Skin ADV

Sport

Benemerenze sportive del Coni: al Tennis Park festeggiati atleti, dirigenti e tecnici

Super User 25 Novembre 2022 144 Visite

Ieri, giovedì 24 novembre, si è tenuta presso il Tennis Park Genova, in Via Zara 18, la premiazione del Coni con le benemerenze a dirigenti, atleti e tecnici liguri.

Il Coni Liguria, presieduto da Antonio Micillo, ha voluto celebrare le donne e gli uomini, in tutto quasi 100 (elenco), che hanno ottenuto le prestigiose benemerenze assegnate dal Coni, ovvero le Stelle al Merito Sportivo per l'anno 2020 e le medaglie al Valore Atletico e Palme al Merito Tecnico per gli anni 2019 - 2020.
La manifestazione era stata interrotta durante gli anni della pandemia.

SCARICA L'ELENCO DEI PREMIATI

Samp, Ferrero show: “Prometto sei giocatori!”

Super User 17 Novembre 2022 336 Visite

“Salvate il soldato Massimo”, così urla Massimo Ferrero, in una piagnucolosa intervista dicendo: “Sono pronto a riscattarmi, aiutatemi ad aiutare la società”.
Un urlo improvviso, gettato nel momento più tragico della vita calcistica e societaria blucerchiata.

E subito lo scontro è scattato. Prima con il presidente Lanna che non gliene ha mandate a dire: “Non è vero che l’ho incontrato e ci siamo sentiti. L’ho visto solo prima della gara con la Roma”. E ancora: “Io non sono il presidente di Ferrero, non è stato lui a nominarmi”.

Dall’altra parte Ferrero: “Ma Lanna cos’è, un presidente o un attore?”.

E Lanna risponde: “Io sono sereno e non un attore. Ma non dormo da tante notti”. Sembra la sceneggiatura di una commedia all’italiana.

In verità il gruppo del Cda sta lavorando con grande spirito di sacrificio, tiene a galla una barca difficile in una navigazione contorta. Ha pagato tutti gli stipendi, ha cercato di stare vicino ai giocatori.

In realtà, tante volte (e a ragione) il Cda era sull’orlo delle dimissioni, poi la fedeltà ai colori blucerchiati lo ha sempre fermato.

L’uscita, inaspettata, di questo Ferrero ha certamente destabilizzato l’ambiente, già scosso per conto suo. Perché ora l’interrogativo è questo: Ferrero uscirà presto dalle sue vicende giudiziarie e, a nome della sorella, tornerà ad essere il presidente della Samp.

Ma in quale ambiente? Già i tifosi si sono scatenati: “Non lo vogliamo vedere”. E inizieranno a scendere in piazza.

La vicenda cessione sembra ancora in alto mare: i 40 milioni rimangono un sogno, lo sceicco continua a mandare telegrammi, con o senza firma. Una situazione davvero fantascientifica, con il povero (si fa per dire) Lanna che ha avuto anche la cistifellea scoppiata dalla tanta bile che si sta facendo. E che con i suoi compagni di ventura sta cercando in ogni modo di tappare i tanti buchi di questa tela blucerchiata.

L’incertezza, intanto, è sempre più fitta. E in questo incubo ecco una trovata, almeno, divertente di quel personaggio tanto simpatico, quanto enigmatico, che si chiama Stankovic: dopo aver subito un ‘bagno’ calcistico strepitoso, ha pensato al bagno turco sperando che ripulisca davvero l’ambiente dalle molte scorie attuali. Tutti in Turchia a darsi una rinfrescata, è stato il grido di dolore.

Lanna è dalla sua, lo conferma fino alla fine. V’è poi il mercato: il ‘soldato’ Ferrero dice che, se verrà, comprerà sei giocatori. Lanna commenta: “Possiamo comprare oggi sei giocatori? Nemmeno uno!”.

Detto tutto questo rimane la domanda: che accadrà domani?

Sarebbe davvero uno scempio se un patrimonio calcistico così significativo per la città come la Samp finisse in un burrone.

Ci pensino i dirigenti, i tifosi e soprattutto lo stesso Ferrero. E magari anche Garrone.

Vittorio Sirianni

Tribuna sportiva - Si spera di gridare (L)’ecce Samp!

Super User 11 Novembre 2022 201 Visite

La soluzione per risolvere il problema Samp l’ha data Mourinho: avete letto cosa ha dichiarato? Ecco qua: “Gli sforzi della mia squadra sono stati traditi da un giocatore, con atteggiamento non professionale. L’ho invitato ad andare via a gennaio”.

Ecco, questo dovrebbero fare tutti quelli della Samp che si sentono ‘traditori’ per questa incredibile situazione. Senza bisogno che qualcuno lo dica loro.

E’ un discorso, ovviamente, improponibile, ma questa situazione blucerchiata avrebbe davvero bisogno di una decisione ‘forte’, diciamo pure violenta. Il problema è che tutti sono, sportivamente parlando, ‘traditori’ per cui, come si dice, tutti traditori, nessun traditore.

“Salvate il soldato Stankovic”, è l’altro grido di dolore. Il tecnico sembra viva nel suo mondo di frutta candita, stordito, quasi inconsapevole di quello che gli sta succedendo attorno.

E’ una povera anima caduta in un trappolone involontario teso da chi in verità non pensava che accadesse tutto questo disastro.

Perché, in questa Samp (e la cosa fa davvero stupore) non va bene nulla, tanto da far pensare che è un periodo così, specie nel calcio, dovrebbe prima o poi finire. Non è pensabile vada tutto storto, alcuni amici che sanno di calcio (come il mio amico Nicolini, ad esempio) sostengono che questa vicenda dovrà per forza volgersi al bello.

E’ vero tutto quello che accade e che viene contestato, a volte anche ingiustamente. E sono vere, sulla carta, tutte le colpe, volontarie e involontarie, accadute: la società, sicuramente in crisi, presa in giro da strani sceicchi (che pare pensino di più al loro harem che ai vari Di Silvio e Vidal), i giocatori che sembrano scesi da una nuvola, incapaci di dare quello che in passato avevano dato e anche con successo, lo stesso tecnico che ha capito di trovarsi in presenza di una ‘forza lavoro’ modesta e incapace di creare un collettivo. Tanto da pensare che, in questa drammatica situazione tecnica, un giovane possa diventare il salvatore.

E ancora, le sue strane dichiarazioni. Prima: “Attendiamo Lecce e poi decidiamo”. Cosa decidiamo? La sua fuga? La richiesta di aiuti? Ancora: “Però io non mollo”. E allora? Che significano queste acrobatiche dichiarazioni?

È un momento davvero curioso questo di tinta brucerchiata: nessuno sa cosa fare. Sembra di vivere in un ‘limbo sportivo’ nel quale tutti si guardano, strabuzzato gli occhi e chiudono così: “Vediamo come finirà”.

Non c’è che aspettare il Lecce. Speriamo di poter dire: “Ecce Samp!”.

Vittorio Sirianni

Bene la Canottieri Argus alla Silver Skiff, gara internazionale di Canottaggio a Torino sul Po

Super User 09 Novembre 2022 194 Visite

Buoni risultati per i giovani atleti della Canottieri Argus di Santa Margherita Ligure a Torino sul Po, nelle gare internazionali di Canottaggio Silver Skiff e Kinder Skiff, che si sono disputate il 5 e 6 novembre. La gara prevede diversi percorsi per le varie fasce di età. La gara maggiore, nata nel 1992, si svolge sul percorso Cerea-Isolotto di Moncalieri-Cerea, per un totale di 11 km.

Partecipano alla Silver Skiff riservata agli adulti i canottieri delle più importanti società italiane e straniere: campioni del mondo e olimpici e atleti amatori su un percorso atipico di 11 km a cronometro. Quest'anno gli atleti in gara erano 623.

Come cornice a questa importante regata in un periodo dell'anno nel quale, di solito, non ci sono in programma regate internazionali, si svolge il giorno precedente la Kinder Skiff, regata riservata agli under 13.

“I più giovani – afferma Filippo Dato, allenatore della Canotteri Argus - gareggiano su un percorso diverso: i nati nel 2010 e 2011 sulla lunghezza di 1000 metri e i ragazzi nati del 2009 e 2008 su un percorso di 4000 metri. In entrambi i casi a metà percorso si gira intorno a una boa e si torna dove si è partiti. Anche questo caratteristico giro di boa è una peculiarità del percorso torinese in quanto è l'unica occasione di una regata non completamente in linea retta”.

E' questa la regata del sabato alla quale hanno preso parte i canottieri dell'Argus.

“Venendo ai risultati - prosegue l'allenatore Argus - nella categoria allievi B2 abbiamo raccolto i migliori risultati con Bianca Bernardi al terzo posto, Michelle Castania al quinto posto e Carlotta Castagnola al 20esimo posto. Tra i maschi Aldin Apuzzo si è classificato 5°, Manuel Tosi 11°, Lorenzo Caperoni 24° e Oscar Canale 36° su un totale di 59 iscritti in questa categoria.

Ester Canale, anno 2008, è arrivata 26a nella categoria cadette su 42 iscritti.

La giornata era splendida con un fiume perfetto, un leggera brezza contraria nella prima parte di gara, quindi girata la boa il vento era favorevole ai canottieri”.

Tribuna sportiva - Samp: si deve ‘suonare’ la Viola!

Super User 04 Novembre 2022 299 Visite

Stankovic è davvero un simpatico personaggio. Le pensa tutte per mantenere alto lo spirito dei suoi e soprattutto dei meravigliosi tifosi.

E’ tornato nella sua Belgrado dove ha incontrato niente meno che il presidente della Serbia Aleksandar Vučić a cui ha donato la maglia numero uno della Samp.

E poi subito al campo di allenamento per continuare a inculcare ai suoi tre parole: “coraggio, concentrazione, furbizia”.

Sono tre elementi su cui poggia l’attuale filosofia formativa del mister, avendo capito che puntare tutto sugli aspetti e i valori del suo gruppo non è molto rassicurante.

Le cerca tutte, le soluzioni, il tenace Stankovic. Ad esempio, ora pensa ai giovani come Amione e Yepes. Spera che questi giovani ragazzi diano quella vivacità necessaria al rilancio della squadra.

Ci sono poi strane situazioni, che nel calcio purtroppo accadono: la ‘scomparsa’ di elementi che all’inizio sembravano fondamentali. E’ il caso di Sabiri, elemento di ottima tecnica, che si era presentato con ottime referenze, goal, assist e tiri da lontano niente male.

Da qualche tempo è scomparso, tanto che nell’ultima gara non si è proprio visto nemmeno in panchina. Come mai? Che è successo? La promessa del tecnico è stata che, a fine di questo primo ciclo (22 novembre), la Samp sarebbe stata fuori dalla zona retrocessione. 

Lo sarà? Entro questo mese, ci saranno tre partite: Fiorentina in casa, Torino in trasferta e Lecce al Ferraris. E’ chiaro che una manciata di punti bisognerà farla. Ma è anche vero che da gennaio in poi mancano ancora 23 gare, dunque lo spazio per riprendersi esiste.

Si dovrà verificare a questo punto come sarà la nuova struttura societaria (se ci sarà). Perché, come si vede, al momento il ‘can can’ fatto sulla cessione gode di uno strano silenzio. Tutti tacciono, mentre gli attuali magnifici quattro, con Lanna in testa, cercano disperatamente di rasserenare l’ambiente e stare vicini alla squadra.

Anche, bisogna riconoscerlo, con l’indispensabile e generoso apporto dei tifosi, che oggi rappresentano l’unica vera realtà colorata di blucerchiato. E’ commovente il richiamo di tutti e del ‘vecchio’ Tirotta: “Portiamo al campo tutti, amici e parenti (e, aggiungiamo noi, magari qualche amante, perché no?) per stare vicini ai nostri colori”.

E’ proprio nella ‘crisi’ della società che oggi sta il punto dolente della Samp: perché, lo sa chi si occupa di calcio, solo con un vertice solido, competente ed economicamente forte, anche gli aspetti tecnici si risolvono.

Questo è quello che attendono gli oltre 20.000 tifosi. Sperando intanto che, domenica, si possa ‘suonare’ alla grande la Viola.

Vittorio Sirianni

Tribuna sportiva - Il Genoa e il malocchio del Ferraris

Super User 31 Ottobre 2022 345 Visite

Uscendo dallo stadio, alcuni simpatici tifosi sostenevano che il Genoa dovrebbe farsi squalificare il campo e andare a giocare sempre in trasferta. E agli stessi ‘777’ raccomandavano: “Attenzione a voler comprare e rifare lo stadio”.

Scherzi a parte, questo ennesimo pareggio casalingo fa pensare a qualche malocchio (ricordate la villa a fianco dello stadio dove sembrava vivesse un fantasma rompiscatole?).

Sei partite casalinghe, sei pareggi. In verità lo stesso Blessin, a fine scorso campionato, si era abbonato a ben sei pareggi consecutivi. Che sia lui l’uomo del malocchio? Non scherziamo. Ma certo questo Genoa, contro un modesto Brescia, proprio non doveva fare questo scherzetto ai 23.000 tifosi sugli spalti.

Sia chiaro: il calcio è imprevedibile, ogni partita è un fenomeno quasi paranormale, può accadere qualsiasi tipo di imprevisto. Non si può, insomma, sempre vincere.

Il punto, vista anche la classifica (due soli punti dalla capolista), ci sta, eccome. Il problema però è abbastanza serio per alcune situazioni tecniche che sono emerse dalla gara.

Ancora una volta il reparto offensivo ha stentato e molto: nella ripresa per ben 35 minuti non si è visto un tiro in porta. Cosa manca per permettere alle cosiddette punte di far gol? Nel primo tempo almeno 4 o 5 occasionissime sono capitate, tutte purtroppo andate in fumo.

E poi è mai possibile che non si riesca a fare un tiro da fuori area? Perché Blessin insiste sulla “densità centrale” dell’azione, tattica che porta solo alla confusione, dovuta all’insistenze su strettissime triangolazioni che basta una sola gamba dell’avversario per interrompere l’azione offensiva?

Guarda caso l’unico tiro dalla distanza lo ha fatto Jagiello ed è arrivato il gol. E ancora: come è possibile che non si riesca a giocare sulle fasce, con traversoni a favore delle punte? È mai possibile che su palle inattive la difesa rossoblù soffra enormemente, mentre dai corner genoani non si innalzi mai uno a colpire di testa?

Insomma, la partita col Brescia ha messo in luce una serie di problemi che ora Blessin dovrà rivedere. Sia chiaro: dalla gara sono emersi il solito coraggio, la voglia di fare (purtroppo senza risultati), la fortuna di avere un portiere di nome Semper che ha letteralmente tirato fuori dalla sua porta un pallone di Bianchi (strano caso, un giocatore del Genoa) da grandissimo campione.

Ora si andrà a Reggio Calabria e poi in casa col Como, nulla è ovviamente perduto, anzi, da questi ancora esistenti errori si possono e si devono trovare i rimedi e sfatare i fantasmi del Ferraris.

Lo ha capito anche il politico Paolo Zangrillo, ministro della Pubblica amministrazione.

Speriamo possa dare un input anche all’amministrazione tecnica di Blessin.

Vittorio Sirianni

Al via la stagione del Tennis Club Genova 1893, Lercari: “Un orgoglio avere due squadre in A1”

Super User 30 Ottobre 2022 295 Visite

Continuare a portare in alto il nome di Genova in tutta Italia, sia nel campionato maschile sia in quello femminile. È l’obiettivo del Tennis Club Genova 1893, che ieri pomeriggio ha presentato le squadre che partecipano al campionato di serie A1 alle istituzioni, ai soci e alla stampa all’interno della ‘club house’ del circolo, nel pieno centro città. 

“Ci presentiamo ai nastri di partenza di questa stagione con rinnovate ambizioni – ha detto il Presidente della società, Rodolfo Lercari – e con l’orgoglio di rappresentare il club più antico d’Italia e fra i più antichi d’Europa, fra i primi a puntare sull’agonismo dai giovani sino alla serie A1, dove dal 2012 milita la squadra femminile e dal 2013 quella maschile. E anche questo è motivo di grande soddisfazione per me e per tutto il consiglio direttivo: così tanti anni di militanza nel massimo campionato nazionale non sono un frutto del caso, ma di una programmazione portata avanti nel corso del tempo anche grazie al decisivo contributo dei nostri sponsor, che siamo chiamati a ringraziare ancora una volta. Sarà difficile replicare la stagione 2014, quando vincemmo lo scudetto con la squadra femminile e arrivammo secondi con quella maschile, perdendo solo al doppio di spareggio contro l’Aniene. Tuttavia siamo fiduciosi di poter dire la nostra ad alto livello e in tal senso rivolgo un in bocca al lupo e un grazie per il loro impegno a tutti i nostri atleti”.

“Inoltre – ha proseguito Lercari – un pensiero va anche a tutta l’attività collaterale a quella delle prime squadre. Penso al settore giovanile, per il quale riserviamo la massima attenzione, all’impegno dei maestri e delle maestre, ma anche delle famiglie dei nostri ragazzi, e a quello dei soci che ogni giorno animano il nostro circolo. Tanti tasselli che, messi insieme, ci consentono di comporre il mosaico del Tennis Club Genova 1893: abbiamo una storia di cui andare orgogliosi e un futuro da costruire insieme”.

Alla cerimonia hanno presenziato il Presidente del Coni Liguria Antonio Micillo, il Presidente della FIT Liguria Andrea Fossati e l’Assessore comunale al Marketing e alle Politiche Giovanili Francesca Corso, che ha portato i saluti e gli auguri per la stagione appena iniziata del Sindaco di Genova Marco Bucci.

SQUADRA MASCHILE:

1 GOMBOS NORBERT ATP 99 – 1.10

2 ARNALDI MATTEO ATP 161 – 2.1

3 ESCOFFIER ANTOINE JULIEN ATP 195 – 2.1

4 CATARINA LUCAS PHILIPPE FRANCOIS ATP 499 – 2.1

5 CADENASSO GIANLUCA – 2.2

6 LAGASIO MIRKO – 2.4

7 GARBERO FEDERICO – 2.4

8 PICCO FRANCESCO – 2.5

9 MANUCCI CURZIO – 2.5

10 GAI GIORGIO WOLTER – 2.6

11 SPINETTA DAVIDE – 2.7

12 MOTTI ALESSANDRO – 3.1

13 BARILARI WALTER – 3.3

 

SQUADRA FEMMINILE:

1 SAMSONOVA LIUDMILA WTA 28 – 1.1

2 BRONZETTI LUCIA WTA 57 – 1.5

3 SEMENISTAJA DARJA WTA 293 – 2.3

4 CAREGARO MARTINA WTA 728 – 2.1

5 VALENTE DENISE – 2.1

6 SARA ANGELICA – 2.2

7 SARA ANNATHEA – 2.3

8 BRIANTI ALBERTA – 2.4

9 TOGNONI LUCIA – 2.4

10 ASSERETO GIULIA 2.8

Tribuna sportiva - La Samp vince alla faccia dello sceicco

Super User 26 Ottobre 2022 285 Visite

Non è la svolta: è la volta buona per cominciare a credere in sé stessi.

Era dal marzo scorso che la Samp non vinceva. La società tutta, come si sa, sta vivendo un momento delicatissimo, per cui questa trasferta di Cremona, poteva essere la fine di un copione drammatico.

Ci sono voluti per questo riscatto alcune cose importanti: la fede di Stankovic che, per tutta la settimana, a cercato di caricare i suoi soprattutto dal punto di vista psicologico (la parola “coraggio” era corsa per tutti gli allenamenti), la bravura di un certo portiere di nome Audero, che ormai, da primattore assoluto in questo campionato, continua a recitare il ruolo dell’ammazza-rigoristi.

Ricordiamo (e son circostanze curiose), il rigore parato un anno fa (30 aprile) a Criscito che portò in pratica il Grifone in serie cadetta.

Poi parò rigore in Coppa Italia portando i suoi agli ottavi a Roma e infine ecco la ‘recita massima’ a Cremona, dalla cui prodezza è partita la rimonta, soprattutto psicologica, della squadra.

Sarebbe interessante, visto che Mancini segue il suo vecchio amore, facesse anche un pensierino per la Nazionale: Audero è pronto.

Che la Samp non giochi bene, è inutile ripeterlo, le ragioni le conoscono anche i sassi. Pochissimi acquisti, abbastanza modesti, cambio allenatore, crisi societaria, tutti questi elementi hanno dato vita ad una formazione, per tanti versi, tecnici e umani, alquanto limitata.

Ora però, come ha detto Deki, importante non è sottilizzare sul modo di gioco, ma vincere e solo vincere. Questo serve. Non è necessario, aggiungiamo noi, cambiare quattro moduli ogni novanta minuti: il risultato non cambia. Valgono in questi frangenti solo e soltanto, appunto, coraggio, determinazione, e, soprattutto, grandi motivazioni dei singoli giocatori.

Sono stati loro, il loro cambiamento emotivo, che ha permesso di raggiungere la vittoria, non è la tattica se Audero ha parato il rigore, non è la tattica che Colley (complimenti per i suoi trent’anni) ha trovato il piedino giusto per gettare la palla in rete.

Ed infine, bello il gesto del presidente Lanna. Lui sì grande ‘bravo ragazzo’ che è corso ad abbracciare uno per uno i suoi amici vincitori: segno ancora una volta del suo amore per la squadra (così come quello degli altri suoi uomini di consiglio) che, anche per questo, meriterebbe una soluzione seria.

I ‘quattro moschettieri’ stanno facendo di tutto per mantenere la dignità del nome che la Samp merita. Per favore, si arrivi a questa benedetta vendita. Sceicchi o meno.

Vittorio Sirianni

Samp, mancavano solo i Caschi Blu

Super User 18 Ottobre 2022 413 Visite

La partita Samp-Roma è stata una gara da romanzo. Prima il ‘rigore al polpastrello’, poi una specie di saloon da western per i 40 falli fischiati dall’arbitro molto irritante, infine i Caschi Blu da antisommossa alla difesa di un certo ‘piccoletto scapigliato’ di nome Ferrero.

Insomma, è stato un pomeriggio di spettacolo pieno, per tutti i gusti. La partita? Prevedibile. Una Samp molto coraggiosa, spinta anche da un moto d’orgoglio per quell’ultimo posto che davvero riguarda la dignità della persona, ma purtroppo e diciamo noi, improvvisamente senza uomini goal.

Sia Gabbiadini (pensate era andato bene anche in Nazionale), sia Caputo sono caduti in un assoluto silenzio: poche palle giocate, confusione di ruoli, qualche ansia e soprattutto senza quel tocco finalizzato che, in tempi andati, li ponevano come bomber di successo.

Il povero Stankovic era anche un po’ stanco (ironia del nome) nel continuare a gridare ai suoi come e dove mettersi.

E nonostante ciò, a parte il momento ‘paranormale’, per noi, del rigore (dato perché un polpastrello di Ferrari aveva impressionato gli strani signori dei bar, in evidente stato di spavento difronte ad un polpastrello…), il secondo tempo dei bruciacchiati è stato di notevole aggressività, di forza e determinazione verso il pareggio. Purtroppo in 87 minuti non si è fatto un tiro in porta. E qui è cascato l’asino…

Poi sono arrivati i Caschi Blu e allora il vero spettacolo si è spostato in tribuna. Il padrone della Samp (purtroppo si deve dire così) ha avuto la eclatante idea di venire allo stadio. Figurarsi, il buon pranzo fatto nello Sky box presidenziale gli è andato sicuramente di traverso.

Attaccato (e per fortuna non raggiunto fisicamente) se n’è andato su consiglio della Digos.

Ora l’interrogativo è il seguente: perché il ‘Piccolo’ è venuto alla partita? E’ stato un gesto di sfida per dire che lui è ancora il padrone della Samp? O un colpo di coda per dare il messaggio a Garrone (che è sempre dietro le quinte nella eventuale cessione) o addirittura a Al Thani? Chissà! Anche perché l’attuale Cda non ne sapeva nulla. Anzi, nei giorni scorsi gli stessi ‘Quattro’ dirigenti avevano dichiarato che di questi contatti non ne vogliono sapere, si staccano da ogni responsabilità, hanno detto.

Finale: la Samp si trova ultima in classifica, da sola, senza attaccanti che fanno gol e, ahinoi, senza società.

L’unica speranza è stata nelle parole di Mourinho: “Una squadra che lotta così, si salverà”.

Vittorio Sirianni

Tribuna sportiva - Il Genoa ha battuto arbitro e Var

Super User 16 Ottobre 2022 413 Visite

Non sono servite le incredibili performances dell’arbitro e del var per abbattere il Genoa. Si è davvero sulla buona strada. E quel Blessin, che ancora taluni cercano di contestare, aveva previsto tutto ciò che si è verificato a Cosenza.

Aveva spiegato i suoi che la squadra aveva bisogno di un’altra partenza sprint come contro la Spal e la partenza quasi sprint è puntualmente avvenuta, aveva spiegato che gli avversari sarebbero stati ‘bassi’ e quindi rossoblù avrebbero dovuto giocare anche ‘alti’ e cioè è accaduto.

Tutto, dunque, come il mister voleva. Ed anche i cambi sono stati perfetti, in particolare quello di Yeboah, apparso utilissimo nella parte finale della gara.

Ma aveva anche premesso Blessin alla vigilia: “Non ho mai preclusioni sul modulo”. Meno male: così il Genoa ha tranquillamente giocato non offrendo agli avversari troppa densità, mutando nel corso della gara sia a livello difensivo, che offensivo.

Tantoché, neppure il fatto di essere rimasti in dieci per trequarti di gara ha inciso sul rendimento e sulla tenuta dei grifoni, che hanno continuato a giocare con determinazione e tranquillità fino all’ultimo, dimostrando di aver raggiunto la consapevolezza della propria forza.

Importante è che Blessin abbia capito che se una formazione funziona, bisogna tenerla e migliorarla. Si ha infatti la sensazione che il tecnico abbia visto quella che può considerarsi la formazione-tipo, almeno per 8 o 9 elementi.

Con la possibilità di cambiare, non a vanvera con me nei primi tempi, ma con acume solo nei momenti di emergenza, visto che davvero oggi il livello tecnico di tutta la panchina può considerarsi uguale per tutti.

Ci sono ormai punti di riferimento molto significativi che Blessin ha individuato: da Strootman che, oltre ad essere un martello sugli avversari, è anche un impetuoso suggeritore per i compagni, incitandoli al meglio. E i ‘suoi’ rispondono con forza e coraggio, fino alla fine e questo è un altro merito della squadra, resistere e anzi continuare a giocare e a proporre fino all’ultimo secondo oltre il novantesimo.

E poi Coda, che alcuni ancora insistono a contestare, è apparso un uomo assolutamente indispensabile, là davanti, gioca moltissimi palloni e sempre è pronto al suggerimento per i compagni (vedi la palla a Strootman nel goal furioso dell’olandese).

Ancora una volta i 696 tifosi hanno felicemente inaugurato una bella trasferta al Sud. Ora il Grifo salirà un poco perché si andrà a Terni: conquistando il sSd, se non ci si adagia sugli allori, si potrebbe conquistare anche il Centro, per poi ricevere il Brescia per la supremazia del Nord.

Un sogno? Chissà.

Vittorio Sirianni

Basket, gli Harlem Globetrotters in visita a Genova

Super User 12 Ottobre 2022 262 Visite

Ieri, il centro storico di Genova è stato meta di due turisti speciali: il giocatore di basket Shane “Scooter” Christensen e la cestista Fatima “TNT” Lister, star degli Harlem Globetrotters in città per promuovere l’attesissima performance del 5 novembre all’RDS Stadium.

La delegazione dei leggendari eroi del basket americano ha incontrato il sindaco Marco Bucci e, accompagnata dall’assessore allo sport e al turismo Alessandra Bianchi, ha potuto scoprire la storia della Superba visitando numerose location fra cui la cattedrale di San Lorenzo, via Garibaldi e le sale Paganiniane.

«È stato un vero piacere accogliere i rappresentanti dei mitici Harlem Globetrotters condividendo con loro le bellezze turistiche e la storia della nostra città – afferma Alessandra Bianchi –. Il legame tra sport e turismo ha una valenza sempre più importante e ci stiamo impegnando affinché il nostro territorio ne diventi sempre più punto di riferimento non solo nazionale».

Fondata nel 1926, la squadra degli Harlem Globetrotters è tra le più famose di tutti i tempi per la loro unicità di trasformare questo sport in un autentico spettacolo tecnico ed acrobatico con gags, schiacciate e numeri da autentici giocolieri della palla a spicchi.

I giocatori con il sindaco e l'assessore allo Sport Alessandra Bianchi

Tribuna sportiva - La Samp verso il porto sicuro

Super User 10 Ottobre 2022 348 Visite

Proprio perché Stankovic giocava al ‘buio’, sapendo poco di cosa valeva la squadra e cosa potevano dare i giocatori, tutto ciò gli è servito per dire ai nuovi amici: “Ragazzi, bisogna avere coraggio e tanta forza. Cercate di metterle in campo”.

Un suggerimento semplice, ma che ha avuto la forza di cambiare pelle a un gruppo da tempo apatico e privo di motivazioni.
E così è arrivato quel meritato punto (potevano anche arrivarne tre…) che oggi servirà a ricreare quel clima più disteso e foriero di momenti finalmente più felici di quelli vissuti fino ad ora.

Naturalmente i problemi per Deki restano tutti, ma si apre un nuovo periodo col volto interessante di un uomo che si è fatto subito apprezzare per carica umana e capacità tecniche che dovrebbero servire a dare anche quella forma organizzativa in campo fin qui mancata.

Il primo tempo dei blucerchiati a Bologna è stato molto modesto, tanto da far dire: “Ahinoi, non sta cambiando niente”. Invece la ripresa ha assunto un altro volto e sono cominciate a saltar fuori nei giocatori quel coraggio tanto ‘Stankoviciano’, quella determinazione e quella voglia di vincere che erano praticamente scomparse da tempo.

Sono bastate alcune intuizioni (che speriamo portino bene) per rialzare l’asticella della speranza. E’ infatti curioso che i due giocatori diciamo così ‘abbandonati’ da Giampaolo, Leris e Djuricic, abbiano dato il senso alla gara e siano stati due migliori, uno per il goal decisivo e l’altro per l’intensità e quella forza tanto auspicata dal Deki, con cui hanno firmato le loro prestazioni.

Dunque diciamo che sul piano tecnico la strada sembra tracciata, ma ora è necessario chiudere anche la strada societaria per poter continuare davvero in buona serenità.

Pare che allo stadio ci fosse nientemeno che la sorella di quel Di Silvio che aveva confermato il 10 ottobre, giorno per la offerta comunicativa della proposta dello sceicco.

Ovviamente è ancora tutto avvolto da un certo mistero, perché anche il Cda della Samp è in attesa di sapere qualcosa, al fine di decidere che fare, stare o andarsene, unirsi ai cosiddetti sceicchi.

Insomma sarebbe bene che proprio l’assetto societario avvenisse al più presto. Visto che, sul piano tecnico, il primo passo è stato fatto. Sarebbe un peccato che proprio la società non riuscisse a consolidarsi organizzativamente.

Sperando che anche il ‘fantasma Ferrero’ segua il suo destino.

Vittorio Sirianni

Netafim Bogliasco 1951, il direttore sportivo Fossati: “La Coppa Italia ci dirà chi siamo”

Super User 07 Ottobre 2022 297 Visite

Sarà la Coppa Italia a tenere a battesimo il ritorno tra le squadre di Serie A1 dei ragazzi del Netafim Bogliasco 1951.

Domani e domenica i biancazzurri di Daniele Magalotti saranno impegnati nel girone preliminare della seconda competizione nazionale. Un raggruppamento a quattro che comprende anche Pro Recco, Quinto e Catania e che si svolgerà interamente nella vasca amica della Vassallo. Un appuntamento di prestigio per una società che dopo tre anni di purgatorio si riaffaccia ai vertici della pallanuoto nazionale anche a livello maschile: “Queste tre gare per noi rappresentano un banco di prova molto importante in vista dell’avvio del campionato – afferma il ds bogliaschino, Gianni Fossati – Purtroppo nelle scorse settimane non abbiamo avuto molte opportunità di giocare gare amichevoli anche per questo il girone di Coppa sarà un test in grado di dirci molto sul nostro valore e su quali aspetti dobbiamo ancora migliorare”.

Il fine settimana di coppa sarà quindi l’occasione per vedere all’opera il team di Magalotti dopo il restyling estivo che ha portato in Riviera il centro canadese Jeremie Blanchard, il difensore croato Nino Mudrazija e il mancino serbo Filip Radojevic: “Abbiamo affrontato un mercato non semplice – prosegue Fossati – che ci ha costretto a muoverci con quasi due mesi di ritardo rispetto a quelle che probabilmente saranno le nostre concorrenti dirette per la salvezza. Nonostante ciò abbiamo allestito un organico che credo sia all’altezza della categoria, inserendo tre stranieri molto validi che si sono subito ambientati alla perfezione nel nostro spogliatoio. Oltre che da loro quest’anno mi aspetto però molto anche dai nostri giovani che dopo aver fatto benissimo in Serie A2 ora dovranno dimostrare di essere all’altezza del massimo campionato facendo fare a loro stessi ma anche a noi un significativo salto di qualità”.

Da navigato esperto di sport qual è Fossati non nasconde ambizioni e priorità della propria squadra rispetto al triplo appuntamento dei prossimi due giorni, evitando di barricarsi dietro parole di circostanza: “La Coppa Italia è una manifestazione importante ma credo di non sorprendere né offendere nessuno se dico che questo non è certo il nostro obiettivo primario. In realtà siamo già focalizzati sull’inizio del campionato che partirà tra due settimane. Ciò però non significa che non onoreremo al meglio l’appuntamento. Anche perché giochiamo di fronte al nostro pubblico e sarebbe bello iniziare la stagione regalandogli una gioia. Passare il turno non sarà tuttavia semplice visto che di fatto ci sarà un solo posto a disposizione per tre squadre dal momento che la Pro Recco farà come sempre storia a sé”.

Scelta come una delle sedi per il girone preliminare maschile, Bogliasco avrà la prossima settimana l’onore unico in Italia di ospitare l’analogo evento anche al femminile: “Questa due giorni rappresenta molto per la nostra società – conclude Fossati – innanzitutto perché segna il ritorno in A1 dei nostri ragazzi dopo tre anni di assenza. E poi perché farà il paio con il corrispettivo femminile che verrà ospitato sempre alla Vassallo nel prossimo fine settimana. Il fatto che la Federnuoto abbia deciso di affidarci l’organizzazione di entrambe le manifestazioni ci rende l’unica società italiana a farlo. Considero questo come un attestato di stima e apprezzamento nei confronti di una società come la nostra che evidentemente, nonostante le molteplici difficoltà contingenti, sta davvero facendo tanto per il nostro movimento. Ora mi aspetto che anche il pubblico faccia la sua parte accorrendo in massa a vedere le partite”.

Tribuna sportiva - Deki e Ferrero, i due salvatori della Sampdoria?

Super User 07 Ottobre 2022 427 Visite

È arrivato, finalmente, Deki, il serbo. Sponsorizzato alla grande dal suo amico serbo Mihajlovic, pagato (si pensa) da Ferrero che si è innamorato di lui da antichi tempi.

Tutti si chiedono se questa Samp abbia visto giusto nel suo futuro. Meglio se, in questo tormentato momento, abbia visto giusto solo lui, il presidente ‘vero’ della società (nella persona della sorella) e non i componenti dello staff blucerchiato, da Lanna a Romei, a Osti e Faggiano. I quali si sono visti surclassare, in questa decisione, dal ‘furetto’ e scapigliato (adesso un po’ meno) Ferrero.

Di Stankovic, sappiamo tutto. E’ stato un grande giocatore, il suo curriculum è straordinariamente felice: sei scudetti italiani, sei supercoppe, cinque coppe Italia, una bellissima Champions con l’Inter, un mondiale per club, una coppa delle Coppe, una Supercoppa europea, cinque trofei sulla panchina della Sella Rossa. Davanti a tutto ciò, chi non prenderebbe (a 700mila euro l’anno) un tipo simile?

Il problema, però, è un altro. E’ certo che Deki cercherà di fare del suo meglio. Ma (sembra di tornare al caso se Shevchenko genoano) è in grado di conoscere il campionato italiano? E’ in grado di saper gestire un gruppo di atleti depressi, amareggiati, senza molte motivazioni che non conosce? Oggi il calcio è un fenomeno proprio di conoscenza, e iniziare a vivere, all’ottava giornata, con due punticini sul groppone, tentando di ripartire per finire a dicembre (perché questo è l’obiettivo che hanno dato a Deki) in zona assolutamente salva, non è compito molto facile.

Anche perché esiste purtroppo un problema societario: finora chi ha guidato la società ha cercato di fare del suo meglio, ha lavorato almeno sul piano psicologico riacquistando ventimila tifosi quasi e, sul piano gestionale, nel tenere i conti al limite del possibile. E tutti i responsabili hanno anche lavorato cercando (loro correttamente) di verificare se davvero ci sono acquirenti giusti, corretti, affidabili.

E mentre stanno cercando di salvare il salvabile, ecco piombare loro addosso quel Ferrero, scomparso, per fortuna, dal perimetro blucerchiato a causa delle sue vertenze giudiziarie, ma ora riapparso con una certa arroganza, imponendo Stankovic, e sembra, volendo tornare a gestire con il suo staff la società.

E che tutti questi eventi preoccupano coloro che hanno a cuore la sorte della società, che mai ha vissuto periodi così tormentati.

La speranza, ovviamente, invece che tutto si risolva, perché tutto questo male non è possibile accada così violentemente. Deki sa tutto questo.

Buona fortuna, amici blucerchiati. Bologna vi aspetta.

Vittorio Sirianni

Tribuna sportiva, la Samp alla deriva

Super User 04 Ottobre 2022 425 Visite

Il crollo è stato verticale. Inutile ormai piangere sul latte versato. Si sa che il calcio possiede l’arte di complicarsi di colpo, come i temporali d’agosto.

Nessuno avrebbe pensato a questo disastro, anche se le premesse alla partenza non erano delle più ottimistiche. Ed è altrettanto risaputo che quando accadono fatti simili la colpa non è mai di una sola persona, ma del ‘sistema’ che comprende la società, i giocatori, il tecnico.

La squadra è caduta soprattutto perché caduta è la società che sta vivendo un momento di confusione organizzativa. Con Ferrero che, dal suo eremo, continua a comandare (basta pensare che sembra voglia insistere per Stankovic come allenatore), Romei che gli sta vicino, Osti che vive un momento di assoluta indecisione tecnica, accanto a Faggiano che non dimostra molta solidarietà umana e gestionale.

Al vertice (si fa per dire) vi è quel bravo ‘ragazzo’ che si chiama Lanna, arrivato lui, anima candida, nel momento di maggior caos societario. Unico a credere davvero nella Samp, unico a tenere i fili con una tifoseria a lui vicina, ma già sulle barricate (leggi gli striscioni contro Ferrero).

A questo punto si aggiunga quello che è stato definito il “tramonto del maestro”, dove per maestro qualcuno ha voluto definire Giampaolo che almeno per questa stagione non solo è apparso un ‘non maestro’ ma nemmeno un alunno di prima elementare.

Un pedigree niente male suo: due punti in otto giornate, quattro goal segnati dalla Samp, peggior attacco del campionato e peggior difesa con 16 reti subite. Il cosiddetto “gioco di Giampaolo” misteriosamente scomparso, ammesso che ci sia mai stato.

Proprio nell’ultima gara con il Monza, si è visto quanto fosse il distacco fra giocatori e tecnico, che tra l’altro era in tribuna perché squalificato.

Ora naturalmente, si deve pensare al futuro. Mentre scriviamo non è ancora stato scelto il tecnico: se ci saranno i soldi, Ranieri potrebbe arrivare (non dimentichiamo che se ne andò proprio perché voleva quei 2 milioni netti…) oppure D’Aversa, ma anche Andreazzoli o quello Stankovic che non si capisce bene perché sia tanto richiesto da Ferrero.

A questo punto sarebbe importante ricreare un certo clima, con cambiamenti organizzativi decisivi. Si parla infatti di un possibile ritorno di Garrone supportato dallo sceicco e forse anche dal nome Vialli.

Il calo della Samp (con il Genoa in B) dispiace agli sportivi tutti i genovesi: la città non merita che il suo calcio vada così male. Il Genoa sembra stia rialzandosi. Sarebbe importante che anche la Samp ritrovasse la giusta strada per un immediato Rinascimento.

Lo chiedono i suoi appassionati tifosi, lo chiede la città sportiva tutta.

Vittorio Sirianni

Pallanuoto A1, presentate le squadre del Bogliasco 1951

Super User 17 Settembre 2022 1179 Visite

Grande partecipazione di pubblico alla presentazione delle due principali squadre, maschile e femminile, del Bogliasco 1951 che si apprestano ad iniziare l’impegnativo campionato di pallanuoto di Serie A1.

All’evento, che si è tenuto ieri presso la sede delle assicurazioni Generali Hub799 in corso Europa a Genova con la conduzione della showgirl Serena Garitta e del giornalista Marco Tripodi, erano presenti i vertici della società bogliaschina, oltre ovviamente alle due formazioni.

Accanto ai neopromossi pallanuotisti e alle confermate pallanuotiste c’erano il presidente Simone Canepa, i direttori sportivi Gianni Fossati (squadra maschile) ed Elena Maggi (femminile), gli allenatori Daniele Magalotti (maschile) e Mario Sinatra (femminile), ed Enrico Beltrami dello staff della comunicazione. Sul palco è salito anche il giornalista (ex Rai) Paolo Zerbini, che recentemente ha vinto col Bogliasco la medaglia d’argento ai Campionati europei over 70.

Molti gli amministratori comunali presenti: il sindaco di Bogliasco Luca Pastorino con il suo consigliere delegato allo Sport Massimo Albasini, gli assessori del Comune di Genova Marta Brusoni, con la sua ormai inseparabile labradorina Apple, e Sergio Gambino, assicuratore presso un’agenzia Generali concorrente a quella dove è avvenuto l’incontro. Inoltre, abbiamo incontrato anche due capigruppo che siedono a Palazzo Tursi, quello di Liguria al Centro, Nicholas Gandolfo, e il suo collega della Lega, Federico Bertorello, quest’ultimo bogliaschino doc.

I padroni di casa e sponsor del Bogliasco 1951, i coniugi Mauro Faccenda e Alessandra Bianchi, hanno fatto sentire tutti gli ospiti a proprio agio nella loro splendida sede: una palazzina a quattro piani tutta vetro affacciata su corso Europa, al civico 799, tra l’incrocio con via Isonzo e il cavalcavia di via Carrara, inaugurata nell’aprile scorso alla presenza del governatore Giovanni Toti e del sindaco Marco Bucci.

L’ottimo catering, guidato magistralmente da Carlo Barile, ha reso il tutto ancora più piacevole.

Serena Garitta intervista il presidente Simone Canepa

 

La prestigiosa sede Generali Hub799

L'agente generale Generali Mauro Faccenda con la moglie Alessandra Bianchi davanti alla loro sede

Il brindisi dei coniugi 

Alessandra Bianchi con Francesca Serra di Generali

Mauro Faccenda e il presidente del Bogliasco 1951 Simone Canepa 

L'assessore Sergio Gambino con Mauro Faccenda

L'abbraccio tra concorrenti, anche Gambino è assicuratore Generali

 Simone Canepa e Enrico Beltrami 

Serena Garitta e Marco Tripodi preparano la scaletta della presentazione

Serena particolarmente euforica

L'intervento del sindaco Luca Pastorino

Gianni Fossati (il primo a sinistra) direttore sportivo del Bogliasco

Da sinistra: Paolo Zerbini, Massimo Albasini e Mauro Faccenda

Il presidente con i pallanuotisti Duilio Puccio e Giacomo Boero

 L'assessora Marta Brusoni con Apple che fa pendant con la grande borsa Christian Dior

 

 

 

Volley femminile, grandi progetti per la nuova stagione targata Normac Group

Super User 09 Settembre 2022 370 Visite

Una nuova realtà sportiva, punto di riferimento per tutta la Liguria, per far crescere il tessuto sociale genovese e rafforzare la presenza di Genova sulla scena pallavolistica nazionale.

È stata presentata questa mattina al Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi il progetto Normac Group, nuova e importante realtà del volley genovese e ligure. 600, dalle bimbe del settore S3 fino alle giocatrici della prima squadra, le atlete tesserate per il Normac Group, risultato della collaborazione tra Normac AVB, Normac VGP e Serteco.

Alla presenza tra gli altri del presidente di Normac AVB Carlo Mangiapane, degli assessori comunale e regionale allo Sport e del consigliere CONI Liguria Piero Picasso, i dirigenti della Normac hanno raccontato la genesi e i protagonisti di un progetto di ampio respiro mirato a coinvolgere centinaia di famiglie di tutto il territorio cittadino.

“I progetti che Normac Group lancia sono molto ambizioni e sono la dimostrazione di quanto Genova sia una città di una grande vitalità dal punto di vista dello sport femminile sia sul piano agonistico sia dell’avviamento all’attività delle più piccole – dichiara l’assessore allo sport del Comune di Genova, Alessandra Bianchi –. I risultati raggiunti dalla Normac, anche nelle categorie giovanili, ci rendono orgogliosi come Amministrazione e vogliamo sostenere con forza le realtà che sul territorio e nei nostri quartieri avvicinano bambini allo sport, una parte essenziale della quotidianità a cui purtroppo, durante la pandemia, per troppo tempo si è dovuto rinunciare. A tutte le bambine che stanno per iniziare la nuova stagione sportiva e alle ragazze della prima squadra faccio un grande in bocca al lupo, certa che daranno il massimo per portare in alto il nome di Genova nel campionato nazionale di B1”. 

“Sono entusiasta quando un nuovo progetto si affaccia al mondo dello sport e questo del Normac Group è davvero interessante per la città di Genova e tutta la regione – aggiunge l’assessore allo sport di Regione Liguria, Simona Ferro – ancor di più vista l’ambizione di questa realtà sportiva di creare un settore giovanile adatto a sostenere una società con l’ambizione di raggiungere grandi traguardi. Progetti come questi sono ossigeno per il mondo dello sport che, in un periodo davvero complesso in cui si pensava potesse perdere la spinta propulsiva, trova invece le risorse di chi, come oggi, accetta la sfida di nuove avventure sportive e lo fa con la voglia di vincerle”. 

Due gli obiettivi principali: da un lato far emergere Genova sulla scena pallavolistica italiana attraverso l’iscrizione di una squadra di alto livello nel campionato nazionale di serie B1 (Rimont Progetti Genova), dall’altro valorizzare il settore giovanile come fucina di giovani talenti del territorio da inserire stabilmente in prima squadra al fine di rafforzare, nel medio-lungo periodo, la componente genovese del team (progetto Wonder Volley).

Rimont Progetti Genova, azienda leader nella costruzione di ascensori, sarà il main sponsor della squadra che nella stagione 2022/2023 parteciperà al campionato nazionale femminile di serie B1.

Seguite dallo staff tecnico composto da Matteo Zanoni (primo allenatore), Alessandro Delucchi (secondo allenatore), Sergio Antonazzo (preparatore atletico), Pier Paolo Bovero (scoutman) e Roberta Tanino (fisioterapista), le ragazze hanno già iniziato gli allenamenti nel mese di agosto con sedute giornaliere in palestra e sul campo di atletica.

L’obiettivo primario della Rimont Progetti Genova, come neopromossa, sarà quello di mantenere la categoria e cercare di togliersi qualche bella soddisfazione. La squadra giocherà le partite casalinghe al sabato pomeriggio o sera presso il palazzetto dello sport “Lino Maragliano” di Prato.

Questa la rosa completa della squadra: palleggi, Giulia Piccardi e Silvia Romanin; bande, Sara Allegri, Anastasia Sarabattini, Carlotta Rissetto ed Elisa Vecerina; centrali, Silvia Palazzi, Chiara Poggi ed Alice Vieri; opposti, Aurora Montedoro e Silvia Truffa; liberi, Silvia Bulla e Federica Ghezzi.

“L’impegno di Normac Group – commenta il presidente di Normac AVB Carlo Mangiapane – ha l’obiettivo, a medio e lungo termine, di portare il volley genovese e ligure a poter competere alla pari con realtà che possono contare su un bacino giovanile molto più ampio. Tutto questo grazie a tutti coloro che hanno reso possibile nel corso degli anni una crescita significativa dedicando il loro tempo libero alla passione per il volley. Nel contempo voglio citare Fabrizio Fossati, già presidente di VGP, che per primo ha creduto nel progetto “Normac Group” e i soci Vidardo Panciroli e Andrea Casassa che di recente si sono uniti al gruppo dando un forte impulso al progetto. Infine – conclude il presidente Mangiapane – voglio ringraziare tutti coloro che ci sostengono e che ci sosterranno per far sì che tutto questo sia solo un punto di partenza per un solido futuro”.

Il progetto Wonder Volley è mirato a far crescere “in casa” le giovani atlete, creando per loro un percorso di eccellenza che non le costringa a cercare fuori città e regione quei miglioramenti che possono ottenere grazie al lavoro dei tecnici di Normac Group, guidati dal direttore tecnico Matteo Zanoni e dal responsabile del minivolley Marco Malaspina.

Sotto il “cappello” di Normac Group parteciperanno ai campionati liguri under 14, under 16 e under 18 tre formazioni nate amalgamando le migliori atlete di Normac AVB, Normac VGP e Serteco. Mentre le tre società che fanno parte di Normac Group continueranno a schierare squadre in tutte le categorie giovanili, per un totale di 20 squadre: un grosso impegno organizzativo che sarà coordinato dal direttore generale Mario Bacigalupo.

Pallanuoto, argento per il Bogliasco al Campionato europeo over 70

Super User 06 Settembre 2022 423 Visite

Ottimo risultato per la squadra Master di pallanuoto del Bogliasco Over 70 al Campionato Europeo che si è giocato nel bellissimo Centro Federale di Ostia, Roma, al quale hanno partecipato 54 squadre di club, tra italiane e straniere, sia maschili sia femminili, delle varie categorie.

I bogliaschini hanno conquistato l’argento perdendo in finale con i fortissimi cechi del Piestany, squadra di Bratislava guidata dal gigantesco Peter Nižný. Un risultato meritato per i cechi, apparsi molto più prestanti rispetto ai liguri. E in questo duro torneo, 6 partite in 7 giorni, alla fine il fisico ha fatto la differenza.

Bene gli arbitraggi, con doppi arbitri, stranieri e italiani, compresi diversi liguri.

Ecco i componenti del Bogliasco: Casaleggio (20 gol) Tomati, Cilio, Agostino, Borrelli, Cucchia (cap) Lastrico, Colombo, Zerbini, Del Secco, Allisiardi. Allenatore Canella. 

 
Il giornalista (ex Rai) Paolo Zerbini, classe 1942, mostra la medaglia d'argento


Gli atleti del Bogliasco applaudono i campioni cechi

Impianti sportivi, assessore Bianchi: “Gara per l’affidamento temporaneo di Villa Gentile per dare continuità all’attività”

Super User 18 Agosto 2022 736 Visite

“Abbiamo scelto la strada della manifestazione di interesse per l’affidamento temporaneo dell’impianto di Villa Gentile per garantire continuità all’attività sportiva conseguentemente alla comunicazione degli attuali gestori di riconsegna dell’impianto il 5 settembre prossimo. Il 23 agosto si chiuderà il bando di gara e il 6 settembre auspichiamo che il nuovo gestore subentrerà senza soluzione di continuità con il precedente”. Lo dichiara l’assessore comunale allo Sport e agli Impianti sportivi Alessandra Bianchi in merito a Villa Gentile.

“Non c’è stato e non vogliamo - prosegue l’assessore - che ci sia nessuno stop all’attività sportiva all’interno dell’impianto di Villa Gentile. Dopo la chiusura di questi giorni ferragostani per ferie, come ogni anno, l’impianto sarà regolarmente riaperto per ospitare atleti e appassionati. Pertanto, voglio chiarire, a scanso di equivoci che potrebbero essere generati da alcune imprecisioni riportate sulla stampa locale, che Villa Gentile dovrà avere piena continuità di apertura e che, in questi giorni di consueta chiusura per ferie, ci siamo assicurati che gli atleti professionisti possano comunque accedere, previa richiesta all’impianto per proseguire gli allenamenti in vista di competizioni internazionali”.

“La nostra amministrazione vuole potenziare e valorizzare il polo di Villa Gentile, un punto di riferimento storico e imprescindibile per società e sportivi non solo del levante genovese ma di tutta la città”, conclude l’assessore Bianchi.

Promozione del territorio, il marchio “LaMiaLiguria” sulle maglie delle squadre liguri di Serie A

Super User 01 Agosto 2022 466 Visite

La Giunta regionale della Liguria ha deliberato di stanziare 1 milione e 300 mila euro a carico di fondi comunitari per “interventi di promozione del territorio ligure” confermando, dopo il successo registrato nella scorsa stagione, la collaborazione con le squadre liguri che militano nel campionato di Serie A, Sampdoria e Spezia, che prevede la collocazione del marchio “LaMiaLiguria” sulle maglie dei giocatori durante le partite di campionato e Coppa Italia.

Con questo provvedimento Regione Liguria favorisce e sostiene l’internazionalizzazione del territorio regionale e delle sue eccellenze, attraverso mirate campagne promozionali in grado di raggiungere un pubblico particolarmente ampio e diversificato. Durante la campagna promozionale del brand “LaMialiguria” avvenuta il 10 dicembre 2021, in corrispondenza del derby Genoa-Sampdoria e fino al termine del campionato (20 maggio 2022), sono state complessivamente giocate da Sampdoria e Spezia 45 partite (42 di campionato e 3 di coppa Italia) con il marchio impresso sulle maglie dei giocatori, raggiungendo un’audience media cumulata di oltre 26.724.000 spettatori.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip