Skin ADV

“Lotta alle diseguaglianze”, il programma del candidato sindaco Dello Strologo

Ariel Dello Strologo, candidato sindaco di Genova del centrosinistra

E’ sabato 12 febbraio, siamo al bistrot Mentelocale di Palazzo Rosso e sono le 14:55. Le telecamere sono accese, i fotografi sono posizionati e i social media manager hanno i telefonini già connessi per le dirette Facebook. Insomma, tutto è pronto per la conferenza stampa, prevista per le 15:00, ma il protagonista informa: “Aspettiamo 10 minuti e poi iniziamo”.

Eppure, uno che deve annunciare al mondo la sua candidatura a sindaco di una città importante e di una coalizione indecisa dovrebbe avere una certa fretta!
Ma l'avvocato Ariel Dello Strologo non ha premura, per lui è più importante aspettare gli ultimi.

Da questo annuncio si intuisce già su cosa si fonda il programma del candidato sindaco del centrosinistra: lotta alle diseguaglianze e aiuto a chi resta indietro.
Naturalmente gli ultimi di cui parlavamo prima non sono tali anche nella vita: sono solo abituali ritardatari, anche perché trattasi di deputati, segretari locali di partito, consiglieri regionali e comunali.

Al netto di questo preambolo, ecco il programma del candidato Dello Strologo e il suo parere sulla ineleggibilità di Bucci.

L’accordo di coalizione
“Abbiamo passato varie ore a confrontarci sui programmi, alla fine abbiamo trovato una convergenza forte. Ovviamente, essendo una coalizione ampia non è possibile essere d’accordo su tutto, altrimenti saremmo un unico partito, ma abbiamo trovato un elemento centrale, che è quello di coniugare sviluppo economico e giustizia sociale, che ci trova tutti uniti”. Così si presenta Ariel Dello Strologo alla sua prima conferenza stampa da candidato sindaco di Genova per 12 sigle di centrosinistra: Articolo Uno, Demos, Europa Verde, è Viva, Linea Condivisa, Lista Crivello, Lista Sansa, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Partito Socialista Italiano, Possibile e Sinistra Italiana.

Le esperienze professionali
“Mi sono dovuto occupare della Fiera di Genova nel momento più difficile della sua vita e mi piace ricordare che come amministratore del Porto Antico ho partecipato ad una vera rivoluzione che ha portato alla riqualificazione dell’area in un momento di declino: abbiamo portato la vasca dei delfini, Eataly e riqualificato il fronte mare. Ho sempre partecipato alla vita della società anche dentro le istituzioni. Ma è chiaro che per uno che ha questa spinta che non riesce a reprimere anche quanto sta conducendo un’altra vita professionale la possibilità di correre per fare il sindaco era un richiamo della foresta a cui era difficile resistere. Non l’avrei fatto se fosse stata solo una spinta individuale l’ho fatto perché mi è stato presentato un progetto che riguarda tutta l’area del centrosinistra che vuole una città diversa”.

Genova non è meravigliosa
“Genova non è meravigliosa, ma disorientata e frammentata. E’ una città dove ci sono enormi disparità tra un quartiere e l’altro, tra una generazione e l’altra. Uno dei motivi per cui ho accettato questa candidatura è il punto principale del nostro programma: la lotta alle diseguaglianze, tema messo al centro anche dal nostro Presidente della Repubblica. Per diseguaglianze intendo quelle economiche, culturali e sanitarie. Oggi in città ci sono 100/120 mila persone che vivono sulla soglia della povertà, abbiamo 1/5 della popolazione che rischia di cadere nella povertà estrema. Occorre creare una società che non produca disagio e disuguaglianza. Questo si può raggiungere solo con un forte sviluppo economico e con interventi sociali”.

L’economia
“Il progetto che abbiamo in mente di lotta alle diseguaglianze può funzionare solamente se è collegato allo sviluppo economico. Questa ricchezza però deve essere ridistribuita nel modo giusto. Genova ha almeno tre assi su cui lavorare. Il primo è il porto, che è una risorsa fondamentale che permette alla città di essere considerata in Italia e in Europa. Il secondo è il turismo: abbiamo la fortuna di vivere in una regione tra le più belle al mondo. Bene, questo turismo deve crescere per dare spinta al terziario. Terzo asse: l’industria leggera che gira intorno all’alta tecnologia e all’industria dei centri direzionali. Poi c’è il Pnrr che ci permetterà di spendere 6 miliari di euro. Ma non basta spendere: bisogna sapere che quella spesa porterà un ritorno sul territorio”.

Abitanti e decoro
In questi 5 anni Genova ha perso altri 30mila abitanti, perché non ha avuto uno sviluppo economico. Sicuramente ci sono state forze esterne, come la pandemia e la crisi economica che non è ripartita, ma non si è visto un cambiamento. Forse potremmo recuperare una caratteristica tutta genovese che Renzo Piano ha reso universale quando raccontava che suo padre gli diceva che a ‘Genova non si butta via nulla’. Noi abbiamo una città molto vasta, piena di aree abbandonate, trascurate. Ebbene, invece di andare a costruire altre cattedrali preoccupiamoci di recuperare quelle aree e diamole ai giovani e agli anziani per una nuova vita sociale di comunità. E soprattutto teniamo in ordine questa città che ha una crisi manutentiva terrificante: le strade sono rattoppate, i marciapiedi dissestati, il verde non è curato, la segnaletica è selvatica. Il decoro cittadino deve essere curato”.

Depositi costieri e Gronda
“I depositi devono essere spostati da Multedo, perché dove stanno adesso è ancora molto peggio rispetto a dove potrebbero andare, perché sono in mezzo alle case. Devono essere spostati nell’unica area dove è giusto che vadano: il porto. Ovviamente, all’interno del porto devono trovare la collocazione migliore nella tutela della salute dei cittadini. Sto già lavorando a una alternativa perché ho a cuore questo problema. Per quanto riguarda la Gronda è ancora più assurdo: c’è qualcuno in grado di spiegarmi perché i cantieri sono fermi da quattro anni? Non siamo stati capaci di far partire un progetto approvato da Comune, Regione e Ministero”.

L'ineleggibilità di Bucci, candidato e commissario
“Da uomo di legge credo che il problema ci sia e sia grave. Mi risulta che ci sia l'ineleggibilità per chi è già commissario. Non lo dico io, ma una legge. Sono già stati fatti tentativi parlamentari per modificare la legge, non riusciti perché posti in contesti non idonei”.

Alla fine saluti e tante foto di rito con i rappresentanti delle 12 liste.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip