Skin ADV

L'illusione di Luigi Merlo

Luigi Merlo

Il presidente dell'Autorità Portuale di Genova Luigi Merlo cerca una nuova sistemazione. Perché è in scadenza.

E perché se sua moglie Raffaella Paita diventerà presidente della Regione Liguria, se ne andrà ancora prima. Non solo: per evitare incompatibilità ha già detto che non cercherà occupazione in Liguria.
A Genova3000.it risulta che il signor Merlo ha già fatto il suo piano, che sarebbe appoggiato dalla sinistra. Lui va a fare il commissario a Livorno, sistemazione gradita, in quanto è di La Spezia. E viene a fare il commissario a Genova il presidente dell'Autorità Portuale di Livorno, Giuliano Gallanti, genovese e comunista.
Tutti contenti, quindi. Ma c'è un ma. Merlo e Gallanti hanno fatto i conti senza l'oste, cioè il democristiano (ora NCD) Maurizio Lupi, ministro competente. A suo tempo Lupi aveva ordinato a un'agenzia di esperti uno studio sulla portualità, che prevede l'accorpamento di porti vicini, in base alla specificità. Cioè se due porti svolgono lo stesso lavoro, meglio unirli. E questo dovrebbe avvenire tra Genova e Savona. Si tende alla razionalizzazione, questo è l'obiettivo.
Nei giorni scorsi gli advisor hanno inviato la loro relazione, un documento di sole quattro pagine. Questi studi confermano la necessità degli accorpamenti. E questo avverrà tra Genova e Savona. Ne discuteranno lunedì prossimo a Roma, agli Stadi generali sulla portualità.
Secondo le informazioni in nostro possesso sia Merlo che Gallanti rimarranno a mani vuote. La scelta cadrà  su Marina Monassi che lascia il porto di Trieste e ha già annunciato al "Secolo XIX" (Matteo Dell'Antico) che adesso vorrebbe venire a Genova. Sarà accontentata. Sarà commissaria dei porti di Genova e Savona. Questo progetto sarà sicuramente ostacolato dalla sinistra, ma Lupi è sicuro di spuntarla.

Elio Domeniconi

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip