Skin ADV

Autostrade: Regione Liguria, domani il tavolo di coordinamento con i gestori e lunedì il confronto con il governo

Giovanni Toti

“Occorre considerare le autostrade liguri come se non facessero parte della rete italiana e cancellare i pedaggi su tutte le tratte fino al termine dell’ultimo cantiere”. Questa la richiesta che il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti avanza nei confronti dei gestori e del ministero delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, a seguito dei pesanti disagi determinati dai cantieri per la messa in sicurezza di gallerie e viadotti, oltre che per le barriere fonoassorbenti.

Domani pomeriggio è in programma una riunione in videoconferenza del tavolo di coordinamento convocato da Regione Liguria con i gestori e i rappresentanti del ministero mentre lunedì il presidente Toti insieme ai sindaci si confronterà con il governo.

“La situazione è complessa e delicata – aggiunge Toti – ce la stiamo trascinando dall’estate scorsa e ce la trascineremo ancora piuttosto lungo perché le mancanze, le inefficienze e le negligenze sui lavori di messa in sicurezza della nostra autostrada sono state moltissime. Oggi non si può scherzare con la sicurezza dei cittadini e dove bisogna intervenire si deve farlo subito. Ma – prosegue - non si può nemmeno, per curare una malattia che ci trasciniamo da vent’anni, uccidere la nostra regione”.

Per l’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone “serve un’assunzione di responsabilità da parte del governo, che ha la titolarità delle concessioni autostradali e da cui dipendono gli ispettori che stanno effettuando i controlli. Come Regione Liguria, pur non avendo competenza diretta sulla materia, abbiamo chiesto soluzioni che consentano di conciliare le esigenze di sicurezza con quelle legate alla ripartenza del nostro territorio. Non è accettabile che a quasi tre anni dall’immane tragedia del crollo del ponte Morandi siamo ancora prigionieri dei cantieri”.

Secondo l’assessore ai Trasporti e al Turismo Gianni Berrino “la situazione oggi è critica perché, dopo un anno e mezzo di pandemia, il nostro comparto turistico, tra i più colpiti a causa dell’emergenza sanitaria, è pronto a ripartire, con previsioni per l’estate da tutto esaurito. Non possiamo permettere che i cantieri determinino una frenata del settore, con pesantissime ripercussioni anche sulle nostre imprese e sui porti. Per questo – conclude - chiederò ai gestori delle concessioni autostradali di stanziare risorse per la messa in esercizio di treni aggiuntivi da Milano verso Ventimiglia e verso La Spezia, per consentire a coloro che sono diretti in Liguria di poter raggiungere le nostre riviere almeno in treno, a fronte dei blocchi determinati dai cantieri autostradali”.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip