L'Habitat Naturale della Tosse

Il 2018 del Teatro della Tosse debutta il 16 gennaio con Habitat Naturale spettacolo di Elisabetta Granara

allestito in una location particolare: Il Museo di Storia Naturale Doria.
Al Museo di Storia Naturale i leoni giacciono sereni nella loro piccola savana mentre l'audio della foresta amazzonica riecheggia nei corridoi vuoti; lo Sphaeroma Tenebrans è al suo posto nella bacheca dei crostacei isopodi. Le giornate scorrono serene tra le visite delle scolaresche e gli interventi di manutenzione ordinaria; quello che succede fuori non conta, l'importante è che al momento della chiusura tutto sia in ordine e il custode inserisca l'allarme. È quello che ha fatto anche ieri sera, eppure stamattina, nella sala degli insetti, è stato trovato un oggetto estraneo. È il primo di una serie di ritrovamenti insoliti che rivela una sconcertante verità: tra quelle quattro mura è venuto ad abitare un essere sconosciuto…
La migrazione vista da una prospettiva biologica: cause, meccanismi, effetti; dispersione, adattamento, evoluzione. In un periodo storico in cui le migrazioni ci mettono in crisi con la loro enorme complessità, proviamo a cercare spunti nella Natura, a farle domande, a rielaborare le risposte. Con Habitat Naturale, Elisabetta Granara conduce gli spettatori lungo i corridoi del Museo di Storia Naturale, per ripercorrere con loro lo stupore del suo incontro di profana con la Biologia e l’Ecologia. Lo fa attraverso un racconto e dei personaggi: l’arrivo di uno straniero in un museo di Storia Naturale, un luogo dove tutto è statico per poter rappresentare qualcosa che mai si può fermare. Una direttrice di museo preparatissima e severissima. Ma ferma. L’allegra parabola di una crisi del mondo fermo, perché la vita è un processo di cambiamento costante. Habitat naturale intende approfondire una dinamica di fondo del vivere contemporaneo: le migrazioni e le loro conseguenze.
“Sono sempre stata affascinata dalla teatralità del Museo di Storia Naturale – spiega l'autrice - . L’artificio per spiegare la natura. L’atmosfera di mistero che gli animali tassidermizzati nelle loro cabine di vetro possono suscitare nei visitatori. Le sale, i corridoi. I diorami, scenari tridimensionali per rappresentare il mondo. La stratificazione di epoche nascosta tra i muri, gli arredi e le didascalie che ne fanno un museo di storia nella storia. Volevo condividere questo mio gusto, condurre la mia personale visita guidata. Ne è nata la protagonista di questa storia, una direttrice preparatissima e severissima che sa interpretare la natura e svelarne gli arcani. La scena sarà costruita per creare un’ambientazione il più possibile fedele a queste suggestioni, così come i due personaggi protagonisti, la direttrice e il custode del museo. Gli attori si muoveranno in uno spazio che si svilupperà tra vetrinette e animali impagliati, con un sottofondo artificiale di audio-didascalie e suoni della natura, in un’atmosfera alla Walter Potter, tassidermista vittoriano”.

16 e 17 gennaio, ore 20.30
Museo di storia naturale G.Doria di Genova
HABITAT NATURALE di Elisabetta Granara
Con Elisabetta Granara e Diego Dalla Via
Progetto semifinalista Premio Scenario 2017 In collaborazione con Fondazione Luzzati Teatro della Tosse, Genova
Biglietto: 14 euro 

ultimi articoli