Skin ADV

“Riviera Capitale”, il libro di Mauro Boccaccio per un Tigullio culturale

La presentazione al ristorante Manuelina, da sinistra: Carlo Gandolfo, Bruno Gambarotta, Cesare Carbone, Mauro Boccaccio e Cristina Carbone

Tutto è nato a Chiavari, durante la prima edizione dell'Economic Forum Giannini, il meeting che si è svolto nel giugno scorso nel nome del famoso banchiere italo-americano - nato negli Stati Uniti da genitori italiani provenienti da Favale di Malvaro - interprete di una politica economica basata sull’etica e sulla solidarietà.

L’idea è venuta a Valentina Ghio, sindaca di Sestri Levante al secondo mandato, che durante il suo intervento ha lanciato la candidatura del Tigullio a capitale nazionale della cultura. Quel pensiero spontaneo è stato subito condiviso da tutti i presenti, anche dal compianto sindaco Marco Di Capua. Così ben presto alle parole sono seguiti i fatti. Come prima cosa si è dato un nome all’appuntamento: “Tigullio 2024”. Poi, si sono formati i gruppi di lavoro e organizzati i primi incontri istituzionali, seguiti con attenzione anche dall’assessora regionale alla Cultura Ilaria Cavo.

Insomma, il progetto di unire il Tigullio sotto l’ombrello della cultura è piaciuto molto. Perché in questo caso non si tratta soltanto di un simbolico Red Carpet da percorrere da Rapallo a Portofino, ma di una grande chance per far conoscere al mondo i tesori artistici della Riviera. E magari anche scoprirli, com’è successo nella chiesa di San Lorenzo della Costa a Santa Margherita Ligure, dove Vittorio Sgarbi ha attribuito al Nuvolone un dipinto della Madonna con il Bambino.

In moto si è messo anche tal Mauro Boccaccio da Rapallo, giornalista, ex capo ufficio stampa della Regione Liguria e motore culturale del Tigullio, che ha raccolto in un libro, “Riviera Capitale” per Panesi Edizioni, storie, progetti e idee, alcune rimaste scritte su quaderni e taccuini, altre realizzate con Maura Ferrari, utili a chi deve lavorare al progetto. Un instant book pieno di appunti sparpagliati, ritrovati, raccolti anche dopo anni e riordinati pazientemente, fra tanti personaggi e luoghi diversi. La curiosa fotografia di un Tigullio che ha comunque le carte in regola per lavorare e guardare avanti.

Il volume ieri ha avuto una doppia presentazione: al mattino a Palazzo Ducale e alla sera al ristorante Manuelina. Due incontri in due luoghi apparentemente diversi ma che sono uniti da un unico filo conduttore, la cultura. Perché a Recco la gastronomia è veramente cultura. Lo sanno bene Cristina e Cesare Carbone, i patron della Manuelina che hanno preparato una cena sublime, e i coniugi Bernini, promotori delle manifestazioni del consorzio dei ristoratori recchesi.

Ospite d’onore, in entrambi i casi, il conduttore televisivo e scrittore Bruno Gambarotta. Moderatori i giornalisti Donatella Alfonso (Repubblica, al Ducale) e Edoardo Meoli (Secolo XIX, alla Manuelina) che hanno interrogato l’autore sul contenuto del suo libro che ha in copertina un colorato quadro del pittore bogliaschino Gian Marco Crovetto.
A Recco erano presenti anche il sindaco Carlo Gandolfo con la compagna Cristina Merlo e l’avvocato Silvio Romanelli che, accanto alla moglie Lydia Soltazzi, da ex presidente dell’associazione Liguri nel mondo ha raccontato com’è nata la farinata.

La presentazione a Palazzo Ducale, da sinistra: Donatella Alfonso, Mauro Boccaccio e Maura Ferrari

Edoardo Meoli intervista Mauro Boccaccio

 

Il sindaco di Recco Carlo Gandolfo e la compagnia Cristina Merlo, dietro Cesare Carbone

L'avvocato Silvio Romanelli con la moglie Lydia Soltazzi

Il tavolo dei giornalisti

Il tavolo dell'editore

Il tavolo della padrona di casa

Il menu

 

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip