Lauro ora veste di azzurro

Il look della consigliera Lauro è un'altalena continua: se sabato scorso si è fatta

immortalare coi pantaloni a zampa di elefante (a Genova3000 ha spiegato che li mette per coprire i tacchi alti) a tavola con Biasotti e coi totiani genovesi corsi alla corte di Berlusconi, ieri in Regione si è presentata davanti alle telecamere per le interviste in versione total blue. Un chiaro richiamo all'azzurro di Forza Italia, che per adesso conferma il ritorno alla base del primo capo Biasotti e forse la rampa di lancio per la candidatura di servizio alle europee di maggio.
La simpatica Lauro ha cercato di metterla sul ridere (“sono andata all'Assemblea Nazionale per i 25 anni di Forza Italia perché era una festa”) ma molti hanno colto nella sua presenza a Roma una presa di distanze da Toti che ha fatto perdere la pazienza ad Arcore. Forse non a caso, il giorno dopo la trasferta romana degli arancioni genovesi, il governatore ligure ha pubblicato la foto di una tavolata ad Ameglia con un post un pò sibillino: “Primo pranzo in spiaggia con famiglia e amici. Buona domenica”. Come a dire che i suoi amici erano lì e non altrove.
Si tratta ora di capire, passata la ‘festa’ di Roma, quale santo sia rimasto gabbato: Berlusconi, Toti o Biasotti. Sì perché anche per il coordinatore regionale degli azzurri potrebbe nascere qualche problema: in Liguria finora la sua alleanza con Toti ha pagato anche nel partito ma proprio ieri, rispondendo ai giornalisti, il Capogruppo di Forza Italia in Regione Angelo Vaccarezza, molto vicino al governatore, ha iniziato a lamentarsi che al tesseramento non sono ancora seguiti i congressi provinciali di Forza Italia in Liguria. Che per statuto devono essere convocati proprio dal coordinatore Biasotti.

 

ultimi articoli