Skin ADV

Il famoso "decreto Biondi"

Alfredo Biondi

Gianni Barbacetto su "Il Fatto Quotidiano" facendo la "storia delle norme controverse su cui nessuno voleva

mettere la faccia" ha ricordato il famoso "decreto Biondi":

"Un anno dopo, il 13 luglio 1994, il primo governo Berlusconi, alla ricerca di un modo per fermare Mani Pulite, vara il "decreto Biondi": abolito l'arresto per corrotti e corruttori.
Quel pomeriggio l'attenzione del Paese è tutta per Italia-Bulgaria, semifinale dei mondiali di calcio che deve decidere chi affronterà in finale il Brasile.
Al Consiglio dei ministri, il titolare della Giustizia Alfredo Biondi distribuisce una cartellina con il testo e le spiegazioni. Interviene Berlusconi: "O il decreto passa all'unanimità, o lo ritiro e passiamo al disegno di legge".

Roberto Maroni, leghista, ministro dell'Interno e avvocato, chiede: "Ma usciranno di galera De Lorenzo e soci, oppure no?". Gli rispondono: "No,fidati". Il decreto passa all'unanimità. Il giorno dopo, i tangentisti escono, il pool Mani pulite si dimette, il Paese insorge. Berlusconi si spaventa e dà la colpa a Biondi. Maroni si dissocia e dice che non gli avevano spiegato le conseguenze. Il 19 luglio il decreto viene bocciato in Parlamento.

Elio Domeniconi

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip