Skin ADV

Samp, mancavano solo i Caschi Blu

I Caschi Blu della polizia davanti al Ferraris e Massimo Ferrero mentre esce dallo stadio

La partita Samp-Roma è stata una gara da romanzo. Prima il ‘rigore al polpastrello’, poi una specie di saloon da western per i 40 falli fischiati dall’arbitro molto irritante, infine i Caschi Blu da antisommossa alla difesa di un certo ‘piccoletto scapigliato’ di nome Ferrero.

Insomma, è stato un pomeriggio di spettacolo pieno, per tutti i gusti. La partita? Prevedibile. Una Samp molto coraggiosa, spinta anche da un moto d’orgoglio per quell’ultimo posto che davvero riguarda la dignità della persona, ma purtroppo e diciamo noi, improvvisamente senza uomini goal.

Sia Gabbiadini (pensate era andato bene anche in Nazionale), sia Caputo sono caduti in un assoluto silenzio: poche palle giocate, confusione di ruoli, qualche ansia e soprattutto senza quel tocco finalizzato che, in tempi andati, li ponevano come bomber di successo.

Il povero Stankovic era anche un po’ stanco (ironia del nome) nel continuare a gridare ai suoi come e dove mettersi.

E nonostante ciò, a parte il momento ‘paranormale’, per noi, del rigore (dato perché un polpastrello di Ferrari aveva impressionato gli strani signori dei bar, in evidente stato di spavento difronte ad un polpastrello…), il secondo tempo dei bruciacchiati è stato di notevole aggressività, di forza e determinazione verso il pareggio. Purtroppo in 87 minuti non si è fatto un tiro in porta. E qui è cascato l’asino…

Poi sono arrivati i Caschi Blu e allora il vero spettacolo si è spostato in tribuna. Il padrone della Samp (purtroppo si deve dire così) ha avuto la eclatante idea di venire allo stadio. Figurarsi, il buon pranzo fatto nello Sky box presidenziale gli è andato sicuramente di traverso.

Attaccato (e per fortuna non raggiunto fisicamente) se n’è andato su consiglio della Digos.

Ora l’interrogativo è il seguente: perché il ‘Piccolo’ è venuto alla partita? E’ stato un gesto di sfida per dire che lui è ancora il padrone della Samp? O un colpo di coda per dare il messaggio a Garrone (che è sempre dietro le quinte nella eventuale cessione) o addirittura a Al Thani? Chissà! Anche perché l’attuale Cda non ne sapeva nulla. Anzi, nei giorni scorsi gli stessi ‘Quattro’ dirigenti avevano dichiarato che di questi contatti non ne vogliono sapere, si staccano da ogni responsabilità, hanno detto.

Finale: la Samp si trova ultima in classifica, da sola, senza attaccanti che fanno gol e, ahinoi, senza società.

L’unica speranza è stata nelle parole di Mourinho: “Una squadra che lotta così, si salverà”.

Vittorio Sirianni

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Levante

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip

The Ocean Race