena nella zona di Caricamento con i Giovani del partito e altri nostri esponenti politici, tra cui il Viceministro Edoardo Rixi e l'onorevole Andrea Crippa.
Avevamo notato dei personaggi sospetti prima dell'inizio della cena, uno di loro è riuscito ad entrare nel locale e rubare una bandiera, poi dopo l'intervento delle forze dell'ordine tutto è tornato nella norma. Verso fine serata ci accorgiamo che decine di queste persone si erano appostate fuori dal ristorante con atteggiamenti intimidatori e cartelli di protesta. La polizia è dovuta intervenire con diverse volanti perché siamo rimasti "ostaggio" di questi personaggi che impedivano le persone dentro al locale di uscire tranquillamente. Un atteggiamento che troviamo deplorevole e vergognoso, i soliti facinorosi che non accettano idee diverse dalle loro, e portano avanti le loro con atteggiamenti intimidatori e antidemocratici. Non saranno di certo questi comportamenti a frenare le nostre battaglie, che portiamo sempre avanti con passione e rispetto di tutti, per un vero cambiamento, realmente tangibile, in alto, cosi come nella società che ci circonda, che spesso si limita come in questo caso, a guerre tra poveri, e atteggiamenti intimidatori per chi non la pensa allo stesso modo. Ma Noi andremo avanti, sempre.

Giovani Leghisti Genova

 

ultimi articoli