Skin ADV

Notizie

Emergenza viabilità, al via “Voliamo da Genova”

Super User 09 Dicembre 2019 60 Visite

A seguito del crollo del viadotto sull’autostrada A6, delle restrizioni sulla viabilità A26 e per affrontare le conseguenze che si protrarranno per alcune settimane sulla mobilità ligure, l’Aeroporto di Genova lancia l’iniziativa: “Voliamo da Genova”. Il progetto prevede un incentivo economico a favore di tutte le compagnie aeree al fine di stimolare l’utilizzo dello scalo anche grazie a offerte promozionali a beneficio dei passeggeri in partenza dall’Aeroporto di Genova. Il meccanismo individuato è quello dell’”accordo per adesione” tra l’aeroporto e i vettori e sarà in vigore per tutta la stagione “Winter 2019/2020” (fino alla fine del prossimo marzo).

Per ogni passeggero in partenza in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (calcolato per vettore e per destinazione), l’aeroporto riconoscerà fino a 8 euro (circa il 50% delle tasse d’imbarco) alle compagnie aeree che aderiranno al progetto. L’erogazione dell’incentivo sarà condizionata alla sottoscrizione di un accordo secondo i termini che saranno riportati sul sito dell’aeroporto.

Parallelamente a questa iniziativa, Aeroporto di Genova e Quick Parking, la società che gestisce i parcheggi aeroportuali, hanno introdotto tariffe speciali per la sosta in aeroporto. In particolare, chi viaggerà in giornata potrà usufruire di una speciale tariffa di 15 euro per la sosta nel parcheggio P1 (di fronte al terminal). Tariffe ribassate anche per i viaggi più lunghi: nel parcheggio P2 Low Cost (solo per prenotazioni online) sarà possibile sostare al costo di 10 euro al giorno per 3 giorni o di 8 euro al giorno per 5 giorni. Le nuove tariffe saranno disponibili da domani e saranno valide fino al 31 marzo 2020.

«La chiusura dell’autostrada Torino-Savona e i disagi sulla Voltri-Gravellona Toce pesano su tutti i liguri. - commenta Paolo Odone, Presidente dell’Aeroporto di Genova - Il “Cristoforo Colombo”, d’intesa con l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, socio di maggioranza, si è subito attivato per individuare meccanismi che mitighino le ricadute negative dei problemi di mobilità e facilitino l’utilizzo del nostro aeroporto, abbassando le tariffe dei biglietti aerei. L’accordo che proponiamo alle compagnie è stato fortemente voluto dai membri del nostro Consiglio di amministrazione e punta a stimolare i vettori a contenere il costo dei biglietti. Parallelamente a questa proposta, abbiamo concordato tariffe ribassate per i parcheggi aeroportuali, mentre siamo al lavoro con AMT e Trenitalia per potenziare il servizio treno+bus, che già oggi consente di muoversi da e per l’aeroporto in maniera comoda e conveniente. L’aeroporto è una delle porte della Liguria e vogliamo dare il nostro contributo per garantire la mobilità ai residenti e alle aziende della nostra regione».

«Questa bella e positiva iniziativa si inserisce in un quadro di attenzione che tutte le istituzioni locali, Regione, Comune e Autorità di Sistema Portuale, stanno dando da tempo all’Aeroporto. - commenta Paolo Emilio Signorini, Presidente dell’Autorità Portuale e socio di maggioranza. - Questa iniziativa, crediamo, non rimarrà isolata e siamo certi che la Regione e il Comune sapranno accompagnarla a breve con interventi di carattere strutturale per la Promozione turistica del Sistema di trasporto aereo ligure, indirizzato a tutte le compagnie aeree, per aumentare le rotte nazionali e internazionali del “Cristoforo Colombo”».

Salvatore: “Berrino e Sartori hanno sbugiardato Toti”

Super User 09 Dicembre 2019 59 Visite

"Lo scorso 18 novembre, Giovanni Toti annunciò che la sua Giunta avrebbe finanziato le manifestazioni e gli eventi in onore di Sandro Pertini. Avrebbe inoltre aderito alla richiesta dell’Anpi di intitolare l’Aula consiliare a Sandro Pertini", dichiara la capogruppo regionale Alice Salvatore.

"Questa dichiarazione - continua poi - è stata presa con sospetto da molti elettori di 'Cambiamo'. Chi appoggia la Giunta, lo ricordiamo, è a forte trazione Lega e Fratelli d’Italia. Sui social, ci fu quasi una rivolta tra i sostenitori di Cambiamo e di Toti. Alcuni esempi: “Io a Pertini non intitolerei nemmeno un pollaio” oppure “Invece di finanziare eventi per questo assassino/partigiano usa i nostri soldi per la regione e migliorarla” o anche “Pertini proprio no!! Uomo cattivo e rancoroso.. comunque uomo per il suo crudele passato da non portare ad esempio!!!". Esempi pratici ed evidenti di cosa pensano gli elettori che appoggiano Toti e la Giunta".

"I partiti che 'comandano' nella maggioranza del Consiglio Regionale sono ovviamente Lega e FdI. È per questo che, per calmare l’elettorato con reminiscenze del Ventennio e soprattutto far capire chi detta le regole politiche, gli esponenti liguri di Giorgia Meloni, donna, madre e cristiana, hanno detto no a questo annuncio di Toti e non hanno firmato l’Ordine del giorno volto alle iniziative per arrivare all’intitolazione della sala consiliare a Sandro Pertini".

"Perché è grave un atto di questo tipo? È chiaro che Berrino e Sartori tra FdI e Forza Nuova non sono certo simpatizzanti della Resistenza, non hanno ammirazione per chi combatté contro il fascismo e non hanno certo bisogno di farcelo sapere. Ma è chiaro, ora, che Toti non conta politicamente nulla".

"Il suo partito ha pochissimo valore regionale. A livello nazionale è presente perché formato da transfughi di Forza Italia, quel partito, guidato tutt’ora da Silvio Berlusconi, mentore e creatore di Toti politico, cui ora il Governatore ha girato le spalle. Fratelli d’Italia sta crescendo e vuole far capire a tutti che chi detta la linea non è affatto una parte moderata e democratica, ma è con loro e la Lega sempre più spostati verso l’estrema destra che si guida la Regione".

"Dire no alla Sala Pertini, oltre a oltraggiare la memoria di un grande Presidente ligure della Repubblica Italiana, che loro dicono di difendere, è la chiara svolta di tutto quanto sarà d’ora in poi la politica della destra".

"Una politica che ha palesemente aperto le porte al revisionismo. Che ha portato il razzismo come valore".

"Una deriva evidente che nei fatti si riduce a una gestione della Regione Liguria completamente negativa per i cittadini e di un pensiero unico improntato al consociativismo fine a se stesso e la ricerca assoluta di 'pieni poteri, tra mille commissariamenti e regole distorte alla decisione unica del leader. Uno degli esempi lampanti è la quantità impressionante di bandi pubblici cui non partecipa nessuno se non alcune aziende, e che vanno deserti, oppure bandi per assunzioni lampo e tante anomalie della democrazia della Giunta".

"Cosa porterà tutto questo? Semplicemente alla decisione da parte dei liguri, da sempre democratici nel Dna, da sempre grandi combattenti per la libertà, a mandare via certa politica e arrivare finalmente alla propria libertà, alla fine della gestione Toti/Berlusconi/Meloni, ovvero Massa, Milano e Roma. E dare finalmente la Liguria ai liguri. E tornare grandi", conclude Salvatore.

In 20mila a De Ferrari per l’accensione dell’albero

Super User 08 Dicembre 2019 255 Visite

Oltre 20mila persone hanno assistito oggi in Piazza De Ferrari all’accensione dell’albero di Natale. Un appuntamento suggestivo a cui si sono aggiunte le proiezioni luminose “La fabbrica segreta di Babbo Natale a Genova”: fra polpi postini e balene spedizioniere, un Babbo Natale parlante sulla sede di Regione Liguria ha spiegato a grandi e piccini come a Genova il suo lavoro sia diverso rispetto al resto del mondo.

“Festeggiare l’accensione delle luci ha un significato particolare per la nostra comunità”, ha commentato il Presidente della Regione Giovanni Toti, che con il Sindaco di Genova Marco Bucci ha dato il via al count-down delle feste. “Ogni cosa del Natale è un simbolo: la semplicità del Presepe, le luci che simboleggiano il ritorno del sole, l’albero sempre verde che rappresenta la vita che si rinnova e che non si spegne. Fanno parte delle nostre tradizioni ed è lo spirito di una comunità le rende vive. Tutto questo ormai tradizionalmente avviene in Piazza De Ferrari: un bellissimo albero, un allegro gioco di luci e soprattutto una piazza piena di gente, segno di una comunità viva e partecipe. È stato un anno e mezzo complicato per tutti noi però questo momento, così come quelli che stanno svolgendosi in giro per la Liguria, dal famosissimo Presepe di Manarola ai tantissimi presepi e gli alberi che si accendono oggi, simboleggia uno spirito di comunità che i Liguri non hanno mai perso”.

Al conto alla rovescia che ha dato il via all'illuminazione e alle feste natalizie ha assistito una piazza gremita di genovesi e turisti: molti, insieme alle autorità, hanno poi proseguito in metropolitana a Certosa dove i murales del progetto di street art “On the wall” sono stati illuminati a giorno. La spettacolare illuminazione dei murales che stanno dando grande visibilità al quartiere rimarrà “accesa” per tutto il periodo delle festività natalizie.

“Questo quartiere ha dimostrato di essere capace di sognare qualche cosa di bello per il futuro anche nei momenti forse più difficili in assoluto di questa città”, ha aggiunto Toti durante il tour a Certosa. “Ne abbiamo passate tante, eppure siamo tutti qua e guardiamo a quell’albero di Natale, alle luci, guardiamo a un quartiere che sta cambiando e cambierà sempre di più. Credo che qui nei prossimi mesi e nei prossimi anni sapremo fare insieme davvero grandi cose come abbiamo saputo fare insieme tutto quello che serviva per uscire da una situazione di difficoltà”.

È stato anche aperto al pubblico il Presepe storico nella Sala della Trasparenza della Regione Liguria, quest’anno proveniente dalla collezione del Santuario di Nostra Signora del Monte e composto da statuine ascrivibili allo scultore genovese Pasquale Navone (1746 –1791), erede della grande scuola maraglianesca. Sarà visitabile fino al 31 gennaio 2020, tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Le proiezioni saranno ripetute dal giovedì alla domenica alle 17, 18, 19 e 19.30, il venerdì e il sabato anche alle 20.30, per tutto il periodo natalizio.

Marco Bucci e Giovanni Toti accendono le luci

Il Presepe nella Sala Trasparenza

Il Genova Christmas Gala apre (alla grande) le festività

Super User 08 Dicembre 2019 300 Visite

Giovedì 5 dicembre, a Villa Lo Zerbino, si è svolta la seconda edizione del “Genova Christmas Gala”, evento glamour che ha aperto ufficialmente le festività in città. 

Alla serata, firmata da Fabrizio Pollicino e Sabrina Chinellato (super coppia anche nella vita) hanno partecipato circa 300 selezionati ospiti. Era presente il gotha della politica e istituzioni liguri: il governatore Giovanni Toti e la sua vice Sonia Viale, il sindaco Marco Bucci e il suo vice Stefano Balleari, i sindaci Carlo Bagnasco (Rapallo) e Paolo Donadoni (Santa Margherita Ligure), l’assessore regionale Ilaria Cavo e gli assessori comunali Simonetta Cenci e Matteo Campora.

Anche il mondo dell’imprenditoria era ben rappresentato: presente l’amministratore della concessionaria Novelli (main sponsor della serata) Antonio Barba con tutti i suoi dirigenti, i titolari della più importante catena di profumerie in città Sbraccia  Cristina e Vittorio Querci (con al tavolo importanti loro ospiti), Pio Costa della storica famiglia imprenditore nel settore olio, l’assicuratore Overform Saverio Zavaglia, il gioielliere Paolo Bartolone, l’ingegner Andrea Zafferani con ospiti arrivati appositamente da Montecarlo, gli ottici Zuckerman, Pregliasco e Ocularium di Paolo dell’Acqua e tanti altri; grandi professionisti soprattutto notai e architetti.

Ospiti d’onore anche due grandi protagonisti della Pro Recco pallanuoto e della nazionale: Francesco Di Fulvio, premiato come miglior giocatore del mondiale e in corsa per vincere il pallone d’oro, e Vincenzo Renzuto, campione del mondo.

Molto apprezzato l’intrattenimento che ha visto come protagonista la bellissima voce di Miss Morena, cantante, presentatrice ed attrice per le trasmissioni Le Iene e Forum, attualmente protagonista della giuria tecnica di “All togheter now”, il format condotto da Michelle Hunziker su Canale 5. 
Improvvisa assenza di Massimo Boldi, guest star attesa, che ha inviato un video di scuse e auguri a tutti molto simpatico.

Divertente lo show del comico Antonio Ornano, ormai ospite fisso delle serate organizzate da Pollicino, e applauditissimo da Toti e Bucci in prima fila. Bellissime le hostess come sempre sponsorizzate da VENTIEVENTI il fashion shop di Sabrina Chinellato.

C’è stato spazio anche per la solidarietà: il presidente Agostino Banchi del Rotary Genova San Giorgio ha organizzato una raccolta fondi da devolvere al progetto “Plastic free water”. Serata condotta da Paola Balsomini, volto noto di Sky.

A fine serata, un cadeau per le signore, tutte molto eleganti.

E tanti auguri per tutti.

E’ morto Walter Miscioscia, fondatore di Radio Babboleo

Super User 08 Dicembre 2019 467 Visite

Il mondo dell’editoria e del giornalismo è nuovamente in lutto. Dopo le recenti scomparse di Gianluigi Corti, Guido Martinelli, Claudio Bollo e Paolo Cavanna, si è spento oggi all’età di 65 anni Walter Miscioscia, fondatore e amministratore di Radio Babboleo.
Domani, lunedì 9 dicembre, tutte le emittenti del gruppo Babboleo osserveranno una giornata di lutto.

Toti: “il blocco del cantiere sarebbe una sciagura”

Super User 08 Dicembre 2019 84 Visite

“Il PD come sempre ha la memoria corta: fin dalla prima lettura del Decreto Genova avevo espresso le mie perplessità sul fatto di aver escluso dalla ricostruzione, chi doveva pagare per il disastro provocato. Questo mio ragionamento, dettato solo dall'applicazione della legge, dal buon senso e non da millantate amicizie con Autostrade, mi aveva fatto subire aspre e non poche critiche soprattutto dai grillini troppo impegnati a sciacallare politicamente sulla disgrazia invece di trovare soluzioni concrete e risposte immediate all'emergenza. Per fortuna grazie all'intervento dell'allora viceministro Edoardo Rixi siamo poi riusciti a trovare una sintesi, fondamentale per iniziare la ricostruzione, al netto dei miei dubbi sollevati rispetto al Decreto Genova. Il PD che allora faceva un ostruzionismo irresponsabile, visto il momento che stava vivendo la città di Genova, oggi "gongola" politicamente di fronte alla sentenza del TAR che reputa illegittima l'esclusione di autostrade nella ricostruzione del ponte e accusandoci ingiustamente di essere tra i responsabili di tutto questo. Il blocco del cantiere sarebbe una sciagura per la città, non capiamo come se ne possa compiacere il PD che se davvero fosse stato mosso da timori costruttivi e non da ridicola voglia di rivalsa politica, non avrebbe avuto problemi in questi mesi a chiedere di intervenire sul Decreto Genova, inserendo autostrade nella ricostruzione, al suo ministro De Micheli, cosa che mi pare invece non sia successa. Perché invece di perdere tempo gufando su Genova il PD non chiede al suo ministro di attivare il cantiere della Gronda, di far ripartire il nodo ferroviario di Genova e di stanziare i soldi promessi per emergenza. Chi sta con i Grillini evidentemente impara presto a grilleggiare: nessun problema verrà risolto così”, così il Presidente della Regione Liguria e Commissario straordinario per il superamento dell’emergenza Giovanni Toti.

Lauro: per vincere, le basterà uno stuzzicadenti?

Super User 08 Dicembre 2019 142 Visite

“Per vincere, mi basta uno stuzzicadenti”. Sembra dire così, Lilli Lauro in questa foto che la ritrae mentre brandisce uno stecchino a mo’ di sfida.
Il messaggio è chiaro: per battere la concorrenza alle regionali del prossimo anno, alla biconsigliera non occorrono sciabole o spade, e neppure fioretti (di qualsiasi tipo).
Ma per vincere, le basterà un piccolo stuzzicadenti?

Cavo e Patrocinio, le donne più affiatate della politica

Super User 08 Dicembre 2019 242 Visite

Smentendo chi sostiene che non esiste la solidarietà femminile, le assessore Ilaria Cavo e Caterina Patrocinio hanno dimostrato di essere la seconda coppia più affiatata della politica genovese, dietro solo all’imbattibile duo formato dai commissari Bucci e Toti.
Ilaria aveva capito da subito che si sarebbe potuta fidare di Caterina e che la giovane architetta avrebbe potuto ricoprire bene il ruolo di assessore al Territorio nel Municipio Centro Ovest. Patrocinio ha confermato il pronostico dell’amica, tanto che dopo la disgrazia del Morandi è stata nominata anche coordinatrice dell’Osservatorio per le attività di demolizione, ricostruzione e viabilità.
Adesso le due assessore stanno lavorando alacremente per le regionali del prossimo anno con lo scopo di raggiungere due importanti obiettivi: la riconferma del governatore Toti e l’elezione della stessa Cavo, entrata in Regione nel 2015 grazie al listino del presidente.
Nella foto scattata a Villa Lo Zerbino durante l'affollato Gala di Natale organizzato dal geometra Fabrizio Pollicino, vediamo le assessore appartate a discutere lontano da orecchie indiscrete. Il pollice della Patrocinio verso l’alto testimonia la grande intesa che c’è tra le due donne.

Le due assessore nel point di Cambiamo! di salita Viale, pronte ad ascoltare i genovesi

Stop Mes, Rixi: “grande affluenza ai gazebo”

Super User 08 Dicembre 2019 77 Visite

“Grande affluenza agli oltre 50 gazebo della Lega sparsi in tutto la Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Alle 18 di oggi sono infatti già state raccolte oltre 3.000 firme, di cui 1.000 solo a Genova, per dire no al Mes. L'ennesima dimostrazione che la gente ha capito perfettamente cosa si nasconde dietro il fondo Salva Stati. Ringrazio tutti i militanti e volontari della Lega che da questa mattina e per tutto il giorno hanno organizzato i banchetti per firmare lo stop al Mes. La raccolta firme continuerà anche per tutta la giornata di domani e online". Lo dichiara il deputato della Lega Edoardo Rixi, segretario della Lega Liguria. A livello nazionale, sono state raccolte oltre 200 mila firme.

Simone Farello nuovo segretario regionale del PD

Super User 07 Dicembre 2019 106 Visite

Il nuovo segretario ligure del PD è Simone Farello, che lo ricordiamo per essere stato assessore al Traffico della giunta di Marta Vincenzi; eletto dall’assemblea regionale con una maggioranza bulgara resterà in carico fino all’ottobre 2020, poi si andrà a congresso.
Farello subentra a Vito Vattuone da Casarza Ligure, da tempo all’ombra in un partito ora più a sinistra anche in Liguria e che punta le sua carte sull’alleanza col Movimento 5 Stelle con l’obiettivo di sbarrare la strada al Toti bis.

Si poteva salvare il cucciolo di orca?

Super User 07 Dicembre 2019 151 Visite

“Ma perché non hanno preso e salvato il cucciolo di orca quando era ancora vivo?” E’ la domanda che si sono posti in molti in questi giorni, vedendo il piccolo cetaceo agonizzante al largo di Pra’. Abbiamo girato l'interrogativo ad una esperta: Sabina Airoldi, responsabile delle ricerche dell'Istituto Tethys nel Santuario Pelagos.
“In casi come questo ci si trova impotenti. Bisognerebbe sottrarre un piccolo ancora vivo alla madre, posto che ci si riesca, decidendo a priori che quella sia l'unica possibilità di salvezza, catturarlo, con tutti i rischi che muoia durante la cattura, portarlo in una struttura, cosa al momento non consentita dall'attuale legislazione, tentare di nutrirlo a forza e di curarlo con prelievi e cure in un ambiente a lui sconosciuto, senza la mamma e gli altri individui di riferimento. E se mai si salvasse, che vita farebbe in una vasca un animale nato in mare? Io ho la mia risposta, a voi la vostra”.

Business24 parte da Genova!

Super User 07 Dicembre 2019 187 Visite

Si è parlato molto in queste settimane del ritorno in tv di Marco Columbro al timone di GreenBiz, programma dedicato alla green-economy italiana in onda sul canale Sky 821.
L'artefice di questo evento televisivo è Matteo Valléro, un giovane ambizioso ed intraprendente che 10 anni fa ha iniziato a realizzare il suo mondo televisivo che oggi si chiama Business24, la tv del lavoro e produce format televisivi dedicati all'imprenditoria italiana.
"Con Business24, le imprese fanno audience in tv", sottolinea Matteo Valléro. Infatti Business24, la tv del lavoro è la prima ed unica vetrina televisiva degli imprenditori che sono oggi il motore dell’economia italiana.
Top Secret, Pole Position, StartUpper, Brainstorming, Business Life e GreenBiz sono le produzioni della società Multimedia Broadcasting, in onda dal lunedì al venerdì a partire dalle 20.30 sul canale Sky 821.
Tutti i format tv di Business24 offrono visibilità alle imprese e permettono la comunicazione del proprio brand, produzione, organizzazione e mission aziendale.
Una realtà televisiva che Matteo Valléro, ideatore e direttore editoriale di Business24, la tv del lavoro, ha costruito con impegno, costanza e determinazione per parlare di economia, finanza e lavoro in tv e non solo.
Business24 infatti è anche un sito on line con aggiornamenti continui e notizie.
I programmi di Business24 sono il racconto degli imprenditori. Storie di esperienze, aspettative, rischi, cambiamenti, decisioni, investimenti, segreti e successi.
Ogni azienda ha un percorso da raccontare, un enorme lavoro di persone grazie al quale si possono ottenere rilevanti risultati imprenditoriali raggiungendo importanti obiettivi di mercato. Piccole, medie e grandi aziende famose e non ogni giorno si dedicano alla concretizzazione del proprio piano aziendale e delle proprie strategie. Dal Nord al Sud dell'Italia con Business24 va in onda "lo spettacolo" delle imprese.
Business24, la tv del lavoro è oggi un esclusivo brand televisivo in grado di descrivere ed enfatizzare le realtà imprenditoriali italiane.
Business24, la tv del lavoro, è un modo per trasmettere quella passione e quella dedizione che si celano dietro la produzione di un mobile, un velivolo, un impianto di fotovoltaico o un pezzo di ricambio: un intrigante ed esclusivo mezzo per parlare del lavoro, quello di uomini e donne che ogni giorno si impegnano sul nostro territorio producendo beni e servizi di consumo classici o innovativi comunque utili al benessere quotidiano di noi tutti.

E’ mancato l’ex giudice Mario Sossi

Super User 06 Dicembre 2019 201 Visite

Grave lutto nel mondo della destra genovese della giustizia italiana. Reso famoso in tutta Italia per il suo sequestro da parte delle Brigate Rosse, il giudice genovese Mario Sossi è mancato oggi nella sua amata Genova.
Gianni Plinio e Giorgio Bornacin (ex MSI e AN), nel manifestare profondo cordoglio per la scomparsa  del dott. Mario Sossi, hanno dichiarato: "Con Mario Sossi la Liguria perde uno dei suoi figli migliori. Uomo di assoluta integrità morale, magistrato coraggioso ed animatore dell'Associazione Nazionale Alpini genovese. Siamo onorati ed orgogliosi della Sua amicizia .Lo ricordiamo valoroso dirigente del FUAN negli Anni Cinquanta e candidato di AN nel 2007 per il Consiglio Comunale di Genova. Siamo certi che la stragrande maggioranza dei cittadini genovesi apprezzerebbe se il Comune di Genova tributasse un qualche riconoscimento pubblico ad un Italiano così esemplare".
I funerali si terranno lunedì 9 dicembre, alle ore 9:00, nella chiesa di Nostra Signora del Rosario, in via Rosselli a Genova.

4 milioni di euro per la sicurezza delle strade liguri

Super User 06 Dicembre 2019 103 Visite

Quattro milioni di euro per la messa in sicurezza e il ripristino delle strade liguri. Sono stati stanziati dalla Giunta regionale attraverso il Fondo Strategico, nell’ambito del piano strade 2020.
Di questi 4 milioni, 2 andranno alle province e alla Città metropolitana e altrettanti ai Comuni per interventi appunto sulle strade comunali. Gli interventi sulle strade provinciali, proposti proprio dalle 4 amministrazioni locali e approvati da Regione Liguria, sono già stati definiti, mentre quelli comunali verranno stabiliti a gennaio 2020 con la collaborazione di Anci e delle province.
“Con questa prima tranche di finanziamenti andiamo a garantire interventi di messa in sicurezza importanti su tutto il territorio, da Sarzana a Ventimiglia, andando a intervenire anche in situazioni causate dalla straordinaria ondata di maltempo che ha infierito sulla Liguria nelle settimane scorse– commenta il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti - I cittadini hanno bisogno che le istituzioni facciano il loro lavoro: Regione Liguria, in attesa che il Governo stanzi fondi adeguati, risponde presente e si muove in autonomia”.
“Si tratta di interventi che danno risposte concrete e tempestive alle esigenze dei territori– spiega l’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone – per la messa in sicurezza di infrastrutture viarie di importante rilevanza per la mobilità quotidiana dei cittadini, considerando l’emergenza viabilità che ancora riguarda tutta la Liguria. A gennaio – conclude Giampedrone -  andremo ad assegnare i 2 milioni di euro agli enti locali per interventi sule strade comunali, sempre in coordinamento con Anci e Province per dare ulteriori, efficaci risposte ai liguri”. 
Per le strade della città metropolitana di Genova (stanziamento di 500mila euro):
- Ripristino del sistema di smaltimento delle acque superficiali sulla SP 58 della Crocetta;

- Realizzazione del sistema di regimazione delle acque superficiali sulla Provinciale 48 del Fregarolo;
- Adeguamento delle barriere di sicurezza sulla SP 226 di Valle Scrivia
- Miglioramento della sicurezza stradale con reti armate e barriera stradale su cordolo sulla SP 26 della Val Graveglia
- Consolidamento del corpo stradale e adeguamento barriere di sicurezza della SP 22 di Tribogna
- Rifacimento della rete di smaltimento delle acque meteoriche sulla SP 52 del Santuario Nostra Signora della Guardia

Per le strade di Savona e provincia previsti 475mila euro destinati alla strada provinciale 6 Albenga - Casanova Lerrone– Passo del Cesio, per un intervento di ripristino e messa in sicurezza del piano viabile, con realizzazione di opera di contenimento su micropali per uno sviluppo di circa 35 metri all’altezza del chilometro 4,9. Si tratta di un intervento urgente a seguito degli ultimi eventi alluvionali

Per le strade della Spezia e provincia previsti 500mila euro per tre interventi:
- ripristino della funzionalità dei passanti idraulici (canaline) per regolare il flusso dell’acqua piovana e della carreggiata a seguito di un cedimento sulla provinciale 61 in località Muro inferiore, a Vernazza;
- svuotamento delle rete metalliche di protezione di caduta massi e del ripristino e sostituzione delle protezioni tra località Fabiano e la galleria Biassa alla Spezia (provinciale 370)
- svuotamento delle rete metalliche di protezione di caduta massi e del ripristino e sostituzione delle protezioni a Riomaggiore, tra la galleria Lemmen e fine strada, sempre sulla 370.

Per le strade di Imperia e provincia previsti 500mila euro che saranno utilizzati per quattro interventi, di cui i primi tre legati al maltempo di novembre 2019:
- Lavori di ripristino della viabilità mediante la realizzazione di struttura in cemento armato sulla SP 3 a Montegrosso Pian Latte
- Lavori di consolidamento della sede stradale franata sulla SP 22 di Cartari in Comune di Cesio
- Lavori di ripristino della viabilità mediante la realizzazione di muro in cemento armato sulla SP 65 Pigna-Molini di Triora in Comune di Castelvittorio
- Lavori di ripristino opera di sostegno della strada sulla SP 14 in comune di Aquila d’Arroscia

Una Moto Guzzi per Genova

Super User 06 Dicembre 2019 158 Visite

Dal 7 dicembre al 8 gennaio, al Centro commerciale L’Aquilone di Genova si potrà ammirare la motocicletta “Imperiale”, una “special” realizzata, su base Moto Guzzi Imola, dal team di CMC Motorcycle Milano e da loro donata quale gesto di solidarietà verso il territorio genovese, ancora sotto l’effetto delle conseguenze del crollo del Ponte Morandi.

La motocicletta sarà messa all’asta nei primi mesi del 2020 a Milano (all’Officina, un locale in via Giovenale 7 nei pressi di Corso San Gottardo, all’interno di un cortile della vecchia città) allo scopo di raggiungere l’obiettivo di raccogliere almeno 23.750 Euro.

Il ricavato dell'asta sarà infatti devoluto da CMC Motorcycle Milano in favore dell'associazione "Quelli del ponte Morandi", che lo utilizzerà per sostenere le attività culturali che l’associazione “Lo scoglio dell’Albatros”, insieme al Dopolavoro ferroviario (DLF) e al cinema “Albatros” di Genova, intende portare avanti nel corso del 2020 sul territorio della Valpolcevera, l’area investita dalle conseguenze del crollo del viadotto sul Polcevera.

L'evento espositivo di Genova ha ricevuto il sostegno dell'Associazione Giorgio Parodi – www.giorgioparodi.it. Giorgio Parodi fu cofondatore della casa motociclistica dell'aquila, fondata a Genova nel 1921 e che ebbe qui la sede legale fino al 1956. La sua figura sarà celebrata nel 2021 in occasione del centenario della fondazione dell’azienda.

La gestione organizzativa e la comunicazione sono state affidate da “Quelli del ponte Morandi” e da CMC Motorcycle all’ Associazione TeA – Turismo e Ambiente attiva proprio in Valpolcevera.

L’associazione TeA –Turismo e Ambiente si è costituita il 30 giugno 2015 per studiare e favorire la crescita del turismo a servizio dei territori e dei loro abitanti, raccogliendo l’interesse di operatori, tecnici e ricercatori provenienti da diverse esperienze nel settore.

Riaperto il punto vendita Giopescal di via Galata

Super User 06 Dicembre 2019 363 Visite

Dopo un accurato restyling, il negozio rappresenta oggi il flagship store della catena distributiva di surgelati, acquisita nell’agosto 2018 da Verrini Holding.

Nuovo layout e format, un doppio ingresso su Via Galata, tanta luce e schermi interattivi con tutte le promozioni giornaliere.

Ha riaperto oggi, venerdì 6 dicembre, con una lunga giornata di festa e tante promozioni per la clientela, lo storico punto vendita Giopescal, la catena di negozi specializzati nella vendita di prodotti ittici surgelati di qualità a marchio “Giopescal”, che conta 9 store tra Genova e provincia.

Il negozio è in centro, in Via Galata a Genova, conta 120 mq e rappresenta il punto di riferimento dell’insegna fondata nel 1930 dalle famiglie Giolfo e Calcagno e da agosto 2018 acquisita da Verrini Holding, già proprietaria della Antonio Verrini & Figli, storica azienda genovese di distribuzione di prodotti ittici freschi, conservati e surgelati.

L’accurato restyling è partito a inizio anno con la finalità di ammodernare il punto vendita, alla ricerca di un posizionamento più attuale. Grazie alle sinergie con la Antonio Verrini & Figli, oltre al surgelato ittico, il portfolio di prodotti di Giopescal è stato rivisto e valorizzato per arricchire la gamma secondo le nuove tendenze che il mercato sta via via richiedendo. Inoltre il nuovo piano commerciale della catena punta a un progetto di rinnovamento della catena e delle attività dei punti vendita.

Più in particolare i colori degli interni sono stati scelti in base allo storico del marchio (blue navy) insieme a nuovi vivaci colori che richiamano il settore ittico in particolare: l’arancio corallo, l’azzurro e il beige. Un grande e luminoso banco frigo accoglie la clientela che può accedere al negozio attraverso due porte a scorrimento in Via Galata (in precedenza una sola era la porta di ingresso). Lo spazio è accogliente e ampio, una cassa e due bilance di ultima generazione. I monitor alle pareti saranno attivi tutti i giorni con video di pesca e scene di mare, segnaleranno le migliori offerte giornaliere. L’intero impianto di illuminazione sfrutta lampadine a basso impatto ambientale.

La zona di Piazza Colombo, sempre più orientata alle attività legate al food, torna ad avere attivo uno dei negozi più storici e la cui riapertura era molto attesa da parte dell’affezionata clientela del centro, in un periodo nevralgico per l’acquisto alimentare, in vista delle festività natalizie. Gli addetti al banco rimangono gli stessi, con tutta la propria conoscenza delle materie prime e gli immancabili suggerimenti di cucina. Alcuni possono festeggiare quest’anno il 39° Natale in azienda.

Da lunedì i mezzi pubblici ritorneranno a pagamento

Super User 06 Dicembre 2019 211 Visite

Dalle ore 5:00 di lunedì 9 dicembre i mezzi pubblici di AMT ritorneranno a pagamento.
La sospensione del biglietto era stata decisa dal sindaco Bucci per affrontare l'emergenza viabilità a seguito del crollo del viadotto sull'A6 e della chiusura dell'A26.

La Lega dice “no” al semaforo UE degli alimenti

Super User 05 Dicembre 2019 219 Visite

“No al ‘Nutri-score’ ossia il ‘semaforo degli alimenti’ che l’Unione Europea vuole istituire per tagliare le gambe ai prodotti italiani”.

E’ la sostanza della mozione, depositata oggi in Regione Liguria dai consiglieri regionali Paolo Ardenti e Alessandro Puggioni (Lega).

“Secondo fonti giornalistiche – hanno spiegato Ardenti e Puggioni – la UE starebbe pensando di rendere obbligatorio su tutto il territorio europeo il cosiddetto ‘Nutri-score’ che attraverso un ‘semaforo’ sulle confezioni dei prodotti alimentariassegna 5 diversi ‘bollini’ di differente colore (rosso, arancione, giallo, verdino, verde) per la classificazione dei cibi e delle bevande.

Il ‘Nutri-score’ è sviluppato da un pool di ricercatori francesi e compare già sui prodotti alimentari di alcuni Paesi per un numero limitato di marchi, ma nel futuro prossimo potrebbe estendersi ad altre nazioni europee.

Attualmente il sistema si divide in due scale correlate per classificare la qualità dei prodotti. Nella prima, quella appunto cromatica, vi sono i cinque colori dal rosso al verde. Nella seconda, la classificazione è alfabetica con indicazioni dalla A alle E.

I prodotti vengono suddivisi in cinque categorie e il punteggio è determinato in base ai ‘nutrienti’ che contengono. Fibre, proteine, frutta e verdura rientrano tra gli ingredienti ‘buoni’ e possono determinare un punteggio positivo. Altri ingredienti come grassi saturi, zucchero e sodio possono invece influire negativamente ‘se utilizzati a livelli elevati’.

In tal senso, un’approfondita indagine di Coldiretti ha fatto emergere che il ‘Nutri-score’ sarebbe un autentico rischio per il Made in Italy. La ricerca  certifica infatti  che speck, olio di oliva, gorgonzola, prosciutto crudo, San Daniele, Parmigiano reggiano, Pecorino romano, avrebbero tutti il bollino rosso, quando, ad esempio, Coca Cola Zero e Red Bull avrebbero invece il semaforo verde.

Pertanto, con questa mozione vogliamo impegnare la giunta regionale a sollecitare il Governo affinché  intervenga presso le istituzioni della UE per evitare l’inserimento di tale classificazione sul territorio europeo e per tutelare in tutte le sedi necessarie il ‘Made in italy’ di qualità  come prodotti sani e non dannosi in tale classificazione”.

Ancora nessuna nomina per l’ex assessore Fanghella

Super User 05 Dicembre 2019 294 Visite

L’ex assessore del Comune di Genova Paolo Fanghella non ha ancora ricevuto nessun incarico.
All’inizio di settembre, Fanghella aveva rimesso la sua delega ai Lavori Pubblici nelle mani del sindaco Bucci, che lo avrebbe comunque “rimpastato” nel valzer di poltrone avvenuto a Tursi qualche giorno dopo le sue dimissioni, con la speranza (o promessa?) di andare a ricoprire un ruolo di primo piano in una società partecipata da Comune o Regione.
Con l’autolicenziamento, l’architetto-assessore aveva scelto la soluzione più “elegante” per uscire dalla giunta, mantenendo nel contempo un rapporto cordiale con il sindaco.
Ma ad oggi la sua eleganza non è stata ancora premiata.

Toti ai grillini: “basta belinate!”

Super User 05 Dicembre 2019 235 Visite

“Ogni volta che mi confronto con un grillino ne esco perplesso. Dicono solo falsità, cattiverie, inesattezze per pura propaganda. Mai una proposta concreta, mai una soluzione. Solo caccia alle streghe e discredito dell'avversario attraverso fake news. Come quella che in Liguria non abbiamo investito sul dissesto idrogeologico. Ma come? Abbiamo il 100% di investimenti fatti! Smettetela di nascondere la vostra incompetenza dietro delle bugie! Per fortuna prima o poi si tornerà alle urne, così come sono convinto che torneranno di moda la competenza, la precisione, l'approfondimento, il merito. Non se ne può più di ignoranza, pressapochismo, sciatteria, mediocrità e... belinate! Questo Paese merita di più”. E’ il post su Facebook del governatore Giovanni Toti.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip