Lunardon su assemblea nazionale PD

Il consigliere regionale PD Giovanni Lunardon sull’assemblea nazionale PD: “Dovevamo fare una seria

analisi del voto che manca dal 4 marzo. Non l’abbiamo fatta. Dovevamo eleggere un segretario che guidasse la pur breve transizione in pienezza di poteri per mettere fine alla presente fase di anarchia. Non l’abbiamo fatto. Dovevamo individuare se non la data almeno il periodo in cui fare il congresso, visto che siamo tutti d’accordo a farlo. Non l’abbiamo fatto. Dovevamo incominciare a dirci cosa cambiare (perché dopo la sberla che abbiamo preso è evidente che dobbiamo cambiare) e non l’abbiamo fatto. Abbiamo preferito fare le pulci agli altri, anziché fare ordine in casa nostra, occasione sprecata. Quello che serve è chiarezza. E un confronto vero. Non confinato ai gruppi dirigenti e che non può esaurirsi nel voto alle primarie. Quello che non serve è un unanimismo di facciata, rituale e bolso, di cui nessuno sente più il bisogno. Il congresso sarà il luogo principale del confronto. Ma da qui ad allora non possiamo fare finta che non sia successo nulla”.
Parole molto critiche.

ultimi articoli