Miseria e nobilta'

Venerdì 23 febbraio alle ore 20.30, con repliche fino al 1° marzo, al Teatro Carlo Felice,

in prima esecuzione assoluta, va in scena Miseria e nobiltà di Marco Tutino. Opera in due atti liberamente tratta dall’omonima commedia di Eduardo Scarpetta (fondatore della dinastia Scarpetta-De Filippo) commissionata dal Teatro Carlo Felice, evento rarissimo oggigiorno, su libretto di Luca Rossi e Fabio Ceresa.
L’opera comica è un genere poco frequentato dai compositori contemporanei. La sfida di Marco Tutino, con Miseria e nobiltà, è riallacciarsi a questa tradizione, tutta italiana, adeguandola ai tempi. La scelta del soggetto è caduta su un classico della comicità napoletana (Napoli, dove l’opera buffa è nata), la commedia di Eduardo Scarpetta Miseria e nobiltà (1887), portata al cinema, con grande successo, da Mario Mattioli nel 1954, protagonisti Totò e Sophia Loren. Chi ama la commedia originale e la pellicola ne ritroverà gli equivoci e il clima da farsa, ma anche qualcosa di diverso: meno personaggi-maschere, più psicologia e un contesto politico e culturale più definito (l’azione è stata spostata nel 1946, nei giorni del referendum tra monarchia e repubblica). Perché, come osserva giustamente Tutino, anche il nostro gusto comico è cambiato: «Il nostro sguardo è ormai irrimediabilmente influenzato e corrotto dalla varietà dei generi di spettacolo leggero che da più di cento anni hanno cambiato profondamente le nostre esigenze e aspettative: chi ha conosciuto Falstaff, l’operetta, il musical, Nino Rota, Totò, Mel Brooks, e così via fino a Maurizio Crozza, non si accontenterà più dei meccanismi teatrali e del linguaggio di Rossini e Donizetti, seppure sublimi e unici. La comicità e la leggerezza oggi saranno inevitabilmente sempre venate di turbamenti e ombre, e disposte a negare se stesse in ogni momento.»
La direzione dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice è affidata all’abile bacchetta di Francesco Cilluffo, la regia è firmata da Rosetta Cucchi, le scene sono state realizzate da Tiziano Santi, i costumi sono curati da Gianluca Falaschi e le luci sono di Luciano Novelli. Il nuovo allestimento è stato realizzato dalla Fondazione Teatro Carlo Felice in coproduzione con il Teatro Verdi di Salerno.
Il cast è composto da Valentina Mastrangelo, che interpreta Bettina, Francesca Sartorato sarà Peppiniello, Martina Belli Gemma, Fabrizio Paesano Eugenio, Nicola Pamio il Contadino/Cameriere, Alessandro Luongo Felice Sciosciammocca, Alfonso Antoniozzi vestirà i panni di Don Gaetano e Andrea Concetti sarà Ottavio.
Tra gli Sponsor dell’opera, si aggiunge la presenza del marchio Pasta Moccagatta che opera nel settore dal 1908, la Casa del Parmigiano e Non solo buono.
Manifestazioni, appuntamenti e approfondimenti organizzati e promossi dalla Fondazione Teatro Carlo Felice in preparazione dell’andata in scena dell’opera Miseria e nobiltà.

Sabato 17 febbraio - ore 16.00
Auditorium Eugenio Montale
Conferenza illustrativa “Miseria & Nobiltà, dalla prosa di Scarpetta-De Filippo al cinema di Totò fino all’Opera. La vita di un testo attraverso 200 anni di storia”
Relatori: Marco Tutino, Luca Rossi.
Moderatore Lorenzo Costa, in collaborazione con l’Associazione Amici del Carlo Felice e del Conservatorio N.Paganini.

Domenica 18 febbraio OPENDAY
Ore 11 - Prova d’assieme dell’opera aperta al pubblico nell’ambito della rassegna “Domenica in Musica”
Ore 12 - Foyer del Teatro - Spaghettata offerta alla cittadinanza con Pastificio Moccagatta e Conserve della Nonna – sponsor dell’ iniziativa
Ore 14 - Visite guidate agli allestimenti
Ore 15 - Prove luci dell’opera – aperte al pubblico
Ore 20 - Cinema Teatro Sivori – Salita Santa Caterina
Proiezione Film “Miseria e Nobiltà” – Pellicola distribuita da Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale Roma
Ingresso libero.

Lunedì 19 febbraio - ore 17.30
Sala Paganini
UN POMERIGGIO ALL’OPERA in collaborazione con Feltrinelli incontro con i protagonisti dell’opera a cura di Massimo Pastorelli.

Martedì 20 febbraio - ore 17.30
Sala Paganini: nell’ambito della rassegna “Libri all’opera”
Presentazione del libro Il mestiere dell’aria che vibra, autore Marco Tutino, edizione Ponte alle Grazie – presenta l’autore, modera Maurizio Roi.

Mercoledì 21 febbraio – ore 20.30
Prova generale aperta agli studenti degli Istituti scolastici Genovesi ed agli allievi del Conservatorio di Musica di Genova

Giovedì 22 febbraio - ore 15.00
Municipio Media Valbisagno nell’ambito della rassegna “Genovesi all’opera” – incontro divulgativo sull’opera ai cittadini della Circoscrizione – moderatore Massimo Pastorelli.

Sabato 24 febbraio - ore 11.30
Conservatorio di Musica N. Paganini: Marco Tutino incontra gli studenti e i docenti, a cura di Carlo Galante e Luigi Giachino, docenti di composizione del Conservatorio.

Teatro & Cinema
Un abbinamento spettacolare che prevede l’emissione di un carnet per assistere a una recita di Miseria e nobiltà e tre ingressi al cinema del Circuito Cinema Genova.
In vendita presso la biglietteria del Teatro Carlo Felice.
Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili, ad eccezione della prova d’assieme di domenica 18, che prevede un biglietto di € 8, ridotto under 26 € 6.

Miseria e nobiltà - opera in due atti di Luca Rossi e Fabio Ceresa
Musica di Marco Tutino
Direttore: Francesco Ciluffo
Regia: Rosetta Cucchi
Scene: Tiziano Santi
Costumi: Gianluca Falaschi
Luci: Luciano Novelli
Assistente alla regia: Stefania Panighini
Assistente alle scene: Alessia Colosso
Assistente ai costumi: Nika Campisi

Personaggi e interpreti:
Bettina: Valentina Mastrangelo
Peppiniello: Francesca Sartorato
Gemma: Martina Belli
Eugenio: Fabrizio Paesano
Contadino/Cameriere: Nicola Pamio
Felice Sciosciammocca: Alessandro Luongo
Don Gaetano: Alfonso Antoniozzi
Ottavio: Andrea Concetti

Orchestra del Teatro Carlo Felice
Coro del Teatro Carlo Felice
Maestro del Coro Franco Sebastiani
Nuovo Allestimento in coproduzione Fondazione Teatro Carlo Felice e Teatro Verdi di Salerno

ultimi articoli