Skin ADV

Report del Consiglio comunale del 30 aprile

Il Consiglio comunale di Genova del 30 aprile inizia con un articolo 55 su:

“Quale strategia nella nomina di Tiziana Merlino, direttore di Amiu, nel consiglio di amministrazione di Iren s.p.a.?”. 

Luca Pirondini (Movimento 5 Stelle), intervenendo per primo, afferma che la “narrazione” del sindaco Bucci è sempre stata quella di negare la privatizzazione di Amiu. Nel giro di pochi mesi, dalla cessione di azioni Iren si è passati al loro acquisto. E’ notizia di questi giorni che la dottoressa Merlino sia stata nominata per entrare nel cda di Iren. Chiediamo al sindaco se è vero, e se fosse vero come questa nomina si può sposare con l’affermazione che si possa mantenere Amiu totalmente pubblica. Iren è una società quotata in Borsa con il dovere di creare il massimo profitto per i propri azionisti. In pratica si torna sulla linea tracciata dal sindaco Marco Doria.  

AlessandroTerrile (Partito Democratico)si sorprende della nomina della dottoressa Merlino. Questa scelta arriva in assenza di un accordo industriale. In questo momento Amiu e Iren sono concorrenti nella raccolta dei rifiuti, avendo operato negli ultimi due anni nelle aree di Savona e Spezia. Senza chiarezza arriva questa nomina, anch’essa in conflitto di interessi, in base al codice civile. La cosa grottesca, continua Terrile, è che ciò avviene senza che la giunta si sia espressa sulla realizzazione degli impianti. Se poi il sindaco ci dirà che si vuole procedere nell’aggregazione tra Iren e Amiu, sulla scia di quanto aveva deciso di fare il suo predecessore Doria, noi eravamo e siamo favorevoli, ma dopo un confronto in Consiglio Comunale. 

Paolo Putti (Chiamami Genova)è preoccupato per le nomine che sono state proposte, seppure non ufficialmente. Non per la persona della dottoressa Merlino, che ha un ruolo in un’azienda strategica per Genova, che ricopre nel migliore dei modi. Qui il problema è l’inserimento tra i nominati di un rappresentante della Regione Liguria, che dimostra la sudditanza di via Garibaldi nei confronti di Piazza De Ferrari. Di nuovo rischiamo che il nostro comune dipenda dalle pianificazioni regionali, come ai tempi di Burlando e Doria. Mi auspicavo nomine più coraggiose e indipendenti. 

Enrico Pignone (Lista Crivello)sottolinea che ciò che emerge dai giornali, il cosiddetto “sentito dire” è una anomalia dei ruoli, non la nomina della dottoressa Merlino, ma l’indicazione del segretario generale della Regione. E’ evidente che nel piano industriale di Iren il baricentro non è il Comune di Genova ma è la Regione, aprendo scenari che non mi fanno immagine delle scelte nella direzione del bene della nostra comunità. A differenza di quello si dice, la situazione rispetto a due anni fa è peggiorata. Prima Amiu era al centro, oggi non è così, perché il pallino ce l’ha in mano la regione. Quello che gli altri hanno è l’impiantistica, mentre noi possiamo mettere in campo solo la discarica. In questo modo Genova diventerà la discarica di servizio degli impianti di Spezia e Savona, senza alcuna ricaduta economica. Questo è un rischio che dovete valutare.  

Cristina Lodi (Partito Democratico)dice che è imbarazzante trovare sulle pagine giornali questioni che dovrebbero essere discusse in Consiglio Comunale. Non si è più avuto modo, dopo la seduta rinviata per il tragico crollo del Ponte Morandi, di parlare di Amiu. Per noi la proposta dell’aggregazione con Iren rimane valida e corretta.  Ma oggi le caratteristiche di questa aggregazione non potranno che essere più sfavorevoli. In questi due anni non abbiamo visto da parte di questa giunta un minimo risultato strategico.  

Il sindaco Marco Bucci risponde alle domande.  

“Amiu rimane pubblica e sino a quando ci sarò io rimarrà pubblica. Il resto sono insinuazioni.
Tra persone civili ci si può parlare senza fare comunicati. Amiu fa profitti e assunzioni. Il percorso che abbiamo fatto ci ha portato a essere l’azionista numero uno di Iren. Abbiamo venduto e acquistato azioni Iren con una procedura che ci ha messo al riparo dal rischio di aggiotaggio, che è un problema serio. Noi abbiamo fatto dei nomi in una lista, ma la scelta definitiva spetta all’assemblea dei soci. Vogliamo che Amiu sia in grado di camminare con le sue gambe, ma per farlo dovrà lavorare con partner industriali, da non confondere con i soci. Ho scelto la dottoressa Merlino perché è una persona competente ed esperta in molti settori che interessano il business di Iren. Non siamo affatto dipendenti dalla Regione, con la quale lavoriamo molto bene, perché l’azionista di riferimento di Iren siamo noi. Non si va avanti con le sensazioni, come affermato da qualcuno, qui c’è una città da governare con i fatti. Venitemi a parlare così capirete i motivi alla base delle decisioni che prendiamo e che lasciatemi dire sono coraggiose. A chi ha parlato di mancanza di onestà intellettuale rispondo che non solo è fuori luogo, ma di pessimo gusto”.     

Il presidente Alessio Piana legge un Ordine del Giorno “fuori sacco” sulla ristorazione scolastica approvato all’unanimità. 

Si passa poi alla discussione dell’Ordine del Giorno del Consiglio. 

Delibera proposta giunta al consiglio n. 89. Prop. n. 18 del 09/04/2019. 

Approvata con 23 voti favorevoli e 5 contrari (M5S) 

Delibera proposta giunta al consiglio  n. 134. Prop. n. 21 del 17/04/2019.

1° adeguamento del programma triennale dei lavori pubblici 2019-2020-2021 adottato con deliberazione del consiglio comunale n. 7 del 24 gennaio 2019 unitamente alla nota di aggiornamento al Dup. IV nota   di   variazione  ai   documenti   previsionali   e programmatici 2019-2020-2021.

Approvata con 23 voti favorevoli e 5 contrari (M5S) 

Delibera proposta giunta al consiglio n. 123. Prop. n. 16 del 04/04/2019.

Riacquisizione  dell’area di corso Aurelio Saffi e del complesso sportivo di valletta Cambiaso e vendita ad Eni di aree per il mantenimento di impianti di distribuzione carburanti in via Molassana e via Perlasca.

Sulla proposta sono stati presentati due emendamenti e tre ordini del giorno.

La delibera è stata approvata con 23 voti favorevoli e 17 contrari (tutti i gruppi di minoranza) 

Delibera proposta giunta al consiglio n. 142. Prop. n. 22 del 17/04/2019.

Eredità signor Coltella Giovanni Battista - accettazione con beneficio d'inventario

Approvata all’unanimità

Alle ore 17,40 il presidente dichiara la seduta conclusa. 

 

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip