Skin ADV

Notizie

Regione Liguria, vice presidente Piana: “1,9 milioni di euro per lo sviluppo delle montagne”

Super User 28 Ottobre 2023 393 Visite

“In arrivo 1,9 milioni di euro per lo sviluppo della Liguria montana: il FOSMIT (Fondo per lo sviluppo delle montagne italiane), destinato a sostenere interventi di valorizzazione e sicurezza territoriale, sarà attribuito ai Comuni classificati montani o parzialmente montani con una formula differenziata, che da una parte tiene conto della particolarità delle amministrazioni comunali delle aree interne e delle loro necessità diffuse, ma dall’altra concentra attenzione e risorse laddove sia necessario fare fronte ad interventi più rilevanti. Sarà quindi ripartito a tutti i 184 Comuni aventi diritto, sulla base dei criteri di superficie e popolazione previste dalla legge di settore. Inoltre, tramite uno specifico bando successivo, saranno resi ulteriormente disponibili oltre 937mila euro per analoghi interventi di promozione territoriale, con priorità per quelli contro il dissesto idrogeologico”. Lo annuncia il vice presidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura e allo Sviluppo dell’Entroterra Alessandro Piana.

“Una importante occasione che ha tenuto conto anche delle proposte di ANCI per le aree interne - dice Piana -, a seguito di svariati confronti. L’entroterra necessita di interventi adeguati ed efficaci sotto diversi aspetti, anche derivati dallo scenario climatico in cambiamento: in particolare penso allo stoccaggio delle acque per i diversi usi (potabile, igienico sanitario, di estinzione incendi e per l’irrigazione), alla sistemazione e promozione dei tracciati escursionistici passando per la valorizzazione dei centri storici e al ripristino della percorribilità in sicurezza delle strade”.

Il bando prevederà procedure di partecipazione che tengono conto delle difficoltà operative degli uffici tecnici dei piccoli Comuni, a cui saranno prioritariamente attribuite le risorse del bando. “I Comuni beneficiari dei fondi – conclude il vice presidente Alessandro Piana - sono comunque tenuti a trasmettere agli uffici regionali, al termine degli interventi, una relazione su quanto realizzato con la dotazione assegnata, anche in forma di cofinanziamento con altri fondi eventualmente disponibili per le medesime finalità”. Per vigilare sull’efficacia dell’operazione la Regione potrà effettuare controlli di compatibilità degli interventi realizzati con le finalità del FOSMIT. Tutte le informazioni saranno disponibili sul sito web regionale e su www.agriligurianet.it

Sviluppo economico, in arrivo il bando regionale per le imprese che investono in competenze professionali

Super User 28 Ottobre 2023 401 Visite

"Aprirà il 23 novembre il nuovo bando da 2 milioni di euro di Regione Liguria in favore delle imprese che investono in competenze professionali". A dirlo è l'assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti al termine della giunta, che ne ha approvato la delibera. 

La misura, a valere sull'azione 1.4.1 del PR FESR 2021-2027, si inserisce all'interno della 'Road Map Bandi' presentata dal Dipartimento dello Sviluppo economico a fine settembre al Salone Nautico, con cui l'amministrazione regionale ha programmato per le imprese, fino a giugno 2024, interventi per complessivi 209 milioni di euro.

Il bando prevede il supporto allo sviluppo di progetti per l'acquisizione di servizi ad elevato contenuto di conoscenza a sostegno dei processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale delle imprese, anche con una particolare attenzione all'adozione di modelli di economia circolare.

"È uno strumento sperimentale con cui intendiamo supportare l'esigenza manifestata dalle imprese di accrescere le competenze interne - spiega Benveduti - In particolare, grazie all'agevolazione regionale, concessa tramite un contributo a fondo perduto che può raggiungere fino a 40 mila euro a domanda, le aiuteremo a individuare o sviluppare profili altamente qualificati, nuove professionalità e competenze specialistiche".

Sono ammissibili spese per: la realizzazione di percorsi ad alto profilo tecnologico e di competenza settoriale; l'inserimento di un 'temporary manager' nella struttura organizzativa con un contratto di consulenza (per un periodo non inferiore ai 5 mesi); la consulenza, l'assistenza e il trasferimento tecnologico nei settori previsti; i costi indiretti dell'operazione fino al 7% dei costi diretti ammissibili.

Per essere ammessi ad agevolazione i progetti devono avere un costo minimo non inferiore ai 20 mila euro, realizzati e rendicontati entro 8 mesi dalla data di ricevimento del provvedimento di concessione (comunque non oltre il 31 ottobre 2024).

Le domande di ammissione ad agevolazione devono essere redatte esclusivamente on line, accedendo al sistema "Bandi on line" di Filse, dal 23 novembre al 7 dicembre. La procedura informatica sarà disponibile nella modalità offline a partire dal 16 novembre.

Sanità e università, Toti: “Il governo finanzierà con altri 120 milioni il progetto Erzelli”

Super User 27 Ottobre 2023 414 Visite

“Un importante risultato per la Liguria. Nella prossima manovra economica il Governo finanzierà con altri 120 milioni di euro in sei anni il progetto Erzelli riconoscendo la strategicità e organicità di un progetto complesso ad alto valore aggiunto in cui trovano ospitalità in modo integrato sia la scuola Politecnica universitaria che un Centro di Medicina Computazionale per una sanità di eccellenza a livello nazionale”. Il presidente della Regione Giovanni Toti accoglie con favore l’indicazione che arriva dalla prossima Finanziaria e che fa seguito alle interlocuzioni istituzionali avviate nelle ultime settimane a tale proposito.

“Il progetto Erzelli, che l’anno scorso per la parte medica è stato inserito come progetto Bandiera per il Pnrr – aggiunge Giovanni Toti – vive così un ulteriore momento di rafforzamento. Con questo nuovo riconoscimento la collina del ponente genovese diventerà a tutti gli effetti a livello nazionale un riferimento high tech che coniugherà salute e tecnologie. Si potrà quindi completare la costruzione del nuovo Politecnico e al contempo dare gambe alle strutture sanitarie e alla ricerca traslazionale”.

In merito alla progettualità si evidenzia che nell’agosto scorso è stato approvato un Protocollo d’Intesa con Cassa Depositi e Prestiti che ha come oggetto la cooperazione istituzionale finalizzata alla realizzazione di progetti di edilizia sanitaria: nell’ambito di questa cooperazione, Cassa dei Depositi potrà fornire qualificato supporto tecnico e consulenziale specialistico anche per l’individuazione della modalità più idonea per la realizzazione del Centro di Medicina Computazionale.

Collaborazione Leonardo-Fincantieri, Campomenosi: “Le parole di Cingolani sono un’ottima notizia”

Super User 27 Ottobre 2023 448 Visite

“Le parole dell’AD di Leonardo Roberto Cingolani sulla volontà di definire una più stretta collaborazione con Fincantieri, sono un’ottima notizia, sia per le politiche industriali del Paese sia per la Liguria, dove i due gruppi assieme contano oltre seimila persone di indotto diretto”. Così in una nota Marco Campomenosi, capo delegazione della Lega al Parlamento europeo.

“In un mondo che pone sfide sempre più ampie e complesse - prosegue l’europarlamentare ligure -, e dove il ‘saper fare’ delle nostre imprese strategiche è uno strumento prezioso di politica pubblica da preservare, apprendere che i due grandi gruppi vogliono unire meglio le forze ci rende fiduciosi sul protagonismo della Difesa nel mondo. Nel convegno che ho tenuto alla Spezia sull’industria ligure della difesa, con la senatrice Stefania Pucciarelli e la collega eurodeputata Anna Cinzia Bonfrisco abbiamo ribadito la necessità di fare ancor di più sistema tra le diverse realtà: le recenti dichiarazioni di Cingolani, assieme all’ottimo lavoro che sta facendo l’AD di Fincantieri Pierroberto Folgiero, dimostrano che si tratta di una sensibilità diffusa”.

“Sono certo che i manager di queste aziende, con il supporto convinto del Governo, sapranno tradurla in realtà, concretamente”, conclude Campomenosi.

Consiglio d'Europa, Lauro sul fenomeno Need: “I ragazzi hanno bisogno di aiuto”

Super User 26 Ottobre 2023 656 Visite

La consigliera regionale (Lista Toti) Lilli Lauro, membro effettivo del Consiglio d'Europa come delegato delle Regioni e responsabile delle politiche giovanili, ha svolto ieri un intervento dedicato in particolare alle problematiche giovanili, alla realtà dei "Neet" (i ragazzi che non studiano, non lavorano e non cercano un’occupazione) che rischia di diventare un problema sociale particolarmente grave, e alla sempre più diffusa sindrome di ritiro sociale.

Lauro ha sottolineato la necessità di una risposta delle istituzioni e di un "intervento sistemico" anche al fine di contrastare l'aumento di patologie gravissime che colpiscono adolescenti e preadolescenti.

“I giovani sono il presente e il futuro - ha detto la totiana nel suo intervento al Consiglio d'Europa -. Per permettere ai giovani di essere il motore del cambiamento dobbiamo però essere consapevoli delle sfide che le generazioni più giovani affrontano; sfide che le nostre generazioni non hanno dovuto affrontare. In Italia il problema dei Neet, giovani tra 15 e 29 anni che non studiano e non lavorano, è in constante aumento. Solo nel 2020 la percentuale di Neet tra i giovani era del 25%. Non solo in Italia, questo problema è presente in tutta Europa con una media europea del 12 % di giovani. Questi drammatici risultati ci mostrano come ci sono tanti giovani nelle nostre città che necessitano aiuto e supporto”.

“Se lasciati soli - ha aggiunto Lauro -, questi ragazzi rischieranno di creare disagio nelle comunità, esempi di queste difficoltà sono i numerosi casi di Revenge Porn. Come rappresentanti locali e regionali abbiamo il dovere di affrontare questo problema: è di imperativa importanza salvare questi giovani dal disagio in cui si trovano. Come fare questo? Prima di tutto, implementando percorsi di formazione breve che consentano un accesso facilitato al mondo lavorativo, anche una piccola occupazione lavorativa può salvare giovani dalla strada. Inoltre è importante collaborare con le aziende del territorio per creare occupazioni per i giovani. Riassumendo, i giovani sono il motore del cambiamento ma noi abbiamo il dovere di tutelarli e proteggerli. La situazione di disagio evidenziata dai Need deve essere affrontata con strategie comuni ed europee”.

“Il 7% della popolazione giovanile europea nella fascia di età dai 13 ai 18 anni è soggetta alla sindrome di ritiro sociale Hikikomori. Tra questi ragazzi, il 60% è di sesso femminile ed il 40% maschile. Il fenomeno si cristallizza aumentando le percentuali nella fascia di età tra i 18 ed i 26 anni. Se non si interviene tempestivamente si cronicizza, con il rischio di dover attendere anche più di 10 anni per un possibile reinserimento. Il fenomeno è in crescita e costituisce un rifiuto di una società troppo competitiva. Nel sesso femminile sono frequenti bulimia anoressia e atti autolesionistici; nel sesso maschile tentativi di suicidio con significato simbolico. Il fenomeno è in crescita e nel 2030 potrebbe raggiungere il 15% della popolazione giovanile in fase preadolescenziale ed adolescenziale. È necessario un intervento sistemico”, ha concluso la consigliera regionale.  

Benessere e salute, al Comune di Genova il premio “Urbes Award 2023”

Super User 26 Ottobre 2023 438 Visite

 

Il Comune di Genova si è aggiudicato il premio nazionale Urbes Award 2023 “Città del benessere e della salute” assegnato dalla rivista Urbes Magazine, testata specialistica che si occupa di urbanizzazione, "per l'impegno nell'istituzione della figura dell'health city manager e nell'attuazione di progetti mirati a monitorare i determinanti della salute e a prevenire e combattere le disuguaglianze". A ritirarlo sono stati il vicesindaco Pietro Piciocchi e l'Health City manager del Comune di Genova Luciano Grasso. 

La cerimonia di consegna si è svolta stamattina nella Sala Maestrale della Fiera di Genova in occasione della 40esima Assemblea Nazionale ANCI. Fra i numerosi ospiti dell'evento, l'assessore comunale al Marketing Francesca Corso. Con loro anche Ketty Vaccaro, direttore Area welfare e salute della Fondazione CENSIS e presidente della giuria, con Federico Serra, direttore responsabile di Urbes Magazine, la senatrice Daniela Sbrollini e il senatore Mario Occhiuto. 

«Questo premio dà molta soddisfazione perché attesta la sensibilità che in questi anni la nostra amministrazione sta mettendo sul tema della salute - afferma il vicesindaco Pietro Piciocchi -. Ci siamo dotati di una specifica figura come l’health city manager e progettiamo la città del futuro e la riqualificazione urbana tenendo ben presente aspetti come prevenzione benessere e qualità della vita. Importanti operazioni come il Waterfront di Levante, Piani urbani integrati e la grande riqualificazione di Sampierdarena, i dei Forti e della mobilità sostenibile faranno di Genova una città contraddistinta da un maggior rispetto dell’ambiente con benefici tangibili per tutti».

«La qualità della vita è un aspetto fondamentale affinché una città sia attrattiva a 360 gradi anche dal punto di vista del marketing - aggiunge Francesca Corso, assessore al Marketing territoriale -. Oggi per Genova arriva un riconoscimento importante come quello di Urbes che certifica quanto qui si possa vivere bene e in maniera positiva. Mettere il benessere del cittadino al centro delle nostre scelte è anche essenziale perché contribuisce anche ad attrarre investimenti e sempre più persone desiderose di venire a lavorare, studiare e a trascorrere il proprio tempo nel nostro territorio».

«È un gran piacere ricevere l’Urbes Award 2023, segno tangibile di riconoscimento dell’impegno che l’amministrazione comunale sta dedicando al miglioramento e alla crescita di Genova anche sotto gli aspetti del benessere e della vivibilità - dichiara Lorenza Rosso, assessore alle Politiche sociali del Comune di Genova -. Significa che il percorso intrapreso in questi anni sta producendo effetti importanti e deve essere uno stimolo ad operare con ancora più attenzione verso questi temi di fondamentale importanza per il presente ed il futuro della nostra città superando la dimensione temporale del nostro mandato. Mettere al centro delle azioni politiche la salute e il benessere dei cittadini significa anche cercare di contrastare cattive abitudini ed offrire soluzioni politiche incentrate sulle persone e su tutto ciò che le circonda, dai quartieri dove vivono ai servizi di cui necessitano».

«Il riconoscimento ricevuto oggi dalla nostra Amministrazione per aver istituito la figura dell’health city manager e per aver affrontato in modo ottimale i temi che riguardano il benessere collettivo è motivo di grande soddisfazione. L’impegno riguarda molti aspetti che vanno dal miglioramento degli stili di vita al verde, dall’inclusione sociale alla salute. Genova è una città anziana ma nella quale vivono anche molti giovani e i nostri progetti vanno tutti in questa direzione», conclude l’health city manager del Comune di Genova Luciano Grasso.  

Nel corso della manifestazione sono stati conferiti anche i premi “Urbes Comunità del benessere” al Comune di Castel Gandolfo e “Urbes Sinergie” a CUSI e Fondazione SportCity. L’Urbes Award è promosso da Urbes Magazine in collaborazione con C14+, Health City Institute e Intergruppo Parlamentare "Qualità di vita nelle città".

Assemblea Anci, parte da Genova l’intesa per un nuovo coordinamento nazionale tra i presidenti dei consigli comunali

Super User 26 Ottobre 2023 462 Visite

Si è concluso con l’intesa di avviare un nuovo coordinamento nazionale tra i presidenti dei Consigli comunali italiani, l’incontro voluto dal presidente del Consiglio comunale di Genova Carmelo Cassibba, che ha visto ieri sera riuniti, prima con il presidente di Anci Antonio Decaro, poi nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, i rappresentanti delle maggiori città capoluogo di regione e di provincia. «Sono state gettate le basi per una nuova linea di comunicazione condivisa per la conferenza nazionale di noi presidenti - ha dichiarato Cassibba - quest’intesa si propone di restituire centralità al Consiglio comunale. Miriamo ad una progettualità tesa anche alla formazione politica, civica e culturale dei consiglieri, prestando particolare attenzione anche alla tematica delle pari opportunità».

L’accordo prevede la riattivazione del coordinamento nazionale con la definizione delle nuove linee programmatiche e la nomina di un nuovo direttivo.

«Ho voluto questo incontro - continua Cassibba - perché da circa due anni la conferenza nazionale dei presidenti dei Consigli comunali non ha più un coordinatore stabile. L’Assemblea Nazionale dei Comuni, che si sta svolgendo in questi giorni nella nostra città, mi è sembrata l’occasione perfetta per riunire i miei colleghi ed affrontare tematiche importanti per le nostre comunità. Sono molto felice che il mio invito sia stato colto e fiero che da Genova sia partito questo viaggio, che ci porterà lontano e che ci vedrà lavorare fianco a fianco per gettare le basi di una rete di relazioni che, sono certo, diventerà realtà concreta e ci porterà a realizzare gli obiettivi che ci siamo prefissati. Ci riuniremo già il 29 novembre a Roma per definire un cronoprogramma».

All’incontro erano presenti i presidenti dei Consigli comunali di: Aosta - Luca Tonino, Ascoli Piceno - Alessandro Bono, Bologna - Maria Caterina Manca, Cagliari - Edoardo Tocco, Campobasso - Antonio Guglielmi, Carbonia - Federico Fantinel, Grosseto - Fausto Tubanti, Imperia - Simone Vassallo, La Spezia - Salvatore Piscopo, Milano - Elena Buscemi, Napoli - Vincenza Amato, Ragusa - Fabrizio Ilardo, Rapallo - Mentore Campodonico, Roma - Svetlana Celli, Teramo - Alberto Melarangelo, Torino - Maria Grazia Grippo, Trieste - Francesco Di Paola Panteca. 

Presente anche la presidente del Consiglio comunale di Santo Domingo, Repubblica Dominicana, Liz Mieses.

Parco Portofino, assessore Piana: “Tutelare la biodiversità non è anacronistico”

Super User 26 Ottobre 2023 313 Visite

“Non c’è nulla di anacronistico o di parte nel tutelare la biodiversità e le caratteristiche del promontorio di Portofino, così come nel valorizzare aree omogenee di pregio ambientale e paesaggistico. Semmai è un modo coerente di guardare al futuro. Abbiamo infatti ristabilito un equilibrio, tenendo conto della maggioranza delle volontà espresse dal nostro territorio”. Così il vice presidente della Regione Liguria con delega ai Parchi Alessandro Piana sulle note dell’opposizione per la perimetrazione ufficiale del Parco di Portofino.

“Per il Parco di Portofino dunque - prosegue Piana - la questione non è quella di precludere l’adesione ad altri Comuni, ma di seguire iter partecipativi, così come è stato fatto anche in altri Parchi italiani. L’obiettivo è proprio questo: consentire la scelta in modo opportuno, seguendo un percorso di interlocuzioni e di confronto con gli abitanti e con gli stakeholder, non per decreto. Allo stesso modo abbiamo liberato da vincoli assurdi i Comuni fin da subito contrari alla precedente perimetrazione, sempre nella piena attenzione all’area oggetto di tutela. Per essere precisi, inoltre, abbiamo già aumentato la superficie del Parco, ma in proporzione a quella che è la sua estensione e la sua unica biodiversità, senza estenderla in questa fase a territori che poco hanno a che fare col Promontorio di Portofino”.

“Non accettiamo critiche strumentali e non costruttive che non portano a nulla, ma creano solo confusione”, conclude il vice presidente di Regione Liguria.

Elezioni comunali e regionali, Toti favorevole a togliere il vincolo dei due mandati

Super User 25 Ottobre 2023 672 Visite

“Siamo favorevoli a liberalizzare ogni tipo di mandato. Non si capisce perché, in questo Paese, un ministro possa ricoprire la carica per vent'anni, o un parlamentare magari per 50 anni, e un sindaco di un comune di 20mila abitanti non possa correre per un terzo mandato. Si tratta di qualcosa di incomprensibile, è un’indulgenza a quell’antipolitica che ha devastato questo Paese”.

Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in merito al tema del terzo mandato per i sindaci, emerso durante la seconda giornata di lavori dell'Assemblea nazionale di Anci in corso a Genova.

“I cittadini - aggiunge Toti - hanno tutti gli strumenti per poter scegliere il proprio sindaco, e dovrebbero poterlo fare senza vincoli, sbarramenti e senza nessun tipo di ostacolo come quelli che sono stati creati. Oltre a questo, credo che vada preservata la classe dirigente di questo Paese: trovo ulteriormente assurdo impedire a un sindaco con 10 anni di esperienza di ricandidarsi, e così dover scegliere qualcuno che di malavoglia vada a occupare quel posto, in certi casi in qualche modo forzato dai partiti politici in difficoltà perché non trovano candidati all’altezza”.

Transizione ecologica e intelligenza artificiale, Lauro al Consiglio d'Europa: “Dalle regioni un aiuto decisivo”

Super User 25 Ottobre 2023 503 Visite

Il ruolo decisivo delle regioni nel processo di transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile sul territorio. Sono questi i principali punti all'ordine del giorno della 45^ sessione del Consiglio d'Europa delle Regioni, che si svolge in questi giorni (dal 23 al 26 ottobre) a Strasburgo e al quale partecipa come membro effettivo il consigliere regionale ligure Lilli Lauro.

Quattro giorni di lavoro intenso che spazierà però anche su altri argomenti di stretta attualità, quali la necessità di lavorare insieme per risolvere le enormi sfide che la comunità globale si trova ad affrontare oggi, come l'invasione russa dell'Ucraina, il cambiamento climatico, l'intelligenza artificiale e l'obiettivo do migliorare il nostro mondo sotto stress.

“In particolare l’’intelligenza artificiale sta trasformando il nostro modo di vivere e lavorare e i servizi pubblici su cui facciamo affidamento – sottolinea Lilli Lauro -. Molti sono i vantaggi potenziali che questa trasformazione genera. Basti pensare alla velocità dei processi, a un'accuratezza e a un'efficienza certamente superiori. Ma non bisogna neppure sottovalutare il fatto che esistono una serie di questioni etiche che devono essere affrontate. Non ultimi i risvolti in campo giuridico che i professionisti del settore stanno mettendo in evidenza”.

Proprio dal tema della giustizia arrivano altri spunti per il dibattito in corso al Consiglio d'Europa. “Stiamo affrontando anche il problema dell’efficienza della giustizia e la Convenzione di Budapest sulla criminalità informatica e la Convenzione sulla protezione delle persone rispetto al trattamento di dati a carattere personale – conclude Lilli Lauro -. In generale si sta prendendo coscienza di quanto sia urgente riformare e ristrutturare le organizzazioni internazionali in modo che l'unità globale possa affrontare le questioni emergenti in modo più efficace”.

Copertura segnale telefonico nell’entroterra, Garibaldi (Lega): “Tavolo di lavoro con Regione Liguria e gestori”

Super User 25 Ottobre 2023 410 Visite

“Soprattutto per la sicurezza degli escursionisti e dei turisti, ma anche per ridurre i forti disagi dei residenti e delle imprese del nostro entroterra, è necessario intervenire con i gestori telefonici e attivarsi per garantire un’idonea copertura del segnale telefonico in tutte le zone della Liguria, attualmente sguarnite di ripetitori, ivi comprese le gallerie autostradali”. Lo ha dichiarato il vice capogruppo regionale della Lega Sandro Garibaldi.

“Considerata la disponibilità manifestata da Regione Liguria in risposta a una mia recente interrogazione sulla copertura del segnale telefonico nell’area del Monte Penna in Val d’Aveto, ho quindi presentato un ordine del giorno che impegna la giunta a istituire un nuovo tavolo di lavoro con la partecipazione dell’Assessorato alla Protezione civile, dell’Assessorato alla Montagna, dell’Assessorato alla Digitalizzazione e dei rappresentanti dei gestori di telefonia mobile al fine di individuare, al più presto, un piano di interventi concreti per dotare l’intero entroterra ligure di adeguata copertura del segnale telefonico”, conclude Garibaldi.

Assemblea Anci, l’anagrafe di Genova rilascia la carta di identità elettronica al sottosegretario all’Innovazione

Super User 25 Ottobre 2023 464 Visite

L’assessore ai Servici civici Marta Brusoni ha incontrato quest’oggi il sottosegretario all’Innovazione Alessio Butti. L’incontro si è svolto nello stand dell’Istituto poligrafico e della Zecca di Stato che ospita impiegati degli uffici anagrafici del Comune di Genova dando la possibilità di ottenere la carta di identità elettronica, un servizio del quale ha usufruito anche il sottosegretario Butti.

“È stato un piacere ospitare il sottosegretario Butti - ha detto l’assessore ai Servizi Civici Marta Brusoni - ed è stato un piacere poter condividere con lui l’impegno dei nostri dipendenti che, anche in questa occasione importante, come la 40esima assemblea di Anci, si sono messi in prima linea rendendosi disponibili ai numerosi partecipanti e visitatori. Insieme al sottosegretario Butti abbiamo discusso sull’importanza della digitalizzazione e dell’innovazione per la pubblica amministrazione e per i servizi al cittadino, convinti che seppur siano stati fatti enormi passi avanti, ancora ci sia molto da molto migliorare. E proprio durante eventi importanti come questo, in cui i Comuni e il governo possono interloquire, anche insieme agli stakeholder, che possono emergere idee per rendere il nostro futuro ancora più innovativo”.

Formazione, ripartiti i webinar di Orientamenti, Scajola: “Il modo migliore di prepararsi al festival di novembre”

Super User 25 Ottobre 2023 301 Visite

Ripartono in Liguria i webinar online dedicati a studenti e genitori nell’ambito dell’iniziativa “Progettiamocilfuturo”, in vista del prossimo Festival Orientamenti in programma a Genova dal 15 al 17 novembre ai Magazzini del Cotone.

Oltre tremila ragazzi – tra studenti delle Scuole Superiori, IeFP e Scuole Medie – hanno partecipato ai primi due appuntamenti online in vista del Festival Orientamenti, ragionando insieme agli esperti di Alfa Liguria sull’analisi delle proprie attitudini e riflettendo sulla scelta del percorso di studi. Al centro degli incontri, in particolare, le tendenze del mondo del lavoro, la presentazione del sistema educativo di istruzione e formazione e alcuni metodi efficaci per raccogliere autonomamente le informazioni necessarie alla scelta. Durante i workshop è stata consegnata la “scheda guida” per orientarsi al meglio tra le opportunità offerte dalle scuole, dagli ITS e dall’Università durante il Festival: in questo modo vengono forniti agli studenti tutti gli strumenti necessari per scegliere consapevolmente la strada del proprio futuro, senza compiere scelte impulsive, come seguire gli amici o scegliere solo tra gli istituti vicini a casa. 

“Continuiamo anche quest’anno la programmazione degli incontri online per aiutare i nostri ragazzi e le loro famiglie a orientarsi - spiega l’assessore alla Formazione Marco Scajola -. “Le scuole hanno a disposizione un catalogo con oltre 100 attività tra cui scegliere, progettate e erogate dagli esperti di Alfa Liguria. Quest’anno, per la prima volta, offriamo attività per tutte le classi della scuola primaria, e le numerose adesioni ci confermano come queste iniziative vadano incontro alle esigenze dei giovani studenti. Inoltre, presentando in questo modo ciò che si può trovare al Festival Orientamenti – in programma dal 15 al 17 novembre – le classi e i docenti potranno organizzare vere e proprie visite mirate”. 

All’attività online seguirà, dopo il Festival, quella in presenza con i workshop erogati nelle singole scuole che ne faranno richiesta alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Lo scorso anno sono state oltre 300 classi a ricevere la visita degli esperti di orientamento di Alfa (250 delle medie e 50 delle superiori) con più di 6000 studenti coinvolti in prima persona.

Assemblea nazionale Anci, Toti: “Qui il meglio della Repubblica italiana”

Super User 25 Ottobre 2023 944 Visite

"È davvero un onore ospitare a Genova l'Assemblea nazionale dell'Anci. In questa sala è presente il meglio della Repubblica italiana. C'è il Presidente Mattarella, che rappresenta l'unità del nostro Paese, e ci siete tutti voi sindaci, i portavoce delle mille sfaccettature, peculiarità e talenti anche diversi del nostro territorio. Credo sia questa la vera forza dell'Italia che siete chiamati a rappresentare come amministratori. Stiamo vivendo un momento di sfide complesse, sia sul fronte internazionale, che su quello interno, ma dove ci sono difficoltà ci sono anche opportunità, che verranno discusse in questa sala: i fondi del Pnrr, il sostegno alla domanda interna del Paese, la competitività che deriva dagli investimenti stessi, nonché capacità di rendere più efficiente e attrattiva per i giovani la pubblica amministrazione". Queste le parole del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti durante l'inaugurazione di ieri della 40^ Assemblea nazionale dell'Anci alla Fiera di Genova alla presenza, tra gli altri, del Capo di Stato Sergio Mattarella. 

"Presidente - prosegue Toti rivolgendosi al Presidente Mattarella - l'ultima volta che è entrato in questo padiglione era un momento triste: era l'estate 2018, quella della tragedia del Ponte Morandi. Quel dolore resta, ma credo che anche solo guardando i cantieri presenti in quest'area, sia chiara la strada che da allora ha percorso questa città insieme a tutta la Liguria. Se esiste un modello Genova è la capacità di dialogo che, ora come allora, siamo in grado di mettere in piedi tra governo centrale, governo regionale, amministrazioni del territorio, associazioni di categoria, sindacati e tutti coloro che partecipano al bene comune. Questo è il contributo che Genova e la Liguria potranno dare ai lavori di Anci nei prossimi giorni. Benvenuti!".

Il Presidente Sergio Mattarella

Regione Liguria, l’assessore Benveduti si dimette per andare in Ansaldo Energia

Super User 24 Ottobre 2023 894 Visite

L’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti si è dimesso per assumere un importante incarico in Ansaldo Energia. 

"Sono onorato e orgoglioso che Ansaldo Energia mi abbia offerto la possibilità di mettere le mie capacità manageriali al servizio di questa storica e importantissima azienda del nostro territorio, impegnata in una decisiva azione di rilancio e ristrutturazione. Accolgo, quindi, con entusiasmo l’opportunità di poter dare il mio contributo a questa azienda strategica per il Paese e che riveste e rivestirà sempre più un ruolo di leader nella filiera industriale energetica nazionale. Prendendo atto dell’oggettiva impossibilità di ottemperare fattivamente alle responsabilità di entrambi gli incarichi, sarà mia cura restituire al presidente Giovanni Toti le deleghe che a suo tempo ha voluto concedermi, cercando di minimizzare l’impatto che ciò possa avere sulla continuità ed efficacia della nostra Amministrazione. Ringrazio anticipatamente coloro che mi hanno offerto la possibilità di fare un’esperienza rara nella vita di un uomo, così come i molti che hanno collaborato a costruire un positivo percorso di più di cinque anni, sempre nell’interesse della nostra terra, delle nostre Comunità. A tutti, sinceramente, con gratitudine".

Il ringraziamento del presidente di Regione Liguria

“Voglio ringraziare Andrea Benveduti per il grande lavoro svolto dal 2018 a oggi alla guida di un assessorato così importante per la Liguria come quello dello Sviluppo economico. In questi anni ha affrontato con impegno, capacità e concretezza i diversi tavoli che riguardano il futuro delle imprese del nostro territorio, a partire da quello relativo all’area di crisi complessa del savonese, e ha varato una serie di provvedimenti di grande efficacia per l’internazionalizzazione, la digitalizzazione, la valorizzazione dell’entroterra e gli investimenti in campo energetico, soprattutto sul fronte delle rinnovabili. Anche grazie a queste iniziative, la nostra regione è stata protagonista in questi anni di una crescita economica importante. A lui vanno i migliori auguri per il prosieguo della sua carriera professionale. Un grande in bocca al lupo per la nuova esperienza professionale che siamo sicuri saprà declinare nell'interesse della nostra regione e del Paese”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti dopo le dimissioni dell’assessore allo Sviluppo economico Andrea Benveduti.

“Ciak si gira, la differenziata va in scena”, il tour teatrale di Amiu sull’educazione ambientale

Super User 24 Ottobre 2023 640 Visite

Ripartiamo con un nuovo anno scolastico. Dopo il successo dello scorso anno anche in questa stagione abbiamo organizzato per le scuole elementari lo spettacolo “Ciak si gira, la differenziata va in scena”.

L'evento teatrale musicale promuove azioni concrete per un futuro sostenibile agli alunni e alle alunne a Genova e nel Genovesato. Un'esperienza teatrale che educa, intrattiene e diffonde il messaggio dell'importanza della tutela ambientale e che mira ad ispirare, istruire e coinvolgere gli studenti in modo innovativo e divertente.

Grazie alla direzione artistica di Franco Nativo, con Musa Riusa e i musicisti di RitmiCiclando, si trasmette il messaggio che ciascun individuo ha un ruolo cruciale nella protezione dell'ambiente e che la raccolta differenziata è un passo fondamentale nella riduzione degli sprechi e la dispersione di risorse.

Questi spettacoli legati ai temi ambientali come questo, possono svolgere un ruolo significativo nell'istruzione, nell’educazione civica e nella sensibilizzazione delle nuove generazioni.

 

Questi i nostri appuntamenti:

ARENZANO - Giovedì 26 ottobre, ore 10/11.30, presso la sala Opere Parrocchiali di via Sauli Pallavicino 33

ROSSIGLIONE – Giovedì 7 dicembre, ore 10/11.30, presso cinema comunale via Roma

VAL TREBBIA – data da definire nel mese di marzo 2024 Torriglia 

VALLE SCRIVIA – due date (ad aprile e maggio) Ronco Scrivia e Busalla

ALTA VALPOLCEVERA – le scuole di questi Comuni partecipano agli spettacoli “genovesi” al teatro Govi (programmati per 15 novembre 2023, 17 gennaio, 21 febbraio e 17 aprile 2024).

 

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Piano del mare, Botta (Spediporto): “Importante passo avanti su ZLS e semplificazioni burocratiche”

Super User 24 Ottobre 2023 477 Visite

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Delibera di approvazione del Piano del Mare 2023-2025, redatto dal Comitato Interministeriale per le Politiche del Mare presso la Presidenza del Consiglio.

Un documento che sottolinea diversi aspetti sui quali Spediporto, in questi mesi, ha condotto importanti battaglie e che ora trovano, anche in un atto ufficiale, piena espressione d’intenti.

“Un passo avanti che speriamo sia decisivo – sottolinea Giampaolo Botta, Direttore Generale di Spediporto – soprattutto per quanto riguarda ZLS (Zone Logistiche Semplificate) e digitalizzazione. Ci auguriamo che questo documento rappresenti una forte spinta per accelerare la messa a terra dei progetti già delineati”.

Nel dettaglio il Piano sottolinea l’importanza di un “fattivo impulso alle ZES ed alle ZLS allo scopo - si legge - di recuperare quanto prima lo svantaggio maturato nei confronti delle altre Nazioni europee che hanno attivato analoghi regimi”. “Finalmente - osserva Botta - viene riconosciuta l’importanza della realizzazione delle ZLS; non è un passo banale, fino a poco tempo fa sembrava un miraggio lontano ma ora si è compreso cosa possano rappresentare in termini di competitività, per far sì che l’Italia non diventi fanalino di coda nel contesto internazionale”.

Il documento ricorda anche la necessità, in particolare per le nuove concessioni nelle aree operative, di “adeguarsi continuamente alla transizione energetica, alla sicurezza informatica ed alla tutela dell’ambiente, in particolare nella gestione dei rifiuti dei porti”.

Altro capitolo essenziale è quello legato alla digitalizzazione; in questo senso il Piano del Mare sottolinea come l’attuale gestione cartacea dei documenti di trasporto sia obsoleta così come spesso lo siano i servizi digitali utilizzati.

Si parla esplicitamente, inoltre, di una “semplificazione delle procedure doganali” con un “coinvolgimento diretto delle Autorità di Sistema Portuale affinché, progressivamente, si dotino di un apposito sistema informativo, il cosiddetto “Port Community System”, che – oltre ad avvantaggiare dal punto di vista operativo l’intera catena della logistica portuale – agevoli il dialogo tra le amministrazioni coinvolte e gli operatori del settore”.

“Citare una maggiore semplificazione amministrativa – sottolinea il Direttore Generale di Spediporto – ricalca quanto andiamo dicendo da tempo nella nostra lotta contro la burocrazia. Semplificare non vuol dire ‘eludere’ ma rendere il lavoro meno complicato e fornire alle aziende italiane uno strumento vincente per primeggiare nello scenario economico internazionale”.

Malati oncologici, Piana: “Asl 3 istituisce bando per il centro per le cure integrate del Gallino”

Super User 24 Ottobre 2023 388 Visite

“Con una interrogazione in Consiglio regionale ho chiesto notizie circa il funzionamento dell’ambulatorio di medicina integrata dell'Ospedale Gallino di Pontedecimo che si era interrotto lo scorso agosto”. Lo dice in una nota Alessio Piana, consigliere regionale della Lega.

“Sono felice - prosegue Piana - di aver avuto conferma dall’assessore Gratarola, che la Asl 3, dopo la rinuncia dell’associazione Lanza, ha deciso di interiorizzare il servizio che prevede trattamenti convenzionali e terapie alternative come agopuntura, risonanza, massaggi shiatsu, yoga e incontri con lo psicologo”.

“Già da questo mese di ottobre sono riprese le prestazioni con professionisti già presenti in Asl 3, mentre per le prestazioni non ancora presenti, come shatsu e yoga, è stato pubblicato un bando di gara per acquisire le figure professionali necessarie a completare l’offerta”, conclude il consigliere regionale della Lega.

Maltempo, allagamenti nel Tigullio ma nessuna particolare criticità

Super User 24 Ottobre 2023 388 Visite

“Abbiamo superato questa prima fase di maltempo che si è abbattuto nella notte sulla Liguria senza particolari danni ma registrando una quantità di pioggia molto elevata che ha portato ad allagamenti soprattutto tra Recco, Rapallo e Chiavari. In questa fase è necessario rimanere vigili sul fronte meteo in alcune zone anche fino alla serata di oggi, visto che è attualmente in vigore l’allerta arancione e gialla. Il primo ringraziamento va alla Protezione civile, ai Vigili del Fuoco che nella notte hanno lavorato per monitorare la situazione, pronti ad intervenire in caso di necessità soprattutto nella zona del Tigullio”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone dopo l’ondata di maltempo che ha investito la nostra regione.

“In questo momento - aggiunge l’assessore Giampedrone - il fronte principale si trova sul Ponente, mentre si è chiusa l’allerta arancione sulla zona del genovesato, che permane invece nel centro levante della regione, con nuove valutazioni in corso da parte dei previsori per un’indicazione puntuale del proseguo della giornata”.

Nella notte, a Camogli sono caduti 108 mm di pioggia in un’ora con cumulate nell’evento di circa 150 mm; a Cabanne 122 in un’ora con una cumulata totale nell’evento di 122 mm, e a Croce Orero 73 mm in un’ora. A Levante si registra un forte vento di burrasca con raffiche fino a 97 km/h a Fontana Fresca (sori) a 109 Km/h a Casoni di Suvero con temperature che si assestano intorno ai 20 gradi sulla costa. A Levanto questa mattina si sono registrati 23 gradi.

Rigassificatore, la struttura commissariale incontra i sindacati regionali

Super User 24 Ottobre 2023 333 Visite

I segretari regionali e savonesi dei sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil hanno preso parte ieri al tavolo di confronto sul riposizionamento della nave rigassificatrice Golar Tundra al largo della costa di Vado Ligure e al relativo collegamento con la rete nazionale del gas naturale. Proseguono quindi in sede regionale le riunioni organizzate dalla struttura commissariale per portare avanti il dialogo tra tecnici Snam Fsru, RINA, rappresentanti territoriali e parti datoriali.

I sindacati hanno parlato della necessità di attenzionare la provincia di Savona con investimenti a favore dell'energia rinnovabile e di attività di reindustrializzazione dei siti dell'Area di Crisi Industriale Complessa, ma anche di compatibilità con la cornice portuale e portata occupazionale. Su quest'ultimo tema i tecnici hanno fornito un quadro sull'operatività offshore e onshore dell'infrastruttura, nonché il coinvolgimento di aziende del territorio.

"Un'opera in divenire, che tiene certamente conto della complessità morfologica del territorio, delle sue esigenze industriali e produttive, e la cui fase attuale è propedeutica alla stesura di un progetto il più completo possibile. Il decreto legge 57 del 2023 ha inoltre introdotto l'obbligo della Via nazionale (Valutazione impatto ambientale) il cui esito permetterà, unitamente alle ulteriori verifiche in capo al ministero dell'Ambiente e alla valutazione di sicurezza del Ctr di cui fa parte anche Regione Liguria, di ottenere le necessarie e indispensabili autorizzazioni per procedere con l'iter progettuale. I procedimenti di Via e Vis nazionali, applicati nel caso ligure e non in quelli toscani o emiliani, sono il più alto livello di tutela messo in campo in un contesto come quello del rigassificatore. Come più volte ribadito, sarà solo al termine del percorso autorizzativo di 200 giorni, che si decreterà la piena conformità del progetto anche in relazione al territorio". Queste le parole del coordinatore della struttura commissariale Nicola Giancarlo Poggi, direttore generale della Direzione centrale Organizzazione e del Dipartimento Ambiente e Protezione civile della Regione Liguria.

La riunione si è conclusa con la richiesta, accolta, di condividere nuovi momenti di confronto per seguire l'evoluzione del progetto.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Levante

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip