Skin ADV

Notizie

Sansa firma la candidatura a presidente della Regione Liguria

Super User 21 Agosto 2020 318 Visite

“Adesso è proprio fatta. Oggi ho firmato ufficialmente la mia candidatura a Presidente della Regione Liguria. Ora non si torna indietro. Guardo la firma e penso che un breve tratto di penna a volte cambi la vita e racchiuda tutto: gli anni passati, le scelte, le speranze, le passioni e il futuro. Ho provato una sensazione strana, di grande onore per questa opportunità, ma allo stesso tempo anche di grande responsabilità per un compito così complesso”. E’ l’annuncio su Facebook del candidato giallorosso Ferruccio Sansa.

Regionali, “fate Bonuso (Daniele) del vostro voto”

Super User 21 Agosto 2020 706 Visite

Intervista di Vittorio Sirianni a Daniele Bonuso, consigliere municipale in Valpolcevera e candidato alle regionali di settembre nella lista Forza Italia – Liguria Popolare.
“Fate Bonuso del vostro voto”. E’ lo slogan ideato da un fan del canditato forzista.

IL VIDEO DELL'INTERVISTA

A Rapallo Fratelli d’Italia spiega perché votare sì al referendum

Super User 21 Agosto 2020 550 Visite

Dopo le giornate dedicate alla raccolta firme contro il governo Conte, il Circolo Territoriale Fratelli d’Italia di Rapallo sarà in piazza per una serie di appuntamenti pre-elettorali.
Il primo incontro sarà sabato 22 agosto, dalle ore 15, a Rapallo in piazza Cavour (lato pedonale Via Mameli). Il direttivo del circolo incontrerà cittadinanza e simpatizzanti per spiegare le ragioni del Sì al referendum che si terrà unitamente alle elezioni del 20/21 settembre. Sarà anche un’occasione per incontrare due candidati di FdI alle prossime regionali: Paola Tassara e Fabrizio Brignole saranno presenti per ascoltare le istanze dei cittadini ed esporre il loro programma; il tutto nel rispetto delle misure di sicurezza anti Covid.

“L’impegno profuso fin dalla nascita del nostro circolo, con una presenza costante e capillare sul territorio, ci sta premiando con una grande partecipazione ad ogni nostra iniziativa”, dice il presidente del circolo Gianni Arena. “Il valore aggiunto di Fratelli d’Italia è proprio la capacità di ascolto e la volontà di dare voce ai cittadini esasperati dalla politica un governo che ‘sembra vivere sulla Luna’, come ha dichiarato la nostra leader Giorgia Meloni. Devo ringraziare il lavoro e la passione degli instancabili militanti del Circolo di Rapallo, e la capacità organizzativa dei nostri dirigenti territoriali: Matteo Rosso, Michele Scandroglio e Stefano Baggio.” conclude Arena.

Per chi volesse sarà ovviamente possibile aderire al partito di Giorgia Meloni.

Covid, sui bus Atp della linea Santa Margherita-Portofino arrivano gli steward

Super User 21 Agosto 2020 204 Visite

I dati nazionali e quelli regionali confermano che sul Covid non si deve abbassare la guardia. Così Atp Esercizio ha iniziato a svolgere una campagna di moral suasion e informativa a bordo dei suoi mezzi, iniziando dalla frequentatissima linea 82, tra Santa Margherita e Portofino.
Da qualche giorno, oltre gli agenti verificatori che svolgono la consueta attività ispettiva e di controllo del permesso di viaggio, una mezza dozzina di steward di una società specializzata salgono a bordo del bus o lavorano alle fermate, per informare i passeggeri delle norme su distanziamento, mascherina obbligatoria, marcatura dei posti (sui mezzi urbani vige ancora la regola del 60 per cento dei posti a sedere occupati e su quelli extraurbani il 60 per cento dei posti in piedi), la mancata vendita di biglietti a bordo, il divieto di accedere all’area di prossimità con l’autista e anche le modalità con cui quotidianamente viene effettuata la sanificazione dei mezzi. «Il personale che ha l’incarico conosce naturalmente l’inglese e sono soprattutto gli stranieri i più interessati a conoscere le normative, visto che gli Italiani ne sono in gran parte già a conoscenza. In generale sia gli agenti verificatori sia gli steward, trovano passeggeri motivati a non trasgredire le norme, tranne qualche limitata eccezione» - dice Andrea Geminiani, coordinatore generale di Atp. L’attività in corso continuerà sicuramente fino a inizio settembre e sarà estesa anche alle altre linee considerata a forte valenza turistica come le linee 4, 5 e 98 tra Casarza, Sestri Levante, Lavagna e Chiavari, e quelle tra Camogli-Recco e Genova Brignole. Prosegue naturalmente anche la campagna di controlli a tappeto sulle linee serali e notturne del Tigullio, in questo caso in funzione anti evasione. «La campagna di controllo proseguirà per tutto il mese di agosto – spiega Andrea Geminiani, coordinatore generale di Atp – durante l’attività possiamo contare sulla collaborazione delle forze dell’ordine e della polizia locale». Da inizio del mese sono stati effettuati quasi mille controlli e sono state verbalizzate una sessantina di persone prive di biglietto.  
Atp Esercizio ricorda che tutti coloro che usufruiscono del servizio di trasporto pubblico sono tenuti a munirsi di titolo di viaggio, a convalidarlo ed esibirlo in caso di controllo. Ai sensi della normativa vigente, il personale dedicato alla funzione di controllo dei titoli di viaggio assume la qualifica di Pubblico Ufficiale. Il rifiuto di rilasciare le proprie generalità o rilasciarne false, la resistenza, la violenza e l’oltraggio nei confronti dei verificatori sono reati penali e, come tali, perseguibili ai sensi del Codice Penale.
Le sanzioni amministrative sono previste dalla L.R. 36/2012 alla redazione del verbale, euro 40 per il pagamento contestuale alla redazione del verbale, euro 60 per pagamento entro 5 giorni, euro 93,33 per pagamento entro 60 giorni. Trascorso inutilmente anche questo termine verranno attivate le procedure di riscossione tramite ruolo per l’importo di euro 280 oltre spese ed interessi.

Caso Paita-Balbontin, interviene anche Sansa

Super User 20 Agosto 2020 533 Visite

"Caro Facebook, hai bloccato la pagina del nostro amico Enrique Balbontin, uno dei migliori attori della nostra regione. Per un grottesco e delirante equivoco una politica locale, che evidentemente non riesce a far parlare altrimenti di sé, lo ha definito omofobo e sessista. Coinvolgendo nell'abbaglio epocale anche ministri e parlamentari. Balbontin non è omofobo (anzi, è stato invitato a diversi gay pride), nè sessista. La sua vita, il suo lavoro come attore e come avvocato degli ultimi lo testimoniano. Il blocco della pagina Facebook suona come censura ma è anche un danno enorme per la sua professione di attore già messa a dura prova dalle restrizioni per il covid. Balbontin è solo un dissacratore, un uomo libero che odia l'ipocrisia. Uno che non cambia bandiera a seconda delle convenienze, che rischia del suo. Ce ne fossero di più come lui". E’ il post del candidato giallorosso alla presidenza della Regione Liguria, Ferruccio Sansa.

Paita annuncia querela contro il comico Balbontin

Super User 20 Agosto 2020 619 Visite

La deputata renziana Raffaella Paita ha annunciato che sporgerà querela contro il comico Enrique Balbontin per alcune battute su un post nelle quali si sarebbe riconosciuta.
“A quanto pare ad Enrique Balbontin il caldo fa male. Non gli è bastato fare un becero video cabarettistico con una maglietta con contenuti omofobici. Non gli è bastato attaccarmi quando glielo abbiamo fatto coralmente notare. Non gli è bastato non scusarsi e arrampicarsi sugli specchi pur di non ammettere il suo errore. Oggi si è addirittura permesso di offendermi personalmente in un suo post, testualmente “a bagasce stiamo coperti” riferendosi a me. Cosa ne pensa il candidato PD-M5S in #Liguria Ferruccio #Sansa di questo suo sostenitore? Ne va orgoglioso o intende prenderne le distanze? Le gaffe di un comico che non fa ridere sono gravi ma gli insulti personali sono davvero intollerabili. Per questo annuncio che sporgerò subito querela nei suoi confronti. Solo così, forse, questi leoni da tastiera impareranno l’educazione e il rispetto per gli altri”.
A difendere Balbontin scende in campo (su Facebook) il giornalista di Repubblica (e amico di Ferruccio Sansa) Marco Preve: “Eh no, non era lei la Lella. Pensare di essere sempre il centro del mondo genera scivoloni clamorosi come questo. Fossimo come loro chiederemmo “E ora cosa dice Massardo?”. Ma a parte che di quel che pensa Massardo forse importa solo a lui, l'unica via d'uscita dignitosa da questa brutta figura è che la Lella (quella vera) chieda scusa a Enrique Balbontin”.

Il post di Raffaella Paita

Il post di Marco Preve

Regionali, Sansa: “Le elezioni si tengano regolarmente”

Super User 20 Agosto 2020 210 Visite

"Noi speriamo con tutto il cuore che le elezioni si tengano regolarmente nelle date previste e che altrettanto avvenga per la riapertura delle scuole". Lo sostiene il candidato presidente della Regione Liguria Ferruccio Sansa, dopo le dichiarazioni del prof. Ricciardi ad Agorà estate su Rai3.

"Mi pare - prosegue Sansa - che Ricciardi si riferisse a situazioni di altri paesi e chiedesse la massima attenzione agli italiani per non ritrovarci in condizioni analoghe. Noi pensiamo che la salute dei cittadini sia la cosa più importante e, visto l'aumento dei contagi, ci chiediamo se la Regione Liguria si sia attrezzata con le azioni di monitoraggio (tamponi) e di tracciamento, indispensabili per evitare nuove emergenze".

Daniele Bonuso incontra gli elettori a Pegli

Super User 20 Agosto 2020 340 Visite

Dopo un giro per la delegazione di Pegli, ascoltando cittadini e commercianti, Daniele Bonuso, consigliere nel Municipio Valpolcevera e candidato alle regionali nella lista Forza Italia - Liguria Popolare, ha incontrato un gruppo di forzisti e amici, circa 30 persone, per discutere con delle problematiche inerenti al ponente cittadino.
All'incontro-aperitivo c'erano anche l’ex assessore comunale Giancarlo Vinacci, la miss Italia Livia Iannoni e Luca Bonofiglio.

Marta Brusoni: “Da bambina timida a candidata alle regionali”

Super User 20 Agosto 2020 440 Visite

Vi proponiamo una bella intervista di Vittorio Sirianni a Marta Brusoni, capogruppo di Vince Genova a Tursi e candidata alle regionali di settembre nella lista Forza Italia - Liguria Popolare.
“Sono stata una bambina timida, sempre attaccata alla gonna di mia mamma. Adesso, sono una donna determinata che ha fatto molto in Comune a Genova e si prepara, mettendoci la faccia, a correre per le regionali”, dice la candidata ai suoi elettori.

L'INTERVISTA DI VITTORIO SIRIANNI A MARTA BRUSONI

Cavo a Melis: “Sostegno a scuole paritarie necessario per evitare collasso del sistema”

Super User 19 Agosto 2020 175 Visite

"Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. E allora, di fronte al comunicato odierno del consigliere Melis contro i 2,8 mln di euro stanziati per le scuole paritarie (con cui avremmo potuto acquistare libri di testo) mi trovo costretta a ribadire: ogni anno Regione Liguria assegna risorse nazionali per 2,6 milioni di euro per l'acquisto di libri di testo. Finanziamenti destinanti agli alunni delle scuole medie e superiori (ovvero dell'ordine e grado di istruzione di nostra competenza) ma tutte le domande accolte non arrivano ad esaurire le risorse disponibili, che puntualmente avanzano. Il sostegno per i libri di testo dunque non manca. Avanza. E il sostegno che abbiamo deciso per le scuole paritarie nulla toglie al sostegno per i libri di testo. Il paragone non regge. È frutto di una strumentalizzazione politica che non si basa su alcun riscontro oggettivo, visto che le risorse per l'acquisto dei libri di testi ci sono e vanno in economia e che se ne avessimo destinate altre avremmo solo sprecato denaro pubblico. La scelta della Giunta Regionale di destinare voucher per le scuole paritarie di ogni ordine e grado è stato quello di intervenire su quei settori maggiormente colpiti dal Covid (così come per esempio i lavoratori delle mense o delle pulizie scolastice) ma rimasti scoperti o non tutelati dagli interventi statali. Il tutto senza lasciare indietro nessuno. Anziché parlare di cose che evidentemente non conosce, Melis solleciti il suo Ministro Azzolina a sbloccare i 300 milioni di euro del Dl Rilancio promessi alle paritarie, che senza quei fondi, per altro insufficienti, rischiano di non riuscire ad avviare il prossimo anno scolastico.” Questo la replica di Ilaria Cavo che aggiunge:

“Questa Giunta ha investito nel contrasto alla dispersione scolastica 1,5 milioni di euro e ulteriori 6,2 mln di euro per aiutare le famiglie in maggiore difficoltà l'acquisto di tablet per le lezioni a distanza, aumentando da 3,5 a 6,2 la dotazione del bando "tablet”: quei fondi sono andati per 1 milioni agli studenti delle paritarie, per 500mila euro alla formazione professionale ma per 4,7 milioni agli studenti della scuola pubblica. Dove sarebbe il nostro disinteresse per la scuola pubblica? Lo sa il consigliere Melis che il Ministro del suo partito,direttamente competente in fatto di scuola, ha stanziato per i tablet in comodato d'uso molto meno per le scuole pubbliche della nostra regione? 3 milioni per la dotazione tecnologica degli studenti della scuola pubblica ligure ontro i 4,7 milioni stanziati da Regione Liguria. E dovremmo farci insegnare dai grillini cosa il valore della scuola pubblica? O a far di conto?

L’unica differenza è che noi non vogliamo proprio lasciare indietro nessuno, ne’ gli studenti della scuola pubblica, come dimostrano questi numeri, ma neppure quelli della scuola paritaria, che senza un voucher di supporto per le strutture in molti casi non potrebbero garantire il servizio alle famiglie, e quindi la libertà di scelta educativa. Dopo la chiusura dovuta al covid, infatti, anche le scuole paritarie devono applicare in modo rigoroso le regole sulla sicurezza: senza un sostegno adeguato, le famiglie vedrebbero impennare le rette o, peggio, non troverebbero più il servizio. Anche se qualcuno continua a non ammetterlo, il sistema nazionale di istruzione si basa anche sull'offerta della scuola paritaria: se quelle scuole paritarie chiudessero le famiglie non troverebbero un posto per i loro figli, per la scuola d'infanzia non avrebbero neppure un servizio alternativo e il sistema collasserebbe. A questo Melis ci ha pensato mentre scopiazzava a scoppio ritardato i comunicati stampa elettorali dalla sua ex capogruppo Salvatore? Lui e il suo ministro all’Istruzione si sono chiesti chi ospiterebbe gli studenti delle scuole paritarie che senza un reale sostegno sarebbero davvero a rischio chiusura ora che la scuola pubblica fatica anche a trovare gli spazi già’ per i suoi alunni? Cosa accadrebbe se dovesse accogliere anche i fuoriusciti delle paritarie?

E ancora si è preso il tempo di leggere la delibera del 2015 con cui venivano stanziati 6 mln di euro alle scuole paritarie liguri? Certamente no. Non mi accuserebbe di aver fatto loro un regalo. Si sarebbe accorto che si trattava di fondi nazionali vincolati la cui destinazione stata destinata dal governo. Se non li avessi impegnati li avrebbero persi le nostre famiglie e il nostro territorio. È questo che voleva Melis? Per parlare di scuola un po' bisogna studiare”.

Sansa ha presentato la lista PD e Articolo Uno

Super User 19 Agosto 2020 616 Visite

Questa mattina Ferruccio Sansa ha presentato la lista Sansa Presidente – PD e Articolo Uno. Al fianco del candidato giallorosso c’erano anche la senatrice Roberta Pinotti, il numero due del PD Andrea Orlando e il coordinatore nazionale di Articolo Uno Arturo Scotto.

I 16 candidati nel collegio di Genova

Giovanni Lunardon
Luca Garibaldi
Patrizia Avagnina
Maria Luisa Biorci
Viola Boero
Silvio Del Buono
Francesca Ferrera
Luigi Gambino
Alberto Pandolfo
Katia Piccardo
Elena Putti
Angelica Radicchi
Pippo Sergio Rossetti
Armando Sanna
Lucina Torretta
Claudio Villa

Ferruccio Sansa

Roberta Pinotti

Andrea Orlando

Arturo Scotto

I candidati

Coronavirus, in Liguria 30 nuovi contagi

Super User 19 Agosto 2020 128 Visite

Il bollettino del coronavirus in Liguria di oggi, mercoledì 19 agosto.

Casi totali da inizio emergenza = 10.531 (+30) di cui 1.359 individuati da screening e 9.170 in pazienti sintomatici

Attualmente positivi = 1.315 (+23)

24 (-2) in ospedale (di cui 1 in terapia intensiva / UTI, +0)

319 in isolamento domiciliare (+23)

Nuovi positivi:

13 Asl2 (11 strutture socio sanitarie di cui 10 link grigliata, 1 rientro estero, 1 segnalazione dipartimento di prevenzione)

11 Asl3 (6 contatto di caso confermati, 1 rientro estero, 3 attività di screening, 1 segnalazione dipartimento di prevenzione)

6 Asl5 (5 contatto di caso confermato, 1 segnalazione dipartimento di prevenzione)

Guariti non più positivi = 7.647 (+7)

Deceduti = 1.569 (+0)

Tamponi = 215.615 (+1.938)

Ospedalizzati:

Asl1 = 5

Asl2 = 4

Galliera = 2

San Martino = 4 (1 UTI)

Gaslini = 4

Asl4 = 1

Asl5 = 4

Si segnala che i quattro ospedalizzati al Gaslini sono due bambini con le rispettive madri, tenuti in osservazione in via prudenziale e le cui condizioni non destano preoccupazione

Attualmente positivi per residenza:

IM = 69 (+0)

SV = 221 (+9)

GE = 789 (+9)

SP = 54 (+3)

Fuori regione = 59 (+1)

Altro o in fase di verifica = 123 (+1)

Sorveglianze attive (contatti di positivi) = 1.207

Asl1 = 46

Asl2 = 328

Asl3 = 418

Asl4 = 176

Asl5 = 239

Regionali, Francesca Fassio ha inaugurato il suo point elettorale

Super User 19 Agosto 2020 333 Visite

Francesca Fassio, assessore comunale ai Servizi sociali, candidata alle elezioni liguri con la Lega, ha inaugurato ieri sul lungomare di Pegli il suo point elettorale. Presenti anche il segretario regionale del Carroccio, Edoardo Rixi, e l’assessora comunale al Commercio, Paola Bordilli.
Fassio presto dovrà lasciare il suo incarico a palazzo Tursi. Perché il sindaco Bucci è stato chiaro: “Chi si candida alle regionali non può mantenere le deleghe comunali”.

IL VIDEO DELLE INTERVISTE A FRANCESCA FASSIO E EDOARDO RIXI

La stoccata di Edoardo Rixi agli alleati: “Sulla sanità una narrazione diversa”

Super User 19 Agosto 2020 751 Visite

Nell’intervista rilasciata a Genova3000 sul momento della Lega, il segretario ligure Edoardo Rixi non risparmia stoccate agli alleati.
“Mi dispiace solo che alcune forze politiche alleate, che hanno condiviso con noi tutte le politiche sulla sanità, facciano oggi una narrazione diversa, dicendo che la sanità non andrà più alla Lega”.

IL VIDEO DELL’INTERVISTA

Ipotesi sussidi per bar e ristoranti, Brusoni: “Atto dovuto”

Super User 19 Agosto 2020 171 Visite

La capogruppo in consiglio comunale di Vince Genova, e candidata alle regionali per l’alleanza Liguria Popolare-Forza Italia, appoggia l’ipotesi di adozione di incentivi a favore di alcune tra le categorie più duramente colpite dall’emergenza coronavirus

La nuova crescita di casi di positivi di Covid-19 in Italia non ha risparmiato la Liguria che ancora oggi, nonostante una lenta ripresa, sta ancora facendo i conti con i pesanti effetti del lockdown. Per sostenere il commercio, già duramente provato dalla prima emergenza, la capogruppo in consiglio comunale di Vince Genova e candidata alle regionali per l’alleanza Liguria Popolare-Forza Italia, Marta Brusoni, suggerisce l’adozione di sussidi a sostegno delle imprese, con particolare riferimento a bar, ristoranti e discoteche.
“Le nuove disposizioni governative sulla chiusura delle discoteche e l’obbligo di utilizzo della mascherina dalle ore 18 alle 6 impongono una profonda riflessione sull’opportunità di introdurre dei sussidi in aiuto ai bar e ai ristoranti della nostra Regione già messi a dura prova dalla chiusura forzata e dalle successive restrizioni - spiega Marta Brusoni -. Non solo rappresentano una risorsa per la Liguria ma costituiscono una linfa vitale per il commercio. Le istituzioni hanno il dovere di pensare a modelli che possano garantirne la sopravvivenza in caso di nuove chiusure forzate che ovviamente auspichiamo non avvengano. Una buona soluzione potrebbe essere rappresentata dall’allungamento del periodo di estensione dei dehors dei locali anche nel periodo invernale”.

 

In ultimo la candidata per l’alleanza Liguria Popolare-Forza Italia- rivolge un appello al senso di responsabilità da parte di tutti, con uno sguardo all’immediato futuro: “Prevedere dei sussidi o delle contribuzioni, delle incentivazioni collegate ad eventuali nuovi provvedimenti ritengo avranno effetti positivi su tutto il settore economico – conclude -. Vediamo l'evolversi della situazione, qualche giorno di massima allerta ci può stare, ma una situazione di questo tipo evidentemente se dovesse continuare avrebbe anche bisogno di una dichiarazione di stato di crisi del settore”.

Regionali, Rixi: “Stiamo valutando se candidare Sonia Viale a Genova o nel Ponente”

Super User 18 Agosto 2020 590 Visite

“Sulle liste, che stiamo chiudendo in questi giorni, penso che non ci saranno grossissime novità. Stiamo solo valutando se candidare l’assessore alla Sanità Sonia Viale a Imperia, nella sua provincia, o nel collegio di Genova, che è più grande. Ritengo che siano gli elettori a dover decidere se un assessore ha fatto bene o male”. E’ quanto ha dichiarato a Genova3000 il segretario ligure della Lega, il deputato Edoardo Rixi, che non ha risparmiato frecciate agli alleati: “Mi dispiace solo che alcune forze politiche alleate, che hanno condiviso con noi tutte le politiche sulla sanità, facciano oggi una narrazione diversa, dicendo che la sanità non andrà più alla Lega”.

Forza Italia, Bagnasco presenta la candidata Ada Cassini Bistolfi

Super User 18 Agosto 2020 414 Visite

Questa mattina a Ventimiglia, il coordinatore di Forza Italia Carlo Bagnasco ha presentato la candidata alle regionali Ada Cassini Bistolfi, dentista molto conosciuta nel Ponente.
Durante la conferenza, Bagnasco ha anche annunciato l’incarico di vice coordinatore del partito, affidato a Filippo Bistolfi, figlio della candidata e primo dei non eletti (2100 voti con FI) alle regionali del 2015.
Le due nomine sono state "benedette" da Claudio Scajola che, con la sua associazione politica Polis, è entrato a far parte dell’alleanza moderata che comprende anche Forza Italia e Liguria Popolare.
Alleanza voluta e portata a termine dal coordinatore azzurro Bagnasco.

Sansa al Lagaccio: “Un quartiere da recuperare”

Super User 18 Agosto 2020 192 Visite

"Al Lagaccio-Oregina serve accelerare con il progetto per accedere ai fondi europei per la riqualificazione urbana. E la Regione ha un ruolo trainante nel reperimento dei finanziamenti". Così il candidato presidente della Regione Liguria Ferruccio Sansa al termine della sua vista nel quartiere di Genova.
"Siamo in un quartiere che è al tempo stesso centro e periferia - ha detto Sansa - dove il cemento si è accumulato in modo disordinato e ci sarebbe moltissimo da fare. Dove hanno tolto persino l'ufficio postale. Ho incontrato le realtà attivissime dell'associazionismo e dei comitati. Abbiamo parlato di tante cose, dalla sanità ai trasporti alla scuola. Mi pare che un provvedimento fondamentale sia portare a compimento l'operazione di recupero della ex caserma Gavoglio, avviata dalla giunta Doria. Il Parco Urbano in corso di realizzazione e già finanziato copre solo un ettaro sui 6 occupati dall'intero complesso. La Regione deve svolgere un ruolo importante per reperire i finanziamenti per gli altri lotti: le idee sulla destinazione ci sono, il progetto di massima anche, ma mancano i finanziamenti e il progetto esecutivo. I servizi, gli uffici pubblici, le piccole aziende che potranno far rivivere la Gavoglio potranno avere un effetto di trascinamento positivo per tutto il quartiere". 

Coronavirus in Liguria: 16 nuovi contagi in Liguria, nessun decesso

Super User 17 Agosto 2020 158 Visite

Il bollettino del coronavirus in Liguria di oggi, lunedì 17 agosto.

Casi totali da inizio emergenza = 10.474 (+16)

di cui 1.345 individuati da screening e 9.129 in pazienti sintomatici

Attualmente positivi = 1.274 (+14)

25 (+3) in ospedale (di cui 3 in terapia intensiva / UTI, +0)

270 in isolamento domiciliare (+7)

Nuovi positivi:

11 Asl2 (7 contatti di casi di cui 6 link grigliata, 2 strutture sociosanitarie, 1 rientro viaggio estero, 1 segnalazione dipartimento di prevenzione)

3 Asl3 (2 contatti di casi, 1 segnalazione dipartimento di prevenzione)

2 Asl5 (contatti di casi)

Guariti non più positivi = 7.630 (+2)

Deceduti = 1.569 (+0)

Tamponi = 212.088 (+824)

Ospedalizzati:

Asl1 = 7

Asl2 = 4

Galliera = 3

San Martino = 4 (3 UTI)

Gaslini = 2

Asl4 = 1

Asl5 = 4

Attualmente positivi per residenza:

IM = 69 (+0)

SV = 207 (+7)

GE = 775 (+0)

SP = 48 (+2)

Fuori regione = 59 (+4)

Altro o in fase di verifica = 117 (+1)

Sorveglianze attive (contatti di positivi) = 945

Asl1 = 55

Asl2 = 323

Asl3 = 321

Asl4 = 80

Asl5 = 166

Bando scuole paritarie, Cavo replica a “Genova Che Osa” e Alice Salvatore

Super User 17 Agosto 2020 421 Visite

"Perché non abbiamo promosso i voucher per i libri di testo? Perché già ogni anno Regione Liguria assegna risorse nazionali pari a 2,6 mln per l'acquisto di libri di testo per scuole medie e superiori (ovvero l'ordine e grado di istruzione di competenza) ma ogni anno quelle risorse avanzano. Le domande (che prevedono peraltro un Isee fino a 50mila euro) non coprono tutte le risorse". Così Ilaria Cavo replica alla proposta di Genova che Osa di investire 2,8mln di euro anziché in voucher per le scuole paritarie in voucher per libri di testo.

"In campagna elettorale si sente di tutto e viene attaccata ogni scelta. Ma la nostra è chiara. Non siamo intervenuti laddove non era necessario e siamo intervenuti su settori realmente scoperti e non tutelati dagli interventi statali, come appunto quello delle scuole paritarie. Per gli acquisti dei libri di testi, invece, i sussidi ci sono e i dati ci dicono ogni anno che avanzano. Allo stesso modo, visto quello che leggo in queste ore, preciso che abbiamo investito 1,5 mln di euro per un piano antidispersione scolastica e 6,2 mln di euro per permettere alle famiglie più in difficoltà l'acquisto di tablet per le lezioni a distanza. Per esaudire il maggior possibile di domande abbiamo anche incrementato la cifra iniziale del bando "tablet" passando da 3,5 mln complessivi e 6,2 mln di euro complessivi. A conti fatti gli alunni della scuola pubblica ligure (sottratti i voucher destinati alle famiglie di formazione professionale e scuole paritarie) avranno un sostegno pari a 4,7 mln di euro di voucher per l'acquisto dei tablet: molto più dei 3 mln stanziati dal competente Ministero dell'istruzione per tablet in comodato d'uso. Questo per ribadire, contro certe insinuazioni, che non abbiamo lasciato indietro e non intendiamo lasciare indietro nessuno, né gli studenti della scuola pubblica, come dimostrano questi numeri, ma neppure quelli della scuola paritaria che senza un voucher eccezionale di supporto per le strutture (come quello da 2,8 mln di euro deliberato per l'inizio di questo anno scolastico) in molti casi non avrebbe potuto garantire un servizio alle famiglie, e quindi la libertà di scelta educativa. Anche se qualcuno stenta ad ammetterlo, il sistema nazionale di istruzione si basa anche sull'offerta della scuola paritaria".

"Quando alle dichiarazioni di Alice Salvatore, solo falsità - continua Cavo - : il governo non ha affatto stanziato un miliardo per le scuole paritarie ma solo 300 milioni che non bastano. Vada a chiederlo alle strutture se sono in grado di aprire dopo la chiusura dovuta al covid e dovendo seguire giustamente le nuove regole sulla sicurezza...Senza un voucher le famiglie vedrebbero impennare le rette o, peggio, non troverebbero più il servizio. Ma lo sa Alice Salvatore che a livello di scuole di infanzia non esiste un servizio sostitutivo? Che se quelle scuole paritarie chiudono e noi non le sosteniamo le famiglie non trovano un posto per i loro piccoli e il sistema collassa? Quanto all'accusa di fare marchette elettorali, è la storia di cinque anni e non degli ultimi giorni a parlare. E anche in questo caso le delibere.

Alice Salvatore mi accusa di aver scelto di stanziare 6 mln di euro come primo atto di giunta, nel 2015, per il sistema delle paritarie: cara Alice, ti suggerisco una facile regola di buonsenso, tu che vuoi insegnarlo agli altri...vai a riprenderti la delibera. È la prima che ho firmato, me la ricordo bene. È stata una corsa contro il tempo perché quei fondi erano statali, deliberati dal governo e destinati alla nostra regione e stavano scadendo. Nessuna scelta "marchettara" della Cavo. Ho solo fatto il mio dovere da amministratore: ho deliberato in modo che quei fondi arrivassero alle scuole alle quali erano destinati, altrimenti sarebbero tornati a Roma, sarebbero stati persi dalla nostra regione, dalle nostre famiglie, dai nostri ragazzi. E ne vado a testa alta".

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip