Skin ADV

Una tragedia cittadina

Genova si stringe attorno alle famiglie dei sette, fin qui certi (due sono al momento i dispersi),

lavoratori morti nella notte scorso in seguito al drammatico incidente avvenuto nel porto, alle 23,10 circa, quando una nave portacontainer della linea Messina, la Jolly Nero, si è abbattuta sul molo Giano, provocando lo sbriciolamento della torre piloti.

Il sindaco Marco Doria, accorso sul posto quando mancavano pochi minuti allo scoccare della mezzanotte, ha subito proclamato il lutto cittadino. Dopo pochi minuti è arrivato sul posto della tragedia anche il noto armatore genovese Messina, così come Capocaccia e il presidente dell’Autorità Portuale, Luigi Merlo, apparso visibilmente scosso.

Senza dubbio è il giorno più nero degli ultimi anni a Genova per quanto riguarda le morti sul lavoro. All’inizio, con il buio della notte, le operazioni di salvataggio non sono state affatto semplici e se l’incidente fosse avvenuto di giorno è probabile che qualche vittima sarebbe stata recuperata più in fretta.

La procura del capoluogo ligure ha subito aperto un’inchiesta per accertare le eventuali responsabilità sul gravissimo incidente, al momento contro ignoti. Sulla vicenda indaga il procuratore Michele Di Lecce, nel frattempo il comandante della nave coinvolta nell’incidente (che secondo un testimone andava a velocità sostenuta e avrebbe accusato un’avaria al motore) è stato indagato per omicidio colposo plurimo, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip