Skin ADV

Notizie

Regione Liguria, stanziati 61mln per coprire maggiori prestazioni sanitarie

Super User 04 Maggio 2024 365 Visite

Via libera della Giunta regionale allo stanziamento di 61 milioni di euro (61.079.681 euro) a favore del servizio sanitario regionale in attuazione della legge sulla Variazione di bilancio approvata il 22 aprile scorso in Consiglio regionale a favore delle aziende sanitarie e dei due Irccs, Policlinico San Martino e Istituto Gaslini. Stanziati anche 25 milioni di euro per aumentare le prestazioni di chirurgia protesica, anche attraverso il privato accreditato.

“Nel 2023 il nostro sistema sanitario ha speso per servizi e prestazioni più di quello che avevamo previsto nel bilancio approvato a dicembre – spiega il presidente della Regione e assessore al Bilancio Giovanni Toti -. Per questo non si può in alcun modo parlare di tagli: l’obiettivo è anzi quello di investire ancora di più per garantire ai cittadini risposte efficaci ai loro bisogni di salute, riducendo anche le liste d’attesa e invertendo il trend delle fughe fuori regione. Per questo abbiamo stanziato 25 milioni di euro per aumentare, anche attraverso il privato accreditato, le prestazioni di ortopedia protesica. Investimenti che si aggiungono al potenziamento della diagnostica per immagini, che ha giù determinato una sensibile riduzione dei tempi di attesa, della cardiochirurgia e cardiologia interventistica, della chirurgia generale, con gare pubblicate a scaglioni fino a giugno. Le risorse, però, non bastano: la sfida - conclude il presidente - è anche quella di aumentare l’appropriatezza prescrittiva e, quindi, l’efficienza complessiva del sistema”.

A fronte della stima di aumento del Fondo sanitario nazionale si prevede in Liguria un aumento dell’attività di specialistica ambulatoriale e di diagnostica per ulteriori 2 milioni di prestazioni (da 26,4 milioni dell’anno 2023 a oltre 28 milioni di euro) e per l’ospedaliera si stima un aumento di oltre 14mila ricoveri.

Giornata regionale della Polizia locale, premiati gli agenti che si sono distintisi nel 2023

Super User 03 Maggio 2024 435 Visite

Regione Liguria, in occasione della ‘Giornata regionale della Polizia Locale’, ha premiato con 13 onorificenze gli agenti della Polizia Locale, distintisi per meriti speciali nel corso del 2023. La cerimonia di consegna, a cui ha partecipato il presidente di Regione Liguria, il presidente del consiglio regionale e l’assessore alla Sicurezza di Regione Liguria, è stata preceduta in piazza De Ferrari dal passaggio in rassegna del picchetto d’onore del Corpo della Polizia Locale di Genova e le bandiere dei Corpi di Polizia Locale dei comuni capoluogo di provincia. 

“Quella di oggi è una giornata importante, che celebra il fondamentale lavoro che le forze di polizia fanno per le nostre comunità, perché la sicurezza nelle nostre città è propedeutica alla crescita, allo sviluppo e alla convivenza civile – spiega il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti -. Credo che l’integrazione tra i vari corpi e il lavoro fatto in questi anni per costruire un sistema di sicurezza a 360 gradi, che va dalla video sorveglianza alle pattuglie congiunte, sia di grande rilevanza, anche se spesso si dà per scontato". 

“Per ricordare il valore dei nostri agenti nel garantire la sicurezza urbana e il decoro delle nostre città, Regione Liguria ha istituito nel 2018 la 'Giornata regionale della Polizia Locale'. Un momento importante, non solo per ringraziare chi si è maggiormente distinto nel corso dell'anno, ma anche per consolidare il senso d'appartenenza con la cittadinanza - sottolinea l'assessore regionale alla Sicurezza Alessio Piana - Recentemente abbiamo presentato il report dell'Osservatorio regionale sulla sicurezza con cui abbiamo analizzato l’informazione statistica riferita alla commissione di reati e alle loro caratteristiche e dinamiche nel tempo. Elementi che ci devono aiutare, da un lato a monitorare la situazione anche in considerazione delle differenze tra centri urbani ed entroterra, dove i vigili sono considerati un presidio sociale irrinunciabile; dall'altro a mettere nelle condizioni migliori possibili il personale in servizio. Da quest'anno, inoltre - aggiunge l'assessore -, abbiamo deciso di far convergere all’interno della stessa cerimonia la consegna degli elogi a quegli agenti che hanno saputo garantire i diritti dei più fragili. Un ulteriore segnale di attenzione verso chi, con il proprio lavoro, permette ai meno fortunati di vivere quotidianamente alla pari”. 

“Giornata importante per valorizzare il lavoro di donne e uomini della Polizia Locale, quotidianamente impegnati nella sicurezza cittadina, non solo come vigili urbani, ma come agenti veri e propri – afferma il presidente del Consiglio regionale Gianmarco Medusei -. In questo senso l’occasione odierna è opportuna per ribadire, da un lato la necessità di cambiare la legge quadro dell’86, ancora troppo indietro a livello nazionale, e dall’altra l’augurio che sempre più comuni aderiscano alla dotazione di taser, sperimentata con successo alla Spezia”.

 

Le onorificenze:

- Polizia Locale di Genova. Premiato il Nucleo Fasce Deboli, organo dedicato alla prevenzione e al contrasto della violenza "di genere" e domestica che nasce nel 2023 dall'esigenza di rafforzare la lotta agli atti persecutori e ai maltrattamenti in famiglia. Nei primi mesi della sua operatività ha: trattato 234 fascicoli di indagine, deferito all'Autorità Giudiziaria ben 120 persone indagate in quanto resesi responsabili di comportamenti persecutori o maltrattamenti, ottenuto l'applicazione di misure cautelari tra cui quella del "braccialetto elettronico". Il Comitato ha approvato il conferimento delle onorificenze agli operatori del Nucleo Fasce Deboli per "aver realizzato progetti innovativi, accrescendo il prestigio della categoria o dell'ente". Fra le attività più 'pragmatiche' segnalate: l'attività investigativa che ha portato in carcere un uomo per plurimi e reiterati atti persecutori nei confronti dell'ex compagna e l'arresto di un giovane 27enne, autore di gravi vessazioni nei confronti dell'anziano padre, al quale estorceva denaro da impiegare nel gioco d'azzardo. Premiati i membri che costituiscono il Nucleo Fasce Deboli: Primo Comm. Emiliano Anania (coordinatore), Comm. Elisa Frau (responsabile del Nucleo), Vice Comm. Sonia Gazzolo, Ag. Scelto Roberto Siddi, Ag. Aurora Tornabene.

- Polizia Locale della Spezia. Conferimento a due operatori del Comando di Polizia Locale della Spezia che si sono distinti per le attività di soccorso a minori maltrattati e di tutela ambientale. In particolare, il Vice Comm. Michela Colombo accertava il maltrattamento fisico e psicologico subito tra le mura domestiche da due fratellini (di 11 e 13 anni) di nazionalità cinese, che vagavano soli per strada. L'operatrice riusciva a percepire la gravità della situazione in cui versavano i minori, cogliendo sin da subito elementi riconducibili a percosse inferte e una criticità psicologica di entrambi. Le indagini si sono concluse con la denuncia della madre per il reato di maltrattamenti in famiglia. Nel secondo caso, l'indagine portata avanti dal vice Comm. Michele Paganini, in sinergia con i Carabinieri Forestali della Spezia e coordinata dalla Procura della Repubblica della Spezia, ha permesso di identificare e denunciare all'Autorità Giudiziaria i componenti di una vera e propria organizzazione criminale dedita al traffico illecito di rifiuti, che gestiva una discarica abusiva a cielo aperto nella parte est della città.

- Polizia Locale di Rapallo. Onorificenza all'Ass. Fulvio Berlingeri e all'Ag. Marco Tassara Dellacasa, operatori del Comando di Polizia Locale di Rapallo, distintisi per spirito di iniziativa e spiccata professionalità, nell'ambito di un'attività a soccorso a favore di un cittadino in pericolo, che veniva aggredito con un grosso coltello da cucina. In particolare, l'aggressore è stato bloccato dagli agenti dopo un concitato inseguimento a piedi ed una cruenta colluttazione.

- Polizia Locale di Savona. Premiati il Vice Comm. Francesco Ferba, il Vice Comm. Matteo Lai e l'Ag. Silvia Venturino per aver portato alla luce una torbida vicenda che coinvolgeva un soggetto anziano, incapace di intendere e di volere, oggetto delle attenzioni di due donne che, dietro la parvenza di amicizia e solidarietà, celavano mire egoistiche e profittatrici. L'agire degli operatori è stato connotato da una particolare sagacia nel saper cogliere spunti investigativi da situazioni apparentemente banali.

- Polizia Locale di Ventimiglia. Conferimento all'Ag. Alessandro Quaranta per essersi distinto nell'attività di soccorso durante un incendio sviluppatosi all'interno di un'attività commerciale. In particolare, l'agente, accortosi della presenza in prossimità dell'interno del locale di una persona in difficoltà e in palese stato confusionale, intossicata dal fumo ed ustionata in varie zone del corpo, ne favoriva l'uscita consentendo alla stessa di ricevere le adeguate cure.

Inseriti quest'anno, nell'ambito della Giornata regionale della Polizia Locale, gli elogi - decisi dalla Consulta Regionale Handicap istituita con la legge regionale 19/1994 - a favore degli agenti di Polizia Locale che si sono distinti nella tutela dei diritti delle persone disabili, in particolar modo vigilando sul corretto utilizzo del Cude (Contrassegno Unificato Disabili Europeo), sui posteggi dedicati, sugli attraversamenti pedonali e, più in generale, sulle strutture che garantiscono la mobilità delle persone disabili.

Diciotto gli elogi consegnati: 3 per il Comando di Polizia Locale di Chiavari (Ag. Francesco Longinotti, Ag. Alessio Perego, Ag. Andrea Tridico), 3 per il Comando di Polizia Locale di Sanremo (Ag. Federica Giorlando, Ag. Francesca Londri, Ag. Scelto Giancarlo Savini Lunghi Gatti), 6 per il Comando di Polizia Locale di Savona (Ag. Davide Boagno, Ag. Federico Lanfranconi, Ag. Daniele Mandirola, Ag. Fabrizio Tripodi, Ag. Silvia Venturino, Ag. Emanuele Vitiello), 4 per il Comando di Polizia Locale della Spezia (Ag. Andrea Casto, Ag. Valentina Figoli, Ag. Luca Paradisi, Ag. Lorenzo Sansica) e 2 per Genova (Assistente Eros Zanini, Sovrintendente Capo Ugo Forcieri).

Giornata della Croce Rossa, esposta a Tursi la bandiera dell’associazione umanitaria

Super User 03 Maggio 2024 491 Visite

La bandiera della Croce Rossa Italiana sventola da Palazzo Tursi in occasione della Giornata Mondiale della Croce Rossa, organizzata con ANCI, che ogni anno viene celebrata l’8 maggio.

Questa mattina la Croce Rossa ha simbolicamente consegnato la sua bandiera nelle mani dell’assessore allo Sviluppo economico Mario Mascia, con una piccola cerimonia nell’ufficio di Rappresentanza del sindaco. La bandiera è stata poi esposta da Palazzo Tursi e sarà visibile per una settimana.

Ogni anno la settimana della Croce Rossa rinnova lo spirito di collaborazione tra i comitati locali e le comunità, le cui amministrazioni comunali rappresentano il naturale interlocutore, considerato il ruolo ausiliario della Croce Rossa nel settore umanitario.

Regione Liguria, predisposto il finanziamento per incrementare le prestazioni di ortopedia

Super User 02 Maggio 2024 393 Visite

Entro la prossima settimana sarà votato in giunta regionale il provvedimento che prevede lo stanziamento dei fondi per incrementare le prestazioni di ortopedia in Liguria, con coinvolgimento del privato accreditato e con l’obiettivo di ridurre le liste d’attesa e le fughe dei pazienti in altre regioni, per questa specialità. 

“Ci apprestiamo - spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - ad aggiungere un altro tassello dei provvedimenti straordinari messi in campo dall’inizio dell’anno per abbattere i tempi di attesa e ridurre il numero di persone che scelgono di recarsi in altre regioni per farsi curare. L’ortopedia è storicamente un ambito della nostra sanità in cui nel passato i liguri, specie nei territori di confine, sceglievano regioni limitrofe per avere le risposte rispetto ai loro bisogni di salute. Stiamo lavorando per una netta inversione di tendenza che riteniamo potrà avvenire già entro la fine di quest’anno. L’incremento di prestazioni di ortopedia nei nostri ospedali è già cresciuto negli ultimi anni: rispetto al 2021 sono aumentate del 9% e con il provvedimento che stiamo per adottare, puntiamo a una crescita superiore al 25%”. 

“Attendiamo – aggiunge l’assessore alla Sanità della Regione Angelo Gratarola – che al fianco delle nostre attività, anche il Governo formalizzi l’annunciato decreto per ridurre le liste d’attesa. Per quanto è stato anticipato, si tratta di una misura che va nella direzione che abbiamo già intrapreso: incremento di prestazioni, linee guida sull’appropriatezza, consenso agli ospedali di acquistare dai propri medici prestazioni in libera professione. Quest’ultimo in particolare è uno strumento che potrebbe di fatto superare la normativa che Regione Liguria aveva approvato a fine 2023 e che era stata impugnata dallo stesso Governo. Insieme alle manifestazioni di interesse per il privato accreditato potremmo così dare ulteriore linfa per abbattere i tempi di attesa per visite ed esami”.

“Nel campo dell’ortopedia – spiega Filippo Ansaldi, direttore generale di Alisa – registriamo un fabbisogno annuo pari a circa 125 milioni di valore della produzione. Già nel corso del 2023 abbiamo assistito ad una importante crescita delle attività del nostro sistema sanitario, pari al 9%. Il finanziamento di Regione e la conseguente manifestazione di interesse per il privato accreditato, assieme ad un ulteriore incremento di budget dedicato a questo campo per le aziende, hanno l’obiettivo non solo di far crescere il numero di prestazioni, ma anche quello di ridurre in modo significativo la mobilità passiva e di incrementare l’attrattività delle strutture liguri da altre regioni”.

 

È STATA COSTITUITA IN LILT GENOVA LA CONSULTA PER LA LOTTA AL TUMORE ALL’OVAIO

L’8 maggio ricorre ogni anno la Giornata mondiale sul tumore ovarico per migliorare sempre di più la conoscenza e l’attenzione verso questo tumore il tumore dell’ovaio è la neoplasia ginecologica meno frequente ma è il «big Killer» delle neoplasie ginecologiche per la sua aggressività biologica. “in Liguria - ottolinea Serafina Mammoliti, oncologo medico e coordinatrice DMT (Disease Management Team) neoplasie ginecologiche del Policlinico San Martino – sono circa 150 le nuove diagnosi/anno e circa 500 pazienti in trattamento. È una malattia subdola che non dà sintomi specifici: informazione e diagnosi tempestiva sono fattori determinanti per cambiare positivamente la storia evolutiva della malattia e la sua prognosi - continua Mammoliti. Lo scorso marzo, all’interno dell’Associazione Lilt Genova, è nata la Consulta per la lotta al tumore dell’ovaio che si occupa di prevenzione, diagnosi, cura e assistenza alle pazienti affette da tumore ovarico in tutte le sue fasi ed è stata costituita per migliorare sempre di più la conoscenza e l’attenzione verso questo tumore”.

 

IL 5 MAGGIO GIORNATA MONDIALE PER L’IGIENE DELLE MANI

Sono programmate in tutta la Liguria diverse iniziative in occasione della giornata mondiale per l’igiene delle mani, in programma domenica 5 maggio. “Condividere le conoscenze sul lavaggio delle mani – spiega Andrea Orsi, professore associato Dipartimento di scienze della salute Università di Genova – è fondamentale perché aiuta a fermare la diffusione dei germi nocivi nell'ambito sanitario. L'igiene delle mani salva milioni di vite ogni anno: da una ricerca condotta dall’OECD emerge che, in 34 paesi dell’OECD e dell'UE/SEE, investire 1 dollaro per migliorare l'igiene delle mani negli ambienti sanitari porta a un ritorno economico di circa 24,6 dollari”.

 

LE INIZIATIVE IN LIGURIA:

ASL 1

Asl1 scende in campo per la “Giornata Mondiale dell'Igiene delle Mani”, promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, in programma il prossimo 5 maggio 2024. Per tutto il mese di maggio ci saranno una serie di iniziative e incontri con le scuole del territorio di ogni ordine e grado, per sensibilizzare gli studenti e le studentesse a un corretto lavaggio delle mani. Per saperne di più visita la pagina dedicata 

ASL 2

Nella mattina di lunedì 6 maggio 2024, presso le sedi ospedaliere di Pietra Ligure, Albenga e Savona saranno attivate 7 postazioni informative (dalle 8:30 alle 12:30) dove saranno distribuite brochure informative rivolte sia al personale sanitario sia all’utenza e ai visitatori: previste dimostrazioni pratiche interattive sulla corretta tecnica per praticare l’igiene delle mani con l’utilizzo del gel alcolico.

Ospedale di Savona: sarà presente un team mobile che effettuerà il giro di tutte le sale di attesa presenti nello stabilimento ospedaliero per distribuire materiale informativo e fornire dimostrazioni pratiche.

Ospedale di Pietra Ligure sarà disponibile un box pedagogico a raggi ultravioletti attraverso il quale sarà possibile controllare se l’igiene delle mani mediante gel alcolico sia stata effettuata correttamente. 

ASL 3

Attiverà due infopoint venerdì 3 maggio nelle Stazioni di Genova Brignole e Genova Principe in collaborazione con Grandi Stazioni Retail in occasione della Giornata Mondiale per l'Igiene delle Mani:

dalle 9 alle 12 nell’atrio della stazione Genova Piazza Principe

dalle 14 alle 17 nell’atrio della stazione Genova Brignole 

Gli esperti del Gruppo operativo del Comitato sulle Infezioni ospedaliere presso l'Asl3 saranno disponibili per fornire consigli pratici e spiegare alcune semplici regole riguardanti l'igiene corretta delle mani. Durante l'evento informativo sarà possibile partecipare a test interattivi per verificare se si sta eseguendo correttamente l'igiene delle mani e per valutare il livello di pulizia del proprio cellulare.

Per informazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , tel. 010 849 7408/7819 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17). Visita la pagina dedicata

ASL 4

"La Salute nelle nostre Mani: approccio one health" è il titolo dell'evento formativo che avrà luogo venerdì 10 maggio 2024 presso l’Hotel Grande Albergo Via V. Veneto, 2 - Sestri Levante, organizzato in Asl 4 e finalizzato alla condivisione delle tematiche di rilevanza, fornendo la conoscenza e la trasversalità del fenomeno della residenza agli antibiotici, attraverso la valorizzazione di tutti settori coinvolti e la partecipazione con professionisti e cittadinanza. Inoltre, grazie all’innovazione digitale all'interno dei reparti, in occasione del 5 maggio verrà intensificata l’adesione alla rilevazione delle opportunità all’igiene delle mani, da parte dei referenti infermieri di ogni singola Struttura, mediante l'app “speedy audit”.

A partire dalla prima settimana del mese di maggio inoltre, sono stati organizzati, presso le singole strutture, incontri formativi condotti dai Referenti infermieri delle Infezioni Ospedaliere, per diffondere ed implementare il documento creato nel percorso formativo a loro dedicato, sulla prevenzione delle Infezioni correlate all’assistenza. Tutti i reparti degenziali, infine, saranno coinvolti nella campagna informativa dell'OMS nella creazione di tools utili alla divulgazione e promozione della corretta igiene della mani ad operatori, pazienti e caregivers, per garantire cure sanitarie efficaci e sicure..

ASL 5

Il 16 maggio, in occasione dell'ultimo appuntamento del ciclo di incontri rivolti alle scuole e alla popolazione dal titolo “Costruiamo insieme la nostra salute”, si terrà una sessione didattica sull'igiene delle mani con ausilio di Box pedagogico. Prosegue, inoltre, la Campagna sull'igiene delle mani e la prevenzione delle infezioni mediante i video educazionali, in collaborazione con Federfarma La Spezia. Per tutti gli operatori, sarà diffuso il Piano Aziendale di promozione e responsabilizzazione sull'igiene delle mani che prevede una serie di interventi educativi ed operativi che saranno scanditi pet tutto l'anno.

 

OSPEDALE POLICLINICO SAN MARTINO

Saranno presenti, lunedì 6 maggio 2024, nell’atrio del Padiglione Monoblocco e nell’atrio del Palazzo Amministrazione, dalle ore 9 alle ore 12, due punti informativi rivolti all'utenza e agli operatori sanitari, organizzati dall'Unità Operativa Igiene e dotati di box pedagogici per verificare la corretta procedura di igiene delle mani.

 

E.O.OSPEDALI GALLIERA

L’Ospedale Galliera ha organizzato per il 7 maggio il corso “Igiene delle mani strategie e pratiche essenziali per la prevenzione delle infezioni: garantire la salute e la sicurezza”.

Per informazioni visita la pagina dedicata

Elezioni europee, saranno due i candidati liguri di Fratelli d’Italia: Balleari e Tosi

Super User 02 Maggio 2024 566 Visite

“Antonella Tosi sarà la seconda candidata ligure nella lista di Fratelli d’Italia alle prossime elezioni europee”, lo annuncia il coordinatore regionale, il deputato Matteo Rosso, a poche ore dalla chiusura delle liste.

A Stefano Balleari, si è aggiunta Antonella Tosi, 63 anni, ingauna, insegnante di Diritto ed Economia all'Istituto Tecnico Falcone di Loano, ex consigliere comunale di minoranza a Toirano, dove è stata candidata sindaco. Una figura con una carriera di lungo corso; già candidata alle elezioni europee e regionali nelle file di AN, vanta varie esperienze amministrative, prima nel Comune di Albenga e poi nel CDA dell'Istituto Trincheri.

Nel 2005 le è stato conferito dall’ex ministro delle Politiche Agricole Alemanno il ruolo di consigliere per le Politiche Strutturali e dello Sviluppo nella Regione Liguria. Attiva nel sociale, è stata presidente del Comitato Femminile della Croce Rossa di Toirano e ha ricoperto tutti i ruoli nell’associazione FIDAPA (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari) del distretto Nord Ovest. Attualmente è coordinatrice dei revisori dei conti nazionale FIDAPA.

Soddisfazione da parte del coordinatore regionale di FDI: “La presenza di due candidati liguri per le europee nella lista del primo partito d’Italia è motivo di orgoglio. Un riconoscimento che certifica e ripaga la crescita del lavoro che abbiamo svolto sul territorio in questi anni”. Le elezioni europee adottano un sistema proporzionale puro, ragion per cui il partito più in alto nei consensi ha maggiori possibilità di eleggere i propri candidati. “Con Balleari e Tosi – conclude Rosso - la Liguria ha la grande possibilità di portare la propria voce in Europa e dare maggior peso e prestigio all’intero territorio”.

Associazioni pro vita nei consultori, Lista Toti replica alla deputata Ghio: “Aiutiamo sempre più le donne”

Super User 02 Maggio 2024 359 Visite

“Se Valentina Ghio avesse davvero seguito i lavori del consiglio regionale e ascoltato le dichiarazioni del presidente Toti e di tutta la maggioranza, anziché scopiazzare in fretta e furia le posizioni dei suoi compagni, l'onorevole saprebbe che è stato ribadito con forza più volte che non si farà mai un passo indietro su questa pietra miliare del diritto, che non si mina l'attività dei consultori, la cui importanza è riconosciuta e difesa. L'accesso alle associazioni Pro Vita, secondo quanto previsto da una norma nazionale, sarà assicurato con decreti attuativi regionali che mai in nessun caso metteranno in discussione il diritto di una donna a interrompere la gravidanza”. Replica la Lista Toti alle parole della deputata PD Valentina Ghio.

“Stupisce anche la visione della parlamentare dem sulla legge 194 e sulle donne stesse. Colpisce quando dice che “le donne non hanno bisogno di essere consigliate”. Al netto del significato stesso del termine consultorio, che indica proprio un punto di riferimento cui chiedere consulenza, assistenza e consigli, la posizione di Valentina Ghio calpesta completamente il terribile tormento interiore che una donna vive nel momento in cui sceglie di non portare a termine la gravidanza. Dire che non ha bisogno di aiuto, di supporto, anche di consiglio, significa attribuire estrema leggerezza a una decisione tanto difficile. La piena attuazione della legge 194 passa attraverso tutte quelle misure che possono mettere la donna nelle giuste condizioni per affrontare un passo così delicato”, conclude la Lista Toti.

Mozziconi, Brunetto: “Sensibilizzare la popolazione e sanzionare i comportamenti nocivi per l’ambiente”

Super User 02 Maggio 2024 328 Visite

“Fermo restando che il fumo nuoce gravemente alla salute, in Italia risulta che vengano dispersi nell’ambiente 14 miliardi di mozziconi di sigaretta e il 64% delle sigarette fumate viene smaltito in modo improprio. Inoltre, il 40% della popolazione non è a conoscenza della normativa in vigore che sanziona fino a 300 euro l’abbandono al suolo dei mozziconi, i quali contengono ognuno 4mila sostanze chimiche nocive, tossiche e cancerogene”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale della Lega e presidente della II commissione Salute e Sicurezza sociale Brunello Brunetto.

“La Liguria - aggiunge Brunetto - non è esente da questo fenomeno e, in particolare, le nostre strade, spiagge e acque, dove i mozziconi di sigaretta rappresentano un’alta percentuale dei rifiuti complessivi presenti, davanti a bottiglie, sacchetti di plastica, lattine e altro. Tra l’altro, ricordo che ogni mozzicone può contaminare fino a 1000 litri d’acqua. Occorre quindi sensibilizzare la popolazione e sanzionare i comportamenti nocivi per l’ambiente”.

“Sono soddisfatto che l’Assemblea legislativa della Liguria abbia approvato, all’unanimità, il mio ordine del giorno che impegna la giunta a mettere in atto ogni iniziativa utile a sensibilizzare le aziende che si occupano della gestione del ciclo dei rifiuti, le amministrazioni locali e i consumatori sulle tematiche della raccolta dei mozziconi di sigaretta. Nello specifico, sugli effetti nocivi per l’ambiente, sull’obbligo di non gettare per terra e abbandonare i prodotti da fumo sulle spiagge, nelle acque, nelle caditoie stradali e nel sistema fognario, sulle sanzioni in caso di violazione della normativa vigente, sulla possibilità di attivare per i rifiuti di prodotti da fumo determinate procedure di raccolta differenziata con specifiche filiere di recupero piuttosto che al conferimento in discarica”, conclude il consigliere regionale della Lega.

Il periodico dell’Automobile Club Genova diventa “Il Giornale della mobilità”

Super User 02 Maggio 2024 965 Visite

Automobilismo ligure”, lo storico giornale dell’Automobile Club Genova, cambia pelle per diventare “Il Giornale della mobilità”.

Proprio nel 120° anniversario della fondazione della sezione Genovese dell’Aci e in coincidenza con l’avvio di numerose grandi opere che cambieranno il modo di circolare in città, infatti, l’ente ha deciso di contribuire all’informazione riguardo al traffico e alla circolazione di auto, mezzi pubblici, ciclisti e pedoni, trasformando la pubblicazione tradizionalmente riservata ai soci in un vero e proprio periodico diffuso al grande pubblico.

Grazie a una convenzione stipulata fra Aci e Amt, partire dal numero di fine aprile, Automobilismo Ligure sarà quindi distribuito gratuitamente nelle biglietterie dell’azienda pubblica di trasporto genovese.

“Sono molto felice di un primo passo nel processo di trasformazione del nostro magazine in un notiziario utile alla cittadinanza sulle regole della mobilità e i suoi rischi”, dichiara il presidente AC Genova Carlo Bagnasco.

Nel primo numero di questo nuovo corso tante informazioni di servizio: il dibattito sul limite dei 30 all’ora, il profilarsi di nuove misure antismog, la piaga delle deiezioni degli uccelli che di fatto rendono off limits il parcheggio in alcune zone di Genova, le regole per circolare in bicicletta, le regole in via di modificazione del Codice della Strada, l’educazione stradale nelle scuole svolta da Ac Genova e Comune, l’App implementata dall’Amt per rendere più snello e veloce il servizio.

Regione Liguria, rifinanziato con ulteriori 343 mila euro il bando digitalizzazione logistica

Super User 02 Maggio 2024 345 Visite

Ulteriori 343 mila euro per accompagnare gli investimenti delle 35 imprese che hanno presentato domanda al bando regionale dedicato all'innovazione e alla digitalizzazione delle imprese della logistica. È quanto approvato dalla giunta regionale, su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico, ai Porti e alla Logistica. 

"Con questa nuova integrazione economica portiamo a oltre 2,2 milioni di euro la dotazione complessiva del bando, garantendo il co-finanziamento regionale a tutti i 35 progetti presentati e ritenuti da Filse ammissibili - sottolinea l'assessore regionale allo Sviluppo economico con delega ai Porti e alla Logistica Alessio Piana - Un importante segnale che testimonia, ancora una volta, l'attenzione regionale verso un settore in crescita che, nell'attesa della realizzazione di alcune importanti infrastrutture fisiche, necessita di interventi immateriali importanti per migliorare i flussi delle merci da e per i nostri porti".

La misura, rientrante nell'azione 1.3.7 del PR FESR 2021-2027, prevede il riconoscimento di un contributo a fondo perduto a copertura del 50% dell'investimento effettuato dalle imprese richiedenti per attrezzature, impianti, componenti, sistemi, programmi informatici e per l'acquisto di software dedicati alla gestione, al controllo e alla programmazione del processo logistico.

Bando Ocm vino per investimenti in cantina, assessore Piana: “Concessa proroga straordinaria”

Super User 02 Maggio 2024 342 Visite

Regione Liguria continua a sostenere le aziende vitivinicole con la proroga, tramite decreto, delle operazioni ammesse a finanziamento sull’OCM vino (Organizzazione Comune del Mercato vitivinicolo) per gli investimenti in cantina. Sono ammessi, ad esempio, l’acquisto di impianti fissi, macchinari e attrezzature mobili nuove per la vinificazione, la conservazione e lo stoccaggio dei vini.

“Per dare la possibilità a tutti, a fronte della grande mole di richieste e informazioni, di presentare o portare a termine le domande di pagamento sul bando OCM VINO – dice il vice presidente con delega all’Agricoltura e al Marketing territoriale Alessandro Piana – ne abbiamo prorogato i termini. La nuova tempistica vede come limiti di riferimento il 14 giugno per la presentazione informatica delle domande di sostegno sul SIAN e il 25 giugno per la presentazione della relativa documentazione in forma cartacea al Settore Ispettorato Agrario Regionale. La graduatoria di finanziabilità delle domande di sostegno sarà definita entro il 25 ottobre, in modo da garantire ulteriormente la tempestività del riscontro degli Uffici che sono stati anche implementati di organico”. Sono beneficiarie le imprese che trasformano l’uva in vino, compresi i singoli viticoltori, così come le cooperative e le imprese agro-industriali. Il bando prevede 100mila euro di spesa pubblica, con un contributo del 40%, quindi gli investimenti sostenuti dall'intervento pubblico possono arrivare a 250mila euro. Tutte le informazioni saranno disponibili su www.agriliguiranet.it

Stelle al merito, la Liguria ha 30 nuovi Maestri del lavoro

Super User 01 Maggio 2024 1980 Visite

Nella mattinata odierna, nella suggestiva cornice della Sala delle Compere di Palazzo San Giorgio, si è tenuta la cerimonia di consegna delle “Stelle al merito del lavoro” conferite dal Presidente della Repubblica a 30 nuovi "Maestri del lavoro" liguri.

Tale riconoscimento è attribuito alle lavoratrici e ai lavoratori provenienti da tutto il territorio nazionale che si sono particolarmente distinti per dedizione e impegno nello svolgimento della propria attività nei vari settori produttivi.

La cerimonia di conferimento ha avuto luogo alla presenza delle massime autorità civili, militari e religiose e delle categorie economiche del mondo del lavoro, in considerazione dell’alto significato del riconoscimento.

Il Prefetto Cinzia Torraco, il sindaco di Genova, Marco Bucci, il consigliere della Città Metropolitana, Gabriele Reggiardo, il direttore dell’Ispettorato Area Metropolitana, Sergio Fossati, la direttrice al Bilancio, Finanza e Controllo dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Lucia Cristina Tringali, unitamente al Console Regionale Federmaestri, Fausto Lodi, sono intervenuti con un indirizzo di saluto, rivolgendo le loro congratulazioni ai neo insigniti Maestri del Lavoro della Liguria per l’impegno e la dedizione dimostrate nella loro vita professionale.

L’elenco dei 30 nuovi "Maestri del lavoro" liguri

ALBERICCI Claudio, MBDA Italia S.p.A. - La Spezia

AZUNI Lorenzo, Banco BPM S.p.A. - Sanremo

BADANO Massimo, e-distribuzione S.p.A. - Savona

BAFFICO Marco, Melandri System S.r.l.u. - Genova

BERTOZZI Annalisa, Enel Energia S.p.A. - Savona

BRIANO Andrea, Leonardo S.p.A. - Genova

CREMONCINI Andrea, I.S.E. Ingegneria dei Sistemi Elettronici S.r.l. - Vecchiano

DE ANDREIS Mirella, Confartigianato Imprese Imperia - Sanremo

DE GAETANO Andrea, Rimorchiatori Riuniti S.p.A. - Genova

FALSONE Aldo, Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane - Savona

FANCIULLI, Beatrice COSME S.p.A. - Genova

FRANZO' Giuseppe, Eurocontrol S.p.A. - Genova

GALLO Paola, Leonardo S.p.A. - Genova

GISOTTI Roberto, Smurfit Kappa Cartiera di Verzuolo S.r.l. - Verzuolo

GRAMAGLIA Alfonso, Tim. S.p.A. - Savona

GROSSI Angelo, Vedova Romanengo S.r.l. - Genova

MIGLIO Antonella, Leonardo S.p.A. - La Spezia

MUSETTI Corrado, Enel Produzione S.p.A. - Castel San Giovanni

MUSSO Maurizio, COSME S.p.A. - Genova

NOVELLO Giovanni, Coseva Socità Cooperativa - Camporosso

PICCARRETA Sergio, Leonardo S.p.A. - Genova

PODESTA' Riccardo, Enel Produzione S.p.A. - La Spezia

POGGI Marco, Villa Montallegro S.p.A. - Genova

RAGGI Roberta, Società Edilizia Tirrena S.E.T. S.p.A. - La Spezia

SCALETTI Antonio, Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. Gruppo BNP Paribas - La Spezia

SCIACCHITANO Paola, Leonardo S.p.A. - Genova

STILO Antonio, Ditta Viglietti Sergio - Sanremo

SURFARO Anna Maria, Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. - Genova

TAMBURINI Angela, Leonardo S.p.A. - La Spezia

VENDRAME     Lucia   Poste Italiane S.p.A. - Genova

Morti sul lavoro, Toti: “Tragedia incivile in un Paese come l’Italia”

Super User 01 Maggio 2024 356 Visite

“L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Questo è stato il primo articolo che i nostri padri costituenti hanno voluto nella nostra carta fondamentale ed è bene ricordarlo tutti oggi. Sarebbe bene ricordarlo sempre, tutti i giorni, stasera lo troverete anche scritto sul maxischermo sulla facciata del palazzo della Regione Liguria, perché il lavoro è fondamentale, centrale per l'essere umano, e troppo spesso questo viene dimenticato. Quindi cominciamo questo Primo maggio facendo gli auguri ovviamente a chi oggi lavora: a chi protegge la nostra salute negli ospedali e negli ambulatori, a chi protegge la nostra sicurezza sulle strade con la propria divisa, a chi permette a questo Paese di andare avanti anche oggi, ad esempio chi guida i treni e gli autobus, insomma tutte le persone per cui il Primo maggio è appunto una giornata di lavoro e non di festa”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti nel suo intervento pubblicato su Facebook.

“Il secondo punto - prosegue - che oggi dobbiamo avere tutti ben presente è che lo sforzo fatto finora non è ancora sufficiente per arginare quella vera e propria tragedia italiana che sono i morti sul lavoro: anche quest'anno ne abbiamo pianto tanti, troppi, anche uno solo sarebbe troppo, ma quel numero che vediamo scorrere mese dopo mese è davvero qualcosa di incivile in un Paese importante, moderno, democratico e avanzato dal punto di vista dei diritti come l'Italia. Su questo tutti ci dobbiamo impegnare sapendo che la soluzione non è dietro l'angolo, non c'è una soluzione unica: occorre lavorare sulla formazione delle persone, sulla formazione delle imprese, sui luoghi di lavoro. Insomma, bisogna renderci tutti consapevoli che quella mattanza non può essere tollerata in un Paese civile”.

“Detto questo, però, siamo anche una regione che ha visto crescere molto il lavoro – aggiunge -. L'ha visto crescere grazie alle gigantesche infrastrutture che stiamo costruendo, grazie a un modello di sviluppo che è stato volano di ripresa dopo il Covid, dal turismo ai servizi, all'industria. La Liguria fortunatamente è cresciuta, sta crescendo e il numero di occupati non è mai stato tanto alto quanto oggi, e lo dico con la maggiore soddisfazione di aver visto crescere i posti di lavoro, attorno al 5%, delle donne, che sono ancora l'anello debole, sia per le loro retribuzioni sia perché molto spesso costrette a rinunciare a una carriera di lavoro e a una propria autonomia, magari per inseguire il sogno di una famiglia, e lavoro e famiglia non dovrebbero più essere sogni che si divaricano per tante donne di questo Paese”.

“Abbiamo visto crescere i lavoratori, abbiamo visto calare quei giovani spaesati, che non studiano e non lavorano, i Neet, che sono calati di oltre il 20%, segno che a un mercato che si amplia, a una regione che vede crescere la propria economia segue anche la voglia di partecipare, la voglia di trovare la propria strada e cresce la motivazione che spinge a trovare un posto di lavoro – precisa-. Certo non è il lavoro che tutti vorrebbero: ci sono ancora troppi contratti a tempo determinato, ci sono ancora troppe realtà che magari non rispettano quelli che sono i diritti fondamentali dei lavoratori, ci sono ancora impieghi pagati troppo poco. Dobbiamo lavorare per creare professionisti sempre più preparati che abbiano uno stipendio sempre più giusto, ma siamo sulla strada giusta. Come diceva il presidente John Fitzgerald Kennedy, la marea solleva tutte le barche, quelle grandi e quelle piccole. Chi è più strutturato, chi ha più potere contrattuale, ma anche chi è rimasto indietro ha un beneficio da una economia che cresce, a dispetto di coloro che pensano che il lavoro e la ricchezza si possano produrre per decreto, o si produca e si divida tra le persone in modo equo senza che nessuno la produca”.

“Il fatto che la Liguria cresca sta garantendo il numero di occupati più alto della storia di questa regione, e di questo ne siamo evidentemente fieri – conclude - Quindi buona Festa del lavoro, sapendo che ci dobbiamo rimboccare le maniche, che non tutto è stato fatto e molto resta da fare, ma dobbiamo concentrarci sul lavoro che è l’essenza stessa dell’essere umano. Troppo spesso la politica lo ha dimenticato, inseguendo sindromi Nimbi, paure del futuro e delle infrastrutture. Dobbiamo invece costruire un Paese competitivo perché costruendolo oggi creiamo lavoro, e lasciando ai nostri figli più competitivo, creeremo lavoro anche per domani e dopodomani. Con questo pensiero, con questa idea che perseguiremo in modo sempre più determinato, vi auguro un buon Primo maggio, buona Festa del lavoro”.

Aborto, Brunetto: “Non è democratico chiudere la porta dei consultori alle associazioni pro vita”

Super User 30 Aprile 2024 314 Visite

“Non sono un obiettore di coscienza e nella mia vita professionale nell’Asl 2 Savonese ho praticato l’anestesia a circa un migliaio di donne che hanno praticato l’interruzione di gravidanza. Alcune le ho viste arrivare in ospedale con un occhio tumefatto, altre col sorriso stampato. Fermo restando che la legge 194 sull’aborto è un diritto che non si tocca, ritengo che non sia democratico chiudere la porta nei consultori alle associazioni Pro vita così come previsto dal Governo. Perché con questo provvedimento si apre uno spettro più ampio di libera scelta per le donne che, più scientemente, possono rivalutare o confermare le loro decisioni, in ogni caso sempre da rispettare”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale della Lega e presidente della II commissione Salute e Sicurezza sociale Brunello Brunetto durante la discussione in aula, proposta dalle minoranze, sulla “presenza delle associazioni anti abortiste o pro life nei consultori”.

Associazioni pro vita nei consultori, Gratarola: “Liguria difende con forza il diritto all’aborto”

Super User 30 Aprile 2024 388 Visite

"La Liguria difende con forza il diritto all’aborto e la legge 194 e non ha espresso nessun parere sull’ingresso dei ‘pro life’ nei consultori. La maggioranza in consiglio regionale ha semplicemente respinto l’ordine del giorno della sinistra, strumentalmente presentato". Così l'assessore regionale alla Sanità Angelo Gratarola intervenuto in Consiglio regionale chiedendo il ritiro dell’Odg delle opposizioni, in quanto la norma a cui fa riferimento (conversione del decreto legge 2 marzo 2024) non è stata ancora pubblicata. 

"Abbiamo chiesto di rinviare la discussione in aula - aggiunge l'assessore alla Sanità - per approfondire il provvedimento con una specifica valutazione del testo da parte degli uffici di Alisa, in raccordo con i servizi consultoriali aziendali. Non essendo stata accolta questa logica richiesta, abbiamo votato contro l’ordine del giorno, fermo restando che consideriamo indiscutibile il diritto all’aborto e il valore della legge 194/78. Peraltro nel provvedimento del Governo sembra che sia proposta una ripetizione di quanto già previsto dalla stessa legge 194, ossia che i consultori familiari possano avvalersi della collaborazione volontaria di idonee formazioni sociali di base e associazioni di volontariato, che possono anche aiutare la maternità difficile dopo la nascita".

Piano regolatore emigrazione, Viale: “Giusto che i liguri nel mondo non perdano le loro radici”

Super User 30 Aprile 2024 336 Visite

“Mi è dispiaciuto che l’opposizione si sia astenuta sul voto al piano regionale degli interventi in materia di emigrazione 2024-2026. Credo che sia un tema che ci qualifica all’estero e che i liguri che lasciano la nostra regione per studio o per lavoro possano testimoniare la ricchezza della cultura e della tradizione della Liguria anche fuori dai confini nazionali restando in contatto con la nostra comunità”. Lo dice in una nota Sonia Viale, vicecapogruppo della Lega in Regione Liguria.

“Trovo un arricchimento che, per esempio, i nostri ragazzi che vanno a lavorare all’estero, possano poi ritornare nel nostro territorio restituendo alla propria terra ciò che hanno imparato nella loro esperienza fuori dalla regione - prosegue Viale -. Abbiamo molti esempi di persone che dopo anni hanno deciso di ritornare nel loro territorio di origine per mettere a frutto quello che hanno imparato all’estero, come noi accompagniamo in questo percorso coloro che vengono a lavorare qui e quando decidono di ritornare al loro paese siamo orgogliosi che possano portare un pezzo di Liguria nei loro territori di provenienza. Oggi, in aula, l’opposizione ci ha chiesto conto di come facciamo noi della Lega a sostenere chi è emigrato se poi siamo contrari all’immigrazione nel nostro paese, ma paragonare la nostra emigrazione, governata da permessi di lavoro, a quella irregolare, che è quella che la Lega non vuole, è una critica che non sta in piedi”.

“La nostra linea politica è non volere un’immigrazione irregolare, quella che arriva nel nostro Paese senza avere permesso di soggiorno, senza avere un lavoro e soprattutto senza scappare da guerre e persecuzioni. Non a caso su questi temi anche tutti gli altri paesi dell’Unione Europea adottano politiche che governano l’ingresso nei loro territori. Non perdere le proprie radici e mantenere un legame con la propria terra di origine, sostenendo anche le associazioni dei liguri nel mondo, è fondamentale anche per avere nuove opportunità di sviluppo culturale, economico e sociale”, conclude la consigliera regionale della Lega.

Assistenza domiciliare, in Liguria cresciuti del 108% in un anno i pazienti over 65

Super User 30 Aprile 2024 311 Visite

Sono cresciuti del 108% i pazienti over65 presi in carico in Liguria in assistenza domiciliare integrata nel corso del 2023 rispetto all’anno precedente. È quanto emerge dal rapporto di Agenas sullo stato di avanzamento del PNRR missione salute e che mette in evidenza anche gli obiettivi in relazione all’assistenza agli anziani.

“Abbiamo registrato un incremento superiore alla media nazionale - spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - e siamo pienamente in linea con gli obiettivi del PNRR. Benché, come noto, la Liguria sia la regione più anziana d’Italia, e quindi l’incremento di prestazioni in questo ambito abbia un peso maggiore rispetto ad altre zone d’Italia, abbiamo lavorato nei tavoli regionali per arrivare e superare i livelli di assistenza previsti. Grazie a percorsi assistenziali che vanno dalle prestazioni di base a quelle specialistiche, l’obiettivo è quello di consentire al paziente di ricevere l’assistenza necessaria sul territorio, evitando l’ospedalizzazione quando non è necessaria. Oltre a raggiungere gli obiettivi previsti dal PNRR, garantiamo un servizio più efficiente ed efficace per gli anziani della nostra regione”.

“Abbiamo un traguardo - aggiunge l’assessore alla sanità di Regione Liguria Angelo Gratarola - e grazie all'attività dei servizi territoriali stiamo lavorando per raggiungerlo nei tempi previsti. L’obiettivo programmato è la presa in carico in ADI di oltre 41mila over 65 che rappresentano il 10% della popolazione. Uno degli strumenti che ci aiuta in questo percorso è la continuità assistenziale informatizzata, con i percorsi di assistenza e di cura della persona inseriti in cartelle elettroniche che sono di fondamentale supporto per la presa in carico multidisciplinare di pazienti che spesso sono seguiti da più specialisti, con diverse cronicità”.

Attività produttive, Garibaldi: “Più tutela e valorizzazione degli esercizi di vicinato e botteghe storiche

Super User 30 Aprile 2024 422 Visite

“Con l’approvazione dell’Assemblea legislativa della Liguria alle modifiche al Testo Unico del Commercio (già esaminate dalla III commissione Attività produttive) nella nostra regione ci saranno procedure più semplici e snelle per i Comuni che intendono avviare accordi, iniziative e ‘Patti d’Area’ a tutela del commercio e dell’artigianato. In particolare, si è voluto tutelare maggiormente, in piena sinergia con le amministrazioni locali e le associazioni di categoria, le attività economiche del territorio che presentino caratteristiche peculiari dal punto di vista storico, architettonico, paesaggistico e ambientale. Con queste modifiche si valorizzano i Centri storici della Liguria e si migliora la vivibilità e l’accessibilità in tali ambiti, evitando la desertificazione e le conseguenti problematiche connesse anche alla sicurezza e all’ordine pubblico. Nello specifico, le modifiche introdotte consentono a Regione Liguria, sulla base della norma nazionale, di stipulare intese con i Comuni dirette a prevedere in talune aree limitazioni all’insediamento di determinate attività commerciali, a tutela e valorizzazione di tipologie di esercizi di vicinato e botteghe artigiane del territorio. Le modifiche al Testo Unico prevedono poi la possibilità di valorizzare esercizi commerciali di vicinato e botteghe storiche con specifici albi. Naturalmente, sono previste sanzioni pecuniarie in caso di violazioni fino alla misura accessoria della chiusura dell’esercizio, con sospensione del titolo abilitativo”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale della Lega e presidente della commissione Attività produttive Sandro Garibaldi.

Acquisto casa, a Genova crollano i mutui: -25,4%

Super User 30 Aprile 2024 583 Visite

Kìron Partner SpA ha analizzato nel dettaglio l'andamento dei finanziamenti finalizzati all'acquisto dell'abitazione concessi alle famiglie residenti sul territorio regionale nel quarto trimestre 2023. L'analisi fa riferimento al report Banche e istituzioni finanziarie, aggiornato e pubblicato da Banca d'Italia nel mese di Marzo 2024.

Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 10.822,1 milioni di euro, rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente si registra una variazione delle erogazioni pari a -15,8%, per un controvalore di -2.032,5 milioni di euro. La fotografia indica ancora un ridimensionamento nell'erogazione del credito concesso alle famiglie, che conferma la tendenza sia del terzo trimestre 2023 (quando la variazione è stata pari a -24,7%) sia del secondo trimestre 2023 (-33,3%). Gli ultimi dodici mesi si sono chiusi con 41.240,8 milioni di euro erogati, con una variazione pari a -25,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Le famiglie liguri hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 249,4 milioni di euro, che collocano la regione al 10° posto per totale erogato in Italia, con un'incidenza del 2,30%; rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente in regione si registra una variazione delle erogazioni pari a -24,8%, per un controvalore di -82,3 milioni di euro. Se si osserva l'andamento delle erogazioni sui 12 mesi, e si analizzano quindi i volumi dell'intero anno solare 2023, la regione Liguria mostra una variazione negativa pari a -36,0%, per un controvalore di -535,4 mln di euro. Sono dunque stati erogati in questi ultimi dodici mesi 952,2 mln di euro, volumi che rappresentano il 2,31% del totale nazionale.

Nel quarto trimestre 2023 le province della Liguria hanno evidenziato il seguente andamento.

La provincia di Genova ha erogato volumi per 134,5 mln di euro, facendo registrare una variazione rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno pari a -25,4%. Nell'ultimo anno, invece, sono stati erogati 516,9 mln di euro, pari a -37,8%.

A Imperia sono stati erogati volumi per 26,3 mln di euro, corrispondenti a una variazione rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente pari a -25,6%. Nei precedenti dodici mesi sono stati erogati 110,3 mln di euro (-31,9%).

La provincia della Spezia ha erogato volumi per 34,6 mln di euro, la variazione sul trimestre è pari a -24,8%. I dodici appena trascorsi hanno evidenziato volumi per 139,3 mln di euro, corrispondenti a -34,1%.

In provincia di Savona i volumi erogati sono stati 53,9 mln di euro, con una variazione pari a -22,9%. Quelli nei quattro trimestri considerati sono stati 185,8 mln di euro, (-34,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso).

Attraverso l'elaborazione dei dati provenienti dalle agenzie di mediazione creditizia Kìron ed Epicas, Kìron Partner SpA ha analizzato la tendenza rispetto all'importo medio di mutuo erogato.

Nel quarto trimestre 2023 in Liguria si è registrato un importo medio di mutuo pari a 95.312 euro, in aumento rispetto a quanto rilevato durante lo stesso trimestre dell'anno precedente, quando il ticket medio ammontava a 94.697 euro. Mediamente colui che sottoscrive un mutuo nella regione viene finanziato circa il 17% in meno rispetto al mutuatario medio italiano.

A livello nazionale l'indagine condotta dalla BCE a gennaio 2024 riflette un aumento del numero di famiglie a basso reddito che lamentano difficoltà nel soddisfare i pagamenti del mutuo; questo dato è influenzato principalmente dalla crescita delle rate dei mutui causate dall’aumento dei tassi di interesse. È ragionevole ipotizzare un effetto “onda” riguardo al disagio delle famiglie a basso reddito che si trascina dagli scorsi mesi e che crea minor serenità su questo campione. I tassi sui nuovi finanziamenti per l'acquisto di abitazioni hanno registrato una modesta riduzione, collocandosi al 4,31% a febbraio 2024, rispetto al 4,38% di gennaio (il tasso preso fa riferimento al TAEG e quindi al tasso comprensivo di tutte le spese).

Marina Genova, torna Yacht & Garden: tre giorni dedicati al giardino mediterraneo

Super User 30 Aprile 2024 421 Visite

Da venerdì 17 a domenica 19 maggio, torna a Marina Genova (Sestri Ponente), uno dei più moderni poli internazionali per la grande nautica da diporto, Yacht & Garden, la mostra-mercato di fiori e piante del giardino mediterraneo, giunta quest’anno alla sedicesima edizione. 

Yacht & Garden è ormai riconosciuta a livello nazionale come evento di riferimento per gli appassionati di verde e di mare e per chi condivide, attorno a queste due anime della manifestazione, temi quali la biodiversità, la tutela dell’ambiente, la sostenibilità, la valorizzazione del territorio, il recupero degli antichi mestieri.

Tra i moli e le banchine fiorite di Marina Genova, dove per l’occasione saranno ormeggiate imbarcazioni classiche e d’epoca, a vela e a motore, di particolare prestigio, grazie alla seconda edizione del Classic Boat Show, sono attesi oltre 150 espositori provenienti da tutta Italia. Chi ama il mare, la natura e il giardinaggio potrà scoprire così piante e fiori adatti al giardino mediterraneo, ma anche arredo e antiquariato, attrezzatura da giardino, vasi e cesteria, stampe botaniche ed erbari antichi, tessuti, borse e cappelli, gioielleria e bigiotteria, alimenti e cosmetici bio, libri, riviste e tanto altro ancora, comprese le proposte di artisti e artigiani legati alla marineria. 

Alla passeggiata tra i colori e i profumi mediterranei, alla ricerca delle novità e dei migliori acquisti green, si unisce inoltre, anche quest’anno, un ricco programma di eventi collaterali, organizzati in collaborazione con importanti partner e istituzioni, con l’obiettivo di valorizzare e divulgare la cultura del verde e del mare: incontri con esperti, consigli di giardinaggio, laboratori, dimostrazioni, mostre, musica e danza senza dimenticare una serie di appuntamenti dedicati ai bambini, tra spettacoli, animazioni e attività marinaresche. 

L’ingresso alla manifestazione e agli eventi collaterali sono gratuiti.

L’intero programma è visitabile su www.yachtandgarden.it

 

 

 

Valle Stura, il calendario delle tante attività previste al Giardino botanico di Pratorondanino

Super User 30 Aprile 2024 292 Visite

Hanno preso il via sabato 20 aprile, con l’inaugurazione ufficiale ed una inaspettata grande affluenza, le aperture al pubblico per la stagione 2024 del Giardino Botanico di Pratorondanino, e continueranno con un nutrito calendario di eventi fino al 22 settembre.

Molte le novità di quest'anno al giardino, con l'offerta di attività "speciali", didattiche e divulgative, e con l'aumento delle giornate di apertura, con l'aggiunta del sabato alla consueta domenica nella stagione di maggior fioritura, da metà maggio a giugno, ed inoltre l’apertura infrasettimanale il mercoledì per tutto il mese di luglio, più due giornate di agosto.

Quest'anno, oltre alle attività legate alle piante al giardino, i visitatori sentiranno parlare di anfibi: il laghetto e lo stagno sono ricchi di specie rare che verranno monitorate accuratamente garantendo loro una maggiore protezione, che verrà divulgata con apposite attività didattiche, a seguito dell'avvio del progetto PNRR Crater per la tutela del Tritone Crestato, finanziato dall’Unione Europea NextGenerationEu. 

Inoltre, il giardino ospiterà i partecipanti alle escursioni organizzate in collaborazione con il Parco del Beigua nell'ambito del progetto PNRR Borghi "Campo Ligure un tesoro da scoprire" che, partendo dal borgo di Campo Ligure, visiteranno il Museo della Filigrana e raggiungeranno il Giardino Botanico.

Sempre nello stesso ambito ci saranno ulteriori aperture al pubblico nei sabati e nei mercoledì dove si avrà la possibilità di partecipare, su prenotazione, a numerose attività escursionistiche e corsi di approfondimento, e tutto questo durerà per tutta l’estate 2024, fino alla chiusura delle visite al giardino prevista per domenica 22 settembre.

Il giardino, creato ed inaugurato nel 1983 dal GLAO (Gruppo Ligure Amatori Orchidee), è diventato area protetta nel 1998 e da allora la Provincia di Genova, oggi Città Metropolitana di Genova è Ente gestore dell'Area, come da DGR Regionale di istituzione.

Si consiglia a tutti coloro che vogliono visitare il giardino di seguire la pagina

Facebook www.facebook.com/giardinopratorondanino

oppure su Instagram www.instagram.com/pratorondanino_botanicalgarden/

per essere aggiornati sulle aperture, le attività proposte e sulle eventuali variazioni in caso di pioggia o vento.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Levante

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip

Genova Sport 2024