Skin ADV

Notizie

Toti: “La Liguria arriva a contagi zero!”

Super User 12 Luglio 2020 300 Visite

“Un grande momento che aspettavamo da mesi e che conferma il trend positivo sul Covid nella nostra regione, anche dopo la riapertura di tutte le attività economiche. Dopo tanti sacrifici da parte di tutti, dopo il lavoro incessante di medici, infermieri e operatori sanitari, dopo la fatica e la paura, questo è proprio un grande giorno! Un’occasione per dire ancora grazie a tutta la nostra straordinaria sanità, che in questi mesi non si è mai risparmiata e oggi continua costantemente a monitorare la situazione. Nonostante le gufate di chi sperava che le cose andassero male, siamo stati i primi a rimboccarci le maniche per far ripartire la Liguria e i dati confermano che abbiamo fatto bene. A voi lasciamo il pessimismo, noi preferiamo continuare a costruire il futuro. Buona estate a tutti!”. E’ il post su Facebook del governatore Giovanni Toti.

Autostrade in tilt? Bagnasco sceglie la Vespa per il suo tour nel Ponente

Super User 12 Luglio 2020 523 Visite

Prende il via questo pomeriggio il tour di due giorni del coordinatore regionale di Forza Italia, Carlo Bagnasco, nel Ponente ligure. Bagnasco farà tappa in diverse località delle province di Savona e Imperia e incontrerà numerosi amministratori locali.

“Siamo impegnati, anche in vista delle prossime elezioni regionali, ad allargare i confini del nostro partito, valorizzando al massimo le esperienze di buongoverno nei Comuni, che rappresentano un patrimonio di competenza ed attenzione ai cittadini oggi più prezioso che mai”, dichiara il coordinatore regionale azzurro. “Riscontro grande interesse nei confronti dell’azione di ricostruzione del partito sul territorio che stiamo portando avanti. Forza Italia ha nel suo DNA la valorizzazione dei livelli di governo locale e lungo questa direttrice ho intenzione di continuare a muovermi”.

“Per raggiungere da Rapallo il Ponente – fa poi sapere Bagnasco – ho scelto la mia amata Vespa. Con l’attuale situazione delle autostrade, con tempi di percorrenza folli tra interruzioni, chiusure, code, incolonnamenti, restringimenti e cambi di carreggiata, ho deciso di muovermi lungo la cara vecchia Aurelia. Voglio così lanciare l’ennesimo chiaro segnale della necessità di porre fine con la massima urgenza a questo stato di cose. Anche per questo come Forza Italia Liguria saremo il 21 luglio in piazza a Roma, davanti a Montecitorio, per far sentire forte al Governo la nostra voce”, conclude il coordinatore regionale.  

Autostrade, Rixi: “Governo chieda riduzioni pedaggi”

Super User 12 Luglio 2020 111 Visite

“Il governo Pd-5S è sempre più diviso sulla concessione ad Autostrade e continua a non decidere. Ma quel che è più grave è che l’esecutivo è solo concentrato sulla governance di Aspi e sul futuro societario, trascurando il vero obiettivo: il risarcimento dei danni alla Liguria per il crollo del ponte Morandi in termini di opere compensative e di diminuzione dei pedaggi. Visti i danni ingenti al sistema logistico portuale in termini di diminuzione di traffici legati al caos di queste settimane, il governo deve chiedere il finanziamento anche di opere portuali, come la nuova diga Foranea di Genova, del valore di un miliardo, e infrastrutture di terra, a partire dal tunnel della Val Fontanabuona, per circa 400 milioni, che potrebbe rappresentare il primo tratto della gronda di Levante, in parallelo all’avvio della gronda di Ponente. La strada che sta imboccando il governo su Aspi porterebbe a un semplice cambio di azionariato, ma nessuna azione e intervento a compensazione dei danni subiti dalla Liguria e dal Nord Ovest, territori che hanno visto e subito immani tragedie. Una situazione inaccettabile. Il governo cambi subito rotta”. Lo dichiara il deputato della Lega e responsabile nazionale Infrastrutture Edoardo Rixi.

Marco Tasca, il frate “nuovo” vescovo di Genova

Super User 12 Luglio 2020 600 Visite

Sono quasi le 9 di sera quando, terminata una cerimonia tanto sontuosa quanto ricca di fede e sentimento e dove il cardinale Angelo Bagnasco ha passato il bastone pastorale della guida della Chiesa sotto la Lanterna a padre Marco Tasca, questo appare nella sua nuova veste talare da monsignore, a lato e dietro al grande palco-altare, di piazza della Vittoria.

Sorride, non lesina selfie, ha parole per tutti specialmente per la gente del padovano che ha sfidato il caos autostradale attorno alla Lanterna per partecipare all'evento.

Accento veneto, cordialità fraterna di scuola francescana, amore che trasuda da ogni suo gesto: “lei è simpaticissimo”, gli dico. Risponde con un sorriso, scambiamo alcune impressioni.

L'uomo è bonario, rispecchia Papa Francesco, ma il frate, il religioso, il monsignore, sono determinati, di grande spessore, dialoganti ma ben consapevoli di dove va la vita. Di come guidare spiritualmente il popolo dei fedeli (e non) sulla sponda del mare genovese.

Conferma il sindaco di Sant'Angelo Piove di Sacco, provincia di Padova, dove è nato il neo arcivescovo di Genova: “si fatica a dargli del lei”, dice. “Ci siamo conosciuti in un campo scuola dove facevo l'animatore e lui il prete”. “La sua dote? La schiettezza, ma è anche molto dinamico e soprattutto un grande teologo”.

Sarà una guida ferma e sicura per la Chiesa di Genova, come poco prima ha auspicato e garantito il sindaco Marco Bucci: “benvenuto tra noi – ha detto dall'altare di piazza della Vittoria – abbiamo bisogno di una guida spirituale, che tenga la barra della nave dritta”. “I genovesi - ha insistito il primo cittadino del capoluogo ligure - sanno tirarsi su le maniche, ma c'è bisogno di una guida spirituale; questo le chiediamo, dopo la grande opera del cardinale Bagnasco e di una Chiesa che è attenta soprattutto al mondo del lavoro”.

A “presentarlo” al suo nuovo popolo di fedeli nella messa solenne per l'ordinazione episcopale ed ingresso nella Diocesi, è stata una grande ed appassionata omelia del cardinale Bagnasco (che non lascerà Genova).

“Giorno di grande gioia è questo”, ha detto il porporato. Ed ha sottolineato come: “noi ci sentiamo legati a lui, le nostre vite si sono intrecciate, e insieme cammineremo dietro a Cristo, il grande Pastore delle anime, sapendo che la vita di un vescovo inevitabilmente cambia, poiché crescere nella responsabilità significa dover crescere nell’amore, e l’amore ha sempre il duplice volto della gioia e del sacrificio”.

Il neo arcivescovo ha risposto con un'omelia inno a Dio, al Papa, a Bagnasco, alla famiglia, all'amicizia.

A Dio “per il dono della vita e della vocazione alla vita religiosa e sacerdotale”. A Papa Francesco per la fiducia, al “vescovo Angelo” per aver ricevuto “il testimone della guida di questa porzione di popolo di Dio: la tradizione che da questo momento ci lega anche sacramentalmente sia segno di una comunione nel servizio alla Chiesa genovese, che continuerà nel tempo, pur nelle mutate forme”.

Commosso il ringraziamento alla famiglia naturale: “mio padre Antonio e mia madre Santa, che già godono della luce della presenza del Signore; i miei 8 fratelli: quelli che già sono in Cielo, quelli qui presenti e quelli che, non potendo accompagnarci fisicamente a motivo della malattia, sono con noi attraverso la preghiera. In questa famiglia il buon Dio mi ha fatto nascere non solo alla vita della carne, ma a quella dello Spirito, l'educazione cristiana ricevuta in famiglia e in parrocchia, semplice ma solida nella sua essenzialità, è stata e resta per me un punto di riferimento costante”. Ed a quella di “elezione: l’Ordine dei Frati Minori Conventuali. Dei miei 63 anni, ben 53 sono trascorsi in fraternità. Prego Dio che si realizzi l’augurio che ho ricevuto in questi giorni, di non essere semplicemente un francescano vescovo ma un vescovo francescano!”.

Quindi è sceso tra la gente, benedicendo e con parole adeguate per tutti. Un bagno di folla.

Benvenuto a Genova, padre Marco, lei è già dei nostri e Genova3000 con lei, con affetto ed auguri di aiutare questa città ad avere il ruolo che merita in Italia, Europa e mondo. 

Dino Frambati

L'arcivescovo con il prefetto Carmen Perrotta, il sindaco Bucci e il governatore Toti

Sanità, al via il nuovo servizio di elisoccorso del 118 ligure

Super User 11 Luglio 2020 232 Visite

Ha preso il via oggi il nuovo servizio di elisoccorso del 118 ligure, operato dalla società AirGreen con base al Riviera Airport di Villanova d’Albenga. Il nuovo mezzo, un H145 (Airbus Elicopter), sarà dedicato esclusivamente ai soccorsi sanitari. Per ciascun intervento, a bordo saliranno 5 persone di equipaggio: un medico, un infermiere, un esperto del Corpo del Soccorso alpino e speleologico oltre a pilota e copilota. Tutte le figure coinvolte sono state adeguatamente formate grazie all’addestramento che, sotto la regia del 118 ligure, si è svolto nelle scorse settimane e ha coinvolto 22 tra medici e infermieri dei 118 della Liguria, 5 esperti del soccorso alpino, di cui 3 istruttori della Scuola tecnici nazionale Cnsas) con lezioni teoriche e prove pratiche. Questa mattina il primo volo di soccorso, per un trasporto sanitario di una paziente dall’ospedale di Bordighera all’Ospedale Policlinico San Martino.

Al fianco di Airgreen, con base all’aeroporto di Villanova d’Albenga, continuerà ad operare per l’elisoccorso anche l’elicottero Drago dei Vigili del Fuoco, di base all’aeroporto Colombo di Genova: tutti i giorni nel mese di luglio e nei fine settimana per il resto dell’anno, con il mantenimento del servizio anche per i soccorsi in mare e per i soccorsi neonatali.

“Da oggi – afferma il presidente della Regione Giovanni Toti - i liguri e i turisti potranno contare su due elicotteri in servizio in caso di emergenza, quello dei Vigili del Fuoco con base a Genova e questo di AirGreen con base a Villanova. In un momento in cui viviamo giorni di ordinaria follia sulla rete autostradale, con pesantissimi disagi anche per i trasporti sanitari, poter contare su due elicotteri per i soccorsi con una seconda base operativa nel ponente è indispensabile e strategico. Credo sia un risultato straordinario, oltre che la migliore conclusione possibile di un percorso complesso, che ha visto questa Giunta lavorare per mantenere, unica regione in Italia, anche la collaborazione con i Vigili del Fuoco: nel resto del Paese il servizio, sia i trasporti ordinari che in emergenza, sono affidati completamente ai privati”.

La vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale ha sottolineato che “grazie all’accordo raggiunto con i privati di AirGreen, questo elicottero opererà per i prossimi due anni sulle 12 ore giornaliere per poi garantire, nei successivi sette anni, anche il volo notturno che non è mai stato effettuato in Liguria. È un grande passo avanti nell’assistenza ai liguri. Inoltre per tutto il mese di luglio, quello statisticamente con il maggior numero di interventi, i Vigili del Fuoco saranno operativi tutti i giorni, sempre dall’alba al tramonto, per poi proseguire il servizio nei fine settimana, continuando ad effettuare anche gli interventi di elisoccorso neonatale e, in caso di necessità, anche i soccorsi in mare. Quello di oggi è un traguardo importante, che abbiamo raggiunto nell’interesse dei nostri cittadini. Voglio ringraziare il 118, in particolare per l’impegno anche nella fase di addestramento delle scorse settimane. La presenza a bordo, al fianco di un medico e di un infermiere, anche di un esperto del Soccorso Alpino consentirà gli interventi anche più complessi”.

A seguito della disdetta della convenzione da parte dei Vigili del Fuoco all’inizio di agosto del 2018 (poi rinnovata a più riprese fino al 30 giugno 2020) Regione ha avviato a fine 2018 le procedure di gara europea per l’affidamento del servizio ai privati. Il nuovo servizio è operato dalla società torinese Air Green. Tra i punti cardine dell’accordo, una forte collaborazione anche con il Corpo nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico della Liguria. La società opererà sette giorni su sette con base operativa all’aeroporto di Albenga: h12 per i primi due anni, h24 per i successivi 7 anni, garantendo quindi anche il volo notturno.

Giovanni Toti e Sonia Viale

Porto Carlo Riva, Tosi e De Benedetti: “Rapallo paga lo scotto dell’immobilismo di questa amministrazione”

Super User 11 Luglio 2020 466 Visite

“Tempo scaduto? Veramente, il time out era scoccato già nel 2019 e nonostante da più parti si chiedesse di accelerare sulle garanzie, l’amministrazione ha taciuto o non ha saputo trovare soluzioni. Oggi, e a malincuore perché si parla del bene della nostra città, devo dire: avevamo ragione noi. La cosa che più mi dispiace è che si è perso un anno prezioso. Un vuoto che alla conta finale ha prodotto un solo disastroso risultato: il porto Carlo Riva è fermo e nulla si è ancora fatto per avviare i lavori di messa in sicurezza. Questo anno di ritardo si trascinerà ora su tutto l’iter e chissà quando l’economia della città e i livelli occupazionali del porto torneranno a pieno regime. Questa è la certificazione del flop dell’amministrazione comunale, dove ormai al comando non c’è più una lista civica ma Forza Italia”, dichiara il capogruppo regionale Fabio Tosi.

“È da maggio del 2019 che chiediamo all'amministrazione di attivarsi per la decadenza del concessionario – dichiara a sua volta anche la portavoce in consiglio comunale, Isabella De Benedetti -.  La società non ha presentato nessuna delle garanzie richieste. Non si perda altro tempo, perché a pagarne le conseguenze sarà la città intera”.

Claudio Muzio: “Più sicurezza per il nostro territorio grazie ai fondi regionali”

Super User 11 Luglio 2020 213 Visite

Il consigliere regionale Claudio Muzio, capogruppo di Forza Italia, esprime grande soddisfazione per il finanziamento regionale, pari a quasi un milione di euro, destinato al nostro comprensorio.

Nel dettaglio si tratta di 600.000 euro per il rifacimento dell'impianto di illuminazione della "Strada delle Gallerie" tra Moneglia e Riva Trigoso, di 142.500 euro per i lavori di messa in sicurezza del ponte stradale in località Recroso nel Comune di Borzonasca e di 208.000 euro per la riqualificazione della strada pedonale Portofino-Paraggi.

"Sono interventi che garantiranno maggiore sicurezza al nostro territorio. È un impegno importante da parte della Regione, assolto con fondi propri", dichiara Muzio.

"In particolare - prosegue - il finanziamento accordato a Moneglia, che fa seguito a quello già assegnato nel 2019 pari a 500.000 euro, consente di procedere nel piano di ammodernamento di questa arteria, che è stata dichiarata 'strada di interesse regionale' e pertanto strategica per la funzione essenziale di collegamento che svolge", conclude il capogruppo di Forza Italia in Regione.

Matteo Bassetti presidente dello Yacht Club Tigullio

Super User 11 Luglio 2020 1657 Visite

"Dopo 18 anni, la bandiera con l’effige dell’ancora ammiragliato, simbolo di uno dei più antichi club nautici del Mediterraneo, torna finalmente a sventolare. Lo fa sul pennone di una sede unica, storica e, al tempo stesso, rinnovata come quella del Covo di Nord Est, a Santa Margherita Ligure. Sono certo che, in poco tempo, lo Yacht Club Tigullio 1916 tornerà ad essere il punto di riferimento per un mondo a me caro e la sede, il punto di approdo, di importanti iniziative sportive e sociali". Giovanni Malagò “battezza” cosi la rinascita dello Yacht Club Tigullio 1916. Il presidente del Coni ha inviato il suo saluto ai vertici dello storico sodalizio che, dopo 18 anni di inattività a Rapallo, riparte con slancio a Santa Margherita Ligure.

Con progetti ambiziosi sia in ambito sportivo sia mondano. Il nuovo presidente è il professore Matteo Bassetti, primario dell’ospedale San Martino di Genova. Al suo fianco, in qualità di presidente onorario, il professore Gian Francesco Lupattelli, presidente Aces Europe e Msp Italia, ente di promozione riconosciuto dal Coni.

"Rapallo, Santa Margherita Ligure e Portofino, da sempre, sono specchio d'acqua e meta di tutto il jet set italiano ed internazionale – spiega lo stesso Lupattelli -. Ed è proprio sotto il nome del Tigullio 1916, che nacque l'esclusivo club nautico rivierasco, che oggi rinasce al Covo di Nord Est, dopo gli ultimi anni di inattività per la chiusura della sede di Rapallo. Un nuovo progetto ambizioso, di grande fascino, con tanti obiettivi". Cosi il neo presidente Matteo Bassetti: "Ho accettato subito la proposta di diventare presidente, sono onorato di ricoprire questo ruolo in un club cosi importante e prestigioso - dice Bassetti -. E' stata una scelta di cuore, vuole essere anche un segnale chiaro in un momento particolare".

Dal punto di vista sportivo, il rinnovato Yacht Club organizzerà regate veliche e corsi di vela ma anche manifestazioni di motonautica, come la “Santa Margherita Ligure-Montecarlo”. Club house, beach club, banchina per l’approdo e gavitelli per l’ormeggio. E, ogni sera, lo Yacht Club Tigullio 1916 si metterà il vestito a festa con serate con dinner show di livello internazionale curati dalla celebre artista ElodiE Tirard, sullo stile del Lio di Ibiza, del Medusa di Cannes e dell’Opera di Saint Tropez. Ma con un valore aggiunto nella ristorazione, con il grande ritorno al Covo di Nord Est di Marco e Riccardo Belloni della storica famiglia Zeffirino. <Uno spettacolo nella spettacolo – spiega Marco Belloni Zeffirino -. Un concept nuovo e dinamico, con al centro il cliente e la fantasia dello chef: insieme per creare piatti unici e divertirsi con selezioni di pesce crudo, salumi particolari e formaggi, tartare di carne, tutto con abbinamenti gustosi, fino ad arrivare al dolce con l’immancabile tavolozza del pasticcere>.

Lo Yacht Club Tigullio 1916, come annunciato nel corso della presentazione dallo stesso professore Gian Francesco Lupattelli sarà la sede dell’organizzazione di “Recco European Town of the Sport 2022”, “Portofiniadi of wellness-European Community of Sport 2023” e “Genova European Capital of Sport 2024”.

La composizione del consiglio direttivo dello Yacht Club Tigullio 1916:
presidente onorario: Gian Francesco Lupattelli
presidente: Matteo Bassetti
vice presidente vicario: Giorgio Bornacin
vice presidente nautico: Roberto Zucchi
segretario generale: Maria Raia
consiglieri: Antonio Chiavassa, Enrico Cimaschi, Vincenzo Lupattelli, Sabrina Sessarego, Cristian Speciale, Matteo Viacava
presidente collegio dei revisori dei conti: Salvatore Muscatello
consiglieri: Enrico Albergo e Lorenzo Pietranera

Regionali, salta la direzione PD

Super User 11 Luglio 2020 700 Visite

Il massimo organo ligure del Partito Democratico doveva riunirsi in videoconferenza questo week end per mettere la parola fine sull'ormai semestrale tormentone della scelta dell'anti Toti.

E invece no. Nulla di fatto. I vertici della direzione nazionale non riescono a partecipare neanche in videocall.

Mancano 70 giorni alle elezioni regionali di settembre e la coalizione giallorossa non è ancora riuscita ad esprimere un candidato unitario da contrapporre al governatore uscente.
"Una roba del genere non si è mai vista", commenta sconsolato un giovane dirigente di partito.

Regione Liguria scrive ad Autostrade: “Preoccupa il piano di chiusure, soprattutto per A10”

Super User 11 Luglio 2020 145 Visite

"Il piano di chiusure previsto da Autostrade fino al 14 luglio è destinato ad avere un impatto notevole sui flussi di traffico in Liguria. Preoccupa in particolare la situazione della A10, dove è prevista l'interruzione temporanea di entrambi i sensi di marcia tra Arenzano e l'allaccio A10/A26 nelle ore notturne. Non sarebbero garantiti neanche i livelli minimi dei servizi di sicurezza: riteniamo necessaria, pertanto, una revisione del piano". Lo dichiarano il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti e l'assessore alle infrastrutture Giacomo Giampedrone a seguito del piano di chiusure comunicato oggi da Autostrade per l'Italia.

"La situazione del traffico congestionato venutasi a creare a seguito delle chiusure continuative di tratte di rete autostradale - si legge in una lettera indirizzata da Regione alla società concessionaria e alla Prefettura di Genova - ha già sollevato numerose segnalazioni da parte del Commissario straordinario di Alisa, delle pubbliche assistenze, di sindaci dei comuni nonché di diverse associazioni di categoria, con le quali vengono rappresentati i gravi problemi e i disservizi al regolare svolgimento delle attività di emergenza conseguenti alla ben nota attuale situazione compromessa della viabilità autostradale. Con le stesse tra l'altro si comunica la forte preoccupazione, stanti i tempi di percorrenza dilatati per raggiungere i poli sanitari, per garantire adeguati soccorsi con particolare riferimento alle categorie a rischio". Le chiusure pianificate, sottolinea ancora la lettera, coincidono "con il fine settimana che presenterà nuovamente notevoli flussi di traffico". Regione Liguria chiede pertanto "di mettere in atto tutte le azioni possibili, compatibilmente con la pianificazione degli interventi - conclude la lettera - affinché vengano mitigate le conseguenze e le criticità elencate".

Regione, la maggioranza abbandona la seduta della Commissione di inchiesta sulla sanità

Super User 11 Luglio 2020 169 Visite

Ieri mattina, subito dopo l’avvio della seduta della Commissione speciale con funzione di inchiesta sulla gestione dell'emergenza sanitaria conseguente al contagio covid, presieduta da Andrea Melis (M5S), i consiglieri di maggioranza hanno abbandonato la seduta in segno di protesta dopo che la Ragioneria dello Stato ha bloccato i fondi previsti per finanziare il bonus riconosciuto agli operatori sanitari per l’impegno profuso durante l’emergenza sanitaria.
“Ho appreso di questa iniziativa all’inizio della seduta - dichiara il presidente - mi è stata comunicata durante le audizioni programmate per oggi, che seguono quelle che, da diverse settimane, stiamo conducendo con spirito costruttivo e con lo scopo di chiarire cosa non ha funzionato nel sistema sanitario, in modo tale da essere preparati nel miglior modo nel malaugurato caso dovesse esserci nuovamente un picco pandemico”. Rispetto alla decisione dei commissari della maggioranza di lasciare l’aula, Melis aggiunge: “La scelta della maggioranza è assolutamente legittima e io la rispetto, tuttavia spiace perché l'attività in corso della commissione non ha e non può avere un nesso con eventuali premialità al personale sanitario per lo sforzo profuso, che è ovviamente un tema sentito da tutti”.

Atti di teppismo a Santa Margherita, i commercianti chiedono maggiori controlli

Super User 10 Luglio 2020 292 Visite

L’appello degli esercizi commerciali di Santa Margherita Ligure contro gli atti di teppismo che si sono ripetuti nella perla del Tigullio.

Visti gli ennesimi atti di teppismo, verificatisi anche nelle scorse notti, a opera di gruppi di giovanissimi spesso in stato d'alterazione alcolica, questo nonostante diverse ordinanze del Comune di Santa Margherita sul tema, siamo a chiedere uno sforzo di controllo straordinario del territorio da parte delle Forze dell'Ordine specialmente nelle ore notturne.

Siamo ben consapevoli delle difficoltà oggettive che tale nostra richiesta comporta, data l'ormai cronica mancanza di personale e di risorse economiche, ma chiediamo in tutti i modi di porre rimedio a questa situazione che lede enormemente l'immagine turistica di Santa Margherita e del Tigullio con gravi danni per tutto il comparto commerciale, questo in una stagione già di per sé difficile a causa della terribile pandemia causata dal Covid 19 e del caos sulle autostrade della Liguria. 

Siamo ovviamente disponibili a fornire, come semplici cittadini che lavorano nei settori legati al turismo, tutta la collaborazione possibile perché questa pericolosa spirale violenta, certamente non in sintonia con la tradizione della nostra serena e tranquilla cittadina, venga sradicata in modo permanente e definitivo.

Sabot, Hotel Regina Elena, Ristorante Beppe Achilli, Istar Cafè, Ristorante Insolita Zuppa, Ristorante Skipper, Ristorante Angolo 48, Ristorante Karalis, Capo Nord, Rinaldo Ferrari abbigliamento, Ristorante Thymus, Caffè della Ribbâ, Ristorante da Emilio, Master, Gepi mare, Ristorante Mog, Cafè Velo, Gepi, Ristorante Molo 10, Ristorante Padò, I Lumi, Vineria Macchiavello, Terzo Tempo, Ristorante Ducoq, Magazin Bistrot, Ristorante la Cambusa, Jolly bar, Ristorante Reve, Sunflower, Ristorante da Ö Batti Nozarego, Ristorante Baicin, Ristorante Levante, Kicks, Spaghetteria Garibaldi, Bar Roby, Ristorante Zi Nella, Teverna del Marinaio Santa Margherita, La Piazzetta, La Madia, Pasticceria Arte e Dolce, Tabaccheria bar San Siro, Gelateria Miki, Ristorante la Paranza, Gelateria Centrale, Farmacia Sturla Machi, Ristorante il Faro, Allsport abbigliamento, Divino wine lounge, Foto Hubner, Caffè del Porto, Ristorante dal Baffo, Pepe Rosa, da Pezzi, Cappelleria Cavallini, Linea Ufficio Talia, Hotel Villa 1900, Ristorante da Michele, Aldiladelmare abbigliamento, Ristorante da Gennaro, Covo di Nord Est, Estetica Floema, Cds Chiavari, Pagano fiori, Ristorante Vecchia Rapallo, Gardella elettrodomestici, Bottega il Toscano, Kiwi Saint Tropez, Central Bagni, Hotel Metropole, Bagni Helios, Hotel Continental, Hotel Miramare, Spiaggia Minaglia, Bagni Margherita la Borboleta, Covo beach, Ristorante da Nello, Fusi boutique, Ristorante da Nello, Tre D abbigliamento, Bar Pit Stop, Mortola abbigliamento, Spiaggia il Molo, Piccolo bar, Bagni Bosetti, Buongustaio doc, Bar Margherita, Trattoria da Oreste e Ristorante San Lorenzo.

Nidi e scuole dell’infanzia, Regione Liguria approva stanziamento di 5 milioni

Super User 10 Luglio 2020 145 Visite

La Giunta regionale, su proposta degli assessori all’Istruzione Ilaria Cavo, alla Sanità Sonia Viale e all’Urbanistica Marco Scajola, ha approvato oggi in Giunta lo stanziamento di oltre 5 milioni di euro, in riferimento all’annualità 2020, con l’obiettivo di dare una risposta efficace alle famiglie liguri e valorizzare il sistema educativo, potenziando l’offerta dei nidi e delle scuole dell’infanzia.

“Con la delibera di oggi – precisa l’assessore alla Sanità Sonia Viale - destiniamo maggiori fondi al sistema di servizi destinati ai bambini da 0 a 6 anni, in una logica di continuità educativa dal nido alla scuola dell’infanzia, che non ha solo un alto valore formativo, ma anche e soprattutto sociale. Grazie all’impegno di Regione Liguria – dice Viale – raccogliamo i frutti di un lavoro di pressione sul Governo che ha portato ad ottenere queste risorse con circa 6 mesi di anticipo rispetto allo stanziamento dell’anno precedente: i fondi relativi al 2019, infatti, erano arrivati in Liguria solamente a gennaio di quest’anno. Grazie al passaggio odierno, questi 5 milioni di euro il risultato andranno più rapidamente ai comuni, alle scuole paritarie e ai nidi accreditati. Un risultato importante per le famiglie in un momento in cui è necessario non solo garantire la continuità, ma consolidare e ampliare la rete dei servizi educativi per l’infanzia, potenziare le sezioni primavera e, non ultimo, investire sulla formazione degli operatori, che saranno sempre più preparati in un lavoro prezioso e delicato come quello con i più piccoli”.

“La norma statale – aggiunge l’assessore Cavo – prevede che le Regioni assicurino un finanziamento pari almeno al 30% delle risorse statali: Regione Liguria ha fatto ben di più, stanziando 6 milioni di euro per i voucher Centri estivi. È stata una nostra scelta precisa agire in questa direzione per continuare a supportare le famiglie nella ripartenza dopo l’emergenza Covid, stanziando fondi il cui risultato è quello di non scaricare sui genitori i maggiori costi che le realtà devono supportare per garantire la sicurezza e salute dei bambini e degli operatori”.

“Nell’assegnazione dei 5 milioni odierni – aggiunge Cavo - si continua a tenere conto della spesa storica e dei servizi garantiti direttamente dai Comuni e dall’altro si ribadisce ai Comuni stessi che una quota (corrispondente al 16% del totale) dovrà essere trasferita ai nidi privati accreditati e scuole dell’infanzia private che, nel sistema da 0 a 6 anni, rappresentano una scelta per molte famiglie e garantiscono una maggiore copertura delle necessità – precisa l’assessore Cavo – Inoltre, la delibera approvata oggi prevede che vengano incrementati i convenzionamenti con i servizi socioeducativi per la prima infanzia privati accreditati e che si favoriscano ulteriori riduzioni dei costi a carico degli utenti: vogliamo continuare a garantire alle famiglie la piena libertà per quanto riguarda la scelta del percorso educativo dei loro figli”.

“Da non sottovalutare – aggiunge l’assessore all’Urbanistica Marco Scajola – il fatto che una parte di questi fondi potranno essere utilizzati per riqualificare edifici scolastici già esistenti e al momento sottoutilizzati, ma anche per promuovere la costruzione di nuovi edifici”.

Giancarlo Vinacci nominato advisor di Confcommercio Lazio

Super User 10 Luglio 2020 587 Visite

L’ex assessore comunale allo Sviluppo economico e manager Giancarlo Vinacci è stato nominato consulente di Confcommercio Lazio.

Vinacci è stato chiamato a fianco del presidente Giovanni Acampora in qualità di super consulente, con particolare riferimento all'economia del mare ed al mondo della finanza, a Roma anche per partecipare alla presentazione del libro di Leonardo Valle sulla rivoluzione industriale 4.0, "Advanced Advisory", nel quale all'assessore è stato dedicato l'intero capitolo su Genova. Tra i presenti: il sottosegretario al MISE Gian Paolo Manzella, il presidente di Piccola Industria Unindustria Lazio Fausto Bianchi, il presidente di Confcommercio Lazio Giovanni Acampora ed il giornalista RAI Marco Frittella.

Il 30 luglio Vinacci invece sarà uno dei relatori di un importante convegno sulla blueconomy che si terrà a Gaeta.

A tutti questi appuntamenti il manager genovese (di Castelletto) ha accanto Gigliola Piciocchi (sorella del superassessore comunale), che presto sarà nominata Segretario generale del Dipartimento Nazionale Innovazione e Sviluppo di Forza Italia, presieduto dallo stesso Vinacci.

Un periodo pieno di soddisfazioni, per l’ex assessore della Giunta Bucci. E altre potrebbero arrivare dalla sua candidatura (ma non ha ancora sciolto la riserva) alle regionali liguri.

Giancarlo Vinacci con Gigliola Piciocchi

Lega, da oggi a lunedì gazebata in tutta la Liguria per la raccolta firme

Super User 10 Luglio 2020 351 Visite

Da oggi fino a lunedì 13 luglio, in trenta località della Liguria, da Ventimiglia alla Spezia, passando per l’entroterra, la Lega Liguria ha organizzato una gazebata per la raccolta firme #stopisolamento. “Dopo la manifestazione di ieri - dice Edoardo Rixi, segretario della Lega Liguria - davanti a palazzo Chigi dove abbiamo portato l’insofferenza della nostra regione per i disagi insostenibili subiti dalla Liguria per il caos autostrade, da oggi, nelle piazze, chiederemo ai liguri di firmare perché il governo sblocchi le principali opere infrastrutturali attese da anni e riveda subito, nel decreto Semplificazioni, le regole sulle manutenzioni che oggi stanno sequestrando migliaia di liguri e turisti per ore in auto sotto le gallerie, un destino che, se non cambierà qualcosa, toccherà all’Italia intera”.
Nell’elenco delle opere della sottoscrizione ci sono, tra le altre: il raddoppio della Genova-Ventimiglia, la Gronda di Genova, il completamento dell’Aurelia bis, il tunnel della Val Fontanabuona. E poi Terzo Valico, Nodo di Genova, linea Novi-Tortona-Pavia, Pontremolese, interventi sull’Aeroporto di Genova, l’autoparco e una sede di Ansfisa a Genova.

Oltre alla raccolta firme #stopisolamento, continua anche le sottoscrizioni #stopcartelle, #stopclandestini e #stopvitalizi, oltre che la campagna tesseramento 2020.
“Lo scorso fine settimana - conclude Rixi - abbiamo chiuso con 16mila firme e circa 700 tessere, un successo enorme che suona come un avviso di sfratto al governo di incapaci che sta bloccando il Paese”.

Dl Rilancio, Luca Pastorino: “Misure importanti per porti e lavoratori”

Super User 10 Luglio 2020 175 Visite

"Il decreto Rilancio include tante misure importanti e preziose per il settore dei porti. Grazie al lavoro svolto in commissione Bilancio, e a quello successivo in Aula, sono state inserite norme che avranno un impatto positivo. Esprimo quindi soddisfazione per questi provvedimenti adottati, che vanno a favore dei lavoratori dei porti e, più in generale, a supporto dell'intero comparto". Lo dichiara il deputato di èViva, Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Liberi e uguali.
"In particolare - aggiunge Pastorino - è stata inserita la possibilità alle Autorità portuali di corrispondere un contributo al fornitore di lavoro, con un tetto massimo di 4 milioni sia per il 2020 che per il 2021. Una somma pari a 90 euro per ogni dipendente, in relazione alle giornate di lavoro perse rispetto al 2019. È stata poi disposta la proroga di due anni alle autorizzazioni in corso, in materia di fornitura del lavoro portuale temporaneo. E ancora: sarà istituito un fondo di 10 milioni, per il 2020, destinato a compensare i mancati introiti dell'Autorità di sistema portuale. Infine, e finalmente dopo tanti anni, si introduce una disciplina più restrittiva per l'autoproduzione nelle operazioni portuali. Sarà infatti possibile solo per le imprese autorizzate a svolgere queste operazioni e solo se i fornitori di lavoro, o l'ente di somministrazione di lavoro temporaneo, non siano in grado di offrire questo servizio".

“L’importanza della comunicazione al femminile”, sabato un convegno a Ventimiglia

Super User 09 Luglio 2020 460 Visite

“L’importanza della comunicazione della donna nel mondo contemporaneo”. E’ questo il tema al centro del convegno che avrà luogo sabato 11 luglio alle ore 16.00 a Ventimiglia, presso il Forte dell’Annunziata. A promuovere l’evento sono Azzurro Donna Liguria (il movimento femminile di Forza Italia) e i coordinamenti regionale, provinciale e cittadino del partito, con la collaborazione dell’Università Popolare per l’Evoluzione Umana.

“E’ il primo convegno di Azzurro Donna in Liguria”, dichiara la coordinatrice regionale Alice Dotta. “Saranno con noi, per raccontarsi, diverse figure femminili che ci porteranno la loro testimonianza di donne di successo nei rispettivi ambiti lavorativi e personali. Voglio ringraziare l’ideatrice e promotrice di questo incontro, Elisa Amelia, coordinatrice di Azzurro Donna per l’area intemelia, per l’impegno con cui si è dedicata a questo progetto”.

Queste le relatrici del convegno: Martina Bestagno per il mondo dello sport, Patrizia Pallucci per l’imprenditoria, Jessica Demaria per lo spettacolo, la dott.ssa Alessandra Beltrame per la medicina, Sandra Lapini sul tema della “riuscita di sé”, la dott.ssa Erica Ponte per il mondo delle professioni sanitarie femminili. Per l’Università Popolare per l’Evoluzione Umana prenderà la parola il dott. William Giangiordano.

Saranno presenti il capogruppo di Forza Italia in Regione e presidente della Commissione Sanità Claudio Muzio, il sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino, il responsabile regionale di Forza Italia per i rapporti con gli Enti locali Filippo Bistolfi, il coordinatore provinciale del partito Simone Baggioli, la coordinatrice provinciale di Azzurro Donna Patrizia Badino.

Al termine del convegno sarà offerto un aperitivo sulla terrazza panoramica del Forte. Per consentire il rispetto delle normative di contenimento del Covid-19 è opportuno confermare la propria presenza alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonicamente al numero 334.2538732.

I Giardini Baltimora avranno nuovi servizi igienici

Super User 09 Luglio 2020 131 Visite

Un altro intervento per restituire alla città un polmone verde dominato da tempo da degrado, incuria e sporcizia. I Giardini Baltimora, meglio conosciuti come Giardini di Plastica, nelle prossime settimane compiranno un nuovo fondamentale passo verso una nuova vita. Ieri è stata presentata e accolta una mozione dalla capogruppo in Consiglio comunale e candidata alle prossime regionali per Liguria Popolare, Marta Brusoni, per l’installazione di servizi igienici che, si legge nella nota, “costituiranno un deterrente all’uso come orinatoio a cielo aperto e risulteranno necessari per le associazioni che gravitano sul territorio”.

La mozione è stata approvata in Consiglio e, nell’intento del Comune, andrà a contrastare lo stato di abbandono e soprattutto le scarse frequentazioni che negli ultimi anni hanno caratterizzato l’area.
“Desidero ringraziare i consiglieri di Vince Genova del Municipio Centro Est per il sostegno dimostrato in questi mesi – spiega Marta Brusoni -. In particolare vorrei ringraziare la consigliera Daniela Marziano che per prima si è battuta per garantire l’installazione degli orinatoi in sicurezza chiusi e non a cielo aperto a servizio delle tante associazioni che durante l’anno lavorano nella zona”.

I Giardini Baltimora sorgono sulle ceneri di un vecchio quartiere bombardato, via Madre di Dio, soffocato tra gli enormi edifici moderni, spesso trasformato in un rifugio per tossici e sbandati. Per questo, nelle intenzioni del Comune, l’installazione di nuovi servizi igienici costituisce il primo tassello di un progetto a più ampio raggio che porterà anche alla creazione di altri interventi di riqualificazione.  L’anno scorso la compagnia San Paolo aveva aperto un bando, per costruire un’installazione dedicata a Paganini per ascoltare musica classica. La struttura è poi stata distrutta a causa di atti vandalici e dello scarso controllo dell’area.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip