Skin ADV

I santi protettori di Ubaldo Santi

Ubaldo Santi con Stefano Maullu

Dopo il suo esposto alla Procura della Repubblica, con il quale ha segnalato presunte

pressioni ricevute “dall’alto” da alcuni consiglieri di maggioranza affinché si convincessero a votare a favore delle decisioni della giunta, per Ubaldo Santi si è parlato di una possibile espulsione da Fratelli d’Italia, partito nel quale è confluito dopo essere stato eletto nella lista del sindaco Bucci.
“Roma lo ha fatto entrare e ora Roma lo deve fare uscire”, dicono alcuni suoi colleghi genovesi di partito.
Ma è a Roma che Santi ha i suoi santi protettori. Proprio ieri ne ha incontrato uno. Si tratta di Stefano Maullu, europarlamentare (nel 2014 è stato il primo dei non eletti di Forza Italia, ma l’anno dopo è subentrato a Giovanni Toti eletto governatore della Liguria) e membro del consiglio direttivo di Fratelli d’Italia (il passaggio da FI a FdI è avvenuto nel novembre 2018), che nel suo tour elettorale per le europee ha fatto tappa a Genova.
Il loro non è stato un incontro politico, ma amichevole: Maullu e Santi si conoscono da tanto tempo, da quando erano giovani socialisti nella Fondazione Craxi. Il bocconiano Santi fu poi espulso dal PSI per aver votato in consiglio comunale contro il sindaco Claudio Burlando (che si salvò per un solo voto). Il distacco però fu travagliato e in qualche modo concordato.
Altro santo romano del paladino del libero voto (in consiglio comunale) è la senatrice Daniela Santanchè che lo ha voluto fortemente nel partito.
Finché ha questi due santi protettori, Santi può stare tranquillo tra i fratelli (d'Italia).

Ubaldo Santi con Daniela Santanchè

 

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip