Skin ADV

La Cancellieri di Genova

Anna Maria Cancellieri

Diciamo la verità: quando era prefetto di Genova Anna Maria Cancellieri aveva conquistato tutti. Per la sua efficienza

ma anche per la sua carica di simpatia. E quella voce mascolina che ora Dario Ballantini imita tanto bene su "Striscia la notizia".

Era andata a Bologna come commissario e anche lì elogi a non finire, volevano farla sindaco. Nessuno si era quindi stupito quando Mario Monti gli aveva dato il dicastero dell'Interno e poi quando Enrico Letta l'aveva scelta come Guardasigilli, ministro di Grazia e Giustizia. Ma proprio in questo delicato incarico ha avuto un incidente di percorso. Le telefonate per far uscire di galera Giulia Ligresti che soffriva il regime carcerario e rischiava di ammalarsi.

Beppe Grillo vuole farla cacciare. Anche in altri partiti non si nascondono perplessità. Ma sinora la Guardasigilla si è rifiutata di fare un passo indietro (come aveva fatto la Idem), e sinora Letta non gliel'ha chiesto. Ha detto che può andare a testa alta, che si è trattato di un gesto di umanità, che aveva fatto anche per altri.

I grillini l'hanno invitata a dire quali erano stati gli altri interventi, per vedere se davvero aveva cercato di aiutare anche le persone qualunque. Ma a nostro avviso il gesto della Cancellieri resta grave per i suoi rapporti con la famiglia Ligresti. Gabriella Fragni, compagna del patriarca Salvatore, ha rivelato che la ministra è sua amica da 40 anni. Inoltre Piergiorgio Peluso, figlio della Cancellieri, ha lavorato per 14 mesi alla Fonsai e se n'è andato con una buonuscita da 3,6 milioni, più di 7 miliardi di vecchie lire.

Ebbene, Giulia Ligresti, beneficiata dal ministro di Grazia e Giustizia in una telefonata intercettata dalla Guardia dalla Guardia, si sfoga così: "'Sto Peluso è il figlio del ministro Cancellieri. Siccome lui è talmente protetto, figurati cosa gli daranno in Telecom. Questo qui è entrato da noi un anno fa e ha distrutto tutto".

Proprio per i rapporti con i Ligresti la ministra avrebbe dovuto evitare di interferire. O no? Per il Governo Letta non è un bel biglietto da visita. Specie se il premier continuerà a stare zitto. Chi tace, acconsente.

 

Elio Domeniconi

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip