Skin ADV

Unicef Liguria inaugura il dopo virus

Franco Cirio

Unicef Liguria ha annunciato, con una conferenza stampa “virtuale” del presidente Franco Cirio e del responsabile della comunicazione Dino Frambati, un grande concorso per le scuole: “Un anno dopo il coronavirus”. Appare come una primissima iniziativa nazionale per credere al futuro ed al superamento di questo periodo terribile.

Idea che parte dalla nostra città, nello spirito Unicef, che difende bambini ed infanzia come scopo assoluto e primario della sua attività. 

Verrà avviato tra fine gennaio ed inizio febbraio 2021 e potranno partecipare tutte le scuole di ogni ordine e grado della Regione Liguria con tema il racconto degli studenti di questo periodo, dall'inizio dell'emergenza fino al termine. Come lo hanno vissuto, dove hanno appreso le notizie (dai media, dalla famiglia, attraverso i social). Ed ancora: quali sono state le sensazioni, i timori, le speranze. Come sono riusciti a seguire le lezioni restando a casa, attraverso gli strumenti tecnologici. Quale è stato il loro rapporto con amici, compagni scuola, ma anche con parenti, nonni, mediante i social e gli strumenti tecnologici e se li hanno trovati adeguati e sufficienti. Infine, come vedono ora il futuro.

I giovani potranno realizzare scritti e/o disegni, filmati, immagini, singolarmente oppure in gruppi o sezioni scolastiche, istituti.

Un preciso bando di concorso, con tutti dettagli, verrà emesso entro fine 2020.

Le opere saranno valutate da una giuria composta da Franco Cirio, Giacomo Guerrera, past president Unicef Italia e garante dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza del Comune di Genova, Dino Frambati, giornalista, scrittore e responsabile comunicazione Unicef Liguria, oltre ad esponenti del mondo della cultura.

La cerimonia di premiazione avverrà entro Pasqua 2021 in una prestigiosa sede a Genova.

"Il messaggio chiave del Summit mondiale per l'infanzia e l'adolescenza dell'Onu – ha detto Franco Cirio - è stato: "Il mondo sarà salvato dai bambini". Sono parole che ci devono far riflettere, ci devono spronare a fare qualcosa di concreto per loro. Eppure oggi, in questo annus horribilis, i bambini sono tornati ad essere invisibili, chiusi in clausura. Sono tornati i cartelli di divieto a giocare. Riecheggiano le parole di Giovanni Paolo II sull' "immenso peso di sofferenza e di ingiustizia che grava sui bambini del mondo. È per questo che con coraggio diamo vita a questa raccolta di esperienze, di elaborati con scritti e disegni. Sarà un patrimonio unico nella storia, che esporremo in una grande mostra a Palazzo Ducale”.

Mentre Dino Frambati sottolinea come questo sia “forse il primo concreto gesto in assoluto che supera questo drammatico momento di emergenza sanitaria e annuncia un'iniziativa concreta e futura. Come Unicef Liguria abbiamo deciso di programmarlo quando ancora il Covid 19 sta mettendo in stand by la nostra vita e permane l'incertezza di come e quando usciremo dalla crisi”. “Ma abbiamo pensato di annunciare questa iniziativa proprio ora – insiste Frambati – per lanciare un messaggio forte; per dimostrare la nostra ferma convinzione che supereremo questo momento, che faremo narrare ai bambini, la cui voce è stata troppo flebile in questo momento, in contrasto col fatto che il futuro, il post coronavirus appartiene più a loro che a noi”.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip