Al via i tavoli di confronto per il porto

Si è tenuto mercoledì 5 settembre il primo di una serie di tavoli tecnici dedicati alla

ricerca di strategie comuni per affrontare il tema dello sviluppo economico città-porto anche in ragione dell’emergenza logistica derivata dal crollo del ponte Morandi.
Hanno partecipato all’incontro – oltre al consigliere delegato al Porto, Francesco Maresca – Francesco Parola, professore associato del dipartimento di Economia e gestione delle imprese e dei trasporti dell’Università di Genova, Giampaolo Botta, direttore generale di Spediporto, Leopoldo Da Passano, responsabile Sviluppo economico e portualità di Confindustria e Silvia Capurro, direttore responsabile della direzione Porto e mare del Comune di Genova.
«Crediamo che questo – ha sostenuto Francesco Maresca aprendo il dibattito – sia un primo briefing per affrontare in modo concreto temi fondamentali e oggi ancor più cruciali, quali ZLS (Zone Logistiche Speciali) e ZES (Zone Economiche Speciali) per trovare strumenti giuridici efficaci per la miglior tutela delle imprese del Porto e del territorio  genovese; viabilità portuale con riferimento a nuove strade dedicate e, soprattutto, semplificazione dei processi. Quest’ultimo punto, poi, sarà di grande aiuto per tutta l’economia genovese. Genova è il porto più grande del Mediterraneo e il Comune deve essere parte attiva nelle trattative con il governo».

ultimi articoli