Skin ADV

Sanità, Rossetti: “In Liguria i diritti civili delle bambine e dei bambini disabili sono stati sospesi”

Sergio (Pippo) Rossetti

“In Liguria i diritti civili delle bambine e dei bambini disabili sono stati sospesi. Bisogna che la Regione tuteli le 1200 famiglie genovesi i cui figli non riescono ad aver accesso alle cure in maniera tempestiva - come invece dovrebbe essere - creando un gruppo di lavoro composto da professionisti per organizzare una straordinaria risposta volta a ridurre le inqualificabili liste d’attesa. Per fare questo serve aumentare il numero delle prestazioni degli enti specializzati e assumere personale sufficiente per rafforzare i servizi territoriali. Queste le premesse per riorganizzare il settore della riabilitazione ambulatoriale dei disabili come da tempo è necessario realizzare”, così il consigliere regionale del Partito Democratico Pippo Rossetti in merito alle liste d’attesa infinite per l’accesso alle terapie dei bambini e bambine disabili.

“I genitori ad ogni tentativo di prenotazione - conclude Rossetti - si trovano di fronte una lista d’attesa di circa 1200 persone e chi deve fare riabilitazione logopedica o psicomotoria, non può. Così, se non si interviene in modo tempestivo e con un lavoro di equipe si cronicizza ciò che si sarebbe potuto risolvere e si riducono in modo irreversibile i processi di autonomia e di integrazione per i più gravi. Si è lavorato per anni per ottenere la diagnosi precoce e oggi abbiamo 1200 bambini e bambine a cui non viene data la possibilità di curarsi. Un mancato servizio che ha ricadute sulle persone, sociali e anche economiche gravissime”.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip