Skin ADV

Notizie

Entroterra, Benveduti replica al PD: “Regione finanzierà tutte le nuove aree interne con la prossima programmazione”

Super User 13 Agosto 2022 211 Visite

"Che sia per la consueta scarsa conoscenza dei temi o per il tradizionale travisamento della realtà, poco importa. Dal PD le solite frottole. Non è vero che verranno finanziate solo due delle quattro aree interne individuate, in quanto, conseguentemente all'approvazione del Comitato Tecnico Aree Interne (CTAI), Regione Liguria potrà investire risorse comunitarie (Fesr, Fse, Feasr e Feamp) della programmazione 2021-2027 su tutte e quattro le nuove aree interne (Imperiese, Val Bormida, Val Fontanabuona, Valle Scrivia), nessuna esclusa - sottolinea l'assessore regionale allo Sviluppo economico - Ritenendo doveroso non lasciare indietro nessun territorio, abbiamo, contrariamente all'ipotesi del Pd di restringere il campo alle sole due aree finanziabili a livello nazionale, ritenuto necessario allargare a tutte le aree meritevoli del riconoscimento di area interna la possibilità di accedere quantomeno inizialmente alle risorse regionali, in attesa che un nuovo governo ponga la dovuta attenzione e le giuste risorse sul tema. Nel frattempo, Regione Liguria si sta impegnando con forza affinché anche le terze candidate possano essere presto inserite nel novero delle aree finanziabili dal contributo statale". 

"È errata anche la ricostruzione che il gruppo consiliare del Partito Democratico fa per quanto riguarda l'area della Val Bormida - puntualizza l'assessore - Per non privare l'intera area del pacchetto di contributi previsti, Regione Liguria ha candidato all'interno dell'area interna ipotizzata gli 11 comuni che, con contiguità territoriale, presentano una popolazione inferiore a 3 mila abitanti. Il Comitato Tecnico Aree Interne (CTAI), al fine di garantire una maggiore compattezza territoriale dell'area, ha dato l’opportunità a Regione Liguria di re-inserire il comune di Millesimo, quasi interamente inglobato nella perimetrazione". 

"Questi sono i fatti. Criticare l'efficacia del lavoro svolto da Regione Liguria, che ha incrementato a otto le aree meritevoli del riconoscimento di area interna, garantendo risorse proprie a sostegno della promozione di progetti di sviluppo di tutte e quante le aree, pare piuttosto inopportuno. Ma siamo abituati allo stile del Pd. Noi preferiamo guardare al lavoro e ci faremo promotori delle istanze del comune di Cengio, le cui caratteristiche socio-economiche e territoriali non differiscono sostanzialmente da quelle del comune di Millesimo, per sottoporre la valutazione della sua inclusione nella nuova area della Val Bormida appena definita dal Comitato Tecnico Aree Interne (CTAI)".

Infrastrutture, i grillini liguri: “La Lega riparte con la fiera delle frottole. L’obiettivo? Le poltrone più ambite”

Super User 13 Agosto 2022 293 Visite

“Che Rixi e la Lega puntassero e puntino al Ministero delle Infrastrutture è noto. E pur di arrivarci, oltre a raccontare bugie colossali, hanno brigato e tramato la qualunque, soprattutto tra un mojito e l’altro. Ora, con le elezioni alle porte, ci risiamo e si inventano altre frottole in perfetto stile Carroccio. Ma ci siamo abituati e ormai le loro narrazioni più che farci sorridere…”.

Lo dichiara il MoVimento 5 Stelle ligure, che poi aggiunge: “A ogni buon conto, è bene ricordare ai cittadini come siano realmente andate le cose. Ci siamo sentiti dire in tutte le salse, ad esempio, a partire dallo stesso sindaco Bucci, che a Rixi andrebbe riconosciuto il merito del decreto Genova. Peccato però che egli, nel 2018 e poi anche nel 2019, non fosse Ministro delle Infrastrutture dal momento che il titolare era il M5S con Danilo Toninelli. Altro dato incontrovertibile: in Liguria, nel 2019, è stato totalizzato un +109% di gare in opere pubbliche, in cantieri. Chi era il Ministro allora? Toninelli e nessuno della Lega, visto che il buon Rixi era indagato e si era dovuto dimettere, risultando dunque ininfluente”.

“Io ero in Parlamento allora come negli anni successivi e ricordo perfettamente il grande sforzo prodotto dal Movimento 5 Stelle per dare vita a quel decreto e al Modello Genova. Invitiamo ancora una volta a evitare affermazioni del genere, che sappiamo essere dietro l’angolo ora che le elezioni si avvicinano: fare campagna mistificatoria su un tema così doloroso per la città è quantomeno inelegante, soprattutto a pochi giorni da quel terribile anniversario”, ricorda il portavoce ed ex sottosegretario al Mit Roberto Traversi.

“Che la destra ligure non abbia argomenti credibili sulle infrastrutture del Paese e della Liguria lo dimostra anche il vuoto assoluto della replica di oggi dei totiani a un nostro comunicato: ci accusano di fare gli struzzi proprio loro che la testa sotto la sabbia la nascondono da sempre, sapendo anche di mentire. E dunque ribadiamo ancora una volta: basta frottole, speculazioni e falsità sul Ponte e soprattutto sulle infrastrutture del paese, che il M5S ha sbloccato eccome e per averne contezza basta contare i cantieri”, dichiarano i pentastellati regionali.

“Solo per citare alcune delle infrastrutture sbloccate tra Conte 1 e Conte 2 in quel della Liguria, rammentiamo a Rixi & C.: nodo ferroviario, ribaltamento di Fincantieri, decreto Porti, elettrificazione delle banchine. Iniziata anche, in quel periodo, la manutenzione delle infrastrutture liguri e non solo”, conclude Traversi.

Elezioni, Toti: “Votare Noi Moderati per non avere risposte semplici a problemi difficili”

Super User 13 Agosto 2022 337 Visite

“Come avete visto abbiamo presentato una lista, ‘Noi Moderati’ che non significa essere molli, poco convinti delle nostre idee, anzi il contrario, siamo molto determinati. Siamo una forza che si assume la responsabilità di decidere, prende scelte e linee pragmatiche e che al centro mette la cultura di governo, capacità di realizzazione e non promesse vane che in ogni campagna elettorale ognuno fa ma che poi non si realizzano mai. Nella nostra lista, a differenza delle altre, c’è la capacità di fare, già dimostrata dove amministriamo. La nostra è una lista fatta soprattutto di amministratori, che non ha bisogno di promettere perché le cose le ha già fatte sul territorio”. Lo dice il presidente di Italia al Centro, Giovanni Toti, nel PunToti, la sua rubrica sui social

“Possiamo citare il ponte Morandi- continua Toti- perché ha colpito nel profondo le nostre coscienze e tra due giorni ricorderemo come ogni anno le vittime di quella terribile tragedia. Ma non è l’unica cosa fatta. Ricordiamoci le disavventure che abbiamo affrontato, dal crollo della strada per Portofino alle mareggiate: oltre 300 milioni di euro investiti per la difesa delle nostre coste”.

Il leader ricorda poi “L’emergenza del Covid, che ha visto la regione Liguria mettere in campo una delle campagne vaccinali più efficienti del territorio italiano. E poi l’ambiente, con la depurazione delle acque che quando siamo arrivati era all’anno zero, passando per il ciclo dei rifiuti in una regione che non segue fantasie ma prende delle decisioni: pochi giorni fa abbiamo votato in consiglio regionale anche la realizzazione di un termovalorizzatore che serve a dare energia a basso costo alle nostre imprese e mettere al sicuro un dei territori ambientalmente più belli d’Italia”.

Per quanto riguarda il turismo, il presidente Toti spiega: “Stiamo scalando le classifiche anche grazie alle nostre campagne di marketing territoriale, all’integrazione tra l’ospitalità, la ristorazione, l’agroalimentare nell’entroterra così come nella nostra costa. L’Italia ha un potenziale gigantesco, ha una vera industria in cui primeggia nel mondo, è una superpotenza turistica e la dobbiamo sfruttare perché questo vuol dire centinaia di migliaia di posti di lavoro che possiamo creare e noi lo stiamo facendo quotidianamente, anche grazie alla formazione professionale mirata alle esigenze delle imprese. Votare ‘Noi Moderati’ non vuol dire votare una lista così, tanto per, vuol dire votare una lista di persone che non danno risposte semplici a situazioni complesse perché vorrebbe dire mentire agli elettori e ai cittadini. Ci vogliono meno slogan, meno propaganda, più serietà e lavoro”.

Quarta ricorrenza del crollo del Morandi, il programma delle commemorazioni delle 43 vittime

Super User 12 Agosto 2022 482 Visite

Nella quarta ricorrenza del crollo del ponte Morandi e nel ricordo delle 43 vittime che il 14 agosto 2018 persero la vita, il Comune di Genova, insieme al Comitato Parenti vittime del Ponte Morandi, promuove una serie di momenti commemorativi e di appuntamenti aperti alla stampa. 

Sabato 13 agosto, alle 21, alla Radura della Memoria (via Fillak sotto viadotto Genova San Giorgio) il concerto dell’Accademia del Chiostro: l’ensemble di archi e soprano Stefania Pietropaolo eseguiranno brani tratti dal repertorio vocale e strumentale classico, prevalentemente sacro, per commemorare le vittime. A seguire, GAST-Gruppo Arquatese Astrofili posizionerà i propri telescopi per l'osservazione di Saturno e, dopo le 22,30, della luna e del pianeta Giove. Verranno proiettate immagini sui piloni del nuovo ponte. In caso di brutto tempo la proiezione non si svolgerà.

Domenica 14 agosto, alle 8.30, nella Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo della Certosa, sarà celebrata la Santa Messa officiata dall’arcivescovo di Genova monsignor Marco Tasca.
Alle 10.20, alla Radura della Memoria ci sarà l’arrivo dei partecipanti alla camminata in ricordo delle vittime organizzata dall'Associazione "Noi per Voi Valle Stura Masone" con i sindaci della vallata. Saranno presenti 43 bambini che porteranno un pensiero ai parenti delle vittime. 
Alle 10.30, alla Radura della Memoria si svolgerà la Cerimonia in ricordo delle vittime del crollo del ponte Morandi. Verrà deposta la corona della Presidenza del Consiglio dei Ministri da parte del ministro alle Infrastrutture e mobilità sostenibili Enrico Giovannini. Seguiranno gli interventi dell’imam Salah Hussein, dell’arcivescovo di Genova mons. Marco Tasca, del sindaco di Genova Marco Bucci, del presidente Regione Liguria Giovanni Toti, del ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili con delega presidente del Consiglio dei ministri Enrico Giovannini, del rappresentante dei parenti delle vittime Egle Possetti.
Alle 11.36 verrà osservato un minuto di silenzio e in contemporanea verranno suonate le sirene delle navi in porto e le campane di tutta la Diocesi.

A chiudere la cerimonia, l’intervento musicale con la composizione del Maestro Nevio Zanardi.

La cerimonia sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook ufficiale del Comune di Genova-Genova Municipality.

Fondi disabilità, il ministro Stefani a Genova: “Alla Liguria 12 milioni di euro”

Super User 12 Agosto 2022 278 Visite

Il ministro per le Disabilità, la leghista Erika Stefani, questa mattina è tornata a Genova, primo capoluogo di regione in Italia ad aver aderito al programma della Carta Europea della disabilità.

Stefani ha ricordato l’impegno del suo ministero a favore della disabilità in Liguria: il governo ha stanziato 12 milioni per i comuni liguri.

All’incontro sono intervenuti anche il sindaco Marco Bucci, il deputato Edoardo Rixi e l’europarlamentare Marco Campomenosi.

A Bassetti, Calcagno e Venturino il premio ‘Eccellenze Cellesi’

Super User 12 Agosto 2022 334 Visite

Il virologo Matteo Bassetti, direttore della Clinica delle malattie infettive del San Martino, Paolo Calcagno, considerato l’imprenditore ligure più importante nella coltivazione del basilico, e Marco Venturino, gelatiere mondiale dell’anno, riceveranno il premio ‘Eccellenze Cellesi’.

Gli attestati sono intitolati a Francesco Monzino, nato a Celle Ligure, capostipite di una dinastia imprenditoriale che fondò la Standa, la storica catena di grandi magazzini. Ma quella dei Monzino è anche una famiglia di benefattori poiché, negli anni ’80, ha fondato l’omonimo istituto cardiologico di Milano, considerato il primo centro specializzato in Europa e annoverato tra i venti più efficienti del mondo.

L’evento si terrà venerdì 12 agosto alle ore 18:30, nella suggestiva cornice del giardino con piscina dell’Hotel San Michele (via Trieste).

Ad accogliere gli ospiti il professor Ivan Drogo Inglese, che insegna ai corsi di valorizzazione del patrimonio in alcuni atenei italiani e frequentatore del borgo ligure e Didda Falco Tortarolo proprietaria dell’Hotel San Michele.

Più lifting per tutti, ma che ne sarà della nostra mente?

Super User 12 Agosto 2022 765 Visite

Il grande Oscar Wilde amava dire: “Invecchiare non è certo una gran bella cosa, ma è l’unico mezzo per vivere a lungo!”.

E allora che fare? L’alternativa vincente è non solo vivere a lungo, come la scienza odierna sembra poterci consentire, ma vivere a lungo mantenendo una qualità della vita adeguata.

Molto si è puntato negli ultimi anni a migliorare l’aspetto fisico, per fare apparire il nostro corpo più giovane e il nostro viso più fresco rispetto all’età anagrafica, ma se con l’aiuto di medicina e chirurgia l’età da raggiungere sembra poter tranquillamente superare la boa dei cento anni, che ne sarà della nostra mente?

Gira da alcuni anni in America una divertente storiella che narra di una coppia di ex amanti, non più giovanissima, che si incontra. Lui palestrato, con folta chioma trapiantata e Viagra in tasca, e lei con seni rifatti, lifting ovunque e Botox regolamentare. I due si salutano, si guardano negli occhi, poi lui accenna ad un approccio ma finisce per dire : “non mi ricordo più cosa devo fare!”. Saremo ridotti così?

No, se sapremo tenere allenata la nostra mente al passo con il corpo, operazione che richiede altrettanta attenzione e cura di quella che troppi dedicano solo alle rughe o ai muscoli addominali.

E’ nata infatti una nuova disciplina denominata Neurobica, che è sinonimo di Aerobica per i Neuroni! Si tratta di una forma molto speciale di ginnastica rivolta a mantenere viva l’elasticità questa volta non di qualche gruppo muscolare ma del nostro cervello, cosa assai più importante se vogliamo cercare di vivere non solo più a lungo ma farlo mantenendo la capacità di partecipare attivamente alla vita sia personale, che sociale.

Che cosa è la Neurobica? Consiste in tutta una serie di accorgimenti, anche divertenti, che possono essere esemplificati così: è necessario modificare le proprie abitudini spesso, ad esempio cambiare il percorso per ritornare a casa, guidare macchine diverse, non guardare subito l’agenda per cercare i numeri di telefono ma cercare prima di ricordarli, provare a scrivere o a mangiare con la mano sinistra e così via. Non suggerisco di cambiare spesso il partner per non fomentare liti in famiglia, intanto questo fatto si verifica spontaneamente in natura!

E’ interessante anche affrontare il tema della paura di invecchiare e della paura in genere, infatti, la paura è soltanto una parente stretta della prudenza che è considerata da tutti una virtù ! E’ necessario quindi saper invecchiare non con paura ma con prudenza, adattando i propri tempi ed i propri movimenti ai cambiamenti del nostro corpo. Un doloretto in più al collo o alla schiena, una difficoltà al mattino alla messa in moto devono essere visti non come una patologia ma come segnali di quei piccoli deficit sensoriali che si accompagnano, fisiologicamente all’età ! Non sono quindi segnali di malattia e non si combattono certo solo con i farmaci ma con quattro strumenti che è possibile incentivare senza spese o effetti collaterali: la conoscenza, l’esercizio fisico e mentale, la pazienza ed il buon umore.

Molto interessante inoltre è l’analisi del fenomeno dell’invecchiamento nelle varie culture. La popolazione anziana del pianeta sta infatti rapidamente aumentando: la popolazione mondiale sopra i 60 anni, che era negli anni ’90 di 500 milioni di persone, raggiungerà la cifra di 1,2 miliardi nel 2035! Gli antropologi si stanno preparando all’evento, e stanno coniando nuovi termini: l’invecchiamento biologico viene contrapposto infatti all’invecchiamento sociale ed all’invecchiamento psicologico, ed atteggiamenti considerati inappropriati per persone anziane, quali avere relazioni sessuali o indossare abiti molto colorati, non lo sono più.

Isabella Susy De Martini
Docente di psicologia medica
Ex europarlamentare      

 

‘Noi moderati’: è nata l’alleanza tra Toti, Lupi, Cesa e Brugnaro. “Una forza tranquilla ma determinata”

Super User 11 Agosto 2022 470 Visite

Oggi alla Camera dei Deputati, Italia al Centro, Noi con l'Italia, Udc e Coraggio Italia hanno presentato l’alleanza con la quale si presenteranno uniti alle elezioni di settembre. A giudicare dal primo sondaggio che accredita a ‘Noi moderati’ il 3,5%, l’idea dei quattro leader, Giovanni Toti, Maurizio Lupi, Lorenzo Cesa e Luigi Brugnaro, di creare una nuova realtà moderata all’interno del centrodestra sembra piacere agli italiani.

“Una forza tranquilla. Tranquilla ma determinata!", dice Giovanni Toti utilizzando lo slogan di J. F. Mitterand.

Famiglia, scuola e istruzione, infrastrutture sono i temi su cui i moderati hanno voluto porre l'accento nell'agenda di governo del centrodestra. “Ma c'è un'altra profonda differenza tra noi e gli altri – ha messo in evidenza Toti -. Noi non promettiamo l'abolizione della povertà, di portare l'uomo su Saturno domani o di sconfiggere tutte le malattie e la cattiveria. Quello che noi promettiamo sono solo cose che abbiamo già fatto nel concreto dove amministriamo”.

E lo skyline di Milano, ‘disegnato’ da Lupi assessore all'urbanistica, al Ponte San Giorgio, esempio di eccellenza ed efficienza genovese nel mondo, sono gli esempi che risuonano nella sala stampa della Camera per segnare il modello dei “Moderati”, il cui concetto campeggia ben evidente nel simbolo che gli italiani troveranno sulle schede.

Giovanni Toti, Maurizio Lupi, Lorenzo Cesa e Luigi Brugnaro (in collegamento video)

Incendi in Liguria, la Lega propone una taglia di 3 mila euro sui piromani

Super User 11 Agosto 2022 243 Visite

"Ogni estate gli incendi devastano la Liguria e buona parte della macchia mediterranea della nostra nazione. La matrice dolosa accomuna la stragrande maggioranza di questi eventi che possiamo catalogare come catastrofi ambientali. Per questo motivo la Lega ha depositato una proposta di legge in Consiglio regionale per alzare il tetto delle sanzioni fino a 10mila euro per chi appicca dolosamente gli incendi e istituire un premio in denaro di 3mila euro a chi fornisce informazioni utili a identificare i piromani. Una vera e propria taglia perché di criminali si tratta, delinquenti senza scrupolo che mettono a repentaglio vite umane e animali, l’ambiente e il futuro del nostro territorio. Gli introiti delle sanzioni saranno destinati per il 50% al ripristino, al recupero e al miglioramento dei territori incendiati e per l’altra parte a potenziare il sistema regionale dell'antincendio boschivo. La tempestività nell’avvistare gli incendi è fondamentale. Per questo contiamo sulla collaborazione fattiva di tutti i cittadini con un ulteriore deterrente per fermare i piromani”, ha dichiarato il capogruppo della Lega in consiglio regionale Stefano Mai.

“Nei sopralluoghi odierni, con il sottosegretario di Stato al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Gian Marco Centinaio, il capogruppo della Lega Stefano Mai e le associazioni di categoria, abbiamo visitato alcune aziende agricole devastate dai roghi, con diversi focolai ancora in stato di pericolosità. I nostri produttori si sono messi a repentaglio per difendere invano terreni e attrezzature. L’alacre lavoro dei Vigili del Fuoco, dei Volontari antincendio e delle Istituzioni ha dato sollievo fin da subito, ma la situazione è critica. Come Regione, in vista dell’estate e del periodo di maggiore rischio, abbiamo già aperto sino al 31 gennaio 2023 la misura 8 del Programma di Sviluppo Rurale di 14,7 milioni di euro, in particolare con la sottomisura 08.03 sulla prevenzione dei danni cagionati alle foreste da incendi boschivi, calamità naturali ed eventi catastrofici  (dotazione di oltre 5 milioni di euro) e con la sottomisura 08.04 per il ripristino delle foreste danneggiate da incendi boschivi, calamità naturali ed eventi catastrofici con una dotazione di 1,9 milioni di euro. Siamo inoltre valutando di chiedere lo stato di emergenza” dice il Vice Presidente della Regione Liguria con delega all'Agricoltura Alessandro Piana.

“Grazie alle associazioni di categoria che ci hanno accompagnato oggi. Vedere e sentire questo odore continuo di bruciato è un colpo al cuore, e diventa una situazione che vuoi risolvere il più presto possibile. Sono immagini che restano impresse nella testa e nel cuore. Cercheremo di fare un’analisi dei danni e attivare tutti gli strumenti a disposizione per poter ripristinare tutto al più presto”, ha infine dichiarato Gianmarco Centinaio, sottosegretario alle politiche agricole e forestali.

Dighe di Begato, presentato il progetto definitivo di riqualificazione

Super User 11 Agosto 2022 633 Visite

Arte Genova ha ricevuto dallo studio Burlando il progetto definitivo della riqualificazione del quartiere Diamante di Genova: Restart Begato. Nei prossimi giorni verrà avviata la procedura di Conferenza dei Servizi presso il Comune di Genova per l'approvazione.

Il progetto, che si ispira alle green city, comprende la costruzione di tre nuove palazzine ad alta efficienza energetica, per un totale di 60 nuovi appartamenti di cui 20 di edilizia residenziale sociale e 40 di edilizia residenziale pubblica che avranno una superficie media di 60 mq.

È prevista la ristrutturazione della Casetta Ambientale, luogo di aggregazione sociale, e la creazione di un percorso nel verde. Verrà realizzata un’area di sosta panoramica ed un teatro all’aperto sul basamento della vecchia “Diga Rossa” ed una nuova Casa della Cultura. Anche i bambini dell'asilo avranno una nuova area giochi a loro destinata. Gli sportivi di tutte le età potranno usufruire dei campi sportivi e polifunzionali, che verranno riqualificati mediante l'installazione di una copertura e la creazione di nuovi spogliatoi, oltre all’aggiunta di un nuovo campo da basket. Grande attenzione anche per gli amici a quattro zampe, per i quali verrà realizzata un’area cani. Le associazioni del quartiere, realtà che quotidianamente sono impegnate ad erogare servizi ai cittadini, saranno aggregate in un centro a loro dedicato di nuova costruzione. Verrà realizzata una nuova piazza ed una nuova Stazione dei Carabinieri: un presidio di sicurezza importante per un’area che presenta varie criticità. I lavori di ricostruzione richiedono un investimento di 15 milioni di euro e verranno finanziati tramite il bando Pinqua. Regione Liguria, infatti, ha presentato tramite Arte, il progetto al bando ed ha ottenuto il massimo importo disponibile per l’importante opera di riqualificazione del quartiere Diamante. La ricostruzione terminerà entro la fine di dicembre del 2025.

Il presidente della Regione Giovanni Toti e l’assessore all’Urbanistica Marco Scajola commentano: “Un passaggio importante per la realizzazione di uno dei più importanti progetti di rigenerazione urbana a livello nazionale. La demolizione delle Dighe di Begato è stata un’operazione coraggiosa, e il nuovo progetto darà nuova vita a un quartiere che versava in uno stato di degrado. Un intervento importante non solo dal punto di vista urbanistico, ma anche sociale e ambientale. Infatti, sono previsti luoghi di aggregazione e di divulgazione culturale per la cittadinanza, impianti sportivi, aree verdi e costruzioni di ispirazione green per un quartiere più vivibile e confortevole. Grazie ai fondi del progetto Pinqua è possibile realizzare la ricostruzione in tempi brevi, riteniamo, infatti, che i lavori saranno terminati entro la fine del 2025. La rigenerazione del quartiere Diamante rappresenta un tassello di un progetto più vasto a livello regionale in cui siamo impegnati per migliorare la vivibilità del nostro territorio, anche per le fasce più fragili della popolazione, un lavoro importante per le generazioni future”.

Parere della Soprintendenza sui progetti Pnrr, Senato rigetta emendamento per ridurre i tempi. Scajola scrive al ministro

Super User 11 Agosto 2022 249 Visite

“Dopo che il Senato ha rigettato l’emendamento proposto in Conferenza delle Regioni in cui si chiedeva che il parere vincolante della Soprintendenza sui progetti del PNRR avvenisse in un tempo massimo di 15 giorni e non più 120, ho scritto una lettera al Ministro delle Infrastrutture Enrico Giovanni chiedendogli di cogliere il grido d’allarme delle Regioni e di riproporre il documento nelle sedi opportune”. Così l’assessore all’Urbanistica della Regione Liguria Marco Scajola dopo che il Senato non ha esaminato l’emendamento proposto dalle regioni sulle semplificazioni delle norme e la riduzione dei tempi per i progetti legatI al PNRR.

“Norme che spesso non sono al passo con i tempi celeri a cui dobbiamo attenerci – ha aggiunto Scajola – periodi così dilatati rischiano di non farci cogliere tutte le opportunità che si stanno presentando con il PNRR. Non possiamo permetterci di farci sfuggire interventi di riqualificazione e tutti gli altri progetti a causa di lungaggini burocratiche. Grave il comportamento da parte della Commisione del Senato, servirebbe più attenzione alle esigenze del Paese e dei territori, che vivono sulla propria pelle le diverse difficoltà. Spero che il ministro Giovannini colga l’importanza del problema che abbiamo sollevato”.

Turismo, Regione Liguria stanzia oltre 3 milioni di euro a favore dei comuni

Super User 11 Agosto 2022 222 Visite

Regione Liguria ha stanziato oltre 1,5 milioni di euro per sostenere le realtà territoriali nella realizzazione di manifestazioni ed eventi carattere sportivo, culturale e religioso che incrementino l’attrattività turistica del territorio regionale. È stato quindi approvato dalla Giunta un avviso pubblico per la selezione di queste manifestazioni: i progetti risultati vincitori riceveranno un contributo diretto a fondo perduto pari al 50% del costo dell'intervento, fino ad un importo massimo di 50mila euro a manifestazione.

“La Liguria, grazia al suo mare, record ancora una volta di Bandiere blu, al suo meraviglioso entroterra e alla ricchezza delle sue proposte culturali sta registrando numeri da record nel campo turistico, ancora una volta - spiegano il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore al Turismo e Grandi Eventi Gianni Berrino - La qualità degli eventi e delle manifestazioni in programma in questi mesi sta contribuendo in modo decisivo al successo del settore: per questo abbiamo avviato questo bando, che vuole sostenere le realtà territoriali a organizzazione e realizzare quegli appuntamenti che, anche quest’anno, rendono unica una vacanza in Liguria”.

“È importante ricordare come queste risorse siano ripartite in due misure - aggiungono il presidente e l’assessore -. Un milione di euro andrà per le manifestazioni e gli eventi estivi, da giugno a novembre 2022, mentre i restanti fondi, oltre 560 mila euro, saranno destinati a manifestazioni ed eventi natalizi. Questo perché la Liguria è il luogo perfetto per una vacanza non solo in estate, ma in ogni periodo dell’anno, proprio perché è una terra capace di soddisfare le esigenze di tutti, 365 giorni l’anno”.

Le iniziative possono essere promosse da amministrazioni territoriali, istituzioni culturali e universitarie, associazioni e fondazioni, enti del terzo settore, comitati formalmente costituiti, soggetti in partenariato pubblico-privato, istituti religiosi ed enti di culto.

La domanda di contributo deve essere però presentata dall’amministrazione pubblica coinvolta nell’iniziativa.

L’importo di ciascun intervento proposto non può comportare una spesa complessiva inferiore a 10mila euro, a eccezione di quelli presentati dai Comuni che non si trovino sulla costa e abbiano una popolazione inferiore ai 5.000 abitanti: in questo caso il requisito è che i progetti abbiano un valore non inferiore a 5mila euro.

Per manifestazioni estive si intendono quelle programmate da giugno a novembre 2022, mentre gli eventi natalizi sono quelli relativi al periodo dicembre 2022 - 6 gennaio 2023. Le iniziative proposte dovranno essere realizzate entro il 31 dicembre 2022, con la sola eccezione di eventi o manifestazioni su più giornate, che dovranno comunque avere inizio nel 2022 e non concludersi oltre il 09 gennaio 2023.

 

La giunta regionale ha inoltre stanziato oltre 1,5 milioni di euro e dato il via libera a un ulteriore avviso pubblico per la selezione di interventi infrastrutturali che migliorino la fruibilità dei luoghi di interesse turistico ed aumentare l’attrattività di destinazioni di particolare valore storico, culturale, naturalistico, sportivo e religioso.

“Con questa operazione - aggiungono il presidente della Regione Liguria e l’assessore al Turismo – vogliamo sostenere il recupero, la riqualificazione e il miglioramento di uno degli elementi di maggiore richiamo per i turisti nella nostra regione: itinerari, percorsi e cammini, realtà paesaggistiche certo, ma anche culturali, che raccontano molto della nostra storia e della nostra tradizione”.

Oltre a questo l’avviso è aperto a proposte di intervento che riguardino il recupero di strutture esistenti in spazi urbani ed extraurbani pubblici o di miglioramento funzionale di aree pubbliche destinate ad accogliere iniziative turistiche.

In questo caso soggetti proponenti possono essere: amministrazioni territoriali, enti pubblici.

istituti per la gestione del demanio pubblico, concessionari di beni pubblici di interesse turistico, istituti religiosi ed enti di culto.

I termini per la presentazione delle domande scadono il 2 settembre 2022.

Il Distretto Rotary 2032 ha consegnato 26mila euro in buoni spesa alla comunità ucraina di Genova

Super User 10 Agosto 2022 232 Visite

Sono stati consegnati oggi 867 buoni spesa, per un valore commerciale di 26mila euro, dal Distretto Rotary 2032, che comprende i club della Liguria e delle province piemontesi di Alessandria, Asti e Cuneo, alla comunità ucraina di Genova.

L'iniziativa è stata resa possibile grazie a una sovvenzione del Fondo Risposta Disastri della Rotary Foundation, che ha messo a disposizione 23.500 euro, integrati dalla generosità del Gruppo Basko.

Presenti alla consegna i vertici del Distretto Rotary 2032 Silvia Scarrone, past governatrice, e Anselmo Arlandini, governatore, che hanno commentato: "Ringraziamo i rotariani che si sono adoperati per concretizzare in tempi rapidi questa iniziativa di pronto sostegno alle famiglie della comunità ucraina nell'ambito di una serie di attività che la nostra associazione ha mezzo in piedi per far fronte in tutte le direzioni possibili all'emergenza causata dalla guerra. Ovviamente non si ferma qui l'attenzione e la vicinanza che il Rotary metterà in campo in questo difficile contesto geopolitico internazionale".

"I nostri fondi erano esauriti e inizieremo subito a distribuire questi buoni spesa frutto della vicinanza e della generosità del Rotary con il quale continua la collaborazione per risolvere i problemi dei profughi e fare in modo che possano trovare un lavoro per diventare autosufficienti in attesa della fine della guerra quando potranno tornare nella loro patria", hanno aggiunto i rappresentanti della comunità ucraina genovese padre Vitaliy Tarasenko e Oleg Sahaydak.

Noi con l’Italia, Bissolotti nominato coordinatore politico della Liguria

Super User 10 Agosto 2022 338 Visite

Il presidente di Noi con l’Italia, Maurizio Lupi, ha nominato Antonio Bissolotti coordinatore per la Liguria.

Bissolotti, già segretario politico di Liguria Popolare, affiancherà il sottosegretario Andrea Costa al tavolo delle trattative con Giovanni Toti e gli altri leader moderati della coalizione nel delicato compito di individuare i componenti delle liste comuni liguri di Camera e Senato per le prossime elezioni politiche nazionali.

“Ringrazio Maurizio Lupi del prestigioso incarico che mi viene affidato. Cercherò di svolgerlo al meglio per far crescere il movimento in Liguria condividendo strategie e decisioni con gli amici dell’esecutivo regionale”, dichiara il nuovo coordinatore. Continua la mia quotidiana collaborazione con il sottosegretario Andrea Costa - prosegue Bissolotti - che in questi anni ha svolto uno straordinario lavoro al Ministero della Salute in uno dei momenti più drammatici del nostro Paese”

“La missione di Noi con l’Italia consiste nel rappresentare con pacatezza e determinazione l’ala moderata del centrodestra che si candida al governo del Paese per i prossimi cinque anni”, conclude Bissolotti.

Covid, circa 70 mila liguri si sono vaccinati con la quarta dose

Super User 10 Agosto 2022 167 Visite

 

“Sono circa 70 mila i liguri over 60 che si sono già vaccinati con la quarta dose. Un ottimo risultato per permettere alle categorie più esposte al Covid di mettersi al riparo dalle forme più gravi della malattia in vista dell’autunno. Le prenotazioni sono invece 22.740 e anche questo è un trend ottimo per poter continuare a vivere la nostra quotidianità in sicurezza”. Così il presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità, Giovanni Toti, in merito all’andamento della campagna vaccinale in Liguria per la quarta dose di vaccino anti Covid.

Ad oggi i vaccinati over 80 sono 39.878, il 26,08% della popolazione ligure, 17.975 quelli tra i 70 e i 79 anni (10,78%), 10.683 quelli tra i 60 e i 69 anni (6,68%), 1.376 gli under 60 ultrafragili (2,08%).

“Gli ospedalizzati di oggi sono 361 di cui 5 in terapia intensiva, meno 31 rispetto a ieri – aggiunge il presidente della Regione Liguria -. Dopo il picco, che in Liguria è stato registrato intorno al 10 di luglio, la curva del Covid sta continuando la sua discesa, merito della campagna vaccinale che ci ha permesso di tornare ad una completa normalità”.

Decreto Orlando, Bertorello: “Conseguenze negative per le imprese, necessaria una proroga”

Super User 10 Agosto 2022 277 Visite

“Da avvocato giuslavorista ed esponente politico locale mi unisco all’appello dei consulenti del lavoro al governo per prorogare l’avvio del decreto legislativo trasparenza che entrerà in vigore il prossimo 13 agosto. Lo dichiara in una nota Federico Bertorello, capogruppo della Lega in Consiglio comunale a Genova.

“I corposi adempimenti burocratici - prosegue Bertorello - a carico dei datori di lavoro introdotti dal decreto legislativo del ministro del lavoro Andrea Orlando costringono gli studi professionali a intervenire urgentemente sulla gestione di tutti rapporti di lavoro delle imprese a cavallo del Ferragosto periodo in cui il personale degli stessi studi effettua le ferie. Tra le conseguenze negative che tale decreto produce anche un sovraccarico di adempimenti in materia di informazioni da fornire ai lavoratori all’atto dell’assunzione non in linea con il procedimento di sburocratizzazione del nostro ordinamento ormai in corso da anni”.

“Il decreto, che prevede l’applicazione di questi adempimenti anche ai rapporti domestici, espone le famiglie a rischio di sanzioni e a contenzioso. Inoltre l’inasprimento di questi adempimenti di comunicazione da effettuarsi all’atto dell’assunzione, anche in via retroattiva, per tutti rapporti in essere, non fa che alimentare il lavoro sommerso già fin troppo diffuso nel nostro paese”, conclude il capogruppo della Lega a Palazzo Tursi.

Elezioni, Toti: “I giovani vadano a votare e chiedano alla politica un impegno concreto per il loro futuro”

Super User 10 Agosto 2022 220 Visite

“Un messaggio a tutti i giovani, il 25 settembre andate a votare. I dati ci dicono che l’astensione riguarda soprattutto le fasce più giovani della popolazione (studenti, universitari, lavoratori) fino ai 30/35 anni. Il futuro è soprattutto vostro e lasciare decidere ad altre persone, non andando a votare, perché magari non si riesce a trovare un’offerta politica che piace particolarmente, è qualcosa di sbagliato”. Lo ha detto il presidente di Italia al Centro Giovanni Toti nel PunToti, la sua rubrica sui social.

“Il futuro è dei giovani - ha continuato il leader - di chi se lo sta costruendo oggi, di chi ha un primo impiego, magari lavorando da precario con la mancanza di possibilità di pianificare la propria vita. Quindi, credo che chiedere qualcosa di preciso alla politica, sia un diritto dei giovani, ma anche un dovere. Occorre chiedere alla politica cose serie, non tanto le promesse vane che un po’ tutti fanno in campagna elettorale, quanto un supporto concreto. Parlo soprattutto di formazione professionale, ovvero imparare un lavoro ed essere indirizzati verso un mestiere con cui costruire una vita. Molto spesso si fatica nel trovare la propria strada perché non si sa cosa si vuole fare, non si sa bene di cosa le imprese avranno bisogno. In Liguria, per esempio, abbiamo il salone Orientamenti che è diventato un modello per l’Italia, in cui si possono incontrare le aziende per sapere quale sarà il loro futuro e di quali lavoratori avranno bisogno”.

“In più penso allo svago - ha aggiunto Toti - alla cultura, alla possibilità di comprare una casa e rivedere gli incentivi legati non solo all’edilizia popolare, ma anche all’opportunità per gli studenti di fare esperienza in città diverse. Penso anche a un aiuto per le donne più giovani, quelle che scelgono tra il lavoro e la maternità, alla presenza di asili nido nelle imprese che devono essere detassati sempre di più. Penso anche alla possibilità di potersi divertire: ogni anno in Liguria, soprattutto a Genova, c’è un dibattito sulla movida, sui limiti del divertimento. Ecco io credo che divertirsi faccia parte della vita delle persone, soprattutto dei più giovani. Sono loro che per questo e per tanti altri temi devono chiedere conto alla politica e lo si fa andando a votare”

“Io spero che scelgano chi - ha concluso il leade - in questi anni, ha cercato di modernizzare il Paese, partendo dalla regione che governo dove ho provato a dare un futuro ai giovani e anche a riportarli verso un impegno politico. Ma in ogni caso ai ragazzi dico: andate a votare perché si parla della vostra vita e del vostro futuro”.

Elezioni, Pirondini si candida per il Senato: “Non sarà facile, ma abbiamo mai fatto qualcosa che lo fosse?”

Super User 10 Agosto 2022 271 Visite

“Da giorni, alcuni giornali hanno già anticipato la mia volontà di partecipare alle selezioni interne del Movimento 5 Stelle per le candidature alle prossime elezioni politiche. Lo confermo. Lo farò per la lista del Senato, ben conscio che le possibilità attuali per noi di eleggere un Senatore in Liguria sono davvero pochine. Mi sottoporrò quindi al giudizio degli iscritti e al di là del risultato personale mi impegnerò con tutto me stesso perché il Movimento possa fare il miglior risultato possibile. Lavorando di squadra, sempre. Non sarà facile, ma diciamocelo onestamente: abbiamo mai fatto qualcosa che lo fosse?”.

Così Luca Pirondini, unico consigliere comunale a Genova del Movimento 5 Stelle, ha annunciato la sua autocandidatura per il Senato. Adesso, dovrà attendere l’esito delle parlamentarie: saranno gli iscritti al movimento a decidere i candidati.

Scuola, Rixi: “Grazie alla Lega in arrivo 37 milioni per istituti primari e secondari in Liguria”

Super User 10 Agosto 2022 182 Visite

“37 milioni di euro per la Liguria: questi i fondi assegnati dal Ministero dell’Istruzione nell’ambito del Piano Scuola 4.0. Questo provvedimento è stato fortemente sostenuto dalla Lega e frutto dell’importante impegno del sottosegretario Sasso”. Lo dice in una nota il deputato della Lega Edoardo Rixi, coordinatore della Lega in Liguria.

“Il piano - aggiunge Rixi - prevede la trasformazione di classi tradizionali in ambienti innovativi di apprendimento e la creazione di laboratori per le professioni del futuro, e ciascuna scuola potrà decidere in autonomia come utilizzare le risorse. I dirigenti scolastici, in collaborazione con l'animatore digitale e il team per l'innovazione, potranno costituire un gruppo di progettazione insieme a docenti e studenti per pianificare gli interventi. A disposizione di ogni istituto ci saranno strumenti di accompagnamento, come il Gruppo di supporto al Pnrr, costituito al ministero dell'Istruzione e negli Uffici scolastici regionali, oltre che la Task force scuole, gestita in collaborazione con l'Agenzia per la coesione territoriale. Nello specifico arriveranno risorse sia per la scuola primaria che per la scuola secondaria per un importo complessivo di 19.363.104,15 euro per la provincia di Genova, 5.418.504,58 euro per la provincia di Imperia, 5.402.508,63 euro per la provincia della Spezia e 6.885.643,66 per la provincia di Savona”.

“Ancora una volta, mentre gli altri chiacchierano, la Lega lavora per i cittadini e per dare risposte concrete alle richieste che arrivano dai territori di tutta Italia, a partire dalla nostra regione. Un passo in più per una scuola rinnovata e innovativa, capace di tutelare i ragazzi, le famiglie e i docenti”, conclude il coordinatore ligure della Lega.

Flat tax, l’assessore Benveduti replica al sindaco di Milano: “Sala abbandoni demagogia e guardi in faccia la realtà”

Super User 09 Agosto 2022 286 Visite

“Il sindaco di Milano si aggiunge ai tanti che commentano la Flat tax senza aver studiato. Sala abbandoni la demagogia tipica della sinistra e cominci a guardare in faccia la realtà. La Lega, grazie alla Flat tax, rivoluziona un sistema di tassazione iniquo che colpisce progressivamente solo i redditi da lavoro e pensione, ma non quelli derivanti dal possesso di attività finanziarie. Resteranno più soldi in tasca alle famiglie grazie a un sistema di deduzioni fisse sulla base dei carichi familiari, e anche alle imprese, perché si tasseranno solo gli utili, dando così nuovo slancio alla ripartenza dell’economia. Invece che fare sparate su temi fiscali, Sala farebbe meglio a occuparsi dello stato di degrado in cui versa la città che amministra in cui si assiste a una escalation di violenza mai vista prima, mentre la sua giunta vessa i cittadini con continui rincari tipo il recente aumento dei biglietti di bus e tram. Il 25 settembre cambia musica col centrodestra al governo”. Lo dice in una nota Andrea Benveduti, assessore allo Sviluppo economico della Regione Liguria.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip